Pagelle/ Perugia-Bologna 2-1: i voti della partita (Serie B)

- La Redazione

Le pagelle di Perugia-Bologna, la prima gara che apre la stagione 2014/15 della Serie B. Si affrontano una neopromossa e una nobile decaduta in cadetteria dopo un anno difficile in A.

Bologna_curva_fumogeni
La curva del Bologna: il derby dell'Appennino è molto sentito (Infophoto)

Grande emozione al Renato Curi dove il Perugia rivede la Serie B dopo anni molto difficili e di grande sofferenza. La squadra risponde bene, anche dopo una campagna acquisti di spessore e intelligenza. Gli umbri partono forte con Crescenzi che sulla corsia sinistra è autore di affondi importanti e qualche bella palla messa in mezzo. A centrocampo c’è un Verre in grandissima forma e un Giacomazzi che gioca nella difesa a tre ed è bravo sempre in anticipo con ai suoi lati Goldaniga  e Comotto sempre attenti. Davanti Rabusic e Falcinelli fanno movimento e giocano ad alto livello. Dall’altra parte c’è un Bologna un pò contratto, che gioca in contropiede, ma fatica a venire fuori. Al centro della difesa gioca con grande spessore Maietta mentre a centrocampo si vede un Matuzalem non al massimo. Davanti sono impalpabili Cacia e Laribi mentre bene Troianiello. Nella ripresa parte forte il Bologna che vuole provare a reagire, ma senza grande precisione davanti. E’ così che il Perugia, in uno dei momenti migliori degli avversari, passa in vantaggio. La rete che sblocca la partita è del migliore fino a quel momento Valerio Verre autore di un pregevole tiro di destro dalla linea dell’area di rigore siamo al minuto 64. Dopo sette minuti però Garics rovina la partita dei felsinei, dopo una spinta a Parigini dove viene ammonito batte le mani all’arbitro e viene mandato sotto la doccia. Arriva allora il raddoppio di Falcinelli, che dopo averci provato in tutti i modi la butta dentro con un bel sinistro su assist di Parigini. Rete del 2-1 a fine gara di Cacia su calcio di rigore, dopo una disattenzione di Goldaniga. Non bastano sei minuti di recupero agli uomini di Lopez per trovare il pari soprattutto per colpa di Zuculini che compie un brutto fallo su Falcinelli e viene espulso.

VOTO PARTITA 7 – Se nel primo tempo c’era stata un pò di apatia e pochissime occasioni da rete, la partita esplode nella ripresa. Il Perugia merita la vittoria e regala grandi emozioni al suo pubblico al ritorno in B dopo dieci anni; 
PERUGIA 7 – Non ci poteva essere debutto migliore di questo. La difesa con Comotto, Giacomazzi e Goldaniga dimostra grandissima solidità. Il centrocampo fa filtro ed è bravo a proporsi come fa Verre, autore del primo gol. L’attacco invece sfugge, con giocatori rapidi e abili a saltare l’avversario; CLICCA QUI PER LE PAGELLE DEL PERUGIA
BOLOGNA 5 – Come per il Perugia non ci poteva essere miglior debutto per il Bologna non ci poteva esserne peggiore. Gara sottotono e con zero idee davanti. Male; CLICCA QUI PER LE PAGELLE DEL BOLOGNA
ARBITRO GAVILLUCCI 6.5 – Partita molto regolare e senza eccessi che va avanti senza interruzioni. L’arbitro la gestisce con intelligenza, senza atti di protagonista e momenti in crescendo. Buona interpretazioni nella gara nel primo tempo. Nella ripresa è costretto a tirare fuori due cartellini rossi e tantissimi gialli, costretto ad alzare la voce per tenere bassa la calma e dimostra grande polso;

Grande emozione al Renato Curi dove il Perugia rivede la Serie B dopo anni molto difficili e di grande sofferenza. La squadra risponde bene, anche dopo una campagna acquisti di spessore e intelligenza. Gli umbri partono forte con Crescenzi (6.5) che sulla corsia sinistra è autore di affondi importanti e qualche bella palla messa in mezzo. A centrocampo c’è un Verre (7) in grandissima forma e un Giacomazzi (6.5) che gioca nella difesa a tre ed è bravo sempre in anticipo con ai suoi lati Goldaniga (6.5) e Comotto (6) sempre attenti. Davanti Rabusic (6) e Falcinelli (6) fanno movimento e giocano ad alto livello. Dall’altra parte c’è un Bologna un pò contratto, che gioca in contropiede, ma fatica a venire fuori. Al centro della difesa gioca con grande spessore Maietta (6.5) mentre a centrocampo si vede un Matuzalem (5.5) non al massimo. Davanti sono impalpabili Cacia (5.5) e Laribi (5) mentre bene Troianiello (6).

Partita che regala poche occasioni da gol, ma comunque gioco intenso e pochissime interruzioni. E’ un piacere vedere subito Taddei dal primo minuto, così come Giacomazzi, giocatori che faranno bene in questa stagione.
Gli umbri tornano in Serie B con grandissima voglia e ottimo carattere. Giocano palla velocemente e di prima, andando veloci sulle corsie e mettendo buone palle in mezzo che però trovano sempre Coppola pronto;
– Il centrocampista gioca sempre il pallone di prima ed è bravissimo a inserirsi per provare il tiro o la giocata in profondità. Campionato cominciato benissimo;  
 5.5 – E’ uno dei giocatori più importanti di questo Perugia e a sprazzi si vede quando salta l’uomo e va sul fondo. Non riesce però a mettere un pallone in mezzo con la sua solita qualità;
Il Bologna gioca contratto e con poca volontà e coraggio. Rimane chiuso nella propria metà campo, pronta a ripartire ma senza grande continuità;
In mezzo al difesa comanda il reparto con grande esperienza e giocando a testa alta. Gioca palla velocemente e annienta gli attaccanti avversari; 
Gioca largo a sinistra senza mai rendersi pericoloso, evanescente;
Partita molto regolare e senza eccessi che va avanti senza interruzioni. L’arbitro la gestisce con intelligenza, senza atti di protagonista e momenti in crescendo. Buona interpretazioni nella gara.

Provedel 6,5: Bravo e sicuro nelle uscite alte, attento quando deve guidare la difesa. Si dimostra sicuro e intelligente;
Goldaniga 6: Gioca una grande partita sul centro destra, sempre a testa alta e con il tempo dell’intervento. Errore di inesperienza alla fine quando viene sorpreso da un movimento da Calaiò e porta a un calcio di rigore;
Giacomazzi 6,5: al centro della difesa è bravo ad anticipare l’avversario uscendo con grande tempo. Bravo ad annullare Cacia;
Comotto 6: esperienza di grande spessore e intensa prestazione con la fascia di capitano;
Del Prete  6: E’ uno dei giocatori più importanti di questo Perugia e a sprazzi si vede quando salta l’uomo e va sul fondo. Non riesce però a mettere un pallone in mezzo con la sua solita qualità. Nella ripresa è importante nella fase finale quando il Bologna cresce;
Fazzi 6: intensità e qualità in mezzo al campo, bravo a portare legna; (85′ Fossati sv)
Taddei 6: esperienza e grande carattere, gioca tra i reparti con grande intelligenza anche se nel primo tempo parte col freno a mano tirato crescendo nella ripresa;
Verre 7 – Il centrocampista gioca sempre il pallone di prima ed è bravissimo a inserirsi per provare il tiro o la giocata in profondità. Campionato cominciato benissimo; 
Crescenzi 6.5: buona prova sulla corsia sinistra, con grande passo e rapidità. La mette dentro diverse volte, senza grandi risultati ma ha piede e potrebbe giocare in Serie A senza problemi; (83′ Fabinho sv)
Rabusic 6: fa molto movimento spalle alla porta e gioca spesso largo senza trovare la porta;(61′ Parigini 6.5): entra nella ripresa dando spessore alla manovra e servendo il pallone al centro per il secondo gol della squadra di Falcinelli. Su di lui il fallo che genererà l’espulsione di Garics;
Falcinelli 6.5: grande grinta e voglia di trovare il gol nella ripresa. Per lui sarà una stagione importante e da leader;
All.: Camplone 7: il Perugia gioca bene, facendo girare palla rapidamente davanti e trovando spesso la porta. Palla a terra e grande movimento degli esterni, dietro pochissimi rischi.

 

BOLOGNA
Coppola 6: esperto e di grande caratura, sui gol è incolpevole ma si fa notare per grinta e carisma;
Garics 4: parte forte sulla corsia destra, ma nel momento decisivo della partita compie un’ingenuità enorme. Viene ammonito al 72mo per una netta spinta su Parigini, batte le mani all’arbitro e viene espulso. Non si può commettere un errore del genere e soprattutto non ce lo si aspetta da un giocatore con tante partite di Serie A alle spalle e grandissima esperienza.
Maietta  6: In mezzo al difesa comanda il reparto con grande esperienza e giocando a testa alta. Gioca palla velocemente ed è bravo per gli attaccanti avversari; 
Paez 5: dietro soffre la rapidità di Falcinelli e il peso dell’attacco perugino. 
Morleo 5.5: sulla corsia non si rende protagonista delle sue solite scorribande, lento e prevedibile soffre le folate di Del Prete;
Casarini 6: duttile, si sacrifica per la squadra giocando con grande ritmo e volontà anche se i compagni rispondono poco;
Matuzalem 5.5: non riesce a dare spessore alla squadra, giocando con poca personalità e rimanendo troppo schiacciato dietro;
Buchel 5: arrivato da pochissimo al Bologna parte subito titolare, non riuscendo a trovare praticamente mai il pallone; (78′ Pasi sv)
Troianiello 5.5: nel primo tempo tanto movimento sulla corsia destra, dove prova sempre a saltare l’avversario ma non ha grande assistenza dai compagni di reparto. Sparisce nella ripresa e viene sostituito dopo 25 minuti da Giannone con la sua squadra sotto di una rete; (70′ Giannone 5.5)
Cacia 5.5: impalpabile là davanti, prova a trovare il pallone in un paio di occasioni. Da dimenticare quando calcia dopo una mezza incertezza, l’unica, di Giacomazzi, calcia debolmente verso Provedel;
Laribi 5 – Gioca largo a sinistra senza mai rendersi pericoloso, evanescente. Nella ripresa non riesce a trovare la porta, giocando una partita negativa in tutti gli aspetti; (83′ Zuculini 4): autore di un fallo inutile a centrocampo a tempo scaduto si prende un rosso che si poteva risparmiare;
All. Lopez  5: partita gestita male, con cambi che arrivano tardi e decisioni affrettate. La sua squadra non ha idee e nemmeno il gioco

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori