Probabili formazioni/ Siviglia-Juventus: Buffon sfida l’erede Sergio Rico. Quote, le ultime novità live (Oggi 22 novembre 2016, Champions League)

- La Redazione

Probabili formazioni Siviglia-Juventus: le quote e le ultime novità live sulla partita che si gioca al Sanchez Pizjuan ed è valida per la quinta giornata del girone H di Champions League

Bonucci_Pareja
Foto LaPresse

Il grande campione Gigi Buffon da una parte, lemergente Sergio Rico dallaltra: le probabili formazioni di Siviglia-Juventus ci propongono un interessante duello fra i portieri delle due squadre. Su Buffon cè naturalmente ben poco da dire se non rilevare che anche questanno sta facendo benissimo (soli nove gol subiti in 15 presenze fra campionato e Champions League), andiamo allora a conoscere meglio Rico, che ha 15 anni meno di Buffon essendo nato nel 1993. Il portiere è un prodotto del vivaio del Siviglia: nato nella città andalusa, è cresciuto nelle giovanili fino alla seconda squadra (come usa in Spagna) per poi debuttare nella prima il 14 settembre 2014, rivelandosi una validissima alternativa allallora titolare Beto e giocando soprattutto in Europa League, che negli ultimi anni è diventata il giardino del Siviglia. Già dalla stagione successiva è diventato il titolare fisso, ruolo che dunque adesso ricopre per la seconda stagione consecutiva. Ha anche debuttato con la Nazionale maggiore e ha partecipato ad Euro 2016, pur senza scendere mai in campo. Adesso lo attende la sfida alla leggenda Buffon: non una novità visti i frequenti incroci recenti fra Siviglia e Juventus, ma di certo per un portiere che fin da bambino ha visto le gesta del celebre collega non sarà un duello qualsiasi.

Nelle probabili formazioni i jolly sono quei giocatori che potrebbero dare di più di quello che ci si attenderebbe da loro. Parlando di Siviglia-Juventus, ad esempio, in casa bianconera potrebbe essere il caso di Alex Sandro. Visti i problemi della Juventus nel reparto offensivo, colpito da qualche assenza di troppo, ecco che la spinta dellesterno brasiliano potrebbe rivelarsi molto utile nel gioco di Massimiliano Allegri. Innanzitutto perché potrebbe produrre cross importanti per la testa di un attaccante forte nel gioco aereo come Mario Mandzukic, inevitabile punto di riferimento dellattacco bianconero in questo momento, senza però sottovalutare la possibilità che Alex Sandro possa diventare protagonista in prima persona. In casa Siviglia invece scegliamo Adil Rami, che potrebbe risultare particolarmente prezioso nella retroguardia degli spagnoli grazie allesperienza di un anno e mezzo maturata nel calcio italiano indossando la maglia del Milan dal gennaio 2014 al giugno 2015. Conosce dunque la Juventus e conosce bene Massimiliano Allegri, con il quale si allenò per qualche mese al Milan quando – nellautunno 2013 – il Valencia concesse a Rami di lavorare già con la squadra che avrebbe potuto tesserarlo solo nel gennaio successivo. Lacquisto ufficiale di Rami coincise con lesonero di Allegri, ma i due si conoscono comunque e chissà che questo possa servire a Rami e alla difesa del Siviglia.

La buona notizia nelle formazioni di Siviglia-Juventus è il ritorno di Claudio Marchisio dal primo minuto. Lo aveva già annunciato Massimiliano Allegri nella conferenza stampa della vigilia: il Principino è pronto a fare la sua parte. Già titolare contro il Lione, Marchisio aveva dimostrato di aver recuperato dalla rottura del legamento crociato subita in aprile, e che gli aveva fatto saltare l’Europeo; poi però era arrivata qualche complicazione, che lo aveva fatto tornare a casa dal ritiro della Nazionale e lo aveva costretto alla panchina nelle ultime partite di campionato. Marchisio sabato sera era seduto al fianco di Allegri e ha guardato i compagni battere il Pescara; ora è di nuovo il suo momento. Un giocatore che sarà con tutta probabilità impiegato come regista davanti alla difesa, se non altro nella partita di stasera; la crescita di Hernanes però fa pensare che per le prossime partite Allegri possa anche far tornare il Principino al suo vecchio ruolo di mezzala, se non altro una gara ogni tanto per avere un’alternativa di maggiore qualità quando Khedira (soprattutto) e Pjanic dovranno tirare il fiato. Intanto attendiamo il ritorno in campo di Marchisio nell’importante partita di questa sera al Ramon Sanchez Pizjuan.

In una partita delicata come Siviglia-Juventus potrebbe risultare decisivo anche lapporto dei giocatori che dovrebbero iniziare il match in panchina. Diamo allora uno sguardo nelle probabili formazioni ai nomi di questi panchinari di lusso: nella Juventus una carta importante a disposizione di Massimiliano Allegri potrebbe essere il brasiliano Hernanes, titolare e in gol sabato sera in campionato contro il Pescara. Stasera al Sanchez Pizjuan il Profeta dovrebbe tornare in panchina, ma di certo sarà una delle principali alternative a disposizione dellallenatore bianconero per alimentare la fase dattacco, nella quale la Juventus deve fare i conti con diverse defezioni. Per il Siviglia scegliamo due nomi fra quelli che Jorge Sampaoli dovrebbe mandare inizialmente in panchina: Franco Vazquez e Ganso. Loriundo italo-argentino è una vecchia conoscenza del nostro calcio grazie a tre stagioni con il Palermo e vorrà fare bene anche per mettersi in vista in ottica Nazionale (ha già giocato due partite con la maglia azzurra). Ganso invece qualche anno fa era sulla bocca di tutti come possibile nuova stella del calcio brasiliano: non è andata così, ma certamente ha le qualità per provare a lasciare il segno sulla partita anche con poco tempo a sua disposizione.

Le probabili formazioni di Siviglia-Juventus sono inevitabilmente condizionate dallalto numero di giocatori che non potranno prendere parte a questa delicata partita di Champions League. In casa Siviglia lallenatore Jorge Sampaoli dovrà fare i conti con le assenze di tre calciatori, cioè Trémoulinas, Krohn-Dehli e Carlos Fernandez, ma senza dubbio sta peggio Massimiliano Allegri. Sono fresche le notizie circa gli ultimi due infortunati della Juventus: ieri pomeriggio sono stati esclusi dallelenco dei convocati Higuain e Benatia. Lattaccante argentino deve fare i conti con un forte trauma contusivo alla coscia sinistra, rimediato negli ultimi minuti della gara di sabato scorso contro il Pescara. Il difensore marocchino, invece, non ha ancora smaltito le conseguenze del trauma riportato al ginocchio destro. Problemi non da poco sia in attacco sia in difesa, visto che nella retroguardia bisogna fare i conti anche con la nota assenza di Barzagli che rientrerà dopo Natale, mentre in attacco sono indisponibili pure Pjaca e soprattutto Dybala, dunque il 100% dellattacco argentino della Juventus sarà assente per limportantissima partita di questa sera allo stadio Sanchez Pizjuan.

A poche ore dal fischio dinizio di Siviglia-Juventus, non tutto è ancora chiaro circa le probabili formazioni delle due squadre. In casa Siviglia evidenziamo tre potenziali ballottaggi per Jorge Sampaoli: in difesa il francese Rami dovrebbe togliere il posto a Carriço, titolare invece nellultima giornata della Liga, ma non è ancora detta lultima parola; a centrocampo i favoriti sono NZonzi ed Iborra, ma il giovane Kranevitter è in ascesa e potrebbe togliere il posto a uno dei due; in attacco invece Nasri è reduce da qualche acciacco, dovrebbe essere titolare ma sono in pre-allarme Vazquez e Sarabia per prendere il suo posto in caso di necessità. In casa Juventus invece i dubbi per Massimiliano Allegri sono pochi perché troppi sono gli assenti: quello principale riguarda Marchisio, che potrebbe ottenere una maglia da titolare se ci saranno garanzie circa le sue condizioni fisiche. Unaltra possibilità potrebbe essere avanzare Dani Alves inserendo Rugani in difesa, ma con il rischio di non avere centrali di ruolo in panchina in caso di necessità.

Nelle probabili formazioni per Siviglia-Juventus è facile identificare Mario Mandzukic come protagonista in casa Juventus, dal momento che lattaccante croato è lunico giocatore sano nel reparto offensivo della formazione bianconera. Una responsabilità importante per Mandzukic, che però potrebbe sfruttare la ribalta per guadagnare considerazione in un ambiente che negli ultimi mesi ha concentrato la propria attenzione su Dybala e Higuain, trascurando un attaccante dal rendimento comunque garantito, che ogni anno arriva in doppia cifra che sia in Germania con il Bayern, in Spagna con lAtletico oppure lanno scorso alla prima stagione con la Juventus. In particolare lesperienza spagnola potrebbe essere utile oggi nel confronto con il Siviglia, dove scegliamo come uomo copertina Samir Nasri, un enorme talento mai però del tutto sbocciato. Il Siviglia è una nuova tappa di una carriera vissuta in gran parte in Inghilterra, tra Arsenal e Manchester City: Nasri ormai ha 29 anni e quindi probabilmente non diventerà mai il grande campione che prometteva di essere da giovanissimo, ma ha le qualità per riuscire sempre a fare la differenza nella singola partita, se in giornata buona. Naturalmente i tifosi della Juventus sperano che non sia questa

Va in scena alle ore 20:45 di martedì 22 novembre; valida per la quinta giornata del girone H di Champions League 2016-2017, mette di fronte due squadre che si giocano non soltanto la qualificazione agli ottavi di finale ma anche il primo posto nel girone, con il Siviglia attualmente avanti di due punti e la Juventus che in caso di vittoria sarebbe certa del passaggio del turno e scavalcherebbe gli andalusi. Allandata era finita 0-0, lo scorso anno il gol dellex Fernando Llorente fu decisivo in almeno due modi per le sorti delle formazioni. Al Sanchez Pizjuan arbitra linglese Mark Clattenburg; andiamo dunque a dare uno sguardo più ravvicinato alle probabili formazioni di Siviglia-Juventus.

Per Siviglia-Juventus, partita valida per la quinta giornata del girone H di Champions League 2016-2017, abbiamo le quote fornite dallagenzia di scommesse Snai: ci dicono che la vittoria del Siviglia (segno 1) vale 2,70, il pareggio (segno X) è quotato 3,10 mentre la vittoria della Juventus (segno 2) vi farà guadagnare 2,80 volte la somma che avrete deciso di mettere sul piatto.

Ci sono ancora dubbi per quanto riguarda la formazione del Siviglia: Jorge Sampaoli ha ritrovato i suoi difensori (a eccezione di Trémoulinas) e dunque può giostrarli come meglio crede. La soluzione più probabile è quella del 4-2-3-1, con Mercado ed Escudero sulle corsie laterali e Rami che potrebbe tornare in campo dal primo minuto a fare coppia con uno tra Nico Pareja e Daniel Carriço. Cè ovviamente anche Mariano Ferreira, che però potrebbe essere avanzato sulla linea dei trequartisti; in mezzo al campo invece non dovrebbero esserci dubbi per NZonzi, al suo fianco Iborra parte favorito ma il recupero di Nasri, tenuto a riposo sabato in campionato, lascia aperto uno spiraglio circa un arretramento del francese ad aumentare la qualità in mezzo al campo. Se così non fosse, Nasri giocherebbe nella sua posizione naturale di trequartista; dovrebbe stringere al centro con Vitolo che naturalmente sarà luomo incaricato di allargare il gioco sulla fascia destra. Pochi punti di domanda sul ruolo di prima punta: sarà di Luciano Vietto, anche se Ben Yedder è al momento il miglior marcatore europeo del Siviglia.

La Juventus va al Sanchez Pizjuan senza Benatia e Higuain: tegola per Massimiliano Allegri che ha gli uomini quasi contati. Sicuramente in difesa, dove Rugani dovrebbe essere tenuto in panchina così da avere almeno unalternativa; lo schema dunque potrebbe e dovrebbe essere il 4-3-3, il che significa la seconda partita consecutiva di Evra da titolare, questa volta nella posizione di terzino sinistro, e il rientro dal primo minuto di Chiellini che farà coppia al centro con Bonucci. A destra gioca ovviamente Dani Alves per cui questa è una gara da ex; a centrocampo sono praticamente certi della maglia Khedira e il rientrante Pjanic (fuori a scopo precauzionale contro il Pescara), per quanto riguarda il ruolo di playmaker Hernanes è in grande crescita, e contende una maglia da titolare a un Marchisio che non ha ancora raggiunto il 100%. Il Profeta insomma potrebbe nuovamente essere schierato; nel tridente offensivo poche soluzioni, Cuadrado e Alex Sandro saranno gli esterni mentre Mandzukic sarà lunica punta, con il giovane Moise Kean che dopo la soddisfazione dellesordio in Serie A potrebbe essere lanciato anche in questa partita, anche perchè di fatto è rimasto lunico attaccante di scorta.

 

 1 Sergio Rico; 24 Mercado, 23 Rami, 21 Pareja, 18 Escudero; 8 Iborra, 15 N’Zonzi; 3 Mariano, 10 Nasri, 20 Vitolo; 9 Vietto

A disposizione: 25 Sirigu, 6 Daniel Carriço, 4 Kranevitter, 22 F. Vazquez, 17 Sarabia, 19 Ganso, 12 Ben Yedder

Allenatore: Jorge Sampaoli

Squalificati: –

Indisponibili: Trémoulinas, Krohn-Dehli, Carlos Fernandez

 1 Buffon; 23 Dani Alves, 19 Bonucci, 3 Chiellini, 33 Evra; 6 Khedira, 11 Hernanes, 5 Pjanic; 7 Cuadrado, 17 Mandzukic, 12 Alex Sandro

A disposizione: 25 Neto, 24 Rugani, 18 Lemina, 8 Marchisio, 27 Sturaro, 22 Asamoah, 34 Kean

Allenatore: Massimiliano Allegri

Squalificati: –

Indisponibili: Barzagli, Benatia, Pjaca, Dybala, Higuain

 

Arbitro: Mark Clattenburg (Inghilterra)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori