DIRETTA/ Lazio-Fiorentina (risultato finale 3-1) info streaming video e tv: Radu chiude i conti al 90′ (Serie A 2016, 18 dicembre)

Diretta Lazio-Fiorentina: info streaming video e tv, probabili formazioni, quote, orario e risultato live. La partita di Serie A è in programma domenica 18 dicembre 2016 alle ore 20.45

18.12.2016 - La Redazione
DeVrijLazio_applauso
Foto LaPresse

Allo Stadio Olimpico di Roma la Lazio supera per 3 a 1 la Fiorentina. Nel primo tempo i padroni di casa aprono le marcature con Keita al 23′ su assist di Keita e raddoppiano su calcio di rigore nel recupero con Biglia al 45’+4′. Nel secondo tempo gli ospiti falliscono un calcio di rigore grazie alla parata di Marchetti su Tatarusanu al 48′ e ci pensa il neo entrato Zarate ad accorciare momentaneamente le distanze al 64′. Nel finale, il biancoceleste Radu accompagna il contropiede di Immobile e chiude definitivamente i conti con il goal realizzato al 90′.

Quando manca appena una decina di minuti al novantesimo, il risultato della sfida tra Lazio e Fiorentina è di 2 a 1. Al 59′ il tecnico viola Sousa inserisce l’ex biancoceleste Zarate al posto del pessimo Ilicic e l’argentino colpisce subito al 64′ accorciando le distanze al termine di un’azione insistita e confusa. Gli ospiti cercano il sorpasso con il solito Bernardeschi, pericoloso sia al 70′ che un minuto più tardi.

Giunti al cinquantacinquesimo minuto, il punteggio tra Lazio e Fiorentina è ancora di 2 a 0. Secondo tempo che parte immediatamente forte con il calcio di rigore concesso per fallo di Biglia sul neo entrato Cristoforo, inserito per l’infortunato Tomovic portato in ospedale per accertamenti, ma comunque sbagliato da Ilicic al 48′ a causa della gran parata del portiere Marchetti.

Al termine del primo tempo le formazioni di Lazio e Fiorentina sono da poco rientrate negli spogliatoi per l’intervallo sul 2 a 0. Dopo la rete di Keita del 23′ che ha aperto le marcature, i biancocelesti raddoppiano nel recupero della frazione con il calcio di rigore trasformato dal capitano Biglia al 45’+4′ e concesso per fallo di Tomovic su Milinkovic. In precedenza, ancora Bernardeschi si era fatto vedere con un colpo di testa potente ma centrale al 41′.

Arrivati alla mezz’ora del primo tempo, il risultato tra Lazio Fiorentina è di 1 a 0. Dopo il tentativo debole e centrale da parte di Bernardeschi al 13′ per i viola, i biancocelesti cercano di passare al 22′ con la conclusione potente ma imprecisa di Immobile. Il vantaggio laziale arriva però al 23′ con la rete di Keita a concretizzare l’azione innescata da Felipe Anderson sulla corsia destra ed assistita da Milinkovic.

Allo Stadio Olimpico la partita tra Lazio e Fiorentina è cominciata da una decina di minuti nel primo tempo ed il punteggio è di 0 a 0. In questa fase iniziale dell’incontro i padroni di casa cercano di prendere subito in mano la situazione creando la prima occasione pericolosa al 9′ con il colpo di testa di Bastos dal corner battuto da Cataldi e sventato provvidenzialmente da Tatarusanu. Gli ospiti appaiono in difficoltà nel tentare di orchestrare la propria manovra.

Lazio-Fiorentina, si comincia! Un altro big match per la 17esima giornata della Serie A: i biancocelesti dovranno battere i viola per agganciare il Napoli al terzo posto, ma non sarà facile contro la squadra di Sousa, che dal canto suo ha invece la possibilità di riportarsi sopra l’Inter in classifica e raggiungere così l’Atalanta al sesto posto. Non mancano, dunque, le motivazioni allo stadio Olimpico di Roma. Ma diamo ora uno sguardo alle formazioni ufficiali e quindi alle scelte di Inzaghi, che punta sul 3-5-2, e di Sousa, che propone invece il 4-2-3-1. LAZIO: Marchetti; Bastos, de Vrij, Radu; Felipe Anderson, Cataldi, Biglia, Milinkovic, Lulic; Immobile, Keita. In panchina: Strakosha, Vargic, Patric, Basta, Hoedt, Wallace, Lukaku, Murgia, Lombardi, Kishna, Luis Alberto, Rossi. FIORENTINA: Tatarusanu; Tomovic, De Maio, Astori, Olivera; C. Sanchez, Vecino; Tello, Ilicic, Bernardeschi; Kalinic. In panchina. Dragowski, Lezzerini, Diks, Milic, Cristoforo, Maistro, Chiesa, Babacar, Perez, Zarate. Manca pochissimo al fischio d’inizio.

Parlando dei giocatori che potrebbero mettersi in mostra in Lazio-Fiorentina, succoso posticipo della diciassettesima giornata di Serie A, per quanto riguarda la Lazio scegliamo il serbo Sergej Milinkovic-Savic, che dovrebbe essere titolare nel terzetto di centrocampo di mister Simone Inzaghi. Al secondo anno in Italia il suo contributo sta aumentando anche in termini di gol segnati (tre, contro Pescara, Palermo e Sampdoria) e si sta dunque rivelando come uno dei punti di forza della formazione biancoceleste. Parlando invece della Fiorentina, è quasi inevitabile scegliere il giovane figlio d’arte Federico Chiesa, che ha lasciato il segno sulle ultime due partite con un gol in Europa League contro il Qarabag e un assist a Kalinic in campionato contro il Sassuolo: grazie a queste sue prestazioni si sta ritagliando un posto sempre più importante nella considerazione di mister Paulo Sousa e potrebbe essere titolare anche all’Olimpico insieme all’altro giovane Federico viola, cioè Bernardeschi.

Sarà Lazio-Fiorentina a chiudere la 17^ giornata di Serie A, chi però non sarà in campo questa sera? A livello di indisponibili, tra infortunati e squalificati, sono i biancocelesti a dover fare i conti con le assenze più pesanti. Il Giudice Sportivo ha infatti comminato una pena di una giornata di squalifica a Marco Parolo, ma all’appello mancheranno anche il portiere Marchetti (problema muscolare), Patric e soprattutto Biglia, le cui condizioni sono da valutare dopo che il centrocampista argentino ha accusato un problema alla tibia. Per lui non impossibile una convocazione perlomeno per la panchina biancoceleste, anche se difficilmente verrà subito arrischiato da Inzaghi. La Viola di Paulo Sousa invece dovrebbe recuperare Borja Valero e Babacar, assenti contro il Sassuolo rispettivamente per una contusione alla gamba e per un rialzo febbrile. Assente certo il lungodegente Toledo: in diffida Badelj e Salcedo, questultimo comunque dato per disponibile almeno dalla panchina per lincontro di questa sera.

Nel posticipo della Serie A tra Lazio e Fiorentina, avremo loccasione di ammirare in campo due delle squadre più efficaci di questo campionato, che risultato particolarmente significative soprattutto nelle statistiche stilate dalla Lega calcio. Innanzitutto è da ammirare lo stato di forma particolarmente eccellente delle due compagini e il loro buon livello di costanza nei risultati positivi ottenuti registrata finora sia nel breve che ne lungo periodo. Tra le loro file si contano inoltre ottimi bomber: nella classifica marcatori per esempio si segnala il 4^ posto di Immobile per i biancocelesti (in gol 9 volte), e gli 8 gol di Kalinic per la compagine viola, oltre che 7 smessi a segno da Bernardeschi. Con questi dati alla mano non sorprende la quinta e la ottava posizione di Lazio e Fiorentina nella classifica dei gol, oltre che i buoni piazzamenti nelle statistiche riguardanti i tiri. Ricordiamo infine la 5^ posizione dei biancocelesti nella classifica assist, con 48 effettuati di cui 15 vincenti e l8^ gradino dei viola di Souso, che hanno messo a segno 42 passaggi di cui 12 vincenti.

Il posticipo dell’Olimpico tra Lazio e Fiorentina è una partita dall’esito incerto. Tuttavia l’agenzia di scommesse sportive SNAI dà per favorita la squadra di casa: il successo degli uomini di Simone Inzaghi è quotato 2,00 (segno 1) mentre la vittoria dei viola sale a 4,00 (segno 2). Il pareggio si attesta alla quota di 3,30 (segno X). La gara regalerà diversi gol? Cerchiamo di capirlo analizzando gli eventi Over/Under 2,5 e Gol/No Gol. Il segno Over 2,5 è proposto a 1,75 mentre il suo esatto contrario, l’Over 2,5, sale a 2,00. Il Gol viene invece quotato 1,62, contro il 2,20 offerto dal No Gol. L’ultimo Lazio-Fiorentina è terminato 4-2 per i toscani: se il punteggio dovesse ripetersi, chi avrà scommesso sul risultato esatto 2-4 potrà portarsi a casa 150,00 volte la posta in gioco. 

Per il match tra Lazio e Fiorentina appare molto difficile provare a individuare quando le rispettive compagini andranno in gol, specialmente per i biancazzurri di Mister Inzaghi. Se infatti andiamo a veder le percentuali realizzative delle aquile nellinsieme dei 90 minuti notiamo una distribuzione abbastanza  equilibrata, specialmente nel secondo tempo: ben 17 del 29 gol messi a segno in totale infatti si concentrano negli ultimi 45 minuti del match. Purtroppo per la Lazio, rimane il secondo tempo la fascia temprale in cui la difesa biancoceleste risulta meno efficace, a tutto vantaggio oggi della Fiorentina, che potrebbe quindi approfittare di qualche momento di black out negli ultimi 30 minuti dellincontro per fare gol. Le percentuali di efficacia della Fiorentina invece evidenziano una particolare predilezione dei bomber viola di trovare il gol negli ultimi 15 minuti del primo tempo: ben il 29% dei 24 gol messi a segno finora sono stati infatti realizzati in quel lasso di tempo (ma dove però la difesa della Lazio appare ancora ben solida). A vantaggio della compagine fiorentina comunque va ricordato che i maggior numero di gol subiti sono avvenuti nel primi 15 minuti dellincontro, dove però nella stessa fascia temporale lattacco della Lazio ha realizzato finora ben poco. 

Ben 67 i precedenti allOlimpico tra Lazio e Fiorentina, dove si registra un bilancio affatto equilibrato: ben 32 le vittorie dei biancocelesti contro le 14 affermazioni dei toscani e oltre 21 pareggi finora messia segno. Negli ultimi 5 precedenti la Lazio ha avuto nettamente la meglio con ben 4 vittorie ed una sola a favore dei viola. La stagione 2015-2016 della Serie A vide nel match di andata la vittoria della compagine laziale in trasferta al Franchi dove si impose per 32 a1 grazie alle reto di Keita, Milinkovic Savic e Anderson, che sperano di potersi affermare anche in questa occasione (con Roncaglia in gol per i gigliati). Al ritorno invece furono i viola a trovare il successo allOlimpico: questa volta il risultato fu fissato per 4 a 2 a favore dei toscani, andati a segno con Vecino (in doppietta), Bernardeschi e Tello, mentre la Lazio violò la porta avversaria con Klose e Lulic.

Lincontro la Lazio e la Fiorentina verrà arbitrato dal signor Massimiliano Irrati della sezione Aia di Pistoia,il quale si avvarrà della collaborazione degli assistenti di linea Preti e Tegoni, del quarto uomo Longo e degli addizionali di porta Mazzoleni e Maresca. In questa prima parte della stagione il signor Irrati ha già diretto complessivamente 8 incontri di cui 7 nel campionato di Serie A: Chievo Inter 2-0, Sampdoria Milan 0-1, Genoa Pescara 1-1, Bologna Sassuolo 1-1, Cagliari Palermo 2-1, Roma Pescara 3-2 e Juventus Atalanta 3-1. In totale ha estratto 37 cartellini gialli, 1 cartellino rosso per doppia ammonizione, 1 cartellino rosso diretto ed ha assegnato 2 calci di rigore. In carriera Irrati ha diretto la Lazio in casa in 3 occasioni ( 2 vittorie ed 1 sconfitta per i biancocelesti) mentre la Fiorentina lo ha incontrato in gare esterne 2 volte per un bilancio di 1 pareggio ed 1 sconfitta.

in programma allo Stadio Olimpico di Roma domenica 18 dicembre 2016 a partire dalle ore 20:45, la partita sarà diretta dall’arbitro Massimiliano Irrati della sezione di Firenze, che potrà contare sulla collaborazione dei guardalinee Preti e Tegoni, del quarto uomo Longo e degli addizionali Mazzoleni e Maresca che andranno a completare la squadra arbitrale per questa sfida valida per la diciassettesima giornata del campionato di Serie A 2016-2017.  

I biancocelesti, dopo il KO nel derby contro la Roma, non potevano dare segnale migliore nella partita successiva in trasferta al Ferraris contro la Sampdoria: la grande prova di reazione (soprattutto a livello emotivo e di carattere) fornita dagli uomini di Simone Inzaghi ha concesso alla Lazio di tornare immediatamente alla vittoria e di riportarsi, assieme al Napoli, a un solo punto dal terzo posto attualmente occupato dal Milan. Un bottino di trentuno punti nelle prime sedici giornate è davvero di tutto rispetto per una squadra che la scorsa estate rischiava di finire letteralmente sull’orlo del baratro dopo il mancato arrivo di Bielsa e la decisione di puntare su Simone Inzaghi, scelta che all’epoca è apparsa ai più come un ripiego dopo non essere riusciti a trovare niente di meglio in circolazione.

Invece, col passare del tempo, Inzaghi ha dimostrato di essere un allenatore che merita assolutamente la Serie A e grazie al lavoro di questi mesi, in cui il tecnico di Piacenza ha ricompattato un gruppo che nella gestione Pioli si era ormai sfaldato, la Lazio è tornata a essere una squadra con tutti i crismi, grazie alla rinascita di elementi che per vari motivi sembravano ormai persi come De Vrij, Keita e Felipe Anderson, e grazie a Ciro Immobile i biancocelesti hanno trovato un terminale offensivo in grado di far dimenticare in tempi rapidi l’addio di Miroslav Klose.

Il fatto, inoltre, di non disputare le coppe, consente alla formazione capitolina di avere tutta la settimana a disposizione per preparare al meglio la partita di campionato, benefit di cui non usufruisce la Fiorentina, ad esempio, reduce dal recupero contro il Genoa perso per 1 a 0 anche per la scelta di Paulo Sousa di effettuare un ampio turnover per non stancare troppo i titolari in vista di un impegno così delicato come questo.

La Lazio, infatti, è a tutti gli effetti una diretta concorrente dei viola e sarebbe di fondamentale importanza ottenere un risultato positivo non solo in virtù dello scontro diretto ma anche per non perdere ulteriormente contatto dai vertici della classifica. Sul fronte delle indisponibilità, qualche problema in più per Simone Inzaghi che sicuramente dovrà rinunciare a Parolo squalificato e probabilmente sarà costretto a fare a meno di Biglia e Marchetti che non hanno ancora recuperato pienamente dagli infortuni patiti nell’ultimo match contro la Sampdoria. Dall’altra parte, Paulo Sousa ha l’incognita Babacar, influenzato, e che potrebbe non essere al meglio della forma, non ci sarà invece Badelj squalificato per somma di ammonizioni.

L’ultimo precedente tra Lazio e Fiorentina risale al 15 maggio 2016, ultima giornata dello scorso campionato, quando i viola espugnarono l’Olimpico di Roma per 4 a 2 grazie alle reti di Bernardeschi, Tello e Vecino (2), la partita passò alla storia anche per l’ultimo gol in Italia (e in carriera) di Miroslav Klose. Dal 2010 a oggi, il bilancio degli scontri diretti tra campionato e coppa è di otto vittorie per la Lazio, quattro successi per la Fiorentina e due pareggi.

Lazio favorita secondo i bookmaker che offrono una quota di circa 1,90 per l’1 dei padroni di casa, mentre WilliamHill offre una vincita piuttosto allettante di 4,00 volte la giocata in caso di X, mentre Tipico paga 3,90 le giocate sul 2 degli ospiti. Per le agenzie di scommesse si tratterà inoltre di una partita dove si potrebbe segnare parecchio, motivo per cui l’Over viene dato ad appena 1,53 su Betfair, mentre la quota dell’Over è stata fissa a a 2,55 da Unibet.

Sia gli abbonati a Sky Sport che quelli a Mediaset Premium potranno guardare comodamente dal televisore di casa che da dispositivi hi-tech fissi e mobili Lazio-Fiorentina in diretta tv e in diretta streaming video. Sul satellite l’incontro sarà proposto sul canale 251, mentre sul digitale terrestre l’appuntamento è come sempre sui canali 370 (in SD) e 380 (in HD) riservati alle partite più importanti per ogni turno di Serie A con immagini dentro gli spogliatoi prima del kickoff in esclusiva e interviste ai calciatori durante l’intervallo. Con Sky Go e Premium Play si avrà la possibilità di non perdersi neanche un minuto della sfida pur trovandosi fuori casa o in qualche altro locale con connessione internet wi-fi oppure 3G/4G. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori