Pagelle/ Atalanta-Cagliari (2-1): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2014-2015 21^ giornata)

- La Redazione

Pagelle Atalanta-Cagliari, i voti della partita di Serie A valida per la ventunesima giornata. I protagonisti, i migliori e i peggiori a Bergamo: tutti i giudizi per il Fantacalcio

stefano_colantuono_atalanta_r400
Stefano Colantuono (Infophoto)

LAtalanta batte 2-1 il Cagliari proprio nel finale di partita e prende tre punti pesantissimi, che avvicinano un po di più la salvezza e spingono invece gli isolani nel baratro, anche se i risultati dagli altri campi non sono troppo negativi e la squadra di Zola non paga dazio. Decide uno splendido gol del grande ex Mauricio Pinilla, dopo che Biava e Dessena avevano impattato il risultato nel primo tempo. Abbiamo assistito a un match vibrante e con occasioni da rete; non sempre cè stata lucidità nelle giocate ma si trattava di uno scontro diretto per la salvezza e le due squadre non si sono risparmiate, provando a inseguire la vittoria sempre e comunque. La volontà non manca mai ad Atalanta e Cagliari, ora bisogna lavorare per sistemare o quantomeno limare alcuni difetti tecnico-tattici. Ci crede e vince con merito, grazie a un super gol di Pinilla. Premiato latteggiamento di Colantuono che da quando ha ottenuto lattaccante che voleva va in campo con due punte vere e Maxi Moralez che parte dalla linea di metacampo. LAtalanta ha unidea e unanima, e oggi lo ha dimostrato ampiamente prendendosi una vittoria che pesa tantissimo sulleconomia del campionato. Cade proprio nel finale, ma per quanto aveva fatto in campo avrebbe certamente meritato il punto che stava ottenendo in trasferta. Zola ha certamente risanato una squadra che stava affondando; la rosa è quello che è e cioè giovane e inesperta in alcune situazioni. E tornato però il carattere, e con quello ci si può salvare. Bravo a tenere sotto controllo una partita che per la posta in palio poteva diventare nervosa. Ammonisce soltanto quattro giocatori, segno che ha polso e personalità e si fa rispettare in campo, riuscendo a gestire senza dover ricorrere alle maniere pesanti. Uno dei migliori fischietti che abbiamo in Italia. 

Conferma di essere portiere dal sicuro avvenire respingendo in più occasioni gli assalti del Cagliari. Non può nulla su Dessena. 

Difensore che ormai non spinge più come un tempo, ma protegge Zappacosta senza andare in affanno e tenendo la posizione. 

Combina qualche pasticcio di troppo, a tratti sembra non sapere cosa fare del pallone. 

Dietro soffre poco, quando si spinge in avanti fa vedere di saperci ancora fare e porta in vantaggio i suoi. 

Pesante l’errore in area di rigore che dà il pareggio al Cagliari, in più soffre quando viene attaccato. 

(57’ EMANUELSON 5,5 Esordio tutto sommato positivo, anche se si vede che non giocava da tempo. Un po’ arrugginito)

Sempre più sicuro dei suoi mezzi, gioca da attaccante aggiunto sapendo di essere protetto alle spalle. Sfiora anche il gol tagliando alle spalle del difensore. 

Non una partita monumentale, però ha il grande merito di tenere vivo l’ultimo pallone disegnando il cross che Pinilla gira in porta per la vittoria. 

Più o meno come il suo compagno di reparto, in mezzo soffre la vitalità del Cagliari e non sempre è preciso. 

Si vede pochissimo. Dovrebbe essere il giocatore designato a creare e inventare ma rimane troppo sulle sue e viene fermato a più riprese. 

(65’ A. GOMEZ 5,5 Involuto rispetto ai tempi di Catania, non è ancora entrato nei meccanismi di questa squadra. Colantuono lo aspetta)

Segna un gran gol ed è l’uomo del destino, perchè dopo averci provato più volte converte l’occasione più difficile e manda al tappeto la sua ex squadra. Si è sbloccato e adesso può diventare fondamentale. 

Stavolta il Tanque non incide sulla partita. Vede pochi palloni, ne controlla ancora meno ed è ininfluente per la manovra dell’Atalanta. (83’ BOAKYE sv)

All. COLANTUONO 7 La sua Atalanta gioca con un’idea ben preciso. Si deve a lui la crescita di Zappacosta e l’aver insistito su Pinilla nonostante non si sbloccasse. Se riesce a far entrare Gomez nei meccanismi questa squadra può nuovamente esplodere, intanto sarebbe salvo. 

Para tutto quello che può, arrendendosi soltanto a Biava e alla magia di Pinilla. Il Cagliari ha fatto un ottimo acquisto, il passivo sarebbe potuto essere anche più pesante. 

Non è un laterale puro e si vede, però rintuzza con mestiere anche perchè Maxi Moralez raramente è un pericolo. Per contro, offensivamente è troppo timido. 

Partecipa al brutto movimento che consente a Biava di liberarsi e segnare nel primo tempo.

(69’ CEPPITELLI 5,5 Sul gol di Pinilla è Capuano che sembra “rubargli” Boakye, ma lui non reagisce in tempo e Pinilla gira in porta con grande libertà)

Sale lento sul primo gol, non si capisce con Ceppitelli sul secondo. Doppia frittata nei due momenti decisivi. 

Gioca una partita timida e soffre tanto Zappacosta, che a volte gli va via anche alle spalle creando scompiglio. 

Ritrova una maglia da titolare e la festeggia facendosi trovare pronto in area quando c’è da spingere il pallone in porta. 

Giocatore che sta crescendo, si muove con ordine e imposta bene. C’è un motivo se ha rubato il posto a Conti. 

Mezzo passo indietro rispetto a certe prestazioni di spessore; questa volta il giovane non lascia il suo segno sulla partita. 

Ci prova spesso e volentieri, sollecitato dai compagni, ma non ha lo spunto giusto per fare male alla difesa. 

(64’ FARIAS 5,5 Anche lui oggi è spento, entra a partita in corso ma non porta quella verve che Zola gli chiedeva)

Fuori condizione, l’attaccante al quale vengono chiesti i gol salvezza stecca la partita non avendo mai il tempo per colpire.

(71’ DUJE COP 5 Il suo ingresso in campo passa inosservato, in un momento in cui il Cagliari inizia a pensare che il pareggio sia un risultato accettabile)

Come Sau vede pochi palloni, si sbatte tanto per provare a rendersi utile ma intanto non ha ancora segnato in campionato. 

All. ZOLA 6,5 Voto al merito di aver rivitalizzato una squadra che sembrava non aver più niente da dare. Oggi è stato beffato nel recupero, ma è sulla strada giusta per centrare la salvezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori