Benfica-Juventus/ La presentazione di Riccardo Cucchi (esclusiva)

Benfica-Juventus, la presentazione di RICCARDO CUCCHI sulla semifinale di Europa League. Il sorteggio ha abbianto i bianconeri alla squadra portoghese, si gioca il 24 aprile e 1° maggio

11.04.2014 - int. Riccardo Cucchi
benfica_esultanza
Infophoto

Saranno Benfica-Juventus e Siviglia-Valencia le due semifinali di Europa League. Questo il verdetto del sorteggio che è stato effettuato oggi a Nyon: l’andata si giocherà giovedì 24 aprile a Lisbona, ritorno allo Juventus Stadium il 1° maggio (clicca qui per tutte le informazioni sul sorteggio). Per la formazione bianconera senza dubbio l’avversario più scomodo, quello che non avrebbe voluto Antonio Conte, anche se ci potrebbe essere il vantaggio di avere il ritorno in casa. Si affronteranno infatti la capolista della Serie A e la capolista del campionato portoghese, e il Benfica era già andato molto vicino alla conquista dell’Europa League nella scorsa stagione, quando perse la finale col Chelsea. Una sfida di grandissimo livello, ma ciò consentirà di tenere altissima la concentrazione senza pensare troppo al pur fondamentale traguardo del terzo scudetto consecutivo. Per presentare la semifinale Benfica-Juventus, abbiamo sentito il giornalista di Rai Sport Riccardo Cucchi. Eccolo in questa intervista esclusiva per IlSussidiario.net.

Come vede questa semifinale tra Benfica e Juventus? Sarà sicuramente una bella semifinale tra due ottime squadre. Vedremo due belle partite, tra formazioni di ottimo livello.
E’ l’avversario peggiore che poteva capitare ai bianconeri? No, non direi, tutte le squadre a questo punto si equivalgono, anche il Siviglia e il Valencia sono buone squadre. Meglio che sia andato così questo sorteggio, eviteremo un derby spagnolo in finale.
Il Benfica avrà delle motivazioni importanti, dopo avere perso la finale col Chelsea l’anno scorso… Questo certamente, la scorsa stagione il Benfica arrivò ad un passo dal successo in Europa League, perdendo in finale col Chelsea, avrà sicuramente tante motivazioni per far bene.
Ci sarà però il vantaggio del ritorno in casa… Questo in effetti potrebbe essere un vantaggio per la Juventus, che dovrà cercare di approfittarne fino in fondo.
Come dovrà giocare la Juventus per passare il turno? Al suo solito. Come sa fare e come ha fatto anche col Lione, con Pirlo e Marchisio molto positivi, ma anche sapendo soffrire per portare a casa la qualificazione.
Cosa bisognerà temere dei portoghesi? L’esperienza internazionale, le vittorie, il blasone e poi lo stadio, dove il Benfica avrà sicuramente tanto tifo da parte dei suoi sostenitori, come capita sempre in Portogallo.
Come vede l’altra semifinale?

Un bel derby spagnolo tra due squadre molto forti, anche Siviglia e Valencia daranno luogo a due incontri molto interessanti.
Il suo pronostico su queste semifinali? Vedo una finale Juventus-Valencia, mi auguro poi che la formazione bianconera possa vincere questo trofeo che manca da troppo tempo al calcio italiano. Un successo della squadra di Conte sarebbe molto importante anche per il ranking Uefa. Tutti dovrebbero tifare Juventus, dimenticando le rivalità che ci sono tra tifosi! (Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori