Probabili formazioni / Rapid Vienna-Sassuolo: la panchina emiliana. Le quote, le ultime novità live. (Europa League girone F, oggi 20 ottobre 2016)

- La Redazione

Probabili formazioni Rapid Vienna-Sassuolo: quote, le ultime novità live sulla partita che si gioca giovedì 20 ottobre ed è valida per la terza giornata del girone F di Europa League

magnanelli_politano_sassuolo
LaPresse

In Rapid Vienna-Sassuolo potrà essere importante anche il contributo delle panchine: quella di Eusebio Di Francesco ha già dimostrato di avere grande valore e di poter rivaleggiare con i titolari. Anche perchè limpegno europeo ha obbligato lallenatore dei neroverdi a girare molte più volte la sua formazione, dando campo anche a chi lo scorso anno avrebbe probabilmente giocato meno. Giocatori come Federico Ricci, Luca Mazzitelli e Luca Antei si possono considerare riserve, ma quando sono stati chiamati in causa hanno dato tanto alla causa, anche e sopratutto in termini di gol; ci sono poi elementi come Pietro Iemmello e Stefano Sensi, che domenica hanno trovato entrambi il primo sigillo in Serie A e hanno permesso al Sassuolo di vincere in rimonta contro il Crotone. E dunque difficile stabilire quali siano i titolari e quali le riserve nel Sassuolo di oggi; di sicuro però le seconde linee di Di Francesco oggi si faranno trovare pronti.

Si avvicina Rapid Vienna-Sassuolo: una partita che sarà molto interessante anche perché nelle formazioni delle due squadre ci sono tanti giocatori giovani e che in questo palcoscenico di Europa League possono mettersi in grande luce. Abbiamo parlato di Joelinton e Louis Schaub per il Rapid Vienna, ma ci sono anche elementi come i due attaccanti Giorgi Kvilitaia (georgiano) e Maximilian Entrup che hanno rispettivamente 23 e 19 anni, o come lo stesso Arnor Ingvi Traustason che è un classe 93, per non parlare del trequartista ungherese Tamas Szanto che allinizio dellanno ha festeggiato le 20 primavere. Il Sassuolo ha fatto della crescita e maturazione dei giovani il suo punto di forza: dal classe 94 Domenico Berardi al quale si è aggiunto il coetaneo Federico Ricci, passando per Lorenzo Pellegrini (96) e Alfred Duncan (93) o Luca Mazzitelli (95) arrivato in estate dal Brescia, come anche Stefano Sensi (altro 95) già protagonista a Cesena, arrivando fino al diciannovenne Pol Lirola; due squadre che puntano molto sulla linea verde e anche questa sera potrebbero darci un assaggio della bontà dei loro progetti. 

Il Rapid Vienna ospita il Sassuolo sapendo di dover centrare una grande prestazione offensiva per ottenere la vittoria. Il problema per gli austriaci è che nella rosa manca un grande bomber: Joelinton, di cui abbiamo parlato in precedenza, non è esattamente uno sfondareti. Le statistiche di questo inizio di stagione ci dicono che attualmente il miglior marcatore del Rapid Vienna è Louis Schaub: si tratta di un classe 94 che è cresciuto nelle giovanili del Rapid, e che si è trasferito in prima squadra già nel 2012 quando aveva 18 anni. Cresciuto con il passare del tempo, è stato il trascinatore dei suoi nei preliminari di Europa League con 4 reti in altrettante partite, e ha già timbrato il cartellino 5 volte in campionato per una media di un gol  ogni due partite giocate. E un trequartista che spesso gioca anche come esterno offensivo: ha fiuto del gol e sta trovando una grande stagione realizzativa, ma forse non può ancora essere considerato un grande bomber. Intanto ha già guadagnato la nazionale maggiore: con lAustria Schaub ha giocato una partita, dopo averne messe insieme 32 nelle nazionali giovanili (16 in Under 21, con 3 gol). 

Dovrebbe essere Alessandro Matri a guidare il tridente offensivo in Rapid Vienna-Sassuolo, ma fino allultimo rimane una leggera possibilità che Grégoire Defrel si prenda una maglia da titolare al centro dello schieramento. Dubbio giustificato dalle ottime cifre messe insieme dallattaccante francese: esploso nel Cesena due anni fa, Defrel si è confermato lo scorso anno nella sua prima stagione con la maglia del Sassuolo e al 20 ottobre 2016 ha messo insieme 7 gol nelle 12 partite giocate, 4 dei quali in campionato e già uno nel girone di Europa League. Sulla carta Matri è attaccante di esperienza decisamente superiore: con la Juventus ha giocato (e segnato) in Champions League, ha vinto scudetti e coppe, ha girato tante squadre. Da quando ha lasciato i bianconeri però non ha mai trovato la giusta continuità, soprattutto sul piano fisico: Milan, Fiorentina, Lazio, oggi il Sassuolo, ma raramente è stato decisivo a lungo termine. Questanno Matri ha giocato 7 partite, ma raccogliendo 237 minuti totali; va ancora a caccia del primo gol stagionale e dunque del primo con la maglia neroverde, questa per lui potrebbe essere loccasione giusta. 

Il Sassuolo che questa sera sfida il Rapid Vienna ha avuto tanti problemi di infortuni nella prima parte di stagione; limportanza e la bontà del progetto di Eusebio Di Francesco si sono viste quando, con la rosa decimata, ilSassuolo è comunque riuscito a fare risultati pescando a piene mani dalla sua panchina. Giocatori come Luca Antei, Timo Letschert, Luca Mazzitelli, Stefano Sensi, Pietro Iemmello, Federico Ricci non erano titolari allinizio dellanno, o comunque non si potevano considerare inamovibili dallundici iniziale; ognuno di loro però ha portato il suo contributo alla causa e non è un caso che domenica, nella rimonta contro il Crotone, i gol siano arrivati da Sensi e Iemmello alla loro prima rete in Serie A. Anche per questa sera Di Francesco si affida a loro; forse il simbolo che racchiude tutti questi giocatori è Pol Lirola, il terzino destro spagnolo arrivato dalla Primavera della Juventus che appena chiamato in causa ha risposto con grandi prestazioni, e che in questo momento ha scalzato Gazzola almeno così pare dalle gerarchie del suo allenatore, diventando un elemento fondamentale di una squadra che vuole qualificarsi al prossimo turno di Europa League. 

) Domenico Berardi non cè? Ci pensa Matteo Politano. Anche in Rapid Vienna-Sassuolo molto sarà sulle spalle di questo ragazzo cresciuto nel vivaio della Roma, dove ha vinto uno scudetto Primavera. Allora il suo ruolo non era di titolare fisso: gli rubava il posto, spesso e volentieri, Amato Ciciretti che oggi è protagonista nel Benevento in Serie B. Eppure Politano, tra tutti quei giallorossi che si sono cuciti addosso il tricolore, è uno di quelli che ha fatto più strada: arrivato al Sassuolo lo scorso anno, ha trovato un ambiente florido nel quale crescere con serenità e senza lassillo del risultato. Sempre più centrale nel progetto di Eusebio Di Francesco e abituato a giocare nel 4-3-3, Politano questanno ha già segnato 5 gol in stagione, due dei quali in campionato e due già nella fase a gironi di Europa League. In assenza di Berardi sembra poter diventare il leader di questo Sassuolo che continua a stupire e punta la qualificazione ai sedicesimi; questa sera per lui un altro importante test per vedere a quale punto sia la sua maturazione come giocatore e come voce importante in campo e nello spogliatoio. 

Domenico Berardi si allena a parte e salterà Rapid Vienna-Sassuolo. Era nellaria, adesso è una certezza: il numero 25 del Sassuolo è ancora ai box. Una tegola per Eusebio Di Francesco, che sta comunque riuscendo ad avere grande collaborazione da tanti dei suoi giocatori offensivi; Berardi però di questa squadra è lanima e il principale finalizzatore, e qualche battuta darresto senza di lui è arrivata. Inizio di stagione fantastico per Berardi: 7 gol in 6 partite, trascinatore assoluto nei playoff di Europa League. Poi lo stop, appena prima della partita contro la Juventus: sembrava un infortunio di poco conto, e invece da allora lattaccante non ha più giocato, saltando entrambe le partite del girone europeo e sei gare di campionato. Come detto il Sassuolo ha comunque incamerato vittorie scoprendo nuovi protagonisti; Berardi però nel lungo periodo è imprescindibile per questa squadra, soprattutto se gli emiliani faranno strada in Europa League arrivando ai sedicesimi di finale. Di Francesco spera di poterlo recuperare in fretta. 

Lo abbiamo già detto, lo ripetiamo: in Rapid Vienna-Sassuolo i neroverdi dovranno fare particolarmente attenzione alla prima punta della formazione austriaca. Joelinton Cassio Apolinario de Lira, conosciuto semplicemente come Joelinton, è un calciatore giovanissimo: da due mesi ha compiuto 20 anni, nato ad Aliança nello stato del Pernambuco. Lo ha lanciato il Recife, squadra con cui ha fatto in tempo a vincere un campionato regionale; passato poi allHoffenheim, in Germania ha giocato pochissimo ma, trasferitosi al Rapid Vienna, sembra essere definitivamente esploso. Magari non segna tantissimo (5 gol nelle 19 presenze stagionali) ma è un giocatore dalle grandi movenze, che sa anche fare assist per i compagni; un attaccante di movimento che con i suoi tagli e le sue incursioni a prendere palla sulla trequarti può davvero mettere in difficoltà la difesa del Sassuolo. Occhi puntati su di lui dunque, e sul tagliare i rifornimenti che i giocatori del Rapid cercheranno di fargli arrivare nel corso della partita.

Si gioca alle ore 21:05 di questa sera; partita interessante quella della capitale austriaca, perché nel girone F di Europa League 2016-2017 entrando nella terza giornata tutte le quattro squadre hanno 3 punti, avendo vinto una partita a testa e perso laltra. Un turno dunque per sparigliare le carte, ancora di più per il Sassuolo che ha loccasione di vincere fuori casa. Arbitra la partita il portoghese Hugo Miguel, andiamo a guardare in maniera più dettagliata quali sono le probabili formazioni di Rapid Vienna-Sassuolo.

Per Rapid Vienna-Sassuolo le quote fornite dallagenzia di scommesse Snai ci danno le seguenti informazioni: la vittoria del Rapid Vienna (segno 1) vale 2,20; il pareggio (segno X) vale 3,40 mentre la vittoria del Sassuolo (segno 2) vi permetterà di guadagnare 3,20 volte la somma che avrete deciso di mettere sul piatto.

Il Rapid Vienna, allenato da Mike Buskens, ha soprattutto nella sua fase offensiva il punto di forza. Giocatori come la prima punta Joelinton (assoluto protagonista nella vittoria contro il Genk) o capitan Schwab, che gioca sulla trequarti, sono elementi che il Sassuolo dovrà tenere docchio dal primo allultimo minuto perché capaci di fare la differenza con qualche accelerazione. A loro si aggiunge lislandese Traustason che abbiamo imparato a conoscere nel corso dellestate; sulla destra agisce invece Schwab. Il punto debole è invece la difesa: poco impermeabile e spesso distratta, si fonda su Schosswendter e Dibon che sono i due centrali a protezione del portiere Strebinger, mentre Pavelic e Schrammel dovrebbero essere i terzini. La cerniera di metacampo che protegge la difesa e dà supporto allazione offensiva prevede invece Grahovac e Mocinic, ma non è escluso che uno dei due Hofmann possa iniziare questa partita.

Reduce dalla vittoria in rimonta sul Crotone, il Sassuolo riparte dallEuropa e deve ancora una volta fronteggiare più di unemergenza. Non rientrano Missiroli e Domenico Berardi, le cui assenze iniziano a essere datate; Biondini viene dunque chiamato agli straordinari, Magnanelli è insostituibile o quasi mentre Mazzitelli dovrebbe prendere il posto di Pellegrini, che dunque si candiderà a essere titolare in campionato. Per quanto riguarda Berardi, il suo posto dovrebbe nuovamente essere occupato da Politano; il laterale cresciuto nella Roma giocherà sulla destra nel tridente offensivo, con Defrel che potrebbe allargare la sua posizione dallaltra parte e consentire così a Matri, rientrato dallinfortunio, di agire come attaccante centrale. In difesa invece cè più scelta, anche se Timo Letschert ha problemi a una spalla: Paolo Cannavaro va verso una maglia da titolare per dare riposo ad Acerbi, a fare coppia con lex Napoli è favorito Antei mentre sulle fasce non si cambia, con Lirola che dovrebbe sopperire a un Gazzola non al top e Peluso che dovrà fare gli straordinari sulla corsia mancina. In porta poche sorprese: il titolare anche in Europa League è Consigli.

 

 30 Strebinger; 22 Pavelic, 3 Schosswendter, 17 Dibon, 4 Schrammel; 15 Grahovac, 26 Mocinic; 10 Schaub, 8 Schwab, 23 Traustason; 34 Joelinton

A disposizione: 1 Novota, 24 Auer, 20 M. Hofmann, 11 S. Hofmann, 18 Szanto, 36 Arase, 13 Kvilitaia

Allenatore: Mike Buskens

Squalificati: –

Indisponibili: –

 47 Consigli; 20 Lirola, 28 Cannavaro, 5 Antei, 13 Peluso; 22 Mazzitelli, 4 Magnanelli, 8 Biondini; 16 Politano, 10 Matri, 11 Defrel

A disposizione: 79 Pegolo, 98 Adjapong, 15 Acerbi, 6 L. Pellegrini, 27 F. Ricci, 9 Iemmello, 90 Ragusa

Allenatore: Eusebio Di Francesco

Squalificati: –

Indisponibili: Letschert, Duncan, Missiroli, D. Berardi

 

Arbitro: Hugo Miguel (Portogallo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori