Risultati Premier League/ Classifica aggiornata, partite e marcatori (14^ giornata, 3-4 dicembre 2016)

- La Redazione

Risultati Premier League: la classifica aggiornata, la diretta live score,le partite e i marcatori della 14^ giornata del massimo campionato inglese, 3-4 dicembre 2016.

FabregasChelsea2016
Foto LaPresse

La 14^ giornata del campionati di Premier League ha visto mettere a segno in questa due giorni dedicata al massimo campionato inglese ben 36 le reti: splendida la vittoria del Chelsea sul City, che lancia i Blues in fuga, mentre tiene il passo l’Arsenal e crolla il Liverpool. Da segnalare l’ennesima sconfitta di Ranieri. In negativo da segnalare, purtroppo, Antonio Conte: il manager italiano ha infatti disertato la conferenza stampa “post-partita”, mentre il personaggio positivo del giorno è stato sicuramente William che ha dedicato il suo goal alla Chapecoense. La quattordicesima giornata di Premier League è partita subito con il piatto forte, ovvero il super-match al vertice tra Manchester City e Chelsea, non una semplice partita, ma un confronto tra due filosofie di calcio assai diverse, ovvero quella di Guardiola e quella di Conte. Ad uscire vincente è stato il tecnico salentino, che ora si gode il primato in solitaria a 34 punti con 4 punti di vantaggio proprio sul City, grande favorito per il titolo. La partita, come era nelle previsioni, è stata bellissima e in bilico fino alla fine e il Chelsea l’ha vinta per aver messo una maggiore intensità in campo e per essere stato bravo a colpire nel migliore momento della squadra di Guardiola, che era anche passata in vantaggio al 45 grazie ad una autorete di Cahill.

Il Chelsea non si è scomposto e nella ripresa si è capito una volta di più il grandissimo lavoro che Conte sta facendo su questa squadra: gran gol di Diego Costa al 60, su invenzione di Fabregas alla prima da titolare e autore di una grandissima prova. Dopo aver rischiato di subire il nuovo vantaggio del City (sventato da Moses) ecco arrivare il 2 a 1 di William: altri 20 minuti in apnea e l’1 a 3 di Hazard al 90. Conte e i Blues in festa, mentre al City saltano i nervi e in una rissa nei secondi finali vengono espulsi Aguero e Fernandinho. Subito dopo è sceso in campo il Crystal Palace, reduce da sei sconfitte di fila e con Pardew sulla graticola. Alcune voci danno la squadra ammutinata, ma a vedere la vittoria per 3 a 0 contro il Southampton di Puel, autore sempre più di una stagione anonima (17 punti all’attivo conto i 14 degli avversari di giornata), non si direbbe. La vittoria è arrivata sull’asse Benteke-Tomkins, ovvero due degli acquisti della sessione di mercato estiva. L’ex centravanti del Liverpool ha segnato al 33^ e all’85^ minuto, mentre il difensore, ex West Ham ha siglato il 2 a 0 al 36 minuto. Lo Stoke City di Arnautovic centra invece la seconda vittoria di fila e lo fa contro una diretta concorrente per la salvezza, quel Burnley che dopo aver fermato lo United e battuto il Palace si è fermato, incappando nella terza sconfitta di fila. Ora la classifica vede lo Stoke a 19 punti, ad un passo da un Everton in flessione, mentre la neo-promossa rimane ferma a 14, con la zona retrocessione sempre vicina. Il match si è deciso tra il 20 e il 35, con le reti di Walters e Muniesa.

Chi deve ormai essere dichiarato in crisi è il Leicester di Ranieri: a secco di vittorie in campionato dal 22 ottobre, nelle ultime cinque gare sono arrivati solo 2 punti e ben 3 sconfitte. L’ultima è quella maturata in casa del Sunderland ed è pesantissima, perchè gli avversari di giornata sono così saliti ad 11 punti: al momento sarebbero ancora retrocessi, ma i Campioni d’Inghilterra distano solo 2 punti. Qualche tifoso delle Foxes chiede (incredibilmente) la cacciata di Ranieri, ma la sensazione è che il tecnico italiano non abbia troppe colpe. Il match è stato deciso da una autorete di Huth e un goal di Defoe, tutto tra il 64 e il 77. A niente è servita la rete di Okazaki all’80. Se Ranieri non ride, lo fanno senz’altro Pochettino e il suo Tottenham, vicecampioni in carica: gli Spurs erano reduci dalla sconfitta contro il Chelsea, ma hanno approfittato alla grande degli stop di City e Liverpool, travolgendo 5 a 0 lo Swansea, sempre più ultimi, e ritrovando i propri uomini migliori. Il match è stato infatti deciso da un doppio Kane (39 e 49), da un’altra doppietta, stavolta di Eriksen (70 e 92) e dalla rete del solito Son(46). Ora i punti sono 27, tre in meno di City e Liverpool, e quattro in meno dell’Arsenal. Il Chelsea è lontano sette punti, ma gli Spurs possono almeno lottare per la Champions.

Chi con i suoi 20 punti pensa all’Europa è ilche infligge il secondo stop di fila al Watford di Mazzarri: match chiuso al 34 con le reti di Evans e Brunt nel giro di un quarto d’ora e riaperto da Kebasele al 60, prima del 3 a 1 finale di Philips. Chi non pensa all’Europa, ma al titolo, è senza dubbio l’Arsenal, che nel derby londinese contro il West Ham, gli Hammers hanno trionfato per 5 a 1 a domicilio con un Sanchez da paura, in rete al 72, 80 e 86. Le altre reti sono state di Ozil e Oxlade-Chamberlain (24 e 84), per Bilic in rete Carrol all’83. Con questo successo i Gunners salgono a 31 punti, rimanendo a -3 dal Chelsea di Conte. Chi invece ha perso contatto è il Liverpool, crollato a sorpresa contro il Bournemouth, dopo essere stato avanti 3 a 1 al 64 per effetto delle reti di Mane, Origi e Can (20, 22 e 64). Il Bournemouth ha segnato al 56 su rigore con Wilson (1-2) e poi tra il 76 e il 93 ha fatto una rimonta pazzesca grazie a Fraser, al primo centro in Premier, Cook e Akè. Per il Bournemouth decimo posto e prima, storica vittoria sui Reds, ancora appaiati al City. Non fa più notizia il Manchester United, all’ennesimo pareggio di una annata stregata: contro l’Everton vantaggio di Ibra al 42 e pari di Baines al 90 su rigore.

Sabato 3 dicembre 2016

Manchester City-Chelsea  0-3  – 45′ Cahill (M), 60′ Diego Costa (C), 70′ Willian (C), 90′ Hazard (C)

WBA-Watford  3-1  – 16′ Evans (WB), 34′ Brunt (WB), 60′ Kabasele (WA), 90+1′ Phillips (WB)

Tottenham-Swansea  5-0  – 39′ Kane su rigore (T), 45+1′ Son (T), 49′ Kane (T), 70′ Eriksen (T), 90+2′ Eriksen (T)

Sunderland-Leicester 2-1  – 64′ Huth (autogol), 77′ Defoe (S), 80′ Okazaki (L)

Stoke City-Burnley 2-0  – 20′ Walters (S), 35′ Muniesa (S)

Crystal Palace-Southampton 3-0  – 33′ Benteke (C), 36′ Tomkins (C), 85′ Benteke (C)

West Ham-Arsenal 1-5  – 24′ Ozil (A), 72′ Sanchez (A), 80′ Sanchez (A), 83′ Carroll (W), 84′ Oxlade Chamberlein (A), 86′ Sanchez (A)

Domenica 4 dicembre 2016

Bournemouth-Liverpool 4-3  – 20′ Manè (L), 22′ Origi (L), 55′ Wilson (B), 74′ Can (L), 76′ Fraser (B), 79′ Cook (B), 90+3′ Akè (B)

Everton-Manchester United 1-1  -42′ Ibrahimovic (M), 89′ Baines su rigore (E)

Da disputare Middlesbrought-Hull City

 

 

1. Chelsea 14 11 1 2 32:11 34
      
2. Arsenal 14 9 4 1 33:14 31
      
3. Liverpool 14 9 3 2 35:18 30
      
4. Manchester City 14 9 3 2 30:15 30
      
5. Tottenham 14 7 6 1 24:10 27
      
6. Manchester Utd 14 5 6 3 19:16 21
      
7. West Brom 14 5 5 4 20:17 20
      
8. Everton 14 5 5 4 17:16 20
      
9. Stoke 14 5 4 5 16:19 19
      
10. Bournemouth 14 5 3 6 19:22 18
      
11. Watford 14 5 3 6 18:24 18
      
12. Southampton 14 4 5 5 13:15 17
      
13. Crystal Palace 14 4 2 8 24:26 14
      
14. Burnley 14 4 2 8 12:23 14
      
15. Leicester 14 3 4 7 17:24 13
      
16. Middlesbrough 13 2 6 5 12:15 12
      
17. West Ham 14 3 3 8 15:29 12
      
18. Sunderland 14 3 2 9 14:24 11
      
19. Hull 13 3 2 8 11:28 11
      
20. Swansea 14 2 3 9 16:31 9

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori