Pagelle/ Udinese-Sassuolo (0-0): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2015-2016, 11^ giornata)

- La Redazione

Pagelle Udinese-Sassuolo 0-0, i voti della partita per il Fantacalcio: i migliori e i peggiori della sfida dello stadio Friuli, valida per l’undicesima giornata del campionato di Serie A

Colantuono
Foto Infophoto

Tra le due squadre, quella che ha avuto il pallino del gioco è sicuramente l’Udinese, che comunque non è riuscita a creare vere e proprie palle gol mancando di cinismo e freddezza sotto porta.

Passo indietro nel gioco per l’undici di Di Francesco dopo il successo sulla Juve, il Sassuolo riesce comunque a strappare un pareggio grazie alla clemenza dei suoi avversari, poco cinici sotto porta.

Partita tranquilla per lui, anche se commette qualche errore non concedendo due calci d’angolo al Sassuolo.

Al termine dei primi quarantacinque minuti di gioco, Udinese e Sassuolo pareggiano 0 a 0. Partita piuttosto sottotono con i padroni di casa che provano a prendere l’iniziativa, approfittando dei tanti sbagli commessi dai giocatori del Sassuolo che non sembrano in grado di ripetere la buona prestazione contro la Juventus. Tuttavia l’occasione da gol più ghiotta ce l’ha avuta l’undici di Di Francesco che, approfittando di uno svarione della difesa friulana, colpisce il palo con Floro Flores (6). Dopo aver rischiato lo svantaggio, l’Udinese torna in attacco e cerca di mettere pressione agli avversari, con Bruno Fernandes (6+) che arriva più volte dalle parti di Consigli (6), mentre Di Natale (6,5) cerca di innescare i suoi compagni con le sue giocate. Ali Adnan (6,5) mette tanti cross in mezzo all’area di rigore, che però vengono intercettati dalla difesa del Sassuolo, l’unico ad arrivarci è Théréau (6) che colpisce di testa ma manca lo specchio della porta.

L’undici di Colantuono è sicuramente più propositivo rispetto a quello di Di Francesco, ma gli manca sempre l’ultimo passaggio per arrivare in porta. A 38 anni rischia ancora di fare la differenza con le sue giocate, in questo primo tempo non ci è riuscito ma avrà modo di riprovarci nella ripresa. Tanti palloni persi e molti passaggi sbagliati per lui, fin qui protagonista di un prova insufficiente.

Neroverdi quasi irriconoscibili rispetto alla partita vinta contro la Juventus. Tanti errori soprattutto in difesa, eppure è proprio la formazione di Di Francesco ad andare più vicino al gol con Floro Flores. I suoi interventi in difesa salvano più volte il Sassuolo, oggi davvero in affanno in difesa. Non è riuscito a entrare in partita, appare quasi assente dal campo, se non si dà una svegliata Di Francesco non ci penserà due volte a sostituirlo nella ripresa. (Stefano Belli)

Udinese

Sufficienza risicata per l’estremo difensore dell’Udinese, mai impegnato severamente dagli attaccanti del Sassuolo e che nel corso della gara sbaglia anche diversi rinvii.

Commette qualche fallo di troppo, ma è apprezzabile il suo tentativo di proporsi anche in fase offensiva.

Guida la difesa dell’Udinese con il suo carisma, rimedia un’ammonizione a inizio gara ma poi è bravo a non prendere un altro cartellino giallo fino al triplice fischio.

Rimedia parecchie botte dagli avversari, in campo lotta su ogni pallone e con alcuni interventi difensivi toglie alcune castagne dal fuoco ai suoi compagni.

Molto propositivo sulla fascia destra, anche se spesso si incarta col pallone complicandosi la vita, ma è sempre presente in fase offensiva.

Guadagna diversi palloni e arriva a un passo dal gol, con Acerbi che gli ruba il pallone un attimo prima di calciare a rete.

Dei calci piazzati si occupa lui, e guarda caso l’Udinese si rende pericolosa soprattutto sui calci di punizione e sui corner. Nel finale prova la botta da fuori area, mancando di non molto il bersaglio grosso.

A inizio gara va vicino al gol ma viene ostacolato da Terranova, nei minuti successivi si fa sempre trovare dalle parti di Consigli, ma gli manca quella freddezza necessaria per lasciare il segno.

Sale spesso e volentieri sulla fascia sinistra, servendo cross invitanti ai suoi compagni che non riescono quasi mai però a toccare il pallone.

Rileva Ali Adnan ed entra subito in partita, rendendosi pericoloso.

Oggi l’attaccante francese è stato meno incisivo del solito in fase offensiva, non è stata sicuramente una delle sue migliori partite.

Il giovane attaccante uruguaiano prende il posto di Théréau, tanta buona volontà ma pochi risultati alla mano.

A 38 anni le sue giocate si rivelano ancora decisive per l’Udinese, peccato che oggi non riescano a sbloccare il risultato e nel finale la stanchezza gli impedisce di concludere la gara.

Grazie agli sbandamenti della difesa del Sassuolo si affaccia spesso dalle parti di Consigli, ma senza trovare il modo di gonfiare la rete.

Nella ripresa decide di cambiare completamente il tridente d’attacco nel tentativo di avere forze fresche sotto porta, la scelta non funziona a causa dello scarso cinismo dei suoi attaccanti.

Sassuolo

Nel primo tempo perde qualche brutto pallone che poteva costare caro al Sassuolo, nella ripresa si riscatta con qualche buona uscita che consente al Sassuolo di uscire dal Friuli con un punto.

Sin dal fischio d’inizio è messo a dura prova dagli avversari che lo tengono impegnato per tutti i 90 minuti di gioco, ma bravo a non commettere errori che potevano compromettere il risultato.

Il migliore dei suoi, in difesa (e non solo vista la giornata no degli attaccanti): interviene sempre in anticipo, chiusure impeccabili. Poi deve alzare bandiera bianca per un problema muscolare.

Non è facile rilevare uno dei migliori in campo, ma riesce comunque a non sfigurare stando ben lontano dai guai.

Partita non proprio impeccabile la sua, con qualche uscita a vuoto che ha fatto sudare freddo Di Francesco, ma si segnalano anche alcune sue chiusure decisive su Badu.

Quasi impalpabile in mezzo al campo, ma ciò non vuol dire che non combini niente, semplicemente ha curato più la fase difensiva rispetto a quella offensiva.

Entrato al posto di Longhi, ci si accorge a malapena della sua presenza in campo.

Qualche volta si fa prendere dal nervosismo, arrivando quasi allo scontro con Bruno Fernandes, ma non tira mai la gamba indietro e spesso ha innescato qualche azione del Sassuolo.

Decisivo nel salvare sulla linea a 10 minuti dalla conclusione, quando sugli sviluppi di un calcio d’angolo, in piena mischia, l’Udinese è andata vicinissimo al gol.

Prova sempre ad avanzare palla al piede servendo cross provenienti da entrambe le fasce, e nel finale si dedica anche alla fase difensiva sacrificandosi per il bene della squadra.

Partita al di sotto dei suoi standard, si rende minaccioso solamente su calcio piazzato, sbagliando diversi passaggi importanti e le poche volte che arriva al tiro non inquadra mai lo specchio della porta.

Talento e carattere non gli mancano, ma anche lui oggi non è sembrato al top della condizione.

Nel primo tempo colpisce il palo, sfiorando il gol dello 0 a 1, per il resto non combina niente di che.

Entra al posto di Floro Flores nella ripresa, partita di sacrificio anche per lui che cerca di fare il possibile per difendere il pareggio, l’impossibilità degli attaccanti di far male agli avversari.

Per tutta la gara si sgola cercando di farsi sentire dai suoi giocatori, evidentemente appagati per il successo sulla Juve e stanchi per il turno infrasettimanale disputato qualche giorno fa.

 

 

(Stefano Belli)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori