Video/ Inter-Cagliari (1-2): highlights e gol della partita. Di Gennaro: vittoria che riempie d’orgoglio (Serie A 2016-2017, 8^ giornata)

- La Redazione

Video Inter-Cagliari (risultato finale 1-2): highlights e gol della partita che si è giocata domenica 16 ottobre ed è stata valida per l’ottava giornata del campionato di Serie A

handanovic_brunico
Foto LaPresse

Riempie certamente dorgoglio i tifosi della formazione sarda la bella vittoria in trasferta tra Inter e Cagliari, in programma per ieri allo Stadio San Siro per l8^ giornata del campionato di Serie A. Un risultato finale di 2 a 1 che premia la squadra di Rastelli. Il giovane Davide Di Gennaro, intervistato dai microfoni di Sky Sport ha voluto così commentare la prestazione del suo Cagliari: Vincere in casa di una delle squadre più forti del nostro campionato è motivo dorgoglio: abbiamo preparato benissimo questa trasferta nelle due settimane precedenti. Abbiamo fatto un primo tempo forse un po timoroso perché comunque temevamo molto le loro individualità di attacco che sono enormi e però abbiamo fatto un secondo tempo strepitoso: siamo andati sotto forse nel nostro momento migliore e questo non ci ha demoralizzato anzi siamo riusciti a rimontare e forse alla fine poteva esserci anche un risultato più largo, ma è comunque un risultato prezioso, doro che ci prendiamo

Dopo la brutta sconfitta subita in casa contro il Cagliari nella 8^ giornata della Serie A  e soprattutto dopo le polemiche suscitate da alcune frasi riportate nella autobiografia di Icardi che hanno offeso diversi tifosi nerazzurri, il clima in casa Inter è funereo e il lavoro nel prossimo giorni per la dirigenza si annuncia tutto in salita. Il dirigente Ausilio, intervistato nel post match di Inter-Cagliari dai microfoni della redazione sportiva di Sky ha dichiarato a proposito del match: noi partiamo sempre dal massimo per poi portare a casa il minimo. Oggi lInter, per la squadra che ha e per come è stata costruita, ma così come la Roma, il Napoli, il Milan sono state costruite per cercare di rientrare in Champions League o per andarci come è successo con il Napoli. Noi vogliamo essere lì. Cè fiducia su De Boer? Sono otto partite di campionato siamo in crescita, dopo otto partite lInter non può essere la migliore: ha fatto vedere tante belle cose, magari per 40 60 minuti a partita. Dobbiamo lavorare ancora abbiamo dei difetti e dobbiamo correggerli anche abbastanza velocemente, il tempo passa e scappano via tutti.

La vittoria del Cagliari in casa dellInter nell8^ giornata del campionato 2016-2017 di Serie A ha visto la firma di Federico Melchiorri, autore del gol decisivo che ha riaperto il match al 71 minuto. Il giovane attaccante della formazione rossoblù di Rastelli, intervistato a fine partita dai microfoni della redazione sportiva di Sky ha poi dichiarato: E ancora splendido, che emozione quando succede una cosa del genere. Sono punti fondamentali, questa è la cosa principale, e abbiamo cominciato a fare punti in trasferta e questo è ancor più importante. Borriello escluso eccellente? No ci ha dato moltissimi consigli sul match di oggi, è giocatore che comunque sia, e per quanto si dica, quando è entrato ci ha dato qualcosa che ci ha permesso di recuperare una partita in cui non riuscivano a segnare. Con questa vittoria il Cagliari sale alla 7 posizione nella classifica del campionato a quota 13 punti, a parimerito con il Chievo di Maran.

Si è conclusa con la brutta sconfitta dei nerazzurri il match andato in scena ieri pomeriggio a San Siro tra Inter e Cagliari, valido per la 8^ giornata di Serie A. Tanti gli errori nella formazione nerazzurra (tra cui il brutto autogol di Handanovic, oltre che il rigore sbagliato di icardi) già nel vortice delle polemiche per via di alcune frasi pubblicate nellautobiografia del capitano Mauro Icardi che hanno fatto infuriare i tifosi. Al termine del match il tecnico dellInter Frank De Boer ha così analizzato la prestazione nerazzurra ai microfoni di Sky Sport, volendo anche parlare a proposito del rigore sbagliato dallo stesso Icardi: Per me dopo il nostro gol abbiamo dimenticato come giocare: in questi momenti dobbiamo essere in grado di rispondere agli avversari che pressano. Il rigore? Mauro Icardi di solito è sempre molto calmo, oggi no: ha sentito linfluenza della contestazione. Per me, lo dico nuovamente è un giocatore calmo di solito.

Il Cagliari espugna il Meazza con un clamoroso 2-1 e spinge l’Inter sull’orlo di una crisi. Di risultati ma soprattutto di nervi. La Curva Nord ha contestato aspramente il capitano nerazzurro Mauro Icardi, con cori e striscioni pesantissimi che hanno accompagnato l’argentino per tutta la durata della partita. Il motivo? Alcune frasi apparse nel nuovo libro del giocatore che non sono andate giù a una frangia di tifo interista. Il clima surreale ha toccato Icardi, sempre fuori dalla manovra e impreciso dagli undici metri: al minuto 24 l’attaccante ha infatti cestinato un calcio di rigore spendendo sul fondo il pallone del possibile 1-0. Andiamo però con ordine, perché nel primo tempo l’Inter ha messo in mostra un buon calcio. Tanto possesso palla, fasce sfruttate a dovere e manovra avvolgente. Il Cagliari si vede soltanto in avvio con una torsione di Ceppitelli deviata in corner da Perisic. Joao Mario prova a suonare la carica con due bordate da fuori ma i tiri del portoghese non sono precisi da impensierire Storari. Nella ripresa Di Gennaro fa venire i brividi ad Handanovic con un piazzato dal limite mentre poco dopo lo sloveno è decisivo nel disinnescare le conclusioni di Melchiorri e Sau. Al 55′ Joao Mario, il migliore dell’Inter, sblocca il risultato. Perisic, dalla sinistra, mette in mezzo un assist basso per l’ex Sporting Lisbona che calcia di prima intenzione. Il portiere del Cagliari intercetta ma non trattiene: Joao Mario è il più lesto di tutti a spingere il pallone in rete. Da questo momento in poi l’Inter smette di giocar, fallisce il raddoppio con Icardi e getta al vento tre punti. La squadra si sbilancia (a poco serve l’ingresso in campo di Gnoukouri) e i sardi trovano il meritato pareggio. Di Gennaro scodella in area un pallone deviato da Murillo che arriva dalle parti di Melchiorri. Miranda non è impeccabile e l’attaccante del Cagliari è bravissimo a realizzare da pochi passi da Handanovic. Nel finale lo scatenato Melchiorri propizia l’atorete di Handanovic con un tiro deviato da Murillo e spinto in fondo alla porta da un goffo intervento dell’estremo difensore nerazzurro. Il Cagliari potrebbe segnare anche il terzo gol ma i vari tentativi di Borriello, Isla e Padoin vengono intercettati da Handanovic. Analizzando le statistiche notiamo come l’Inter abbia concluso in porta 17 volte, 4 nello specchio; i sardi non sono da meno con 11 tiri, 6 dei quali in porta. Il possesso palla sorride ai nerazzurri (66,1% contro 33,9%) ma non si rivela utile.

Al termine di Inter-Cagliari eco quanto dichiarato a Premium Sport dal tecnico dei nerazzurri, Frank De Boer: “Dopo il nostro gol abbiamo smesso di giocare. Doveva essere più facile, si sarebbero aperti spazi invitanti ma non abbiamo giocato come sappiamo fare. Icardi? Non so se abbia patito la situazione di oggi. Di solito è un giocatore che sta calmo, oggi magari non era tranquillo. Nella prima parte abbiamo giocato bene, abbiamo messo in mezzo tanti cross ma nessuno è stato bravo a finalizzarli. E’ un momento difficile perché non mi aspettavo questa sconfitta. Nei primi 70′ abbiamo controllato il match ma dopo la rete di Joao Mario abbiamo perso la testa. In casa contro il Cagliari, con tutto rispetto per i sardi, dovevamo vincere”.

Queste invece le dichiarazioni del man of the match Federico Melchiorri: “Dovevamo fare almeno un punto, abbiamo vinto e meglio di così non poteva andare. Segnare ed essere qui è emozionante. E’ il pomeriggio più bello della mia carriera. Mi meritavo queste soddisfazioni. Stiamo facendo un ottimo campionato”. (Federico Giuliani)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori