Pagelle/ Atalanta-Napoli (3-0): i voti e il tabellino della partita (Serie A. 22^ giornata)

- La Redazione

Le pagelle e il tabellino di Atalanta-Napoli 3-0, partita valida per la ventiduesima giornata del campionato di Serie A 2013-2014: voti, marcatori e ammoniti della sfida di Bergamo

denis_brienza
(INFOPHOTO)
Pubblicità

Atalanta Napoli finisce 3-0. Dopo un primo tempo giocato a ritmi serrati, dove nessuna delle due formazioni è riuscita a rompere gli equilibri, il risultato di parità poteva essere sbloccato solamente da un episodio. Detto fatto, al 2’ della ripresa un intervento errato da parte di Reina, sul destro di Denis regala il vantaggio ai padroni di casa. Ci si aspetta una reazione immediata da parte dei partenopei che arriva puntuale, al 13’ capita sui piedi di Mertens il possibile colpo del pareggio, che viene sprecato dal giocatore in malomodo. Pochi minuti dopo arriva il colpo che taglia le gambe al Napoli e mette le ali alla Dea, erroraccio di Inler che regala il pallone al solito Denis che a due passi da Reina non sbaglia, realizzando la doppietta personale e regalando ai tifosi una gioia fino a qualche momento prima insperata. La partita non è ancora finita, e se Benitez prova a capovolgere l’andamento della partita calando gli assi, l’ennesimo errore da parte della difesa regala il colpo del K.O. al Napoli. Sul banco degli imputati finisce questa volta Fernandez, che scivolando al momento del rinvio, fa arrivare la sfera a Maxi Moralez che tutto solo realizza la rete del definitivo 3-0. I padroni di casa, grazie a questa vittoria, aumentano il distacco tra sé e la zona retrocessione che adesso è a distanza di 10 lunghezze. Il tecnico Colantuono può essere soddisfatto della prestazione vista quest’oggi da parte dei suoi ragazzi, che hanno sviluppato al meglio le richieste del mister. Di contro, Benitez, sa di avere perso una grossa opportunità per distaccare la Fiorentina e mettere un’ipoteca sul terzo posto, non dimenticando che il posticipo tra Inter e Juventus, avrebbe avvantaggiato in qualsiasi modo i partenopei: o allontanando definitivamente l’Inter da una possibile rimonta verso il terzo posto, o avvicinando la juventus per riaccendere i sogni della città napoletana di un possibile scudetto.

Una partita a due facce. Nel primo tempo non ha regalato forti emozioni. Nella ripresa si è accesa la luce, quella dell’Atalanta, che ha permesso il realizzarsi di uno spettacolo degno di nota.

Pubblicità

Allo stadio Atleti Azzurri d’Italia va in scena la partita tra Atalanta Napoli. I padroni di casa arrivano da una sconfitta esterna contro il Torino per 0-1, e in classifica sono fermi a 24 punti, quest’oggi la Dea cercherà in tutti i modi di uscire con un risultato positivo, nonostante la forza degli avversari, che le consentirebbe di allontanare gli spettri di una retrocessione. Dall’altra parte si trova un Napoli che settimana scorsa è stato fermato, da un deludente pareggio, in casa contro il Chievo Verona per 1-1, allontanandosi ancora di più dalla seconda posizione occupata dalla Roma. I punti dei partenopei ottenuti fino a questa giornata sono 44, e un’eventuale vittoria quest’oggi aumenterebbe ancora il vantaggio sulla Fiorentina, uscita sconfitta nell’anticipo contro il Cagliari, mantenendo ancora più salda la terza posizione. Seppur per motivi differenti, e nonostante siamo solamente alla terza giornata del girone di ritorno del campionato di serie a, i punti in palio di questa domenica hanno valore fondamentale, e nessuna delle due formazioni sarà disposta a concedere favori agli avversari, cercando di portare a casa la vittoria agognata, che darebbe una scossa ai rispettivi obiettivi delle due società. I primi 45 minuti di gioco finiscono sul risultato di 0-0, nessuna delle due formazioni è riuscita a prevalere sull’altra. Fino a questo momento ha regnato l’equilibrio in campo, dove la paura di concedere spazzi da ambo le parti non ha favorito allo sviluppo di azioni pericolose. Benalouane Del Grosso D. Zapata

Atalanta

Consigli 6: Non compie interventi miracolosi ma si fa trovare sempre attento. Da ricordare due buoni interventi su Pandev e Higuain. Nel primo tempo si scontra con il suo compagno Yepes il quale dovrà abbandonare il terreno di gioco.

Benalouane 6,5: Nel primo tempo prende in mano la difesa e compie interventi che mettono in luce le sue doti calcistiche.

Stendardo 6,5: Partita ordinata, se si passa dalle sue parti quest’oggi ti stampi contro un muro invalicabile

Pubblicità

Yepes 6: Sufficienza meritata, sul finire del primo tempo è costretto a lasciare il terreno di gioco in seguito ad uno scontro con Consigli. (35′ Lucchini 6: Non fa rimpiangere il compagno. Partita ordinata)

Del Grosso 6,5: In copertura sempre diligente, anche in fase di spinta ci mette la faccia.

Raimondi 6,5: Partita non facile, ma la sua esperienza gli serve a disputare una buona gara.

Baselli 6,5: Lanciato nella mischia per l’acciacco nel pre partita del compagno Cigarini. Le prova tutte per cercare di non fare rimpiangere il compagno e ci riesce. (58′ Cigarini 6,5: Entra a gara in corso, e regala qualità e sicurezza alla manovra bergamasca.)

Migliaccio 6,5: Tanta corsa e sacrificio. Nel gergo calcistico si direbbe fare legna, ma questa volta ci mette anche il fiammifero, bella prova.

Bonaventura  6,5: Nel primo tempo sembra il più in palla dei suoi, nella ripresa cala, creando comunque scompiglio nella retroguardia napoletana.

Moralez 7: Il Gol arriva su un regalo di Fernandez. Lui lo accetta, lo apre e ringrazia.

Denis 8: Il gol che apre le danze porta la sua firma, sicuramente un grazie lo deve al colpevole Reina che non trattiene un tiro non irresistibile. Caparbio trova anche la doppietta personale che taglia le gambe ad un Napoli in balia di un vero e proprio Tanke da guerra. (85′ Cazzola S.V.)

All. Colantuono 7,5: Nel primo tempo non concede nessuno spazio al Napoli. Fortuna vuole che il secondo si apre con il vantaggio dei suoi. Legge bene la gara e porta a casa 3 punti più che meritati

(Francesco Vignati)

Napoli

Reina 4,5: La paperata nel primo tempo condiziona l’andamento della gara. Incolpevole sui due gol, ma l’errore è grave.

Maggio 5,5: Nel primo tempo prova a prendere in mano il Napoli. Nella ripresa sparisce

Fernandez 4,5: Un suo scivolone consente la rete del definitivo 3-0

Albiol 6: Guida bene la difesa, attento sulle coperture.

Reveillere 5: Impalpabile (75′ Ghoulam  5: Prende il posto del compagno nel vero senso della parola. Impalpabile a sua volta)

Inler 4: Erroraccio sul secondo gol. Per il resto non prende mai in mano la squadra offrendo una prestazione quantomeno brutta.

Dzemaili 5: Si fa rubare palla sul primo gol in una zona pericolosa. Non accende mai la luce nel corso della gara. (74′ Jorginho 5,5: Entra quando il risultato è già scritto, ma il contributo ai compagni è minimo)

Mertens 5,5: Nel primo tempo il più pericoloso dei suoi. Nella ripresa si divora il possibile gol del pareggio

Pandev 5: Con Zapata non c’è intesa. Spaesato

Callejón 5: Non una prestazione da ricordare. Deludente, mai pericoloso.

Duvan 5: Spaesato e lasciato solo dai compagni. (58′ Higuain 5: Non fa molto di più del compagno)

All. Benitez 4,5: Il Turn over massiccio non lo ripaga come vorrebbe.

Arbitro Rizzoli 6: Non una gara difficile.

(Francesco Vignati)

Il tabellino 

Marcatori: 1 ‘st e 19’ st Denis, 24 ‘st Maxi Moralez

Atalanta (4-4-1-1):  Consigli; Benalouane, Stendardo, Yepes (34 ‘Lucchini), Del Grosso; Raimondi, Migliaccio, Baselli (12’ st Cigarini), Bonaventura, Moralez, Denis (40 ‘st Cazzola) . A disp:. Sportiello, Frezzolini, Giorgi, Brienza, Estigarribia, Kone, Nica, De Luca. All:. Colantuono

Napoli (4-2-3-1):  Reina; Maggio, Albiol, Fernandez, Reveillere, Inler, Dzemaili (24 ‘st Jorginho), Callejon, Pandev, Mertens, Zapata (13’ st Higuain). A disp:. Rafael, Colombo, Uvini, Britos, Cannavaro, Ghoulam, Radosevic, Jorginho, Bariti, Hamsik, Insigne. All:. Benitez

Arbitro:  Rizzoli

Ammoniti: Reveillere (N) per gioco scorretto, Mertens (N) per simulazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori