Pagelle/ Lazio-Roma (0-0): i voti della partita (Serie A, 23^giornata)

- La Redazione

Le pagelle di Lazio-Roma 0-0, derby capitolino valido per la ventitreesima giornata del campionato di Serie A: i voti della partita dello stadio Olimpico tra biancocelesti e giallorossi

candreva_strootman
(INFOPHOTO)

Si conclude senza gol il derby capitolino tra Lazio e Roma: all’Olimpico il risultato finale è 0-0. In classifica i biancocelesti salgono a 32 punti ma restano a meno 4 dal quinto posto, visto il contemporaneo pareggio del Verona contro la Juventus. I giallorossi invece si portano a 51, sempre a meno 9 dalla Juventus capolista ma con una partita ancora da recuperare, quella in casa contro il Parma (2 o 9 aprile le date prestabilite, si deciderà in base ai risultati della Lazio in Europa League). Nella prossima giornata di campionato, la ventiquattresima, la Lazio giocherà in trasferta contro il Catania (domenica 16 febbraio, ore 12:30), la Roma invece in casa contro la Sampdoria (sempre il 16 ma alle ore 20:45).

Partita non troppo emozionante, con entrambe le squadre bloccate e senza ritmi alti. Le occasioni non sono mancate, ma la partita è andata a fiammate e ci sono stati anche diversi errori.

I padroni di casa hanno faticato parecchio a trovare la via della porta avversaria e, anche se si sono difesi con ordine, hanno concesso diverse occasioni agli avversari, che però non sono riusciti a concretizzare.

Se qualcuno meritava di vincere, la squadra che avrebbe dovuto farlo sarebbe stata quella di Garcia che ha pagato senza dubbio i troppi errori dei suoi attaccanti in fase offensiva. In fase difensiva i giallorossi si sono mostrati solidi come al solito.

Buona prestazione della terna che annulla un gol alla Roma per un corretto fuorigioco. Buona anche la distribuzione dei cartellini.

Il primo tempo tra Lazio e Roma si è concluso con il risultato di 0 a 0. La partita è stata molto equilibrata per tutta la prima frazione di gioco e le occasioni sono nate da fiammate create dai singoli. In avvio le due squadre si sono studiate e nessuna delle due si è esposta troppo. Solo dopo un primo quarto d’ora la Roma ha avuto la prima occasione da rete: Maicon (voto 6,5) ha pescato benissimo in area Florenzi (voto 6,5) che ha provato il destro al volo, mandando il pallone di poco alto sopra la traversa. Pian piano la Roma (voto di squadra 6,5) ha preso campo e ha iniziato a produrre una serie di occasioni pericolose, nonostante la Lazio (voto di squadra 6,5) abbia continuato a difendersi bene e ripartire con ordine: prima ci ha provato Benatia (voto 6,5) sugli sviluppi di una punizione dalla trequarti che non è però riuscito a centrare la porta; nel secondo caso ci ha provato Gervinho (voto 6): Maicon ha calciato dal limite, Berisha (voto 6) ha respinto sui piedi dell’ivoriano che ha segnato, ma l’arbitro ha annullato per posizione di fuorigioco dell’ivoriano; nel terzo caso ci ha provato Totti (voto 5,5) con un destro al volo dal limite che è stato bloccato bene dal portiere biancoceleste. A tali occasioni ha risposto la Lazio solo con un destro del tata Gonzales (voto 6) dal limite che è terminato di poco alto sopra la traversa. Nel finale la Roma si è resa nuovamente pericolosa in diverse occasioni: per primo ci ha provato Pjanic (voto 5,5) che servito in area da Maicon controlla male e il suo tentativo viene respinto da Berisha; poi ci ha provato per ultimo Totti con un destro dal limite dell’area che si è spento di poco a lato dell’incrocio dei pali. Così il primo tempo tra Lazio e Roma è terminata con il risultato di 0 a 0. 

Lazio

Berisha, 6,5: buona partita dell’estremo difensore albanese che non si è mai fatto sorprendere nello specchio della porta e ha dato sicurezza a tutto il reparto difensivo.

Biava, 5,5: soffre la velocità di Gervinho che spesso lo salta. Lotta in ogni caso come un leone e se la cava con l’esperienza.

Radu, 6: si perde in alcune occasioni l’uomo, ma non molla mai e riesce a difendere bene nella maggior parte dei casi.

Dias, 6,5: è ovunque, non perde mai i contrasti e pone un sigillo sul punto portato a casa dalla formazione di Reia.

Konko, 6: è preciso negli interventi e intelligente nel capire le intenzioni avversarie. Difficilmente si lascia sorprendere.

Gonzales, 5,5: mette tanta grinta a centrocampo, ma non è spesso preciso e spesso si lascia sorpassare dai diretti avversari. (Onazi, dal 78′, senza voto).

Ledesma, 6,5: tappa diversi buchi e poi non sbaglia un pallone in fase di impostazione, facendo ripartire spesso la squadra.

Lulic, 5,5: perde il duello con Maicon, lo soffre in fase difensiva e non riesce ad infastidirlo in fase offensiva.

Candreva, 6,5: corre tantissimo e i pericoli creati dalla Lazio nascono sempre dai suoi piedi; quando parte palla al piede difficilmente viene fermato. 

Keita, 5,5: fatica a trovare palloni giocabili e non mostra le sue qualità. (Mauri, dal 46′, 5: non entra mai in partita e nel vivo del gioco; si fa notare solo per diversi falli.

Klose, 5: assente dal gioco, incastrato nella morsa dei centrali giallorossi, soffre la solitudine come non mai e si aliena dalla partita.

All. Reia, 6: mette in campo una squadra equilibrata che punta molto a difendersi e a ripartire. Non osa contro una Roma in grande spolvero.

(Matteo Lambicchi)

Roma

De Sanctis, 6: non è chiamato a miracoli, è tranquillo e preciso nelle uscite.

Maicon, 6,5: spinge con continuità sulla destra e crea diverse apprensioni alla difesa avversaria. Dietro è sempre sicuro.

Castan, 6: sempre preciso e senza sbavature, la marcatura su Klose sembra un allenamento.

Benatia, 6,5: forza e potenza fisica sono le sue caratteristiche. Lo si trova ovunque, anche in fase offensiva dove rischia di trovare la rete.

Torosidis, 5: soffre molto le accelerazioni di Candreva che lo punta e lo salta con continuità. Per il resto in avanti non spinge mai,

Pjanic, 6,5: elegante e sempre preciso non sbaglia quasi mai; unica occasione fallita è quella in cui viene servito in area da Maicon dove non controlla bene. (Ljaic, dal 78′, senza voto).

De Rossi, 6: lotta tantissimo e recupera molti palloni, servendoli poi ai compagni di centrocampo. 

Strootman, 5: non brilla come al solito, anzi, commette diversi errori in impostazione e arriva spesso in ritardo nei contrasti.

Gervinho, 6,5: corre ovunque e cerca sempre la porta. Ogni tanto esagera nel giocare da solo, ma è comuqne uno dei più pericolosi.

Totti, 6: ci prova due volte dalla distanza, per il resto non brilla e non fa cose eccezionali (Destro, dall’ 82′, senza voto).

Florenzi, 5: è il meno pericoloso in fase offensiva, si isola spesso e non si fa vedere, Per questo p il primo ad essere sostituito (Bastos, dal 64′, senza voto).

All. Garcia, 6: la sua squadra gioca bene come al solito, ma la differenza è che sbaglia molto sotto porta, non permettendo all’allenatore di festeggiare la vittoria nel derby.

(Matteo Lambicchi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori