Probabili formazioni / Milan-Inter: Nagatomo scalza Ansaldi dalla fascia? Quote, le ultime novità live (Serie A 13^ giornata oggi 20 novembre 2016)

Probabili formazioni Milan-Inter: quote, le ultime novità live su moduli e titolari per la partita di Serie A valida per la 13^ giornata (oggi domenica 20 novembre 2016)

20.11.2016 - La Redazione
miranda_niang_derby
Milan-Inter (Foto LaPresse)

Ci avviciniamo al fischio dinizio del big match di giornata, il derby tra il Milandi Vincenzo Montella e la nuova Inter di Stefano Pioli: vediamo i principali dubbi di formazione per i due allenatori. Partendo dal Milan che deve rimpiazzare lacciaccato Alessio Romagnoli, fermato dalla lesione muscolare rimediata in Nazionale. Il paraguaiano Gustavo Gomez se la gioca con il più esperto Cristian Zapata per far coppia con Paletta, le indiscrezioni settimanali hanno indicato nel primo il giocatore favorito per partire titolare. Dubbio anche per la fascia sinistra con Antonelli, recuperato dallultimo infortunio, che scalpita per giocare al posto di De Sciglio: il terzino del vivaio rimane comunque in vantaggio. A centrocampo Locatelli che vivrà sulla sua pelle il primo derby tra i grandi: lo affiancherà Kucka oltre allintoccabile Bonaventura. Il posto di centravanti dovrebbe essere di Bacca, qualche chance però per Lapadula apparso in ottima forma prima della sosta. Inter: Ansaldi ha smaltito i problemi fisici degli ultimi giorni, il suo impiego dal 1 non è però sicuro al 100% e quindi rimangono chance per Nagatomo e DAmbrosio, mentre laltro terzino sarà Santon. A centrocampo il ballottaggio riguarda Brozovic e Banega, mentre Medel sarà regolarmente al suo posto dopo le fatiche con il Cile. Tridente dattacco con Candreva e Perisic larghi e Icardi riferimento centrale. 

Che sia un protagonista a sorpresa a decidere latteso derby Milan-Inter? Come sappiamo in una sfida stracittadina sono molteplici le varianti impazzite che possono entrare in gioco, senza contare che il recente cambio sulla panchina nerazzurra potrebbe sortire effetti ancora più imprevedibili. Pensando ai possibili giocatori jolly, il Milan ne sta coltivando uno in Gianluca Lapadula: mister Vincenzo Montella si augura che lex Pescara riesca ad essere incisivo anche subentrando dalla panchina, come successo prima della sosta nel successo per 1-2 sul campo del Palermo. Pronti a dare una scossa dalla panchina anche il ventunenne croato Mario Pasalic e Luiz Adriano, spesso dimenticato ma che rimane un attaccante da 135 gol in carriera, senza contare le nazionali (il giustamente più celebrato Bacca, per stare in zona Milan, ne ha realizzati 157). NellInter sarà da verificare anzitutto limpatto di Stefano Pioli a livello emotivo: il nuovo mister dovrebbe coinvolgere anche elementi che nella gestione De Boer erano stati accantonati, in particolare Jonathan Biabiany potrebbe tornare molto utile nel 4-3-3 del tecnico ex Lazio. Sotto la lente dingrandimento anche Stevan Jovetic e Gabigol, attaccanti reduci da percorsi diversi e diversamente lunghi, ma ugualmente attesi dai tifosi nerazzurri che sperano in un maggiore coinvolgimento di entrambi. Chissà che Pioli non si rivolga anche a loro per portare a casa il suo debutto-derby: soprattutto in caso di punteggio sfavorevole il montenegrino e il brasiliano potranno aiutare lInter e rendersi più pericolosa in attacco. Il nuovo allenatore avrà anche il compito di trasformare Kondogbia da brutto anatroccolo in cigno, ma questa è unaltra storia o no?

Alessio Romagnoli non ce la fa, e dunque nelle formazioni di Milan-Inter ci sarà un protagonista in meno. Era nellaria, fin da quando è arrivato il responso sullinfortunio che il difensore rossonero ha riportato in nazionale nel corso dellamichevole contro la Germania: una lesione, sia pure modesta, che sarebbe stata difficile da curare in tempo per il derby. Così è: pochi attimi fa è arrivata la notizia secondo cui Romagnoli ha lasciato il ritiro della squadra. Vincenzo Montella dunque perde una pedina importante della sua retroguardia, un ragazzo giovane che però ha già dimostrato tutte le sue qualità tecniche e di leadership; al fianco di Paletta giocherà con tutta probabilità Gustavo Gomez, che arriva da unautorete decisiva nella partita del suo Paraguay (contro la Bolivia nelle qualificazioni al Mondiale 2018) e dunque va in cerca di riscatto. Romagnoli, che salta oggi la prima gara ufficiale della sua stagione, dovrebbe comunque recuperare per la prossima partita che il Milan giocherà in campionato, sabato sera al Castellani di Empoli.

PROBABILI FORMAZIONI MILAN-INTER: QUOTE, LE ULTIME NOVITA LIVE (SERIE A 13^ GIORNATA, OGGI 19 NOVEMBRE 2016): I BOMBER – Il derby della Madonnina Milan-Inter è una sfida che si può raccontare prendendo a spunto tanti temi. Uno di questi riguarda i grandi bomber: una partita che nel corso della storia ha visto scendere in campo giocatori come Gunnar Nordahl e Benito Lorenzi, come Marco Van Basten e Jurgen Klinsmann, come Andriy Shevchenko e Ronaldo per non parlare di Christian Vieri, George Weah, Zlatan Ibrahimovic, Hernan Crespo e tutti gli altri. Chi sono oggi i bomber di Milan-Inter? Almeno dal punto di vista dei numeri Mauro Icardi è degno erede dei suoi predecessori nerazzurri: 10 gol in 12 partite, 57 in 103 gare di Serie A da quando si è trasferito ad Appiano Gentile. Capocannoniere del campionato insieme a Dzeko, Icardi è entrato nellocchio del ciclone per lepisodio dellautobiografia ma in campo continua a segnare: quando lo ha fatto lInter ha prodotto 16 punti in 6 partite, quando non lo ha fatto il fatturato è stato di un punto sempre in sei gare. Nel Milan invece Carlos Bacca deve provare a uscire dalla crisi che lo ha colpito: il colombiano ha segnato 6 gol nelle prime sette di campionato ma è a secco da allora, e cinque gare senza segnare rappresentano per lui il periodo di digiuno più lungo da quando è arrivato al Milan. Con la maglia rossonera Bacca ha segnato 24 gol in 50 partite di campionato; i rossoneri hanno trovato quel bomber che mancava dallestate 2012, quando Ibrahimovic aveva lasciato Milanello per accasarsi sotto la Torre Eiffel.

Il derby tra Milan e Inter chiuderà la tredicesima giornata di Serie A, andiamo a vedere gli indisponibili della partita di San Siro. In casa Milan il tecnico Montella non avrà squalificati e dovrà fare a meno del solito Montolivo che dopo l’intervento al ginocchio sarà out per diversi mesi. Le buone notizie dovrebbero arrivare da Niang che in settimana ha avuto la febbre ma sarà tra i convocati per il derby, mentre saranno da valutare Bertolacci per la lesione alla coscia sinistra, Calabria per il problema alla caviglia e Vangioni. Prima partita per Stefano Pioli sulla panchina nerazzurra, il neo tecnico dell’Inter non avrà squalificati per la delicata partita contro il Milan e recupera anche diversi giocatori. Ansaldi infatti potrà tornare tra i convocati dopo il fastidio al ginocchio sinistro mentre saranno da valutare Palacio per un risentimento muscolare ed Andrea Ranocchia per l’elongazione al tendine della coscia destra.

In MilanInter scenderanno in campo alcuni tra i migliori giocatori della Serie A. I rossoneri si aggrappano alle manone di Gianluigi Donnarumma, baby portiere che ha più volte salvato il Diavolo con parate fantastiche: per il momento sono state 45, nelle quali rientra anche un rigore neutralizzato ad Andrea Belotti nella prima giornata di campionato. Gigio ha incassato 15 reti mentre il collega Samir Handanovic una in meno, 14: lo sloveno ha inoltre collezionato 34 parate. Statistiche alla mano i migliori difensori impegnati nel derby saranno Gabriel Paletta e Miranda: l’argentino rossonero ha messo insieme 10 presenze impreziosite da un gol, mentre il brasiliano nerazzurro è stato impegnato 12 volte ma è ancora a secco. A centrocampo occhi puntati sul duello tra Giacomo Bonaventura e Ivan Perisic: l’ex Atalaanta è uno dei punti di forza del Milan mentre il croato ha già segnato tre centri in un inizio stagione favoloso. Infine il reparto offensivo, dove assisteremo a uno strepitoso testa a testa tra Carlos Bacca e Mauro Icardi. Il colombiano è partito a razzo ma non segna da diverse partite e per il momento è fermo a 6 gol; l’argentino è il finalizzatore numero uno dell’Inter e capocannoniere della Serie A con 10 reti insieme al romanista Edin Dzeko. 

Ci avviciniamo al fischio dinizio del big match di giornata, il derby tra il Milan di Vincenzo Montella e la nuova Inter di Stefano Pioli: vediamo i principali dubbi di formazione per i due allenatori. Partendo dal Milan che deve rimpiazzare lacciaccato Alessio Romagnoli, fermato dalla lesione muscolare rimediata in Nazionale. Il paraguaiano Gustavo Gomez se la gioca con il più esperto Cristian Zapata per far coppia con Paletta, le indiscrezioni settimanali hanno indicato nel primo il giocatore favorito per partire titolare. Dubbio anche per la fascia sinistra con Antonelli, recuperato dallultimo infortunio, che scalpita per giocare al posto di De Sciglio: il terzino del vivaio rimane comunque in vantaggio. A centrocampo Locatelli che vivrà sulla sua pelle il primo derby tra i grandi: lo affiancherà Kucka oltre allintoccabile Bonaventura. Il posto di centravanti dovrebbe essere di Bacca, qualche chance però per Lapadula apparso in ottima forma prima della sosta. Inter: Ansaldi ha smaltito i problemi fisici degli ultimi giorni, il suo impiego dal 1 non è però sicuro al 100% e quindi rimangono chance per Nagatomo e DAmbrosio, mentre laltro terzino sarà Santon. A centrocampo il ballottaggio riguarda Brozovic e Banega, mentre Medel sarà regolarmente al suo posto dopo le fatiche con il Cile. Tridente dattacco con Candreva e Perisic larghi e Icardi riferimento centrale.

Si gioca alle ore 20.45 di oggi, domenica 20 novembre. Allo stadio Giuseppe Meazza di San Siro va in scena lattesissimo derby di Milano, una sfida che non ha bisogno di presentazioni ma che questanno assume una valenza particolarmente significativa per due squadre che stanno tentando di rialzarsi dopo alcune stagioni piuttosto deludenti. Ci sta riuscendo forse anche meglio del previsto il Milan di Vincenzo Montella, mentre proprio dal derby parte lInter di Stefano Pioli, per il quale il derby dunque sarà davvero speciale. Andiamo allora subito a dare uno sguardo più ravvicinato alle probabili formazioni di Milan-Inter. 

Per Milan-Inter, partita valida per la tredicesima giornata del campionato di Serie A 2016-2017, abbiamo le quote fornite dallagenzia di scommesse Snai: ci dicono che la vittoria del Milan (segno 1) vale 2,65, il pareggio (segno X) è quotato 3,25 mentre la vittoria del Napoli (segno 2) vi farà guadagnare 2,75 volte la somma che avrete deciso di mettere sul piatto.

Vincenzo Montella deve fare i conti con la lesione muscolare che ha frenato Romagnoli, dunque nella coppia centrale di difesa al fianco di Paletta dovrebbe esserci presumibilmente Gustavo Gomez (in alternativa Zapata), con il quale lintesa è certamente meno affinata. Il resto della squadra non cambia: terzino destro dovrebbe essere Abate, con De Sciglio dallaltra parte a completare il quartetto davanti a Donnarumma. A centrocampo invece ci sarà ancora Locatelli, che ormai si è preso la regia della squadra; al fianco del giovane agiranno Kucka e Bonaventura, con lex Atalanta che torna a rivestire il suo ruolo preferito dopo essere stato schierato anche nel tridente offensivo. Passiamo dunque allattacco: Bacca sta vivendo un digiuno da gol mai così lungo da quando è arrivato al Milan, ma difficilmente Montella rinuncerà a lui proprio in una partita delicata come il derby, pur con Lapadula valida alternativa. Nessun dubbio invece per quanto riguarda gli esterni, che saranno come sempre Suso e Niang.

Stefano Pioli fa il suo esordio sulla panchina dellInter; non si attendono grandi novità quanto a modulo e interpreti, si spera di vedere differenze quanto ad atteggiamento ed interpretazione. Ci aspettiamo dunque il modulo 4-2-3-1. Davanti ad Handanovic la coppia difensiva centrale sarà composta da Miranda e Murillo, con Ansaldi presumibile terzino destro (anche se la riserva sarà sciolta solo in extremis) e Santon confermato dallaltra parte. Anche per la mediana non dovrebbe cambiare molto, anche se cè la variabile Brozovic che potrebbe portare qualche sorpresa. I favoriti saranno comunque Medel e Joao Mario per quanto riguarda la mediana, Banega sulla trequarti anche se sulla sua posizione migliore non ci sono ancora certezze; ai suoi lati i favoriti come esterni offensivi sono Candreva a destra e Perisic sulla fascia sinistra, con Eder prima alternativa. Non si prescinde invece da Mauro Icardi, il quale ha ovviamente il posto assicurato in squadra dallalto del suo status di capocannoniere del campionato, che ha segnato oltre il 50% dei gol nerazzurri in questo campionato.

99 Donnarumma; 20 Abate, 29 Paletta, 15 Gomez, 2 De Sciglio; 33 Kucka, 73 Locatelli, 5 Bonaventura; 8 Suso, 70 Bacca, 11 Niang. All. Montella.

A disposizione: 1 Gabriel, 35 Plizzari, 96 Calabria, 17 Zapata, 21 Vangioni, 31 Antonelli, 16 Poli, 80 Pasalic, 14 Mati Fernandez, 23 Sosa, 10 Honda, 9 Lapadula.

Squalificati: nessuno.

Indisponibili: Romagnoli, Montolivo, Bertolacci.

 1 Handanovic; 15 Ansaldi, 25 Miranda, 24 Murillo, 21 Santon; 17 Medel, 6 Joao Mario; 87 Candreva, 19 Banega, 44 Perisic; 9 Icardi. All. Pioli.

A disposizione: 30 Carrizo, 46 Berni, 33 D’Ambrosio, 2 Andreolli, 13 Ranocchia, 55 Nagatomo, 27 Gnoukouri, 5 Felipe Melo, 7 Kondogbia, 77 Brozovic, 23 Eder.

Squalificati: nessuno.

Indisponibili: Palacio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori