Probabili formazioni/ Napoli-Dinamo Kiev: due maglie per quattro. Diretta tv, orario, le ultime notizie live (Champions League 2016-2017, girone B)

- La Redazione

Probabili formazioni Napoli-Dinamo Kiev: diretta tv, orario, le ultime notizie live sulla partita che si gioca al San Paolo, valida per la quinta giornata del girone B di Champions League

DiawaraHamsik_NapoliChampions
(LaPresse)

una partita delicata e per questo motivo Maurizio Sarri deve ponderare bene le sue scelte; a centrocampo lunico giocatore davvero insostituibile è Marek Hamsik, il capitano e trascinatore della squadra che raramente si riposa. Al suo fianco ci sono almeno quattro giocatori per due maglie: Jorginho lo scorso anno si era preso la regia della squadra con personalità e qualità, ma ha iniziato in maniera modesta questa stagione e la crescita del giovane Amadou Diawara gli ha tolto spazio soprattutto in campionato. Tra Allan e Piotr Zielinski si parte sostanzialmente alla pari: il polacco non garantisce il lavoro di corsa e quantità che invece il brasiliano può dare, ma aumenta in tecnica e capacità di inserirsi negli spazi e ha il vantaggio di aver già lavorato con Sarri (a Empoli). Le ultime giornate di campionato ci stanno dicendo che Diawara sta trovando sempre più campo; a dire il vero ci sarebbe un altro giocatore nella mediana partenopea, ma Marko Rog fino a questo momento non ha mai giocato con la maglia del Napoli e a oggi ci sono ancora tanti dubbi sul momento in cui il suo allenatore deciderà di dargli fiducia. Nella Dinamo Kiev le soluzioni a disposizione di Sergiy Rebrov sono un paio: la formazione ucraina può giocare con il 4-1-4-1 o con il 4-2-3-1. Nel primo caso il solo Rybalka presidia la zona arretrata, nel secondo a lui si affianca Sydorchuk con soli tre giocatori che vanno a formare la linea dei trequartisti.

Il tecnico del Napoli, Maurizio Sarri, per sfidare la Dinamo Kiev in Champions League si affiderà molto al suo centrocampo. Jorginho e Marek Hamsik dovrebbero essere sicuri del posto in mediana, entrambi infatti sono scesi in campo finora in tutte le partite della competizione europea con lo slovacco che ha anche segnato due gol. Hamsik vanta la bellezza di sessanta presenze in una competizione Uefa, con quindici reti messe a segno finora. Quattordici invece le presenze di Jorginho. Mertens potrebbe essere una valida scelta per il tecnico del Napoli, il giocatore ha segnato tre gol finora in Champions League, mentre Allan si giocherà un posto da titolare fino all’ultimo momento così come Diawara che ha conquistato la fiducia dell’allenatore. Da sottolineare che in questa stagione di Champions League il tecnico Sarri ha fatto esordire tutto il centrocampo, compreso Giaccherini, fatta eccezione per Rog che non ha ancor avuto la sua chance neanche in campionato.

E interessante studiare lattacco di Napoli e Dinamo Kiev che si sfidano al San Paolo. Nel Napoli lassenza di Arkadiusz Milik si sta facendo sentire oltre misura: con lattaccante polacco in campo i partenopei hanno vinto sei delle nove partite giocate segnando 20 gol, 7 dei quali con la firma del numero 99 acquistato in estate dallAjax. Senza di lui il Napoli ha giocato otto gare: ne ha vinte appena tre, ma soprattutto ha segnato 12 gol che in proporzione sono molti meno di quanti ne avesse infilati prima. Manca proprio un riferimento avanzato alla squadra di Maurizio Sarri, uno che esegua costantemente i movimenti da prima punta; Dries Mertens e José Callejon (che in Champions League non ha ancora segnato, ma ha due assist) non sono sufficienti a garantire un bottino di reti adeguato al Napoli. Sono due i giocatori ai quali la Dinamo Kiev si appoggia in attacco: Andriy Yarmolenko è la sella della squadra, uno che non segna tanto (due reti in stagione, a secco in Champions League) ma in ogni caso capace di creare superiorità numerica e vantaggi ai compagni grazie alle sue capacità nelluno contro uno. Il ruolo di prima punta questanno è stato praticamente monopolizzato dal ventinovenne brasiliano Junior Moraes, arrivato nellestate dal 2015 dal Metalurg e capace in questa stagione di segnare già 8 gol nelle 19 partite disputate. Anche lui però deve ancora sbloccarsi in Champions League, dove ha sempre giocato se non per un quarto dora in cui è stato sostituito; la Dinamo Kiev sta sentendo anche il peso dellassenza di Oleksandr Gladkiy, che ha giocato 424 minuti in campionato e appena 25 in Champions League, senza mai riuscire a segnare ma garantendo comunque buon peso specifico davanti.

In Napoli-Dinamo Kiev il dubbio che riguarda la difesa partenopea è legato a Raul Albiol: il centrale spagnolo ha recuperato dal problema fisico che lo ha tenuto fuori a lungo, ma sabato sera a Udine sarebbe dovuto rientrare e invece è stato nuovamente costretto al forfait (era in panchina). Un giocatore fondamentale per il Napoli: basti pensare che con lui in campo (sette partite, visto che contro il Benfica si è infortunato dopo 11 minuti sul risultato di 0-0) i gol subiti sono stati sei mentre senza di lui il Napoli ha vinto appena quattro delle dieci partite giocate e soprattutto ha subito 15 reti. Un giocatore fondamentale per gli equilibri difensivi della squadra; Maurizio Sarri nelle partite in cui lo spagnolo ha alternato in maniera piuttosto equilibrata Vlad Chiriches e Nikola Maksimovic, tanto che il rumeno ha giocato 451 minuti mentre il serbo ne ha accumulati 439. Sabato sera il tecnico del Napoli si è affidato a Chiriches, ma questo non vuol dire che in assenza di Albiol sarà Maksimovic a giocare martedì sera; staremo a vedere. La Dinamo Kiev invece ha una difesa che cambia poco o nulla: i quattro interpreti della retroguardia ucraina sono quasi insostituibili, lunico giocatore ad avere possibilità è Vitorino Antunes che ha giocato 8 volte in campionato e tre in Champions League, per un totale di 990 minuti (più 120 in Coppa dUcraina).

in programma allo stadio San Paolo alle ore 20:45 di mercoledì 23 novembre; per la quinta giornata del girone B di Champions League 2016-2017 si gioca una partita davvero molto importante per il futuro europeo dei partenopei che, tornati a vincere in campionato, si giocano tutto o quasi in questa sfida interna in attesa del match del Da Luz contro il Benfica. Il pareggio di Istanbul contro il Besiktas può aver cambiato in positivo la stagione del Napoli, che adesso ha molte più possibilità di qualificarsi agli ottavi di finale; arbitra la partita il rumeno Ovidiu Hategan, andiamo dunque a dare uno sguardo più approfondito alle probabili formazioni di Napoli-Dinamo Kiev.

Cè ancora il dubbio legato alla presenza di Raul Albiol, che sabato non ce lha fatta; pronto nel caso Chiriches che sembra avere un passo di vantaggio su Maksimovic per andare ad affiancare lo straconfermato Koulibaly. Rispetto alla partita contro lUdinese Maurizio Sarri medita qualche cambio; Jorginho dovrebbe tornare in campo dal primo minuto prendendo il posto di Diawara, con Allan e Hamsik regolarmente schierati sulle mezzali e le fasce coperte come al solito da Hysaj e Ghoulam. Nel tridente offensivo sono ovviamente in crescita le quotazioni di Lorenzo Insigne, reduce dalla doppietta che ha portato anche i primi gol stagionali in campionato: il numero 24 parte forse favorito su Mertens, che potrebbe allora iniziare questa partita in panchina lasciando campo a Gabbiadini da prima punta. Si vedrà, e probabilmente Sarri scioglierà questo nodo soltanto nelle ultime ore precedenti la partita; a destra ovviamente ci sarà Callejon.

La Dinamo Kiev di Sergiy Rebrov ha due possibili moduli di gioco; per la partita di Champions League dovrebbe scegliere il 4-1-4-1 con Rybalka schierato da schermo davanti alla difesa. Nella retroguardia a protezione di Rudko ci saranno Vida e Kacheridi come centrali, mentre sulle corsie laterali dovrebbero giocare Morozyuk e Makarenko (cè anche lex Roma Vitorino Antunes, candidato però a partire dalla panchina). Nella linea di mezzepunte trovano spazio sicuramente Derlis Gonzalez che partirà dalla corsia sinistra e senza alcun dubbio Yarmolenko che invece agirà sulla destra; Buyalsky e Sydorchuk saranno invece i giocatori che si preoccuperanno di agire da posizione centrale supportando così lunica punta che sarà senza sorprese Junior Moraes, che non dovrebbe avere alcun rivale per una maglia da titolare. Per il momento però Rebrov pare intenzionato a confermare la squadra che ha perso di misura a Lisbona, battuta soltanto da un calcio di rigore al termine del primo tempo.

, per la quinta giornata del girone B di Champions League 2016-2017, sarà trasmessa dalla pay tv del digitale terrestre, precisamente su Premium Sport e Premium Sport HD.

 

 25 Reina; 2 Hysaj, 33 Raul Albiol, 26 Koulibaly, 31 Ghoulam; 5 Allan, 8 Jorginho, 17 Hamsik; 7 Callejon, 23 Gabbiadini, 24 L. Insigne

A disposizione: 1 Rafael C., 11 Maggio, 21 Chiriches, 20 Zielinski, 42 A. Diawara, 4 Giaccherini, 14 Mertens

Allenatore: Maurizio Sarri

Squalificati: –

Indisponibili: Milik

 72 Rudko; 9 Morozyuk, 24 Vida, 34 Kacheridi, 27 Makarenko; 17 Rybalka; 10 Yarmolenko, 29 Buyalsky, 16 Sydorchuk, 25 Derlis Gonzalez; 11 Junior Moraes

A disposizione: 35 Koval, 26 Burda, 19 Garmash, 77 Gromov, 18 Korzun, 15 Tsygankov, 41 Biesledin

Allenatore: Sergiy Rebrov

Squalificati: –

Indisponibili: Gladkiy

 

Arbitro: Ovidiu Hategan (Romania)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori