WTA Charleston/ News tennis: Errani ai quarti contro la predestinata Bencic

- La Redazione

Tennis WTA Charleston: news, Sara Errani batte Shuai Peng con due tie break e si qualifica ai quarti di finale. Dove incrocia la diciassettenne svizzera Belinda Bencic: una predestinata

FamilyCircle_Charleston_R400.jpg
Foto di gruppo per gli addetti ai lavori di Charleston, South Carolina
Pubblicità

Sarà Errani-Bencic ai quarti di finale del torneo WTA Premier di Charleston (terra verde). Una sfida mai andata in scena ovviamente: la svizzera ha fatto il suo esordio ufficiale nel circuito pro soltanto lo scorso gennaio, anche se aveva avuto un’incursione tramite wild card al torneo del Lussemburgo 2013, costringendo Venus Williams a perdere una manciata di game. La ragazzina che si allena con la madre di Martina Hingis è una predestinata, lo abbiamo già detto: a livello juniores ha vinto tutto e minaccia di essere la prima grande sensazione adolescente dai tempi di Maria Sharapova, che stupì il mondo a 17 anni vincendo Wimbledon. Per sapere se sarà davvero così dovremo forse aspettare: fenomeni alla Chris Evert, alla Tracy Austin o alla Monica Seles non nascono tutti i giorni, anche perchè si è alzata l’età media per l’entrata nei tornei WTA. Intanto, Belinda Bencic avanza a grandi passi nel South Carolina: la partita di ieri sera contro Elina Svitolina è stata sensazionale per intensità e imprevedibilità, per come il numero di break non è stato troppo alto in relazione alla giovane età e un servizio non ancora formato (10 su 29 game totali) e per come le due si sono date battaglia a colpi di qualità. Alla fine la svizzera ha prevalso : ci piace pensare che sia stato il primo di una lunga serie di incroci tra due potenziali dominatrici del circuito, anche se è presto per dirlo e altre teenager (da Eugenie Bouchard a Lauren Davis, passando per Ana Konjuh attualmente ai box per l’operazione al gomito: potrebbe rientrare per le qualificazioni al Roland Garros) possono non essere d’accordo. Noi consigliamo comunque di segnarvi la data del 3 aprile 2014: potrebbe servirvi, anche se magari non assumerà gli stessi contorni leggendari di quella partita di Akron, Ohio, del 22 marzo 1973. Tralasciando il possibile futuro, eccoci al presente: la Errani ha faticosamente superato due tie break per aver ragione della cinese Shuai Peng, subendo una rimonta nel secondo set che poteva esserle fatale. Il tabellone non è complicatissimo: 

Pubblicità

Certo in finale potrebbe capitare Jelena Jankovic, o la stessa Bouchard che ha appena battuto la bolognese a Indian Wells, o magari Andrea Petkovic che ha lasciato un solo game alla connazionale e amica Sabine Lisicki. In semifinale aspettano una tra Daniela Hantuchova e Jana Cepelova che ha sorpreso Serena Williams; eppure noi diciamo che la partita più difficile è quella di questa sera (non sarà prima delle 22 italiane, con tutta probabilità). Perchè Belinda Bencic è ostica e imprevedibile come tutte le giocatrici mai affrontate prima, perchè non ha niente da perdere e perchè è destinata a una carriera da star, almeno per quelli che sono i suoi mezzi e ciò che ha fatto vedere sul campo da tennis. Non avendo una sfera di cristallo non possiamo dire se davvero la svizzera nata il 10 marzo del 1997 diventerà la nuova Chris Evert o la nuova Steffi Graf, se avrà un folgorante avvio come la sua connazionale Hingis per poi frenare o se resterà una potenziale regina senza corona come tante altre prima di lei. Dovesse perdere questa sera contro Sara (e da italiani facciamo ovviamente il tifo per la nostra tennista) il discorso non si sposterebbe di una virgola. 

(Claudio Franceschini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori