RISULTATI/ Qualificazioni Mondiali 2018 classifica aggiornata, diretta gol livescore: Poker CR7, Olanda scatenata, Far Oer storiche (7 ottobre 2016)

- La Redazione

Risultati qualificazioni mondiali di Russia 2018: la classifica aggiornata  dei gironi e la diretta gol live score dei match in programma per il 7 ottobre 2016, pari dell’Italia.

GruppoItalia_Euro2016
LaPresse

Risultati finali nelle partite di qualificazione ai Mondiali 2018, e ovviamente cambia la classifica dei gironi A, B e H che erano impegnati nella serata di venerdì. Come da copione arrivano le goleade di Olanda e Portogallo: i lusitani si divertono contro Andorra, arriva anche il primo storico poker in nazionale per Cristiano Ronaldo ma la brutta notizia è data dallinfortunio muscolare di Raphael Guerreiro. Si diverte anche lOlanda: Vincent Janssen continua a segnare e si iscrive alla festa di Quincy Promes che apre i conti con la doppietta personale, a segno anche Davy Klaassen e dunque si rivela soltanto uno spavento e nulla più il gol con cui Alexei Rios aveva dimezzato i conti. Vince bene anche la Francia, che dimostra di poter dare spettacolo come e quando vuole: la sberla del rigore di Aleksandrov sveglia I Bleus che dilagano già nel primo tempo e nella ripresa trovano anche il quarto gol con Kevin Gameiro, che timbra così la prima doppietta in nazionale. Bella partita a Budapest tra Ungheria e Svizzera: Adam Szalai risponde subito ad Haris Seferovic ma i rossocrociati ritrovano il vantaggio con il sinistro al volo di Ricardo Rodriguez, ancora Szalai al 71 pareggia i conti in mischia ma al 90 minuto Valentin Stocker ha lultima parola per unimportante vittoria esterna. La Svezia soffre tantissimo ma alla fine passa in Lussemburgo grazie al bel tiro al volo di Mikhail Lustig, storica vittoria delle Far Oer che non vincevano in trasferta, nelle qualificazioni Mondiali, da ben 15 anni e lo fanno contro una deludente Lettonia. Resiste per un solo tempo il fortino di Gibilterra: alla fine lEstonia dilaga anche grazie al diciottenne Mattias Kait che alla seconda presenza in nazionale segna una doppietta. Succede poco nel secondo tempo in Grecia e gli ellenici battono Cipro, nello stesso girone netta vittoria del Belgio che approfitta della pochezza della Bosnia per dare spettacolo (bello il gol di tacco di Toby Alderweireld) e arrotondare il risultato con il poker di Romelu Lukaku (il fratello Jordan esce presto per una botta alla caviglia). Domani si torna in campo con i gironi C, E ed F. 

Siamo arrivati all’intervallo delle nove partite che compongono la serata delle qualificazioni al Mondiale 2018. Tanti i gol segnati: domina come da copione il Portogallo contro Andorra, nel finale di frazione arriva anche il tris di Joao Cancelo. A Parigi la Francia fa show: anche Antoine Griezmann si iscrive alla festa sfruttando un clamoroso errore della difesa della Bulgaria, i Bleus girano sul 3-1 in una partita che si era messa malissimo dopo appena 6 minuti. Si mette bene invece per la rinnovata Olanda: gran serata da parte di Quincy Promes che trova una doppietta e consente agli Orange di aver quasi chiuso la partita contro la Bielorussia, per portarsi in testa al girone A sfruttando appunto la sconfitta della Bulgaria. Raddoppio anche della Grecia: segna Mantalos ma il gol è un regalo pazzesco della difesa cipriota (in particolare del portiere Panayi che sbaglia un banale appoggio al compagno). Il Belgio fa uno-due in due minuti: autorete di Emre Spahic, poi gol di Eden Hazard che salta Begovic sul bellissimo assist di Mertens. Resistono per ora i fortini di Lussemburgo (contro la Svezia) e Gibilterra (contro l’Estonia), è pareggio a reti bianche anche in Ungheria-Svizzera mentre come abbiamo già riportato le Far Oer sono avanti a sorpresa sul campo della Lettonia che non ha mai vinto due partite consecutive in un girone di qualificazione e rischia di non farlo nemmeno adesso, nonostante un calendario estremamente favorevole.

Cambiano altri risultati nelle qualificazioni al Mondiale 2018: vantaggio dell’Olanda con il primo gol in nazionale di Quincy Promes che sfrutta un flipper nell’area di rigore della Bielorussia (poco dopo gol annullato a Van Dijk, ma la posizione di partenza del difensore sembrava essere del tutto regolare). Pareggia la Francia al 23′: secondo gol in nazionale di Kevin Gameiro che si avvita in tuffo di testa per raccogliere il cross da destra di Sagna (che esce poco dopo per un problema fisico) e infila una rete splendida rimettendo in partita i Bleus, che dopo aver subito il rigore di Aleksandrov avevano preso in mano le redini del gioco. La conferma arriva al 26′: un cross di Dimitri Payet che nessuno tocca e si infila beffardo in porta alle spalle di Stoianov ribalta tutto. A sorpresa sono in vantaggio le Isole Far Oer sul campo della Lettonia grazie al difensore centrale Nattestad; Emre Spahic infila la porta sbagliata e la Bosnia va sotto contro il Belgio, mentre in Grecia Kostas Mitroglou porta in vantaggio i padroni di casa contro Cipro.

Al 2′ minuto di gioco si è già sbloccato il primo dei risultati della serata: Portogallo in vantaggio su Andorra in quella che si profila come possibile goleada. Confermato, questo scenario, dal fatto che al 4′ minuto è già 2-0: doppietta di Cristiano Ronaldo, tanto per cambiare. Il primo gol con un sinistro al volo su respinta corta della difesa di Andorra, con l’attaccante lusitano prontissimo a rialzarsi dopo un presunto fallo. Passano soltanto due giri di lancette e CR7 raddoppia: questa volta il bomber del Real Madrid, lasciato solissimo a centro area, stacca sul cross dalla sinistra di Quaresma e fulmina il portiere avversario. Con questo risultato il Portogallo prenderebbe i primi punti in questo girone B di qualificazione ai Mondiali 2018; la strada per la qualificazione diretta è ancora lunga ma certamente questa partita contro Andorra potrebbe incamminare bene i lusitani. Cambia il risultato a sorpresa anche in Francia-Bulgaria: calcio di rigore procurato da Milanov che subisce il fallo (dubbio) di Sagna, dal dischetto Mihail Aleksandrov tocca il palo alla destra di Lloris ed è fortunato perchè il pallone entra in porta.

Pochi minuti al via delle partite odierne per le qualificazioni ai Mondiali 2018 in Russia. Ricordiamo dunque quali sono gli incontri che avranno inizio alle ore 20.45: Francia-Bulgaria, Olanda-Bielorussia e Lussemburgo-Svezia per il girone A; Ungheria-Svizzera, Lettonia-Isole Far Oer e Portogallo-Andorra per il girone B; Belgio-Bosnia, Estonia-Gibilterra e Grecia-Cipro per il girone H. Saranno risultati importanti per definire meglio la classifica di tutti questi gruppi in cui ci sarà grande battaglia, visto che solo la prima di ogni girone della zona europea si qualificherà direttamente per i Mondiali. Il big-match è probabilmente Belgio-Bosnia, ma anche Ungheria-Svizzera si annuncia molto interessante; dovrebbe avere invece vita facile il Portogallo campione dEuropa in casa contro Andorra, favorite anche Francia, Olanda e Svezia nelle rispettive partite del girone A. Di certo ci attendono grandi emozioni e speriamo anche tanto spettacolo, dunque adesso la parola deve andare ai campi perché le partite stanno per cominciare!

Per le qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018 si giocheranno oggi anche le partite del girone H. Siamo dunque in attesa dei risultati di Belgio-Bosnia, Estonia-Gibilterra e Grecia-Cipro, che andranno a definire meglio la classifica per ora molto parziale, visto che è stata giocata una sola giornata. Tuttavia i valori sono già piuttosto chiari: hanno vinto allesordio Bosnia, Grecia e Belgio che sono le tre squadre più quotate per giocarsi il primo posto (lunico che varrà laccesso diretto ai Mondiali) o almeno il secondo che dovrebbe portare ai playoff – mentre la terza sarà subito eliminata. Di conseguenza questo dovrebbe essere un turno favorevole alla Grecia, che dovrà cercare il successo interno nel quasi derby con Cipro mentre Belgio e Bosnia si affrontano in uno scontro diretto già molto importante, con i Diavoli Rossi che dovranno sfruttare il fattore campo. Probabile vittoria anche per lEstonia, ma non sempre si potrà giocare con Gibilterra

Le qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018 ci proporranno oggi anche le partite del girone B. In attesa di scoprire quali saranno i risultati di Ungheria-Svizzera, Lettonia-Isole Far Oer e Portogallo-Andorra, andiamo a vedere la situazione attuale della classifica del gruppo. Naturalmente si tratta di una classifica ancora molto parziale, scaturita dalla prima giornata che è stata giocata a settembre. La notizia principale fu naturalmente la vittoria della Svizzera sul Portogallo: i lusitani campioni dEuropa in carica adesso hanno loccasione di un pronto riscatto giocando in casa contro Andorra, mentre la Svizzera è attesa dalla non facile trasferta in Ungheria contro i magiari che dal canto loro devono riscattare il sorprendente pareggio in casa delle Far Oer. Morale: Portogallo e Ungheria devono subito riscattarsi, di contro la Svizzera proverà a lanciare la fuga verso lobiettivo del primo posto, lunico che garantisce la qualificazione diretta ai prossimi Mondiali.

In attesa dei risultati delle partite odierne per le qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018, andiamo a vedere la situazione attuale della classifica del girone A, che è appunto uno di quelli che scenderanno in campo oggi. Ricordiamo innanzitutto che gli incontri in programma sono Francia-Bulgaria, Olanda-Bielorussia e Lussemburgo-Svezia. La classifica è ancora poco indicativa dal momento che a settembre è stata disputata solamente una giornata: al comando cè la Bulgaria, che però ha sfruttato il turno casalingo contro il Lussemburgo mentre stavolta è attesa da una partita ben più difficile in casa della Francia. Dal canto loro, i transalpini avevano cominciato con un pareggio contro la Bielorussia e avevano pareggiato pure Svezia e Olanda, dunque abbiamo ben quattro squadre con un punto. Il turno è sulla carta favorevole sia allOlanda, che però deve vincere per non iniziare a vedere i fantasmi del disastroso flop delle qualificazioni agli scorsi Europei, sia alla Svezia che contro il Lussemburgo non dovrebbe soffrire in modo particolare laddio alla Nazionale da parte di Zlatan Ibrahimovic proprio al termine di Euro 2016.

Proseguono oggi, venerdì 7 ottobre 2016, le partite valida per le qualificazioni ai Mondiali 2018. Ieri sono scesi in campo tre gironi (Italia compresa che ha pareggiato 1-1 con la Spagna), oggi sarà il turno di altri tre gruppi, dei quali dunque attendiamo i risultati delle partite della seconda giornata per andare a delineare meglio la classifica che per ora è ferma allunica partita disputata da ciascuna squadra a settembre. Andiamo dunque a vedere quali sfide ci attendono oggi, tutte con fischio dinizio alle ore 20.45. Nel girone A gli incontri in programma sono Francia-Bulgaria, Olanda-Bielorussia e Lussemburgo-Svezia e al comando della classifica cè la Bulgaria da sola, mentre per il girone B andranno in scena le sfide Portogallo-Andorra, Lettonia-Isole Faroe e Ungheria-Svizzera (che è al comando della classifica insieme alla Lettonia). Infine il girone H, che proporrà le partite Estonia-Gibilterra, Grecia-Cipro e Belgio-Bosnia Erzegovina, entrambe al comando della classifica insieme alla Grecia, tutte vincenti al debutto.

Sono finite le partite valide per la seconda giornata delle qualificazioni al Mondiale 2018. E 1-1 tra Italia e Spagna: clamoroso errore in uscita di Buffon che spalanca la strada della rete a Vitolo, poi Eder si procura un calcio di rigore solare e Daniele De Rossi pareggia dal dischetto. Mancano forse le espulsioni di Diego Costa e Sergio Ramos, giusto invece annullare il gol a Belotti per fuorigioco di Immobile che aveva poi fornito lassist. La partita più bella è quella tra Turchia e Ucraina: finisce 2-2 con Hakan Calhanoglu che trasforma il rigore del pareggio, nel secondo tempo succede di tutto con tantissime occasioni da gol. Nel girone dellItalia la Croazia spegne i sogni del Kosovo, alla prima ufficiale in casa: ne segna 6, tripletta di Mario Mandzukic e poi sigilli di Mitrovic, Perisic e Kalinic per una vittoria che profuma tanto di Serie A. In testa al gruppo G cè però lAlbania, che vince 2-0 in Liechtenstein. Nel girone D Austria e Galles danno vita a una partita molto bella: la doppietta di Marko Arnautovic permette ai padroni di casa di raggiungere il pareggio, vince lIrlanda contro la Georgia con il primo gol in nazionale di capitan Coleman mentre la Serbia sembra finalmente dar seguito al proprio talento e demolisce la Moldavia. Clamoroso quello che succede a Reykjavik dove lIslanda rischia di perdere limbattibilità casalinga dopo tre anni, pareggia sul filo di lana e a recupero di fatto esaurito trova addirittura il gol da tre punti che la spinge in testa al girone I.

Siamo all’intervallo nelle nove partite di qualificazione al Mondiale 2018 e il dato molto interessante riguarda il fatto che ben sette gare registrano al momento vittorie esterne. Le altre sono sullo 0-0, tra le quali anche Italia-Spagna (oltre a Irlanda-Georgia); pratica chiusa per la Croazia che segna tre volte con uno scatenato Mario Mandzukic e affossa le speranze del Kosovo, che come sappiamo sta giocando “in trasferta” (a Scutari, in Albania) e vittoria sostanzialmente vicina anche per Israele che con Hemedi e Ben Haim, nel girone dell’Italia, sta battendo 2-0 la Macedonia. Vantaggio esterno anche per l’Albania di Gianin De Biasi: gol firmato da Hyka sul campo del Liechtenstein. Bene la Serbia, finalmente concreta e capace di segnare due volte in Moldavia con Kostic e capitan Branislav Ivanovic; in Austria la nazionale di casa aveva risposto con Marko Arnautovic al vantaggio firmato Joe Allen, ma al primo minuto di recupero uno sfortunato autogol di Wimmer ha riportato in vantaggio il Galles. Extra time che è servito anche alla Turchia per accorciare le distanze nei confronti dell’Ucraina: solita pennellata di Calhanoglu da calcio d’angolo e colpo di testa vincente di Ozan Tufan, dopo che gli ucraini erano scappati con il rigore di Yarmolenko (quasi parato da Volkan Babacan) e il gol di Kravets.

Stanno per iniziare le partite valide per le qualificazioni al Mondiale 2018. Non solo lItalia, che allo Juventus Stadium ospita la Spagna in quello che è senza ombra di dubbio il big match della giornata: nel nostro stesso girone infatti sono molto importanti Macedonia-Israele e Lichtenstein-Albania, con Gianni De Biasi che va a caccia del secondo miracolo consecutivo dopo aver centrato la qualificazione alla fase finale degli Europei. In campo anche lAustria che ospita il Galles in unaltra partita da non perdere; delle big gioca solo la Croazia, la cui partita contro il Kosovo non è affatto scontata e soprattutto significa molto a livello simbolico. Tra Islanda e Finlandia si gioca quasi un derby scandinavo; la nazionale dellisola deve dimostrare che il grande viaggio fino ai quarti degli Europei non è stato un caso, ma anzi può rappresentare il primo passo di un percorso che la porti a essere una protagonista del Vecchio Continente. Completano il quadro Irlanda-Georgia, Moldavia-Serbia e la sempre affascinante Turchia-Ucraina, con Andryi Shevchenko in panchina; non ci resta quindi che vivere questa intensa serata e stare a vedere come andranno a finire le partite, e come cambierà la classifica dei gironi.

Siamo sempre più vicini alle partite di qualificazioni al Mondiale 2018: questa sera per la seconda giornata della UEFA è impegnata anche lAustria, che ospita il Galles in uno dei match più interessanti del turno. LAustria ha una tradizione molto interessante ai Mondiali: già nel 1934 aveva infatti raggiunto la semifinale, venendo eliminata dallItalia (gol di Enrique Guaita) e mostrandosi come una delle nazionali migliori al mondo, tanto da vincere due anni più tardi largento olimpico (ancora battuta dallItalia, 2-1 firmato dalla doppietta di Annibale Frossi). Nel 1938 il Wunderteam austriaco fu disgregato a seguito dellannessione alla Germania nazista: lepopea di Matthias Sindelar, che si rifiutò – insieme ad altri compagni – di giocare con la nuova nazionale tedesca è stata raccontata a più riprese, quellAustria si ritirò dalla Coppa del Mondo e tornò a giocare nel 1954, quando in semifinale fu battuta 6-1 dalla Germania ma poi vinse la finalina contro i campioni in carica dellUruguay. Da lì in avanti però lAustria ha subito la stessa sorte della sua gemella Ungheria: un declino inesorabile che non le ha più consentito di brillare. Alla fase finale dei Mondiali è arrivata ancora nel 1958 (fuori al primo turno) e ha dovuto aspettare il 1978 per tornare; qui ha raggiunto il secondo girone, risultato replicato nel 1982. Poi fuori al primo turno nel 1990 e nel 1998 – in entrambi i casi incrociò lItalia; da allora lAustria non si è più qualificata, anche se il viaggio agli Europei della scorsa estate fa ben sperare.

Siamo pronti a conoscere i risultati delle qualificazioni al Mondiale 2018. La partita del Laugardalsvollur di Reykjavik tra Islanda e Finlandia, per la seconda giornata del girone I, è una delle più interessanti (insieme a Kosovo-Croazia, per lo stesso gruppo) perchè si può considerare un derby della Scandinavia, anche se lIslanda tecnicamente non farebbe parte di questa regione. Due nazionali piccole, che da sempre lottano per un posto al sole: lo ha conquistato con grande sorpresa lIslanda che, inserita in un girone proibitivo (con Repubblica Ceca, Olanda e Turchia) si è qualificata direttamente alla fase finale degli Europei 2016 e, al primo grande viaggio della sua storia, ha raggiunto addirittura i quarti facendo fuori lInghilterra e arrendendosi poi – nettamente – alla Francia. Cosa finora mai accaduta alla Finlandia, che pure ha avuto in Jari Litmanen (32 gol in 137 partite con la nazionale) uno dei migliori talenti del calcio europeo; cè un ottavo di finale alle Olimpiadi di Berlino 1936 come unica partecipazione ad un grande torneo. Oggi le speranze finlandesi sono affidate al ventiduenne Joel Pohajanpalo, 4 gol in questo avvio di Bundesliga con il Bayer Leverkusen; difficile uscire vincitori da un girone che comprende anche la Croazia, la Turchia e lUcraina, ma se è vero che la ruota gira e tutti possono avere il loro momento la Finlandia di Hans Backe, svedese come quel Lagerback fautore del miracolo Islanda, potrebbe arrivare presto

In attesa di conoscere i risultati delle qualificazioni al Mondiale 2018 diamo uno sguardo più approfondito al girone G, quello che comprende lItalia. Al momento le gerarchie sono quelle che aspettavamo: gli Azzurri hanno vinto la prima partita e sono dunque in testa insieme a Spagna e Albania, mentre fanalini di coda sono Macedonia, Israele e Liechtenstein. Il fatto che sia solo la prima squadra a qualificarsi direttamente alla fase finale rende la sfida alle Furie Rosse semi-decisiva: per il momento infatti la Spagna è nettamente avanti nella differenza reti, avendo vinto 8-0 allesordio. Vero che la nazionale di Julen Lopetegui ha giocato contro la nazionale materasso del girone (sulla carta), ma la dimostrazione di forza è stata comunque impressionante. Dunque, attenzione: pareggiare in casa potrebbe voler dire essere costretti a rincorrere, con linsidia Albania (allenata dallitaliano Gianni De Biasi) che potrebbe diventare ancora più ostica di quanto già non sia sulla carta. AllItalia giova comunque la vittoria esterna sul campo di Israele: era un compito ostico ed è stato ben superato, nonostante il cambio di Commissario Tecnico e la recente delusione agli Europei. Adesso bisognerà continuare su questa falsariga. 

Siamo finalmente arrivati alla seconda giornata delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018: oggi 6 ottobre e domani 7 ottobre 2016 scenderanno dunque in campo le nazionali inserite nei gruppiper giocarsi un posto alla prossima competizione mondiale. In attesa di conoscere i risultati delle partite e dunque le modifiche che le classifiche dei singoli gironi subiranno andiamo subito a vedere il programma dei match per questa due giorni di sosta dai campionati nazionali.

Oggi giovedi 6 ottobre sono in programma per le qualificazioni mondiali tre partite a testa per i gironi D, I e G, il cui fischio dinizio è stato per tutte fissato alle ore 20.45, dove chiaramente la nostra attenzione è tutta rivolta sullItalia: la nazionale azzurra guidata dal ct Giampiero Ventura affronterà infatti la Spagna di Lopetegui. Ma il match Italia-Spagna non sarà certo lunico in programma: per il Girone G infatti scenderanno in campo anche Liechtenstein-Albania e Macedonia-Israele. Per il gruppo I sono state invece inserite in programma (sempre con il comune orario d’inizio alle ore 20.45) le partite tra Kosovo-Croazia, Turchia-Ucraina e Islanda-Finlandia: per il girone D invece il fischio di inizio darà il via alle sfide Austria-Galles, Moldavia-Serbia e Irlanda-Georgia. Per quanto riguarda invece la giornata di domani 7 ottobre 2016 le squadre che vedremo apparterranno ai gironi A, B e H e il programma è il seguente: fischio dinizio fissato per tutti i match alle ore 20.45, con tre partite per girone. Per il gruppo A le sfide in programma sono Francia-Bulgaria, Olanda-Bielorussia e Lussemburgo-Svezia, mentre per il girone B andranno in scena le sfide Portogallo-Andorra, Lettonia-Isole Faroe e Ungheria-Svizzera. La giornata di domani sarà dunque chiusa dal gruppo H e dalle partite Estonia-Gibilterra, Grecia-Cipro e Belgio-Bosnia Erzegovina. 

Ricordiamo poi brevemente la formula di queste qualificazioni mondiali di Russia 2018: per il continente europei la UEFA ha riservato soltanto 13 posti, forse pochi considerando il valore del calcio europeo, ma senza dubbio equilibrato considerata la globalità dellevento. La fase a girone è stata strutturata con ben 9 gruppi, di cui 7 da sei squadre e due da cinque: tutte le migliori nove chiaramente accederanno alla fase finale dei Mondiali di Russia 2018, mentre le otto seconde classificate dovranno attraversare una nuova fase eliminatoria. Lo spareggio avrà luogo tra le otto migliori seconde contro la prima, la terza, la quarta e la quinta squadra del rispettivo raggruppamento e daranno vita a 4 doppi scontri diretti: in caso di parità varranno le reti in trasferta. 

Giovedi 6 ottobre 2016

Ore 20.45

RISULTATO FINALE Irlanda-Georgia 1-0 – 54′ S. Coleman

RISULTATO FINALE Austria-Galles 2-2 – 22′ J. Allen (G), 28′ Arnautovic (A), 46′ pt aut. Wimmer (G), 48′ Arnautovic (A)

RISULTATO FINALE Moldavia-Serbia 0-3 – 19′ Kostic, 37′ B. Ivanovic, 59′ Tadic

 Serbia 4, Galles 4, Austria 4, Irlanda 4, Georgia 0, Moldavia 0

 

RISULTATO FINALE Italia-Spagna 1-1 – 55′ Vitolo (S), 82′ rig. De Rossi (I)

RISULTATO FINALE Liechtenstein-Albania 0-2 – 12′ Hyka, 71′ Balaj

RISULTATO FINALE Macedonia-Israele 1-2 25′ Hemed (I), 43′ Ben Haim II (I), 63′ Nestorovski (M) – Note: 94′ esp. Tibi (I), 95′ Jahovic (M) sbaglia rigore

Albania 6, Spagna 4, Italia 4, Israele 3, Macedonia 0, Liechtenstein 0

 

RISULTATO FINALE Turchia-Ucraina 2-2 – 24′ rig. Yarmolenko (U), 28′ Kravets (U), 46′ pt Ozan Tufan (T), 81′ rig. Calhanoglu (T)

RISULTATO FINALE Islanda-Finlandia 3-2 – 21′ Pukki (F), 37′ Arnason (I), 39′ Lod (F), 90′ Finnbogason (I), 96′ R. Sigurdsson (I) – Note: 51′ G. Sigurdsson (I) sbaglia rigore

RISULTATO FINALE Kosovo-Croazia 0-6 – 6′ Mandzukic, 24′ Mandzukic, 35′ Mandzukic, 68′ M. Mitrovic, 83′ Perisic, 92′ N. Kalinic

Croazia 4, Islanda 4, Turchia 2, Ucraina 2, Finlandia 1, Kosovo 1 

Venerdi 7 ottobre 2016

Ore 20.45

RISULTATO FINALE Francia-Bulgaria 4-1 – 6′ rig. Aleksandrov (B), 23′ Gameiro (F), 26′ Payet (F), 38′ Griezmann (F), 59′ Gameiro (F)

RISULTATO FINALE Olanda-Bielorussia 4-1 – 15′ Promes (O), 31′ Promes (O), 47′ A. Rios (B), 55′ Klaassen (O), 64′ Janssen

RISULTATO FINALE Lussemburgo-Svezia 0-1 – 58′ Lustig – Note: 82′ esp. Malget (L)

Olanda 4, Francia 4, Svezia 4, Bulgaria 3, Bielorussia 1, Lussemburgo 0

 

RISULTATO FINALE Portogallo-Andorra 6-0 – 2′ Cristiano Ronaldo, 4′ Cristiano Ronaldo, 44′ Joao Cancelo, 47′ Cristiano Ronaldo, 68′ Cristiano Ronaldo, 86′ André Silva – Note: 62′ esp. Rubio (A), 71′ esp. Rebes (A)

RISULTATO FINALE Lettonia-Far Oer 0-2 – 20′ Nattestad, 70′ Edmundsson

RISULTATO FINALE Ungheria-Svizzera 2-3 – 51′ Seferovic (S), 53′ Szalai (U), 67′ Ri. Rodriguez (S), 71′ Szalai (U), 90′ Stocker (S)

Svizzera 6, Far Oer 4, Portogallo 3, Lettonia 3, Ungheria 1, Andorra 0

 

RISULTATO FINALE Grecia-Cipro 2-0 – 12′ Mitroglou, 42′ Mantalos

RISULTATO FINALE Estonia-Gibilterra 4-0 – 47′ Kait, 52′ Vassiljev, 70′ Kait, 89′ Mosnikov

RISULTATO FINALE Belgio-Bosnia 4-0 – 26′ aut. E. Spahic, 29′ E. Hazard, 60′ Alderweireld, 79′ R. Lukaku

Belgio 6, Grecia 6, Bosnia 3, Estonia 3, Cipro 0, Gibilterra 0

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori