PROBABILI FORMAZIONI / Genoa-Cagliari: le ultime novità (Serie A, 34^Giornata)

Probabili formazioni Genoa-Cagliari. La squadra rossoblu allenata da Gianpiero Gasperini ospiterà il Cagliari oggi pomeriggio alle ore 15.00 allo stadio Marassi, per la 34esima di Serie A

18.04.2014 - La Redazione
gilardino_calaio
(INFOPHOTO)

Alle ore 15 di oggi si gioca Genoa-Cagliari, partita valida per la 34^ giornata del campionato di Serie A 2013-2014. E’ una sfida tra due squadre che hanno una situazione di classifica tranquilla, perchè il Grifone con 39 punti è salvo e non può più prendersi l’Europa League, mentre gli isolani con 33 punti non possono ancora ufficialmente festeggiare ma le 8 lunghezze di vantaggio sul terzultimo posto dovrebbero ragionevolmente essere sufficienti per dire di aver centrato l’obiettivo.

Gian Piero Gasperini ricorda molto bene che nella partita di andata il Cagliari aveva ribaltato il risultato con una doppietta di Marco Sau nel finale; dopo il fischio dell’arbitro si era anche inscenata una semi-rissa dovuta alla tensione. “Se parliamo di rivincita sportiva, e sottolineo due volte sportiva, allora sì: la vogliamo” ha detto il tecnico rossoblu. “Fu una giornata particolare, gli episodi girarono contro e il conto fu salato. Il Cagliari è una buona squadra e ha ottimi attaccanti, noi faremo di tutto per tornare a vincere a Marassi. L’Europa? Non siamo stati fortunati, anche se siamo cresciuti individualmente e come collettivo. Certe partite perse mi fanno dispiacere e provo rammarico, ma in generale sono soddisfatto del nostro campionato”. Per vincere la partita Gasperini si affida al solito 3-4-3: solita difesa, a centrocampo sempre Sturaro con Bertolacci e Motta-Antonelli a spingere sulle fasce, mentre davanti torna titolare Gilardino che la scorsa domenica era entrato dalla panchina segnando un gol poi rivelatosi inutile. Con lui ci saranno Sculli e Fetfatzidis. 

A disposizione per il Genoa torna Sime Vrsaljko, protagonista di un’ottima prima parte di stagione ma poi costretto ai box da un infortunio. Cofie e Konate sono le prime soluzioni alle quali Gasperini potrebbe pensare per girare un’eventuale partita che si fosse messa male, c’è anche l’esperienza di De Ceglie con Gamberini e Antonini pronti a blindare la linea di difesa qualora dovesse servire.

Restano tanti gli indisponibili per il Genoa: nessuno squalificato, ma sono fuori causa ancora una volta Matuzalem e Centurion, oltre allo sfortunato Kucka che nel 2014 non ha mai giocato e Calaiò, la cui stagione è finita per una lesione capsulare del legamento perineo astragalico anteriore.

Ivo Pulga è pronto a sfidare il Genoa a Marassi. Per lui si tratterà di una battaglia, utile a fare in modo che il Cagliari si tiri fuori definitivamente dalla lotta per la salvezza. “Il Genoa sta molto bene, in casa è molto pericoloso e ha un pubblico eccezionale. La rosa ha qualità, l’allenatore è bravissimo e vorranno vendicare la sconfitta rocambolesca di Torino. Per la scelta del modulo vedremo come si disporranno i nostri avversari. La salvezza? Manca ancora qualcosa, mai abbassare la guardia. Noi abbiamo l’obiettivo dei 40 punti, questa squadra è in grado di farli”. Sembra dunque che Pulga voglia aprire al 4-3-3, andando a togliere l’uomo dietro le punte (Ibraimi) per schierarlo da finto esterno in un tridente che prevede anche Sau e Ibarbo. A centrocampo si rivede titolare l’argentino Cabrera, che dopo un buon inizio di stagione è stato un po’ dimenticato in panchina; giocherà anche Eriksson, mentre in difesa Pisano e Avelar saranno gli esterni con Rossettini e Astori centrali.

Diego Lopez aveva la “fissa” della panchina corta, mentre Pulga apre a tanti giocatori; ecco perchè a disposizione per il Cagliari si vedranno anche Oikonomou, Bastrini e Tabanelli, che raramente erano stati portati a sedersi. Attenzione a Dessena e Cossu che possono entrare a gara in corso e dare qualità e solidità al centrocampo, mentre ovviamente avere in panchina due attaccanti come Nené e Pinilla può essere un grande lusso quando giochi per salvarti.

Emergenza per Pulga, che deve fare a meno di Matias Vecino che accusa ancora un problema muscolare (ha saltato anche la partita dello scorso sabato), Ekdal che ha una contusione alla spalla e Murru, che ha invece un’elongazione al quadricipite femorale della gamba destra. Sempre fuori Adryan, che non ha recuperato dalla distorsione al ginocchio destro con lesione del collaterale mediale. 

 1 Perin; 4 De Maio, 8 Burdisso, 15 Marchese; 21 Motta, 69 Sturaro, 91 Bertolacci, 13 Antonelli; 18 Fetfatzidis, 11 Gilardino, 10 Sculli. All. Gasperini

A disposizione: 53 Bizzarri, 32 Donnarumma, 90 Portanova, 5 Gamberini, 3 Antonini, 20 Vrsaljko, 29 De Ceglie, 14 Cofie, 79 Cabral, 77 Konate

Squalificati: –

Indisponibili: Kucka, Matuzalem, Centurion, Calaiò

 25 Avramov; 14 F.Pisano, 15 Rossettini, 13 Astori, 8 Avelar; 22 Cabrera, 5 Conti, 16 Eriksson; 10 Ibraimi, 9 Sau, 23 Ibarbo. All. Pulga

A disposizione: 1 Silvestri, 24 Perico, 34 Del Fabro, 3 Bastrini, 19 Oikonomou, 4 Tabanelli, 21 Dessena, 7 Cossu, 18 Nené, 51 Pinilla

Squalificati: –

Indisponibili: Murru, Adryan, Matias Vecino, Ekdal

 

Arbitro: Celi

– Il Genoa tornerà in campo sabato (19 aprile) pomeriggio alle ore 15.00. Allo stadio Marassi i padroni di casa rossoblu allenati da Gasperini ospiteranno il Cagliari di Ivo Pulga, squadra che ancora deve conquistare la matematica permanenza in Serie A. Il Grifone cerca il riscatto dopo le ultime prestazioni negative in serie, ma i sardi sbarcheranno in Liguria con l’intento di vincere per avvicinarsi sempre più alla salvezza. La partita di Marassi sarà arbitrata dal signor Celi della sezione di Campobasso, insieme ai due guardalinee Borzomì e Cariolato. Il quarto uomo sarà Costanzo mentre Peruzzo e Bruno saranno i due addizionali.

– Il Genoa si trova attualmente al 13esimo posto in classifica, a quota 39 punti. Un pareggio permetterebbe al Grifone di raggiungere la fatidica soglia dei 40 punti che significa salvezza e quindi permanenza in Serie A. Gasperini si attende un’importante risposta dai suoi dopo le ultime tre partite, tutte e tre terminate con una sconfitta. In stagione il Genoa viaggia col 48% di possesso palla, il 61,5% di passaggi riusciti e il 42,3% di indice di pericolosità (dati medi a partita), numeri che rispecchiano la posizione della squadra in classifica. Tra i singoli calciatori si distingue sicuramente Alberto Gilardino, protagonista dell’ennesimo campionato positivo con 14 gol sin qui segnati. Il bomber di Biella è anche il miglior tiratore del Genoa con 55 tentativi nello specchio della porta, seguito da Bertolacci più distanziato a 34. Negli assist invece primeggia Matuzalem con 4 passaggi vincenti. Per quanto riguarda la formazione anti-Cagliari, Gasperini dovrà fare a meno di Calaiò che ha probabilmente terminato la stagione dopo l’infortunio alla caviglia rimediato in settimana. Ipotizzabile un 3-4-3 con il trio d’attacco Sculli-Gilardino-Antonelli, e il greco Fetfatzidis di nuovo a partire dalla panchina dopo le ultime due gare da titolare.

– Il Cagliari di Ivo Pulga punterà alla vittoria approfittando dello stato di forma tutt’altro che idilliaco del Genoa, e della maggiore tranquillità di classifica della squadra ligure. La squadra sarda si trova attualmente a quota 33 punti, al 15esimo posto, e un successo le permetterebbe di respirare in ottica salvezza tenendo conto che la terzultima, il Livorno, è a quota 25 punti e quindi ancora a distanza di sicurezza. Interessanti le statistiche di squadra del Cagliari: 52% di possesso palla e il 44,4% di indice di pericolosità, numeri importanti tenendo conto del fatto che i rossoblu occupano le retrovie della classifica. Spicca anche il 65,2% di passaggi riusciti, un dato favorito dalla presenza in squadra di capitan Daniele Conti, fra i migliori del campionato in questa categoria. L’esperto centrocampista ha segnato sin qui 4 gol, e distribuito 2 assist, effettuando ben 58 tiri nello specchio della porta. Il miglior marcatore dei sardi è invece Pinilla con 6 reti siglate, seguito da Nene a quota 5. Domani pomeriggio Pulga dovrà fare a meno di entrambi così come di Adryan, Vecino, Ekdal e Dessena. Probabile 4-3-3 con Ibraimi, Sau e Ibarbo nel tridente offensivo. Sulla sinistra spazio al giovane terzino Murru, promosso al posto di Avelar dopo la sfida di Reggio Emilia contro il Sassuolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori