PAGELLE / Cagliari-Crotone (2-1): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2016-2017, 7^giornata)

- La Redazione

Le pagelle di Cagliari-Crotone 2-1: Fantacalcio, i voti della partita di Serie A disputata domenica 2 ottobre 2016 allo stadio Sant’Elia, valida per la 7^giornata di campionato

borriello_salto
(LAPRESSE)

Allo Stadio Sant’Elia il Cagliari ottiene il secondo successo casalingo consecutivo superando il Crotone per 2 a 1. Nel primo tempo, nonostante un inizio molto equilibrato, i sardi passano in vantaggio con Di Gennaro al 38′ grazie ad un gran tiro dalla distanza su passaggio di Tachsidis, con gli ospiti che avevano invece perso poco prima il proprio capitano Claiton Dos Santos, uscito infortunato per un colpo alla testa in uno scontro di gioco con il compagno Ceccherini. Nella ripresa sono sempre i padroni di casa a cercare la rete con maggiore insistenza e trovano infatti il raddoppio al 56′ quando, al termine di un bel cotropiede, Borriello colpisce la traversa ed il pallone rimbalza in campo favorendo Sau che appoggia a Padoin per la conclusione deviata ma vincente. Pure Murru si dimostra impreciso nel cercare lo specchio colpendo un palo al 62′ mentre inutile si rivela la rete segnata su punizione da Stoian al 91′, il cui tiro-cross sorprende il portiere avversario Rafael a fil di traversa nei minuti di recupero.

Gara molto divertente in terra sarda con entrambe le compagini che hanno saputo effettuare delle belle giocate.

Macina il proprio gioco con convinzione e, una volta in vantaggio, amministra il risultato correndo pochi rischi seri.

La prestazione vista in campo oggi avrebbe meritato forse qualcosa in più rispetto al risultato finale ma l’imprecisione sottoporta dei calabresi è stata costante per tutta la gara.

Partita semplice da dirigere per lui questo pomeriggio con poche ammonizioni meritate. 

Ecco i nostri voti del primo tempo della sfida tra Cagliari e Crotone con i migliori ed i peggiori finora. Allo Stadio Sant’Elia le formazioni di Cagliari e Crotone sono da poco rientrate negli spogliatoi per l’intervallo sull’1 a 0. Il match si rivela abbastanza equilibrato con occasioni per entrambe le compagini, ricordando in particolare rispettivamente quelle per Tachtsidis al 25′, la cui conclusione è stata respinta da Cordaz, e quella sul versante opposto per Falcinelli, il cui tiro termina di poco alto sopra la traversa. Il vantaggio sardo arriva al 38′ quando, sul ribaltamento di fronte dal calcio d’angolo per il Crotone, Tachtidis appoggia sulla trequarti per Di Gennaro che inquadra l’angolino basso senza lasciare scampo al portiere ospite. I calabresi tentano di reagire già al 40′ con Rohden e la conseguente parata di Rafael in corner. Peccato per l’infortunio capitato al capitano del Crotone Claiton Dos Santos, uscito infortunato al 27′ dopo uno scontro tra la sua testa e quella del compagno Ceccherini.

Crea gioco e passa in vantaggio seppur conceda molto spazio agli avversari. Voto da spartire con Tachtsidis, tocca pochi palloni ma in maniera precisa e letale come avviene con la rete del vantaggio. Comincia bene ma finisce col pasticciare e perdere troppi palloni.

Costruisce con intelligenza ma si fa prendere dalla fretta una volta vicini alla porta. Sempre pronto ed attento, può fare davvero poco sul tiro preciso di Di Gennaro. Si rivela troppo falloso ed aiuta poco la manovra della squadra. (Alessandro Rinoldi)

Cagliari

Decisamente colpevole sulla rete subita da Stoian nel finale direttamente su punizione e da distanza siderale.

Predilige la fase difensiva a quella offensiva cercando di contenere Palladino.

Chiude quasi tutto quello che passa dalle sue parti.

Rischia grosso nel primo tempo su un appoggio errato ma si fa perdonare.

Troppo confusionario sulla corsia mancina, finisce col perdere troppi palloni.

Non perde mai la posizione dopo essersi fatto soffiare il possesso qualche volta di troppo rivelandosi comunque importante.

Manovra sapientemente il centrocampo ed in generale tutto il gioco del Cagliari ispirando i compagni con passaggi precisi.

Realizza il fondamentale goal del raddoppio chiudendo la partita nel secondo tempo.

La sua intelligenza tattica produce tanti movimenti di difficile lettura per gli avversari e realizza anche il goal del vantaggio con una splendida conclusione dalla distanza, sfiorando oltretutto la doppietta nel secondo tempo.

Fatica a mettersi in luce oggi sebbene lavori parecchio per mantenere impegnata la difesa calabrese e favorire il gioco dei suoi compagni, senza dimenticare la sfortunata traversa del 56′.

Non si fa notare particolarmente questo pomeriggio pur essendo sempre una spina fastidiosa per la difesa avversaria.

 

Inserito per l’incisivo Di Gennaro, lo fa rimpiangere non riuscendo ad entrare in partita. 

Prende il porto di Sau senza avere a disposizione palloni utili.

Pochi minuti a disposizione per far rifiatare Isla.

 

All. RASTELLI 7 Imposta bene la partita come confermano i suoi giocatori nel corso della stessa.

Crotone

Sempre pronto ed attento, può fare davvero poco sul tiro preciso di Di Gennaro. Nella ripresa non viene sempre supportato dalla sua difesa.

Fa il suo dovere bloccando diverse iniziative sarde.

Come sempre è imbattibile sui palloni aerei ma al 27′ è costretto a lasciare in campo in favore di Dussenne a causa di una botta alla testa riportata dopo uno scontro di gioco con il compagno Ceccherini al 10′.

Pecca di attenzione concedendo spazio.

Si spegne inaspettatamente dopo un buon primo tempo.

Il mister si affida a lui ma non lo ripaga con una prestazione opaca e viziata da due colpi di testa sprecati da ottima posizione.

Il suo rendimento cresce lentamente con diverse palle riconquistate senza però incidere.

Patisce il diretto avversario nella sua porzione di competenza.

Si perde per il campo nonostante gli ottimi quindici minuti disputati ad inizio match.

In questo inizio di campionato non ha ancora trovato il goal ma oggi lo avrebbe certamente meritato con grandi opportunità mancate sia nel primo che nel secondo tempo.

Avrebbe sicuramente dovuto fare qualcosa di più, come l’imbucata sprecata da Simy, invece di limitarsi a qualche corner conquistato dalla fascia mancina.

 

Valorizza leggermente il suo lavoro con un paio di chances pericolose nell’ultimo quarto d’ora.

Due buone occasioni a disposizione nel finale: colpisce male in entrambi i casi.

Prova a dare qualcosa in più attraverso la sua tecnica con il suo ingresso in campo e realizza il goal della bandiera anche se in maniera abbastanza fortuita.

 

All. NICOLA 5,5 La squadra in generale non gioca male ma manca di concretezza nell’ultimo passaggio, con alcuni interpreti che devono migliorare la propria mira.

 

(Alessandro Rinoldi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori