DIRETTA/ Reggina-Taranto (risultato finale 2-2): un’autorete beffa i pugliesi nel recupero (oggi, Lega Pro girone C)

Diretta Reggina-Taranto: risultato finale 2-2. Pareggio beffardo per gli ospiti, che stavano controllando la gara ma nei minuti di recupero hanno subito un gol su autorete di Pambianchi

20.11.2016 - La Redazione
reggina_granillo_fumogeni
Lo stadio Granillo di Reggio Calabria (Lapresse)

L unico precedente recente tra Reggina e Taranto è la sfida risalente al lontano 18 agosto 2002, quando in occasione della prima giornata di Coppa Italia, furono gli amaranto a passare il turno vincendo per 3 a 0. Data la storicità del testa a testa di riferimento e una certa mancanza di dati, appare logico ora a poche ore dal fischio di inizio del match andare a vedere come le due compagini tra poco protagoniste allo stadio Oreste Granillo approdano a questa 14^ giornata di Lega Pro. Sia Reggina che Taranto hanno alle spalle ben due sconfitte consecutive, maturate nelle ultime due giornate del girone c: i primi sono stati battuti da Siracusa e Melfi, mentre i secondi hanno subito linsuccesso ad opera di Virtus Francavilla e Paganese. Stando ai gradini più bassi della classifica del girone di Lega Pro, non sorprende dunque che anche le due statistiche sulle prestazioni in casa e fuori casa siano negative: La Reggina è infatti riuscita ad ottenere dei successi al Garilli soltanto in due occasioni, mentre lefficacia in trasferta del Taranto è pari a un solo successo e ben 4 sconfitte. 

Gara molto delicata quella contro il Taranto per la Reggina che sta attraversando un periodo molto complesso con scarsi risultati. Bocche cucite con la società che sta cercando di isolare la squadra da un ambiente abbastanza deluso. Dopo la partita persa 3-0 a Melfi, quarto ko di fila, il tecnico Karel Zeman ha addirittura aperto alle dimissioni: Quando si andava bene lallenatore era fortissimo, ore che le cose vanno male lallenatore è scarso. Se si riesce a trovare qualcuno di meglio dellattuale allenatore, sono favorevole al cambio altrimenti sono convinto del lavoro che sto portando avanti. Non se la passa certo meglio il Taranto che per bocca del vice Presidente Bongiovanni  ha lasciato intendere nuovi rinforzi nel mercato invernale: Il tempo è dalla nostra parte, crediamo nel lavoro compiuto nellultimo periodo e sono sicuro che i risultati miglioreranno. La sessione invernale di mercato? Provvederemo a rinforzare la squadra, diversi giocatori andranno via ed altri ne arriveranno. 

, diretta dall’arbitro Fabio Pasciuta della sezione di Agirgento e in agenda domenica 20 novembre 2016 alle ore 20.30, sarà con ogni probabilità la sfida più delicata nel programma della quattordicesima giornata del campionato di Lega Pro. Le due formazioni arrancano nei bassifondi del girone C e stanno vivendo un periodo obiettivamente negativo: soprattutto i calabresi, dopo l’ottimo inizio di stagione sono praticamente in caduta libera, reduci da quattro sconfitte consecutive e capaci di raccogliere solamente un punto negli ultimi cinque match disputati in campionato. 

La dirompente sconfitta interna, due a sei, contro il Matera sembra aver avuto un effetto psicologico molto pesante su una squadra che ha perso convinzione nei propri mezzi, e si è ritrovata costretta a capitolare anche contro  Vibonese, Siracusa e Melfi in successione. Tutte sconfitte molto pesanti perché subite contro dirette concorrenti per la salvezza, con la posizione del tecnico Karel Zeman che si è fatta decisamente in bilico. Non meglio sta andando al Taranto, che con la sconfitta nel derby pugliese contro la Virtus Francavilla ha perso l’ennesima occasione per ritrovare una vittoria in campionato che manca dal 18 settembre scorso, con i pugliesi appaiati agli amaranto a quota undici punti: la partita dello stadio Granillo rischia di avere già tutti i crismi di uno spareggio salvezza.

Le probabili formazioni: la Reggina schiererà Sala in porta, con il serbo Kosnic al fianco di Cane al centro della difesa, vista l’assenza di De Bode per squalifica a causa dell’espulsione subita a Melfi. Maesano coprirà l’out difensivo di destra e Possenti l’out difensivo di sinistra, con lo svizzero Botta in cabina di regia a centrocampo, affiancato dal congolese Bangu e da De Francesco. Oggiano, Coralli e Porcino giocheranno titolari nel tridente offensivo.

Il Taranto scenderà in campo con una difesa a tre composta da Russo, Altobello e Pambianchi davanti all’estremo difensore Maurantonio. Nigro, Lo Sicco e Balzano giocheranno invece come centrali sulla linea mediana, con Albanese che avrà compiti da esterno sinistro e De Giorgi da esterno destro. Paolucci sarà il trequartista alle spalle di Bollino, confermato come unica punta di ruolo.

4-3-3 confermato per Karel Zeman, che dovrà per forza di cose vedere la sua Reggina tornare a fare risultato per non ritrovarsi vicino all’esonero. Ripescati dalla Serie D dopo il fallimento, al ritorno fra i professionisti i calabresi puntano innanzitutto alla salvezza. La buona partenza era stata forse illusioria, le lacune difensive sono emerse prepotentemente al palesarsi delle prime assenze e a Melfi la squadra è apparsa carente anche e soprattutto dal punto di vista caratteriale.

Si muovono su un filo più sottile le prestazioni del Taranto di Prosperi, schierato con un 3-5-1-1 molto compatto che non è servito a fare risultato contro una Virtus Francavilla a sua volta abile a sfruttare le disattenzioni difensive del gruppo rossoblu. Anche il Taranto sembra essere carente sul piano della personalità, le distanze a fondo classifica sono molto ristrette ma potrebbero essere guai per chi dovesse uscire sconfitto da questo confronto.

Uno scontro tra due squadre in difficoltà, dunque, ma nonostante la crisi nera della Reggina i bookmaker puntano sulla vittoria amaranto, con quota per la vittoria casalinga fissata a 2.15 da William Hill, mentre Unibet moltiplica per 3.00 la posta scommessa sul pareggio e Tipico.it offre a 3.40 la quota per l’affermazione esterna tarantina. Sarà sportube.tv a trasmettere in diretta streaming video per i suoi abbonati Reggina-Taranto, domenica 20 novembre 2016 alle ore 20.30

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori