DIRETTA/ Ascoli-Perugia (risultato finale 2-2) pareggio al Del Duca! (Serie B oggi 20 novembre 2016)

- La Redazione

Diretta Ascoli-Perugia: info streaming video e tv, probabili formazioni, quote, orario, risultato live. La partita di Serie B è in programma domenica 20 novembre 2016

cacia_rigore_ascoli
Il centravanti dell'Ascoli, Daniele Cacia (Lapresse)

Si è appena chiusa con un paio di minuti di recupero concessi dallarbitro Pezzuto: il risultato finale è un pareggio per 2 a 2, che lascia abbastanza soddisfatte le due compagini, oggi di fronte al Del Duca chiuso al pubblico. Il primo tempo era terminato con la formazione umbra andata in vantaggio al 18 con Guberti e in accordo alle previsioni, il secondo tempo si è rivelato estremamente spumeggiante, con diverse occasioni di gol per entrambe le squadre in campo. Il primo a sbloccare il risultato negli ultimi 45 minuti è per la formazione marchigiana Perez, che beffa lestremo difensore avversario al 52 minuto. Il pareggio però non basta al Perugia che riparte al contrattacco e violando lo specchio di Lanni segnando con Dezi al 76 minuto. Lultima rete che riequilibra la situazione è Cacia, che al 78 non si lascia sfuggire questa preziosa occasione. Tanti infine i cartellini gialli distribuito, ben 9 in tutto il match: di cui la maggior parte assegnata da Pezzuto al Perugia di Bucchi. Con questo risultato gli umbri rimangono quindi in classifica con 24 punti, mentre lAscoli è al 17^ posto della classifica della serie B con 15 punti. 

Si è concluso il primo tempo al Del Duca, dove è in corso la sfida tra Ascoli e Perugia: il risultato al termine dei primi 45 minuti regolamentari è stato fissato per1 a 0 a favore della formazione umbra. Lunica rete finora segnata porta la firma di Stefano Guberti  che su assist di Nicastro beffa Lanni, estremo difensore marchigiano al 18 minuto. Il match, che ricordiamo si sta svolgendo a porte chiuse in un atmosfera davvero irreale, è stato particolarmente ricco di emozioni e di occasioni gol per entrambe le formazioni ora agli spogliatoi per la consueta pausa tra i due tempi: il Perugia è subito partito molto aggressivo, con Cassata il primo a farsi vedere davanti allo specchio marchigiano. Solo dopo la rete lAscoli di Aglietti ha ritrovato uno spirito maggiormente combattivo, ritrovando anche loccasione gol con Perez e Giorgi, che sprecano in maniera insolita di fronte a Rosati. Vista lazione nel primo tempo, anche il secondo si annuncia particolarmente brillante.

Sta per avere inizio il match tra Ascoli e Perugia, la sfida tanto contestata nei giorni precedenti che si temeva si dovesse rimandare a data da destinarsi. Per nostra fortuna la 15^ giornata di Serie B non farà a meno di queste due grandi protagoniste, di cui sono state appena ufficializzate le formazioni ufficiali che giusto tra pochi minuti vedremo in campo, andiamo allora a vedere quali sono le scelte dei due allenatori per la gara che apre ai posticipi della quindicesima giornata del campionato cadetto (calcio d’inizio alle ore 15). Lanni; Almici, Augustyn, Mengoni, Felicioli; Addae, Carpani, Cassata; Giorgi; Perez, Cacia. A disposizione: Ragni, Pecorini, Paolini, Jaadi, De Angelis, Orsolini, Iotti, L. Gatto, Favilli. Allenatore: Alfredo Aglietti. Rosati; Del Prete, Volta, Mancini, Di Chiara; Brighi, Dezi; Gilberto, Nicastro, Buonaiuto; Di Carmine. A disposizione: Elezaj, Imparato, Acampora, Didiba, M. Ricci, R. Bianchi, Chiosa, Ma. Alhassan, Drole. Allenatore: Cristian Bucchi.

Sono addirittura 17 le volte in cui Ascoli e Perugia si sono trovati faccia a faccia: ci sono anche degli incroci in Serie A, dove le due squadre hanno militato per parecchi anni in diversi momenti di tempo. A tale proposito, lultima volta in massima serie è andata in scena nella stagione 1980-1981, e il Perugia si impose per 3 a 0. Una vittoria inutile, visto che alla fine dellanno gli umbri ottennero il penultimo posto in classifica e furono costretti a tornare in Serie B. LAscoli lo scorso anno ha vinto per ben due volte contro il Perugia: al Del Duca, dove si trova oggi, lo ha fatto per 1-0 grazie al gol realizzato da Daniele Cacia, al ritorno invece la formazione marchigiana è stata in grado di espugnare il Renato Curi grazie ai gol messi a segno da Bright Addae e Jakub Jankto, centrocampista ceco di 20 anni che oggi ha fatto il grande salto e gioca in Serie A con la maglia dellUdinese (ha già segnato un gol, peraltro sul campo della Juventus). Addae e Cacia invece sono ancora nella formazione che affronterà nuovamente il Perugia e specialmente il primo, un lusso per il campionato di Serie B, è chiamato a dare un contributo decisivo per la vittoria.

Ascoli-Perugia si prospetta una sfida equilibrata come ci raccontano le statistiche a confronto del match (raccolte dal sito ufficiale della Lega Serie B). Il Grifone fa girare di più il pallone con la media a partita di palle giocate che sono 543 contro le 479 dell’Ascoli, passaggi riusciti 56.1% a 64.1%. La squadra di Cristian Bucchi tiene anche di più il pallone facendo maggior possesso palla (47% contro 53%). L’attacco della squadra ospite poi è più esplosivo le conclusioni sono 11 a 12, in porta 4 pari. Il calciatore che tira di più però è dell’Ascoli e si tratta di Orsolini che ha tentato la conclusione ben 26 volte, ma il miglior marcatore è Samuele Di Carmine del Perugia con 6 gol. Attenzione anche a Stefano Guberti che è quello che ha completato più assist, ben sedici. Sicuramente sarà interessante capire chi avrà la meglio nonostante ci sia grande equilibrio nei numeri.

Cristian Bucchi è un ex in Ascoli-Perugia: lallenatore della formazione umbra torna allo stadio Del Duca che è stato una delle tante tappe della sua carriera di calciatore, una delle più prolifiche (17 gol in 41 partite di stagione regolare, è poi tornato tre anni più tardi segnando appena tre reti). Bucchi è stato scelto dal Perugia dopo la splendida stagione con la Maceratese: da neopromossa la squadra marchigiana ha centrato il terzo posto in Lega Pro arrivando ai playoff. LAscoli si è affidato ad Alfredo Aglietti, che rispetto al collega ha ben altra esperienza: lo scorso anno ha sfiorato i playoff con la Virtus Entella, in Serie B allena ormai da una vita (la prima esperienza è stata ad Empoli), è passato anche dal Novara dove però ha il peso di essere arrivato alla retrocessione (effettivamente lui è stato esonerato dopo landata degli spareggi contro il Varese, ma avendo perso 2-0 aveva messo la formazione piemontese in una brutta situazione). Aglietti e Bucchi non si sono mai incrociati da allenatori. 

, diretta dall’arbitro Ivano Pezzuto della sezione di Lecce (al suo fianco i guardalinee Bellutti e Lanza), si gioca domenica 20 novembre 2016 alle ore 15.00, sarà una sfida dalla grande importanza in chiave di classifica per entrambe le squadre. Vale per i bianconeri sempre a caccia di punti preziosi per la salvezza, ma anche per gli umbri che sembrano più che mai in grado di poter puntare al salto verso la lotta per la promozione. Il Perugia in questo inizio di stagione ha pagato soprattutto le primissime partite in cui, a fronte di un gioco subito convincente, i punti hanno tardato ad arrivare, con molte occasioni perse dalla banda-Bucchi.

La giusta continuità è arrivata col tempo, con i grifoni che dopo la sconfitta interna contro il Carpi, che sembrava aver un po’ frenato la scalata della squadra verso i piani alti della classifica, hanno saputo opporre un’altra grande reazione. Sono arrivati gli importantissimi successi contro Vicenza e Pisa in trasferta, mentre contro il Trapani il pareggio ha lasciato l’amaro in bocca per come è maturato, con i siciliani capaci di riacciuffare il pari subito dopo il gol realizzato nel finale dal Perugia, ma ha rappresentato comunque un altro importante passo avanti contro un avversario difficile.

L’Ascoli di Aglietti si dimostra sempre una mina vagante nel quadro del campionato cadetto, capace potenzialmente di vincere e di perdere con tutti, ma dopo la sfida contro il Perugia le asperità del calendario si mitigheranno un po’ e potrebbe dunque arrivare una serie di risultati capaci di dire quale sarà davvero l’obiettivo stagionale dei marchigiani in questo campionato.

Allo stadio Del Duca di Ascoli (alla fine sede confermata dopo un balletto quasi incredibile di altre ipotesi) saranno queste le probabili formazioni che si troveranno di fronte. Ascoli schierato con Lanni estremo difensore alle spalle di una linea difensiva a quattro composta dal Almici sulla corsia laterale di destra, Cinaglia e Mengoni al centro della retroguardia e da Mignanelli impiegato come esterno mancino. A centrocampo ci sarà spazio per Cassata, per il ghanese Addae e per Giorgi, mentre nel tridente offensivo partiranno dal primo minuto Orsolini, Cacia e Gatto.

Il Perugia affronterà invece la trasferta marchigiana con Rosati in porta, Monaco e Volta impiegati come centrali della retroguardia, mentre Imparato sarà schierato in posizione di terzino destro e Di Chiara in posizione di terzino sinistro nella linea difensiva a quattro. Acampora, l’ivoriano Zebli e Brighi giocheranno titolari nel terzetto di centrocampo, mentre Guberti, Nicastro e Di Carmine saranno titolari nel terzetto offensivo.

Le due squadre si affronteranno con moduli speculari: 4-3-3 sia per il Perugia di Bucchi, sia per l’Ascoli di Mangia. La filosofia delle due squadre differisce però in diversi particolari: decisamente più offensivo il Perugia che spesso ha pagato questa vocazione con disattenzioni difensive che sono costate punti importanti, compresi i due contro il Trapani di sabato scorso. Più accorto e attento a sfruttare gli spazi lasciati dagli avversari e le ripartenze l’Ascoli, che paga comunque un gap con le squadre di vertice evidente.

Distanza tecnica che dovrebbe essere comunque inferiore rispetto a quella scontata col Perugia che col suo gioco fresco si è sicuramente proposto tra le rivelazioni di questa stagioni, dopo le delusioni patite l’anno scorso con la formazione umbra più vicina alla zona play out piuttosto che alla zona play off. L’anno scorso nella partita giocata in casa l’Ascoli ha giocato un tiro mancino al Perugia, battendolo di misura grazie ad una rete del bomber Cacia, con i bianconeri che sono passati poi anche nel match di ritorno disputato allo stadio Curi. L’ultima vittoria del Perugia ad Ascoli risale al 30 marzo 2014.

I bookmaker vogliono comunque concedere un favore del pronostico seppur lieve al solido Perugia visto nelle ultime settimane. Vittoria umbra quotata 2.50 da Paddy Power, mentre Bet365 quota 3.10 l’eventuale pareggio e Betclic offre invece a una quota di 3.25 l’affermazione interna dei bianconeri marchigiani. Partita che sarà possibile seguire in diretta tv sul canale 252 del boquet satellitare (Sky Calcio 2 HD), con tutti gli abbonati Sky che potranno vedere Ascoli-Perugia, sabato 19 novembre 2016 alle ore 15.00, anche in diretta streaming video via internet collegandosi sul sito skygo.sky.it. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori