Pagelle/ Milan-Psv (1-2): i voti della partita (Torneo di Viareggio 2015, girone 1)

- La Redazione

Le pagelle dei Milan Psv Eindhoven: i voti della partita per la prima giornata del girone 1 del Torneo di Viareggio 2015. I rossoneri hanno iniziato la difesa del titolo dell’anno scorso

MilanPrimavera
Milan Primavera (infophoto)

Nella ripresa i rossoneri vanificano con due banali errori difensivi quanto creato nel primo tempo. Prima Derosa si perde Hiwat con Donnarumma che esce e l’attaccante del Psv che pareggia con un colpo di tacco a sorpassare il portiere rossonero.

Partita che non regala spettacolo e vive di molti errori. Prestazione difficile da giudicare su un terreno davvero improponibile per una competizione così importante;

Chiamiamoli peccati di gioventù, ma il Milan è campione uscente di questa competizione e non dovrebbe permettersi tante leggerezze. Dopo il vantaggio del primo tempo sembra spianata la strada, che nella ripresa viene incrinata dagli errori della difesa.

Squadra giovane e di grande spessore tecnico, riesce a vincere la partita e raccogliere tre punti fondamentali.  

Gestisce bene la gara, senza errori e nessuna difficile decisione da prendere. 

Milan-Psv Eindhoven 1-0 al termine del primo tempo, decide il gol di Fabbro dopo 19 minuti. Il Psv parte forte con Lammers (6) che sulla corsia destra sembra in buona forma. I rossoneri poi però vengono fuori e sfiorano il gol con De Santis (6.5) grande parata di Van Osch (6.5). E’ solo il preludio al gol, poco dopo palla in mezzo di Crociata (6) e colpo di testa vincente di Fabbro (6.5). Questi sfiora poi la rete di tacco una decina di minuti dopo. Jansen decide di apportare un cambiamento, inserisce infatti Verstraaven per un inconcludente Naciri (5). All’intervallo i rossoneri sono avanti 1-0. Partita rapida e di grande intensità, con giovani di qualità e prospettiva sicura; Rossoneri in difficoltà nei primi minuti, la squadra di Brocchi viene però poi fuori dopo 15 minuti e oltre a segnare domina la partita; Sulla corsia sinistra ha scatto, qualità e quantità. Giocatore maturo che è costantemente convocato anche da parte di Filippo Inzaghi; Gli olandesi partono bene, ma poi rimangono dietro e vanno sotto perdendo le loro certezze. Centrocampo assente; il migliore tra i suoi, si muove con velocità sulla corsia, anche se poi soffre la grande prestazione di Felicioli, che quando gli prende le distanze non lo fa più muovere; uno dei giocatori più talentuosi non riesce a entrare in partita, prendendo anche un ingenuo giallo nei primi minuti. Sostituito a metà della prima frazione; Nessun episodio dubbio o particolarmente difficile, gara gestita bene e con buon ritmo. M.F.

Donnarumma 4: mai sicuro quando tirano da fuori, non riesce a bloccarla e mette spesso in apprensione i suoi. Compie un errore imperdonabile sulla rete del pareggio, quando esce e si fa sorpassare da un colpo di tacco a seguire. Nel finale prova il dribbling su Scamacca e perde palla, da lì nascerà il gol del 2-1;
Calabria 5.5: prende un colpo dopo pochi minuti che peserà sulla sua prestazione, incerto in un paio di situazioni;
De Santis 6: subito sfiora il gol con un inserimento, nella ripresa cala anche lui come i suoi compagni;
Derosa 5: grave errore sul gol del pareggio degli olandesi, non riesce a respingere un semplice pallone che arriva dalle sue parti;
Felicioli 6.5: tra i migliori, sulla corsia sinistra mette in grande apprensione gli avversari anche se dopo i gol soffre anche lui;
Mastalli 6.5: centrocampista di grande qualità, gioca sempre di prima. Nel finale sfiora il gol del pari colpendo da fuori una traversa;
Gamarra 6: in mezzo al campo ci mette grinta e volontà, tanta da prendere un giallo. Corre e si muove sempre in diagonale. Esce stanchissimo a venti dalla fine; (73′ Hadziosmanovic sv)
Crociata 6: si muove bene nel primo tempo, cambio di passo e diversi palloni dentro come quello che porterà al gol di Fabbro. Nella ripresa cala vertiginosamente, senza riuscire a muoversi tra i reparti. Esce dopo il 2-1 del Psv; (80′ Ronchi sv)
Di Molfetta 6: si sacrifica per i suoi compagni, lotta e torna anche dietro. Gioca una partita molto generosa;
Fabbro 6.5: segna il gol dell’uno a zero con un bell’inserimento, ci prova poi con un colpo di tacco a effetto senza riuscire a fare gol. Nella ripresa cala e si vede poco;
Cutrone 6: gioca con grande volontà, svariando su tutto il fronte d’attacco. Oggi però non vede la porta;

All.Brocchi 6: il suo Milan gioca bene e c’è da dire che è anche un pò sfortunato. Deve lavorare sulla gestione del risultato che i suoi in campo troppo presto hanno pensato di aver portato a casa.

Van Osch 6: un paio di parate di bella fattura, poteva davvero poco sul gol di Fabbro;
Abels 5.5: anche lui soffre la velocità degli esterni rossoneri. Brutta entrata nel finale;
Alberto 6: nella ripresa gioca con grande attenzione al centro della difesa, sventando numerosi pericoli;
Groenedijk 6: nella ripresa cresce dopo un primo tempo molto difficile;
Rommens 5.5: non riesce a tenere Felicioli sulla corsia, che lo salta regolarmente;
Berden 5: primo tempo senza qualità, la squadra rimane dietro e non riesce a offrire passo. Esce nella ripresa; (46′ Scamacca 7): l’ex talento della Roma entra con grande voglia in campo tanto da prendersi quasi subito un giallo. Entra con decisione nella rete del 2-1 credendo in un pallone perso e rubandolo dai piedi di Donnarumma, generoso serve dentro Hiwat;
Paal 5: sempre in ritardo non riesce a tenere la posizione. Esce a poco dalla fine per un problema fisico; (85′ Weymans sv)
Lammers 6.5: uno dei pochi positivi nel primo tempo, corre sempre molto allargando il gioco della sua squadra;
Van der Moot 5: prestazione al di sotto delle aspettative, nel primo tempo si muove molto mentre nella ripresa cala vertiginosamente, gara da dimenticare; (65′ Lundqvist 6): mette pressione davanti con grande qualità;
Hiwat 7: nel primo tempo tocca pochissimi palloni, nella ripresa invece segna due reti. La prima con un colpo di genio di tacco, la seconda su palla servita dentro da Scamacca;
Naciri 5: uno dei giocatori più talentuosi non riesce a entrare in partita, prendendo anche un ingenuo giallo nei primi minuti. Sostituito a metà della prima frazione; (30′ Verstraaven 6): entra in campo con grande voglia e spessore tecnico. Gioca una buona gara sulla corsia esterna;

All. Jansen 6: ammette anche lui di essere stato fortunato nella ripresa. Bella reazione dei suoi, ma lasciare Scamacca in panchina è un errore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori