Vuelta 2014 / 15a tappa info streaming video e diretta tv. Oviedo-Lagos de Covadonga: vince Niemiec! Contador maglia rossa (domenica 7 settembre)

Vuelta 2014 15a tappa streaming video, diretta tv e percorso della Oviedo-Lagos de Covadonga: come seguire la frazione odierna, i Gpm, l’arrivo in salita e la classifica (7 settembre)

07.09.2014 - La Redazione
giro_salita
Immagine di repertorio

Il vincitore della quindicesima tappa della Vuelta 2014 è polacco e si chiama Przemyslaw Niemiec. Il corridore della Lampre Merida vince in solitaria: sulla salita finale riesce a prendere quasi 50 secondi di vantaggio sui big della classifica generale che ancora una volta, come ieri, sono protagonisti. Alberto Contador riesce a portarsi allinseguimento di Niemiec insieme a Joaquin Rodriguez e ad Alejandro Valverde: tre spagnoli, perchè oggi il leader della Movistar non si stacca e anzi tiene molto bene la ruota della maglia rossa. Chi va leggermente in crisi è Chris Froome, e allora Contador prova ad approfittarne: cerca di guadagnare quanto più gli riesce sul britannico, ma alla fine lui pure paga qualcosa e i secondi conquistati sul rivale sono appena 7. Insieme a Froome arriva Fabio Aru, ancora brillante; pur non essendo riuscito a tenere il passo dei migliori ha guadagnato unaltra posizione in classifica ed è ora quinto, perchè Rigoberto Uran ha preso un minuto secco da Niemiec. Nella generale dunque Contador ha 31 secondi di vantaggio su Valverde e 120 su Froome e Purito Rodriguez, appaiati in terza posizione; Aru ha 222 da recuperare dalla maglia rossa.

A oltre 50 chilometri dalla fine della quindicesima tappa cinque corridori in fuga, con circa 10 minuti di vantaggio sulla maglia rossa Alberto Contador: sono l’australiano Cameron Meyer della squadra Orica-Green Edge, il polacco Przemyslaw Niemiec della Lampre-Merida, il tedesco John Degenkolb della Giant-Scimano, il belga Kristof Vandewalle della Trek Factory e lo spagnolo Javier Aramendia della Caja Rural.

 Fabio Aru è già stato protagonista della Vuelta 2014: il corridore sardo della Astana ha vinto l’undicesima tappa, la Pamplona-Santuario de San Miguel de Aralar con un arrivo solitario. Ieri ha fatto anche di meglio: sulla terribile salita finale è riuscito a tenere la ruota di assoluti signori della montagna come Alberto Contador, Chris Froome e Purito Rodriguez. Ha sofferto e tentennato, ma ha risposto a tutti gli attacchi volendo fortemente arrivare con loro; negli ultimi metri si è leggermente staccato, ma ha dimostrato di potersela giocare. E allora, chissà che oggi non ci possa riprovare; forse la maglia rossa di leader gli è preclusa, ma sul podio finale può arrivarci eccome. Lo attendiamo alla prova della sua consacrazione sulle strade della Oviedo-Lagos de Covadonga, quindicesima tappa della Vuelta.

La Vuelta 2014, edizione numero 69 del Giro di Spagna di ciclismo, propone oggi (domenica 7 settembre) il secondo arrivo in salita consecutivo. La quindicesima tappa è la Oviedo-Lagos de Covadonga di 152,2 km. Una frazione corta ma decisamente impegnativa, che certamente lascerà il segno sulla classifica generale. Andiamo allora ad esaminare più nel dettaglio il percorso della frazione odierna. La partenza sarà da Oviedo, capoluogo delle Asturie e città natale di Fernando Alonso (citazione inevitabile nel giorno di Monza), alle ore 13.30 circa. Si parte tardi, ma d’altronde la tappa è breve: nella prima parte si costeggia l’oceano Atlantico, dunque non ci saranno difficoltà significative e dobbiamo sottolineare soprattutto i due sprint intermedi di Villaviciosa (km 55) e Ribadesella (km 97,4). Poi però si lascerà la costa e si comincerà a fare sul serio: il primo Gpm di giornata sarà il Puerto del Torno (km 117,2), seconda categoria e buon antipasto della decisiva ascesa finale. Per arrivare ai Lagos de Covadonga, cioè i due laghi montani di Enol ed Ercina che sorgono nei dintorni di Covadonga, piccolo villaggio delle Asturie celebre però per la vittoria cristiana nella battaglia che segnò l’inizio della Reconquista e per il successivo santuario. Torniamo però alla gara: arrivati ai piedi della salita finale, mancheranno 12,2 km all’arrivo. A quel punto, il gruppo sarà atteso da una pendenza media del 7,2%: la prima parte è impegnativa, con tratti anche fino al 13% e mai sotto il 6, mentre il finale è più irregolare, con qualche tratto addirittura in discesa ma pure il muro finale con la pendenza massima del per arrivare allo striscione dell’arrivo. Sarà grande spettacolo su una salita mito del Giro di Spagna, una delle ascese più celebri del ciclismo iberico. La Vuelta viene trasmessa in diretta tv su Eurosport ed Eurosport 2, canali tematici europei disponibili sia nel pacchetto satellitare di Sky (numero 210 e 211) sia in quello digitale terrestre di Mediaset Premium (numero 384 e 385). In streaming video l’appuntamento sarà dunque con i servizi offerti ai rispettivi abbonati da Sky Go, Premium Play ed Eurosport Player. Per quanto riguarda la quindicesima tappa Oviedo-Lagos de Covadonga, il collegamento avrà inizio alle ore 16.00 su Eurosport 2 per poi passare dalle ore 17.00 su Eurosport, mentre l’arrivo è come sempre previsto tra le ore 17.30 e le 18.00. Informazioni importanti sulla corsa spagnola saranno disponibili anche sui social network: su Facebook la pagina ufficiale è Vuelta a España, mentre l’account ufficiale Twitter è @lavuelta.

POS. NOMBRE DOR. EQU. TIEMPO  
 
 
 
 
 
 
1. POL NIEMIEC, Przemyslaw 6 Lampre Merida 4h 11′ 09”  
2. ESP VALVERDE, Alejandro 151 Movistar Team 4h 11′ 14” + 5”
3. ESP RODRIGUEZ, Joaquin 131 Team Katusha 4h 11′ 14” + 5”
4. ESP CONTADOR, Alberto 201 Tinkoff – Saxo 4h 11′ 19” + 10”
5. ITA ARU, Fabio 21 Astana Pro Team 4h 11′ 26” + 17”
6. GBR FROOME, Christopher 191 Team SKY 4h 11′ 26” + 17”
7. IRL MARTIN, Daniel 102 Garmin Sharp 4h 11′ 37” + 28”
8. FRA BARGUIL, Warren 111 Team Giant – Shimano 4h 11′ 53” + 44”
9. COL URAN, Rigoberto 177 Omega Pharma – Quick-Step 4h 12′ 09” + 1′ 00”
10. ITA CARUSO, Giampaolo 132 Team Katusha 4h 12′ 09” + 1′ 00”
POS. NOMBRE DOR. EQU. TIEMPO  
 
 
 
 
 
 
1. ESP CONTADOR, Alberto 201 Tinkoff – Saxo 58h 31′ 35”  
2. ESP VALVERDE, Alejandro 151 Movistar Team 58h 32′ 06” + 31”
3. GBR FROOME, Christopher 191 Team SKY 58h 32′ 55” + 1′ 20”
4. ESPRODRIGUEZ, Joaquin 131 Team Katusha 58h 32′ 55” + 1′ 20”
5. ITA ARU, Fabio 21 Astana Pro Team 58h 33′ 57” + 2′ 22”
6. COL URAN, Rigoberto 177 Omega Pharma – Quick-Step 58h 34′ 32” + 2′ 57”
7. IRL MARTIN, Daniel 102 Garmin Sharp 58h 36′ 30” + 4′ 55”
8. ESP SÁNCHEZ, Samuel 41 BMC Racing Team 58h 36′ 37” + 5′ 02”
9. NED GESINK, Robert 34 Belkin Pro Cycling Team 58h 36′ 46” + 5′ 11”
10. FRA BARGUIL, Warren 111 Team Giant – Shimano 58h 38′ 11” + 6′ 36”


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori