Probabili formazioni/ Psg-Bayer Leverkusen: Verratti papà, annuncio su Facebook (Champions League, ritorno ottavi)

- La Redazione

Probabili formazioni Psg-Bayer Leverkusen: le ultime notizie sulla partita di Champions League, valida per il ritorno degli ottavi (andata 4-0). Scelte e dichiarazioni di Blanc e Hyypia

lavezzi_11
Ezequiel Lavezzi (Infophoto)

È diventato papà. Il giovane centrocampista abruzzese del Paris Saint Germain lo ha annunciato sulla propria pagina Facebook con una frase semplice ma ricca di felicità: “E’ nato Tommaso, la gioia di mamma e papà!!!”, a cui poi Verratti ha pure aggiunto una foto. La compagna ha partorito a Parigi, dove è arrivato anche l’agente del giocatore, l’avvocato Donato Di Campli, che ha detto che “Marco è felice” e si sta godendo questa gioia grandissima. Ricordiamo che Verratti non è stato convocato per la partita di stasera contro il Bayer Leverkusen di Champions League: l’allenatore Laurent Blanc si può permettere il turnover dopo la vittoria per 4-0 in Germania all’andata, così Verratti può stare vicino alla compagna e al figlio, oltre che recuperare al meglio da una lesione alla coscia destra.

Questa sera alle ore 20.45 appuntamento con Psg-Bayer Leverkusen, partita di ritorno degli ottavi di finale di Champions League che si giocherà allo stadio Parco dei Principi della capitale francese. Diciamo subito che questo incontro non dovrebbe avere molto da dire, visto che all’andata i francesi andarono a vincere in Germania con il punteggio di 4-0. Insomma, al Bayer per sperare servirebbe un vero e proprio crollo dello squadrone di Laurent Blanc, francamente impossibile da ipotizzare per una formazione che sta dominando la Ligue 1 e ora punta a grandi risultati anche in Europa per entrare definitivamente nel gotha dei club più importanti. Eccovi dunque le ultime notizie sulle due squadre e le probabili formazioni di Psg-Bayer Leverkusen, partita che sarà diretta dall’arbitro croato Bebek.

Così ha parlato Laurent Blanc nella conferenza stampa alla vigilia della partita: “Non temiamo qualcosa in particolare di questa partita, ci prepariamo sempre per vincere. Rispettiamo questi avversari come rispettiamo ogni avversario. Ogni partita di Champions League richiede una preparazione intensa. Dove possiamo arrivare in questa competizione? Non farò commenti sulle osservazioni dei media, dato che cambiano idea molto spesso su di noi. Quello che possiamo dire è che vogliamo andare il più avanti possibile. Ho detto prima che non abbiamo nulla da temere in questa partita ed è vero, ma dobbiamo rimanere attenti dato che hanno perso 4-0 in casa all’andata e vorranno vendicare quella sconfitta. Tutti sanno chi sono i grandi favoriti per il titolo. Alcuni hanno una storia e una tradizione più grandi rispetto al Paris, ma il nostro obiettivo è provarci ed essere all’altezza delle ambizioni del club”. Ci sarà inevitabilmente un parziale turnover, che avrà il principale effetto di portare in campo da titolari molti giocatori francesi tra difesa e centrocampo, insieme agli azzurri Sirigu e Thiago Motta e alla coppia difensiva centrale verdeoro Thiago Silva-Marquinhos. Niente turnover invece in attacco, dove dovrebbe esserci il trio stellare Cavani-Ibrahimovic-Lavezzi, anche se lo svedese recentemente ha avuto qualche problema alla schiena. Tuttavia, per stessa ammissione di Blanc, sarà difficile tenerlo fuori.

Tra i giocatori a disposizione di Blanc spiccano altre tre vecchie conoscenze del calcio italiano, cioè Maxwell, Pastore e Menez, oltre al brasiliano Lucas. Insomma, al Psg non mancheranno grandi alternative a partita in corso, a seconda delle scelte di Blanc per una sfida che comunque non dovrebbe avere storia.

Non faranno parte dei protagonisti di questa partita Verratti, Matuidi e Van der Wiel, tutti prudenzialmente tenuti a riposo dal Psg per qualche acciacco fisico e – nel caso del centrocampista italiano – per la nascita del figlio Tommaso: auguri a Verratti, oggi la sua assenza non dovrebbe causare problemi.

Così invece ha presentato la partita di stasera Sami Hyypia: “Non avremo nessun problema di motivazione: questa è una partita di Champions League e non serve motivare i giocatori. Abbiamo giocato tre partite di altissimo profilo in questa stagione nella competizione, due contro il Manchester United e l’andata contro il Psg. Ogni volta, abbiamo giocato con un po’ di paura, quindi dobbiamo migliorare il nostro approccio. Questa è una nuova esperienza per me e sto provando a imparare il più possibile da ogni situazione. Non è facile avere influenza sulla gara stando in panchina. La squadra ha bisogno di crescere in fiducia e autostima, un modo per farlo potrebbe essere con una buona prestazione qui. La cosa più importante è trovare stabilità difensiva, soprattutto ora che stiamo attraversando momenti difficili. Io chiederò naturalmente ai miei giocatori di attaccare. Se riuscissimo a fare una buona prestazione, ne beneficieremo per il resto della stagione. Non mi risulta che nessuno abbia mai recuperato un risultato del genere, non dirò che vinceremo 4-0 o 5-0 ma chiederò ai miei ragazzi di offrire una buona prestazione, dal punto di vista offensivo e difensivo. Giocheremo per vincere, senza paura e per imporre il nostro gioco. Ovviamente non sarà facile, ma il nostro obiettivo è quello di offrire almeno una prova positiva”. Il Bayer se non altro proverà a fare bella figura con una formazione almeno sulla carta offensiva, con un 4-3-3 speculare a quello degli avversari, nel quale in attacco ci saranno Castro e Son esterni in appoggio alla punta centrale Kiessling. L’esame però sarà durissimo soprattutto per la difesa, che già a Leverkusen uscì dal confronto con le ossa rotte.

Tra i giocatori a disposizione dell’allenatore finlandese Hyypia, segnaliamo in particolare il giovane italiano Donati, cresciuto nel vivaio dell’Inter e in Germania dalla scorsa estate. Per lui già cinque presenze in Champions League: riuscirà ad aggiornare questo bilancio? Per la fase offensiva i ricambi saranno invece soprattutto Sam e la punta Derdiyok.

Due giocatori non potranno essere a disposizione oggi. Si tratta dei difensori Spahic ed Hegeler: il primo è squalificato, mentre il secondo è infortunato.

 

30 Sirigu; 26 Jallet, 2 T. Silva, 5 Marquinhos, 21 Digne; 4 Cabaye, 8 T. Motta, 25 Rabiot; 9 Cavani, 10 Ibrahimovic, 22 Lavezzi. All. Blanc.

A disp.: 1 Douchez, 6 Camara, 13 Alex, 17 Maxwell, 27 Pastore, 7 Menez, 29 Lucas.

Squalificati: nessuno.

Indisponibili: Verratti, Matuidi, Van der Wiel.

1 Leno; 14 Hilbert, 4 Wollscheid, 21 Toprak, 17 Boenisch; 6 Rolfes, 3 Reinartz, 10 Can; 27 Castro, 11 Kiessling, 7 Son. All. Hyypia.

A disp.: 22 Yelldell, 26 Donati, 20 Guardado, 15 Oztunali, 8 Bender, 18 Sam, 9 Derdiyok.

Squalificati: Spahic.

Indisponibili: Hegeler.

 

Arbitro: Bebek (Cro).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori