Probabili formazioni/ Lazio Roma: gli assenti (serie A, 23a giornata)

- La Redazione

Probabili formazioni di Lazio Roma: tutte le notizie del derby della Capitale, big-match della ventitreesima giornata di serie A. Si gioca oggi pomeriggio alle ore 15.00 all’Olimpico

roma_lazio_lulic
Un'immagine di un precedente tra le due squadre (Infophoto)

Il tecnico Edy Reja dovrà fare a meno di due centrocampista importanti per lo scacchiere laziale: Biglia è alle prese con una squalifica, mentre Ederson ha finito la sua stagione dopo l’infortunio al ginocchio. Tra i giallorossi rimangono ancora fuori per guai fisici Balzaretti e Dodò, entrambi incerti fino alla ventisettesima giornata, scontato quindi l’impiego di Torosidis sulla fascia sinistra. Il greco tuttavia non sta deludendo e sta meritando di poter partecipare a pieno titolo all’impresa della Roma.

Per quanto riguarda la Lazio, Reja sembra avere ancora qualche dubbio per la difesa e il centrocampo: ballottaggio Dias-Cana, con il primo in vantaggio, e Onazi-Gonzales, con il nigeriano con più probabilità di essere schierato dal primo minuto. In casa Roma l’unica indecisione pende sull’impiego in attacco di Florenzi: come al solito il giovane azzurro si trova a metà strada per una maglia da titolare con Ljajic. Tuttavia, dopo la partita in Coppa Italia contro il Napoli, sembra che scenderà in campo il talento romano.

Potrebbero essere definite come due sorprese, sia per quanto riguarda la Lazio, che per la Roma. Partiti in sordina e relegati al ruolo di giocatori poco prolifici, hanno entrambi smentito le premesse iniziali andando a segno nelle ultime partite. Cresciuto nelle giovanili di casa dopo aver lasciato il Barcellona, è stato ben presto aggregato alla prima squadra e finalmente si sta affermando nel grande calcio. Nella scorsa gara è stato protagonista assoluto con un assist e un gol, e i tifosi si augurano che possa ripetersi anche oggi. I più scettici pensavano che l’ivoriano potesse solamente servire in qualità di assistman senza tuttavia servire concretamente alla causa dell’attacco, ossia al gol. Ultimamente, sembra che l’attaccante della Roma riesca ad affiancare ai dribbling veloci anche un senso del gol tipico del bomber di razza. Sarà l’inizio della fase crescente di Gervinho? Si parte dal derby.

Il grande appuntamento con il derby della capitale è arrivato: oggi pomeriggio alle ore 15 Lazio-Roma vale per la 23^ giornata del campionato di Serie A 2013-2014. Grande sfida: i giallorossi hanno 50 punti e una gara da recuperare, i biancocelesti di punti ne hanno 31 e sono in rapida ascesa da quando Edi Reja è tornato in panchina. A proposito: il tecnico friulano ha vinto due stracittadine nel 2010-2011, ma l’anno precedente le aveva perse; nell’ultimo precedente i giallorossi hanno avuto la meglio per 2-0, grazie alle reti di Balzaretti e Ljajic (su rigore). Era stato il primo derby perso da Vladimir Petkovic dopo due vittorie (compresa la finale di Coppa Italia) e un pareggio. Rudi Garcia vede oggi la possibilità di avvicinare la Juventus, mentre la Lazio può portarsi ancora più a ridosso della zona che vale la qualificazione in Europa League. 

L’allenatore della Lazio è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del derby, in programma domenica pomeriggio alle ore 15.00. Queste le sue parole ai microfoni dei giornalisti: “Sino a questo momento la Roma ha fatto qualcosa di incredibile, noi invece siamo in ritardo rispetto a loro. In questo momento noi però stiamo crescendo come squadra, abbiamo fatto bene contro l’Inter e disputato una buona partita anche contro la Juventus. Per quanto mi riguarda mi andrebbe bene sia la vittoria che il pareggio, rappresenterebbe una crescita mentale e tattica per noi. Fare risultato contro questa Roma sarebbe un risultato incredibile. Dovremo cercare in ogni modo di dare poco spazio a Gervinho e non farlo partire”. Prosegue: “I derby non si giocano, si vincono spesso grazie anche agli episodi. Noi ci teniamo tanto, sarebbe bellissimo per il morale fare risultato anche per prepararci al meglio per l’Europa League. Sicuramente vincendo arriverebbe nell’ambiente grande entusiasmo e farebbe finire alcune polemiche che ci sono state nel nostro ambiente. Quando sono tornato qui pensavo che i problemi li avrei risolti con un po’ di tempo. Spero di vincere il derby, il goal all’ultimo secondo di Klose insieme alla promozione con il Napoli è stata una delle più belle soddisfazioni della mia carriera”. Il mister aggiunge: “Non ho intenzione di fare un modulo speculare rispetto a quello della Roma, voglio solo trovare delle contromisure per fermarli, nella zona mediana del campo sono fortissimi. Hanno anche delle mezz’ore molto intense, dovremo aspettarli e ripartire e cercare di metterli in difficoltà sull’esterno coi nostro giocatori. Berisha giocherà ancora, Marchetti verrà in panchina con me. Il primo ha dimostrato di stare molto bene, speriamo possa continuare così. Konko proverà oggi, vediamo se potrà essere disponibile per domani”. Come mettere in difficoltà i giallorossi? “Sarà difficile privare la Roma del possesso palla, per questo motivo ci vorranno delle contromisure. A centrocampo sono forti, non prendono goal non solo per merito di tutta la difesa. De Rossi è il primo difensore, sta facendo un campionato incredibile. Dovremo cercare di pressarlo così da fargli prendere la palla sulla linea dei difensori. Ripeto, cercherò di fare delle scelte che potranno mettere in difficoltà la Roma. Cercheremo di non farci trovare impreparati. Dalla parte di Maicon giocherà sicuramente un terzino che avrà caratteristiche difensive”. Klose e Keita le armi per far male: “A Miro ho detto di andare a pescare perchè aveva bisogno di un po’ di relax, per questo gli ho fatto saltare la seduta di venerdì dove lavoriamo poco. Keita ha dimostrato di essere già un giocatore formato, ma non deve andare oltre. E’ forte nell’uno contro uno e vede bene la porta. Credo abbia già la freddezza necessaria per affrontare una partita del genere”.

Destinato alla panchina Stefano Mauri, ma la grande notizia del suo ritorno non può che dare ancora più morale alla Lazio, che aveva bisogno del suo capitano. Insieme a lui in panchina ci sono elementi giovani ma di grande qualità, come Brayan Perea e Felipe Anderson; un gol nel derby sarebbe la consacrazione. C’è anche Gael Kakuta, che la società ha acquistato sul calciomercato di gennaio: di lui si parla un gran bene, vedremo se troverà subito spazio nel secondo tempo o se bisognerà aspettare ancora per l’esordio con la nuova maglia. 

Ancora ai box l’ultimo acquisto invernale, ovvero Helder Postiga: la speranza è che non si trasformi in un caso. Fuori anche Alfaro ed Ederson (per il secondo stagione finita, il primo potrebbe tornare in aprile), sulla via del recupero Novaretti mentre sconta un turno di squalifica Lucas Biglia.

Rudi Garcia suona la carica in vista della derby: “Cercheremo soluzioni per creare problemi all’avversario. Sappiamo attaccare e difendere, parlerà il campo. Io voglio vincere e portare a casa i tre punti, come sempre: la mia squadra vuole proseguire nella striscia positiva, siamo pronti”. Il francese aggiunge: “Noi abbiamo tre giocatori romanisti, Totti, De Rossi e Florenzi. Per loro forse è un po’ più sentito, ma dobbiamo essere sopra a queste cose, non è solo un derby, è anche una partita di campionato. Per i tifosi è importante dare tutto e vincere”. E quando qualcuno fa il nome di Reja, Garcia attacca: “Parla quello che voleva un giocatore infortunato della Roma? Siamo anche educatori. Se uno dice questa cosa pubblicamente, cosa può dire nello spogliatoio? Che rompe una gamba, che ammazza qualcuno? Io voglio che l’arbitro sia attento ai contrasti, non voglio infortunati. Noi giochiamo per vincere, non penso a cosa dicono gli altri”. Pajnic sta recuperando e seppur non al top, sarà della partita: “È più vicino al 100% di prima. Se lo gestisco come ora non può che migliorare. Gervinho? È quello che conosco, con fiducia e tranquillità può dare continuamente problemi all’avversario”. Si rivede la formazione titolare: Florenzi nel tridente con Gervinho, Pjanic recupera come detto e va al centro insieme a De Rossi e Strootman, Totti nonostante abbia giocato in Coppa Italia dovrebbe venire confermato al centro dell’attacco. Di nuovo Torosidis come terzino sinistro.

Tante soluzioni offensive: Destro e Ljajic sono pronti a fare la loro parte, il serbo all’andata era entrato benissimo in partita portando scompiglio nella difesa della Lazio e alla fine calciando il rigore del 2-0. Il marchigiano ha già segnato 4 gol dal suo rientro, è in grande forma e potrebbe fare la differenza. Si siede Nainggolan, di fatto un titolare aggiunto, mentre oggi potrebbe arrivare l’ora di Michel Bastos, il brasiliano arrivato dal calciomercato invernale e che deve dare vigore alla fascia sinistra. A disposizione anche il nuovo acquisto Rafael Toloi, presentato in settimana.

Dodò non ce la fa: dovrà stare fuori un altro mese e ha già espresso tutta la sua amarezza per non essere in campo nel derby. Fuori anche Balzaretti, che dopo i problemi fisici avuti è volato negli Stati Uniti per farsi operare di ernia; entrambi i terzini dovrebbero tornare a disposizione più o meno a metà marzo, ma spetterà poi allo staff medico stabilire quando potranno cominciare a correre di nuovo insieme al gruppo. 

 

 1 Berisha; 29 Konko, 20 Biava, 3 Andre Dias, 26 Radu; 15 A. Gonzalez, 24 Ledesma, 19 Lulic; 87 Candreva, 11 Klose, 14 Keita B. All.Reja

A disp.: 22 Marchetti, 95 Strakosha, 2 Ciani, 27 Cana, 39 Cavanda, 4 Crecco, 23 Onazi, 17 Pereirinha, 6 Mauri, 7 Felipe Anderson, 21 Kakuta, 34 Perea

Squalificati: Lucas Biglia

Indisponibili: Ederson, Alfaro, Helder Postiga

 26 De Sanctis; 13 Maicon, 17 Benatia, 5 Castan, 35 Torosidis; 15 Pjanic, 16 De Rossi, 6 Strootman; 24 Florenzi, 10 Totti, 27 Gervinho. All. Rudi Garcia

A disp.: 28 Skorupski, 1 Lobont, 33 Jedvaj, 46 A. Romagnoli, 2 Toloi, 44 Nainggolan, 96 Mazzitelli, 20 Bastos, 11 Taddei, 94 F. Ricci, 22 Destro, 8 Ljajic

Squalificati:

Indisponibili: Dodò, Balzaretti

 

Arbitro: Orsato

Il big-match della ventitreesima giornata di serie A è senza dubbio Lazio-Roma, il derby della Capitale che sarà disputato domani pomeriggio alle ore 15.00 allo stadio Olimpico. Una partita che vale sempre tantissimo, perché la supremazia cittadina a Roma è sentita ancora più che altrove e vincere il derby vale mezza stagione, ma anche per la classifica questa partita vale moltissimo. Ciò soprattutto per quanto riguarda i giallorossi di Rudi Garcia, secondi e ancora in corsa per conquistare lo scudetto: la Roma andrà quindi alla ricerca del bis della vittoria dell’andata (2-0), ma una Lazio in netta ripresa da quando Edy Reja è tornato sulla panchina biancoceleste avrà certamente idee ben diverse, per inseguire un posto nella prossima Europa League ma anche per ostacolare la rincorsa dei cugini al primato. I temi d’interesse saranno tantissimi: eccovi allora le notizie alla vigilia della partita e le probabili formazioni di Lazio-Roma, che sarà diretta dal signor Orsato di Schio.

La stagione della Lazio non è stata finora certamente delle migliori, anche se nelle ultime giornate sta risalendo ed è nona in classifica con 31 punti. Anche nelle statistiche di squadra i biancocelesti oscillano poco sopra metà classifica: settimi per possesso palla e supremazia territoriale, ottavi per numero di tiri in porta, di palloni giocati e percentuale di pericolosità degli attacchi, infine decimi per la percentuale di passaggi riusciti. Per quanto riguarda la probabile formazione, il principale problema sarà la squalifica di Biglia: la regia sarà dunque affidata a Ledesma, perno centrale del 3-4-3 di Reja. Schema aggressivo, che sarà caratterizzato soprattutto dal tridente formato da Klose, Candreva e Keita. Un bel mix di età e caratteristiche diverse, tra il veterano tedesco al giovanissimo spagnolo passando per l’italiano che è il capocannoniere della squadra, per mettere in difficoltà i giallorossi e confermare la tradizione positiva dell’allenatore goriziano nella stracittadina romana.

Le statistiche di squadra parlano chiaro sull’eccellente stagione della Roma. I giallorossi sono primi per numero di palloni giocati e percentuale di passaggi riusciti, secondi per numero di tiri in porta e percentuale di pericolosità degli attacchi, terzi per possesso palla e quinti per supremazia territoriale. Il punto di forza è la miglior difesa del campionato, con soli 11 gol subiti, ma anche un attacco ricchissimo di soluzioni diverse, tanto che ben undici giocatori sono già andati a segno.Per quanto riguarda la probabile formazione, Garcia non ha nessun dubbio in difesa. A centrocampo invece c’è il classico dubbio tra Pjanic e Nainggolan, che però vede in questo momento leggermente favorito il bosniaco nei confronti del belga, titolare in Coppa Italia. Davanti naturalmente ci sarà un tridente, con capitan Totti perno centrale a caccia dell’ennesimo gol nel derby, affiancato da Florenzi e dal nuovo idolo Gervinho, con Destro e Ljajic pronti a garantire grande scelta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori