Diretta / Siviglia-Juventus (risultato finale 1-3) info streaming video-tv: la Juve ora è prima, Siviglia KO! (Canale 5, oggi, Champions League 2016)

- La Redazione

Diretta Siviglia-Juventus: info streaming video Canale5, risultato live e cronaca. La partita di Champions League è in programma martedì 22 novembre 2016

AlexSandro_Siviglia_salto
Foto LaPresse

Siviglia-Juventus termina 1-2 al Sanchez Pizjuan, gli andalusi hanno difeso con i denti e in inferiorità numerica per un’ora di match il loro primato nel gruppo H ma l’hanno poi perso in extremis, dopo la rete di Bonucci! Al minuto 85 il centrale difensivo di Allegri si è sganciato ed ha raccolto un pallone vagante al limite dell’area avversaria, spedendolo alle spalle di Sergio Rico con un mancino angolato e potente. Una mazzata per gli uomini di Sampaoli, affranto in tribuna, dopo l’espulsione. All’ultimo minuto di recupero sigillo sulla vittoria di Mandzukic, con un destro angolatissimo e imparabile per Sergio Rico. Juve ora padrona del suo destino e che non dovrebbe trovare particolari problemi contro la Dinamo Zagabria, già eliminata, all’ultima giornata. Il Siviglia dovrà andare a caccia del punto che le manca per il passaggio del turno nell’ultima sfida, contro il Lione. Da segnalare nel finale anche il debutto in Champions del giovanissimo Kean, classe 2000, appena diventato il primo ragazzo nato nel nuovo millennio a esordire in Serie A. Con un bis da sogno stasera, nella massima competizione continentale.

Siviglia-Juventus 1-1 quando siamo entrati nei minuti decisivi del match! La Juve ci sta provando ma senza la necessaria determinazione e personalità, nella bolgia creata dal pubblico di casa: solo una vera occasione per i bianconeri in questo spezzone di partita, creata da Dani Alves per Pjanic, abile nella conclusione con il destro quanto Sergio Rico si è dimostrato pronto nel parargliela. Andando poi a chiudere lo specchio di porta anche a Alex Sandro, sul tentativo di tap in. In campo per Allegri – al posto di Evra – Stefano Sturaro, per cercare nuove energie e nuova intraprendenza nelle offensive. Grande prova per il Siviglia di N’Zonzi, un gigante in mediana e quando serve anche in pressing, da attaccante. Se la Juventus vuole prendersi il primo posto nel girone, questo è il momento di tirare fuori qualcosa in più: senza un forcing totale in questa parte conclusiva, sarà difficile forzare i blocchi dei padroni di casa!

ripartita con il primo cambio della serata: dentro nel Siviglia Sarabia al posto di Vietto. Juve ovviamente subito padrona del gioco, vista la superiorità numerica: assedio fin dal primo minuto, con i padroni di casa chiusi negli ultimi 30 metri di campo e pronti a ripartenze veloci ma che – partendo così lontane dalla porta di Buffon – difficilmente potranno diventare pericolose. Il livello di nervosismo è sempre alle stelle, come nel finale di prima frazione: colpo alla schiena per Vitolo dopo uno scontro con Bonucci, sia Sampaoli che i tifosi andalusi “esplodono” ora ai primi segnali di fallo in proteste esagerate! In questo momento, stando al discorso qualificazione, sia il Siviglia che la Juventus sarebbero qualificate, rimandando invece il discorso primo posto nel gruppo all’ultima giornata. Ma c’è tutto un secondo tempo da vivere, con l’adrenalina che scorre a fiumi al Sanchez Pizjuan!

Siviglia-Juventus 1-1 a fine primo tempo al Sanchez Pizjuan di Siviglia, i padroni di casa hanno incassato proprio all’ultimo respiro il gol del pareggio juventino! Ma soprattutto, il Siviglia è in 10 uomini: espulso per un doppio giallo totalmente ingenuo Vazquez, che prima è stato ammonito per un fallo “vendicativo” su Cuadrado, reo di aver atterrato poco prima Escudero e poi cacciato da Clattenburg per un secondo intervento su Khedira. E’ cambiato dunque totalmente il match e per un fallo molto contestato in area andalusa (ma giusto, su Bonucci), Clattenburg ha fischiato nel recupero il calcio di rigore. Trasfromato da Marchisio, al primo gol dopo il lungo periodo fuori dal campo per l’operazione al ginocchio. Match ora infuocato dalle proteste dei padroni di casa e con la Juve sbilanciata in avanti, prevedibilmente, anche nella ripresa. Per il Siviglia, invece, si prevedono 45 minuti più recupero di grande… passione difensiva!

Siviglia-Juventus 1-0 alla mezzora del primo tempo e la squadra di Allegri è in grossa difficoltà! Si è scatenato – dopo il gol di Pareja – l’esterno sinistro del Siviglia, Sergio Escudero: tre occasioni da gol costruite in proprio dal mancino (fresco di prima convocazione in nazionale spagnola), che ha seminato il panico tra Dani Alves e gli altri difensori della Juve, andando anche al tiro e sfiorando la traversa, al minuto 18. La risposta degli ospiti si è limitata ad un colpo di testa poco efficace di Evra, servito in area dalla sponda aerea di Rugani, sugli sviluppi di azione da corner. In generale punteggio parziale giusto per quanto visto in campo: gioca bene la squadra di casa, incitata dal pubblico, davanti al quale ha sempre vinto quest’anno, eccezion fatta per la partita contro il Barcellona. E’ arrivata poco fa anche la prima sanzione di Clattenburg, che ha ammonito Mandzukic per proteste, dopo avergli fischiato contro un fallo in attacco molto fantasioso. Il croato subito dopo ha avuto sul destro un buon pallone, calciandolo però largo oltre il secondo palo, dal limite. E il Siviglia dall’altra parte continua a tenere palla e spingere…

iniziata con i bianconeri (stasera in completo blu “europeo”) a gestire la sfida, baricentro alto e personalità importante su uno dei campi più difficili della Champions, quello del Sanchez Pizjuan! Prime opportunità potenziali da calcio piazzato non concretizzate da Bonucci & co, che sono schierati con modulo molto fluido: Cuadrado non dà punti di riferimento, passa dalla fascia alla zona centrale del campo e sta disturbando non poco con i suoi movimenti la linea – spesso a 5 elementi – del Siviglia di Sampaoli. Il lampo più bruciante però è arrivato al minuto 10 e nell’altra area di rigore: primo corner battuto da Vazquez, doppio cross messo fuori da Rugani e destro al volo dal limite del difensore argentino Pareja, che punisce Buffon (non un mosto di reattività qui…) per il vantaggio immediato dei padroni di casa. Strada in salita dunque per la Juve, che deve subito inseguire!

Siviglia-Juventus comincia: la partita del Sanchez Pizjuan ci dirà finalmente se la Juventus avrà bisogno dellultima giornata di Champions League per qualificarsi agli ottavi di finale o se chiuderà il discorso già questa sera, rimandando poi la decisione sul primo posto nel girone H. Allandata fu 0-0 e i bianconeri non riuscirono a concretizzare le occasioni avute; questa sera dovranno espugnare un campo sul quale in stagione è passato soltanto il Barcellona, e contro una squadra che gioca benissimo a calcio ed è capace di grandi folate offensive. Possiamo dunque andare a vedere quali sono le formazioni ufficiali di Siviglia-Juventus, il calcio dinizio al Ramon Sanchez Pizjuan è previsto per le ore 20:45. : 1 Sergio Rico; 23 Rami, 21 Pareja, 24 Mercado; 15 NZonzi; 3 Mariano, 8 Iborra, 20 Vitolo, 18 Escudero; 22 F. Vazquez, 9 Vietto. A disposizione: 25 Sirigu, 6 Daniel Carriço, 4 Kranevitter, 14 Kiyotake, 17 Sarabia, 19 Ganso, 12 Ben Yedder. Allenatore: Jorge Sampaoli : 1 Buffon; 23 Dani Alves, 19 Bonucci, 24 Rugani, 33 Evra; 6 Khedira, 8 Marchisio, 5 Pjanic; 7 Cuadrado, 17 Mandzukic, 12 Alex Sandro. A disposizione: 25 Neto, 3 Chiellini, 27 Sturaro, 11 Hernanes, 18 Lemina, 22 Asamoah, 34 Kean. Allenatore: Massimiliano Allegri

Siviglia-Juventus ha un precedente ufficiale molto recente, risalente alla scorsa stagione, una partita che ebbe un sapore amaro per i tifosi bianconeri, ma che comunque consentì alla Juventus di proseguire il suo percorso in Champions League. Siviglia-Juventus, giocata l’8 dicembre del 2015, si concluse con il risultato di 1-0 grazie a un gol dell’ex Fernando Llorente, che fino a pochi mesi prima indossava proprio la maglia della Juventus. I bianconeri hanno una storia europea molto lunga con tantissime gare giocate e diversi risultati da ricordare anche se il bilancio è negativo. Infatti in 50 gare giocate sono arrivate 17 vittorie, 13 pareggi e ben 20 sconfitte con la differenza reti che però è a +1 con 55 gol fatti e 54 subiti. Dall’altra parte per il Siviglia invece gli scontri con squadre italiane sono soli nove con tre successi, due pari e quattro ko a fronte di sette gol fatti e altrettanti subiti. Stasera sarà una gara importante per decidere soprattutto chi riuscirà ad arrivare primo nel girone di Champions League.

Possiamo studiare i migliori giocatori di Siviglia e Juventus attraverso le statistiche riportate dal sito ufficiale della UEFA. Wissam Ben Yedder e Gonzalo Higuain sono i migliori marcatori delle rispettive squadre, entrambi con due gol; non ci sono troppe individualità che spiccano nel mucchio dei calciatori impegnati in questo primo turno, ancora Higuain è il migliore della Juventus per tiri totali (sono 15, 6 dei quali terminati nello specchio della porta) mentre per il Siviglia a quota 7 troviamo Steven NZonzi, che però – come i compagni – ha una grande percentuale di precisione avendo trovato per 5 volte lo specchio della porta. NZonzi guida la sua squadra anche nei passaggi: ne ha effettuati 384 con una percentuale di positività del 92%, per la Juventus il migliore è invece Andrea Barzagli che ha il 93%, ma il giocatore che in assoluto ha effettuato più passaggi è stato Leonardo Bonucci con 330 (percentuale dell89%). Guardando alla corsa e alla distanza coperta, nel Siviglia spiccano ancora una volta NZonzi (44119 metri) e Vitolo (44061), per la Juventus invece bisogna scendere nella classifica generale di Champions League per trovare Sami Khedira (42199) e Dani Alves (40511). Andando invece a guardare i cartellini, ci sono due ammonizioni e unespulsione per Mario Lemina che rientra proprio questa sera; nel Siviglia ha ottenuto due cartellini gialli Nicolas Pareja, senza espulsioni.

-Juventus sarà come detto una sfida delicatissima per la Juventus di Massimiliano Allegri. Le due squadre sono distanziate nel girone da due punti però hanno segnato entrambe sei gol a testa con una media di 1.5 a partita. Mentre i bianconeri ne hanno fatti 2 di sinistro e 4 di destro gli spagnoli ne hanno realizzati 2 di sinistro, 2 di destro e 2 di testa. La squadra di Sampaoli tira di più con le conclusioni che sono 56 a 63, di media a partita 15.75 a 14. I bianconeri invece sono avanti negli scambi e nelle palle giocate che sono 2454 a 2478, con una percentuale di passaggi riusciti pari all’89% a 88%. La squadra spagnola però commette più falli, 56 a 50, con sette cartellini gialli estratti per parte fino a questo momento. L’unico espulso è stato il bianconero Mario Lemina nella gara di Lione vinta alla fine con una giocata del colombiano Juan Cuadrado. Vedremo come andrà a finire la gara con il pareggio che sembra il risultato più semplice da prevedere.

Jorge Sampaoli e Massimiliano Allegri si preparano a Siviglia-Juventus: i due non si erano mai incrociati prima della partita di andata, che come abbiamo ricordato è terminata 0-0. Entrambi però hanno ottenuto ottimi risultati nei rispettivi club: Allegri ha vinto lo scudetto al primo anno sulla panchina del Milan, ripetendosi con la Juventus dove, raccogliendo la pesante eredità di Antonio Conte, per due stagioni consecutive ha centrato la doppietta campionato-Coppa Italia e ha riportato i bianconeri in finale di Champions League dopo 12 anni. Anche in questo campionato è primo in classifica con 7 punti di vantaggio su Roma e Milan, e se si qualificherà agli ottavi di Champions League avrà il 100% di successo nel passaggio del turno (tra Milan e Juventus). Sampaoli è alla prima esperienza in Europa: ha fatto benissimo soprattutto in Cile, allenando la Universidad de Chile e vincendo campionato Apertura e Clausura oltre alla Copa Sudamericana, e portando poi la sua squadra alla semifinale di Copa Libertadores. Il grande trionfo è però arrivato nel luglio 2015, quando ha portato la Roja alla prima vittoria della sua storia, battendo la sua Argentina. Arrivato a Siviglia, ha preso in mano una squadra reduce dal tris in Europa League e dal settimo posto in classifica nellultima Liga; dopo 12 giornate è terzo con 24 punti, a 6 lunghezze dal Real Madrid e 2 dal Barcellona, contro cui ha perso la prima gara interna della stagione (1-2).

La sfida di Champions League Siviglia-Juventus sarà diretta, come abbiamo visto, dal signor Mark Clattenburg della federazione inglese. Gli daranno supporto gli assistenti di linea Jake Collin e Simon Bennett, il quarto uomo Ian Hussin e gli addizionali di porta Anthony Taylor e Andre Marriner. Clattenburg è nato nella cittadina di Consett in Inghilterra nellanno 1975 ed è diventato un internazionale nel 2006. In questi primi mesi della nuova stagione calcistica ha diretto già due incontri nella fase a gironi di Champions League: Borussia Dortmund Real Madrid 2-2 e Besiktas Napoli 1-1. Inoltre ha arbitrato il Preliminare Ludogoretes Viktoria Plzen 2-0,la gara Kasnodar FC Schalke 0-1 di Europa League ed Islanda Turchia 2-0 valida per le qualificazioni ai campionati del mondo di Russia 2018. Complessivamente in stagione il signor Clattenburg ha diretto 14 incontri, estraendo dal proprio taschino 51 cartellini gialli, 1 cartellino rosso per doppia ammonizione e decretando 5 calci di rigore. 

La mattinata che ci conduce a Siviglia-Juventus è purtroppo contrassegnata dalla notizia, riportata dal quotidiano spagnolo As, di scontri avvenuti tra tifosi nel centro della città dellAndalusia. Si è parlato di tre feriti, uno dei quali piuttosto grave e ricoverato presso lospedale Virgen del Rocio; in mattinata la notizia è stata confermata, con laggiunta che il ferito è un italiano che risiede in Belgio. Ansa ha fatto sapere che luomo sarebbe stato colpito da una bottigliata. I fatti, raccolti dai quotidiani spagnoli, parlano di unirruzione da parte di una quarantina di tifosi del Siviglia alla Taberna El Papelon – in pieno centro – e di una colluttazione con alcuni sostenitori della Juventus che si trovavano allinterno del locale. Armati di spranghe e coltelli, così riportano le cronache iberiche, sono entrati nella taverna con lintenzione di cercare lo scontro con i bianconeri. Il locale sarebbe stato devastato; la polizia intervenuta sul posto ha iniziato a interrogare i presenti, ci sono infatti numerosi testimoni e si sta cercando di fare luce sullaccaduto.

Sarà diretta dall’arbitro inglese Mark Clattenburg e si disputerà martedì 22 novembre alle presso lo stadio Ramon Sanchez Pizjuan nella città andalusa omonima della squadra padrona di casa; la gara, valida per la 5^ giornata del gruppo H di Champions League 2016-2017.  Si tratta della sfida decisiva per l’assegnazione del primo posto nel girone H: al momento la classifica dopo le prime quattro giornate della fase a gironi vede la formazione allenata da Jorge Sampaoli in vetta con 10 punti davanti ai bianconeri a quota 8. 

In caso di successo il club andaluso avrebbe la certezza matematica del primo posto con una giornata d’anticipo, mentre la compagine di Allegri, se espugnasse il Sanchez Pizjuan, scavalcherebbe la squadra avversaria per poi affrontare l’ultimo impegno dell’anno solare 2016 contro la Dinamo Zagabria in casa, fanalino di coda del gruppo e presumibilmente vittima sacrificale dei bianconeri.

Lo stesso Allegri ha fatto sapere nelle varie conferenze stampa che l’importante è qualificarsi e che non sarebbe un dramma arrivare secondi, sebbene lo scorso anno fu proprio in questa maniera che la Juventus incontrò il Bayern Monaco già agli ottavi di finale e venne eliminata dalla competizione nonostante un’ottima prestazione all’andata e soprattutto al ritorno, e che la cosa fondamentale è farsi trovare pronti al 100% da marzo, quando si entrerà nel vivo della fase a eliminazione diretta.

La Juventus si presenterà in campo con la migliore formazione possibile, tenendo conto delle assenze di Barzagli, Pjaca, Dybala e Lichtsteiner che si è infortunato nell’ultimo match di campionato contro il Pescara. Per il Siviglia, gli unici dubbi sono legati alle condizioni di Fernandez e Nasri che non hanno ancora recuperato pienamente dai rispettivi acciacchi. Se in Italia la Juventus domina avendo già cominciato a fare il vuoto dopo le prime tredici giornate di campionato, in Spagna il Siviglia non riesce a tenere il passo del Real Madrid capolista e del Barcellona, con gli andalusi che al momento occupano la terza posizione.

Per la seconda stagione di fila, Juventus e Siviglia si affrontano ai gironi di Champions League: lo scorso anno, all’andata a Torino, i bianconeri si imposero per 2 a 0, al ritorno in Spagna gli andalusi si presero la rivincita battendo gli uomini di Allegri di misura costringendoli al secondo posto, mentre la formazione di Unai Emery passò in Europa League (che poi vinse). Quest’anno il match di andata si è disputato sempre all’andata ed è terminato a reti bianche, vedremo come andrà questa volta in terra andalusa con la Juve che ha un solo risultato a disposizione, la vittoria, per agguantare il primo posto nel girone ed evitare brutte sorprese nei sorteggi degli ottavi.

Per i bookmaker, Siviglia-Juventus si preannuncia una partita equilibratissima, le agenzie di scommesse on-line non intendono assolutamente sbilanciarsi e propongono quote molto abbottonate: l’1 degli andalusi, su Bet365, viene dato a 2,70 contro il 2 della Juventus per il quale Unibet offre una posta in palio di 3,05. Paradossalmente la quota più alta è quella del pareggio, con l’X fissato a 3,20 su Bwin. Sarà un match ricco di gol? PaddyPower ne dubita, quotando l’Over a 2,25 e l’Under a 1,62. Il risultato esatto più probabile secondo Betfair è l’1-1, offerto a 5,50.

Siviglia-Juventus sarà proposta in televisione da Mediaset, sia a pagamento che in chiaro sui rispettivi canali. Per gli abbonati alla pay-tv dell’emittente di Cologno Monzese, l’appuntamento è in diretta tv su Premium Sport (canale 370 del digitale terrestre in risoluzione standard, canale 380 in alta definizione) con un ampio pre e post gara e tutte le interviste ai protagonisti al termine dell’incontro.

Per tutti gli altri, il match andrà in onda anche su Canale 5 (numero 5 e 505 del digitale terrestre), per la seconda volta Mediaset mostrerà in chiaro gratuitamente le immagini con i bianconeri protagonisti, una filosofia nettamente diversa rispetto alla scorsa stagione quando la Juve veniva trasmessa solamente su Premium. La partita sarà visibile, oltre che dal televisore di casa, anche in diretta streaming video grazie alle app di Mediaset e Premium Play, oltre che sul sito web.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori