Video/ Milan-Crotone (2-1): highlights e gol della partita. Lapadula: il gol? è per la Chapecoense (Serie A 2016-2017, 15^ giornata)

- La Redazione

Video Milan-Crotone (risultato finale 2-1): highlights e gol della partita che si è giocata a San Siro, valida per la quindicesima giornata del campionato di Serie A e vinta dai rossoneri

Lapadula_MilanCrotone
Foto LaPresse

Protagonista assoluto del match tra Milan e Crotone, chiusosi ieri pomeriggio a San Siro con la vittoria dei rossoneri per 2 a 1 è stato sicuramente il nuovo bomber della formazione di Montella, ovvero Gianluca Lapadula, autore del fondamentale gol del vantaggio, messo a segno 87 minuto. Lattaccante italo peruviano, chiamato nel post match dai microfoni di mediaset premium, ha così commentato la sua prestazione e soprattutto il suo gol: siamo riusciti ad andare in vantaggio: penso che lemblema della partita sia stata quella palla che non è entrata sulla linea, però con un gruppo del genere si possono ottenere grandi risultati. Il gol? Arrivavo da un momento non felicissimo, infortuno e tanti mesi senza giocare: è un momento davvero bello, ci voleva proprio. Ne approfitto per dedicare questo gol alla Chapeconse, rimarranno nella nostra memoria. Con questa rete Lapadula, oltre che sostituire egregiamente linfortunato Carlo Bacca, arriva a quota 4 reti, tutte nelle ultime 4 giornate di campionato.

Un bellissimo Crotone quello che si è visto ieri pomeriggio in campo contro il Milan, nella 15^ giornata di campionato: nonostante la sconfitta per 2 a 1 a favore dei rossoneri, la formazione siciliana, se non premiata dal risultato può comunque rimanere soddisfatta di se e del bel gioco visto ieri in campo a San Siro. Il tecnico del Crotone Nicola ha poi così commentato la sfida appena conclusa ai microfoni di SkySport: alle volte, soprattutto quando si gioca contro queste realtà bisognerebbe essere perfetti: non è facile non commettere errori ma abbiamo fatto una magnifica prestazione. Ciò mi dà fastidio, perchè chiaramente a fronte di questa prestazione bisognerebbe poter anche godere raccogliendo qualcosa. Alla fine la continuità di prestazione porterà anche quella in punti. Sono contento, vedo che stanno crescendo nella mentalità e nellambizione di voler far punti contro ogni avversario, anche se alle volte sembra che non basti ancora: manca quel piccolo dettaglio per migliorare di più e raccogliere punti.

Ieri pomeriggio lo stadio San siro è stato partecipe della splendida ma sofferta vittoria del Milan di Montella sul Crotone per 2 a 1: una sfida davvero molto intesa, dove la compagine rossonera ha dato prova, se non di un bel calcio, di sapere comunque soffrire. Il tecnico Vincenzo Montella ha così commentato ai microfoni di Sky Sport la prestazione dei suoi nelle classiche interviste post match: ovviamente possiamo fare di più e possiamo ambire a fare di più: ci sono i meriti degli avversari che ci dimostrano che con lequilibrio, con la qualità, con la corsa che ha avuto oggi il Crotone, puoi mettere in difficoltà anche il Milan e costringerlo a tenere il pareggio fino a pochi minuti della fine. Il gol dello spareggio è infatti arrivato solo al 86 minuto con Lapadula, che sebbene forse non sia il giocatore più tecnico della rosa di Montella, al momento grazie ai suoi 4 gol sta tenendo a galla il Milan in classifica, orfano dellinfortunato Carlos Bacca: i rossoneri infatti ora si piazzano in terza posizione ma a pari punti con la Roma di Spalletti alle spalle della Juventus.

Il Milan vince in rimonta contro il Crotone e si porta a meno quattro dalla capolista Juventus. Nel primo tempo parte subito forte la squadra rossonera, che si fa notare con un tiro di Sosa (alto) e un tentativo sprecato di Niang. Alla fine del match la squadra di Montella avrà totalizzato complessivamente 12 tiri, di cui quattro nello specchio della porta di Cordaz: segno che il Crotone ha concesso poco agli uomini di Montella, che si sono dovuti arrangiare con bordate dalla distanza. I calabresi, soprattutto nei primi 45′, si sono fatti apprezzare con Stoian a sinistra e gli inserimenti di Rohden a destra: proprio dai due esterni nasce il gol del momentaneo 1-0. Al 23′ Stoian scappa sulla sinistra, cambia il gioco per il liberissimo Rohden (buco di De Sciglio) che davanti a Donnarumma appoggia a Falcinelli per la più facile delle realizzazioni. Prima dell’intervallo il Milan torna sui giusti binari, sfiorando l’1-1 con Niang e colpendo al 40′ con Mario Pasalic. Dagli sviluppi di un calcio d’angolo Paletta prolunga per il compagno che, all’altezza del secondo palo, trafigge Cordaz con un imparabile colpo di testa ravvicinato. Nella ripresa il Milan continua ad attaccare e flirta con il vantaggio in due circostanze. La prima al minuto 48, quando Abate sponda per Lapadula, che da zero metri si coordina male e cestina un facile tap-in; la seconda su calcio di rigore al 51′ (fallo di Crisetig su Lapadula). Dal dischetto Niang si fa parare il tiro da uno splendido Cordaz, bravo a chiudere la saracinesca. Montella aumenta le bocche di fuoco della sua squadra inserendo Honda e Luiz Adriano per gli spenti Niang e Sosa. Proprio dal piede del giapponese, all’85’, ecco il vantaggio del Milan firmato Lapadula. Il pallone viene svirgolato in area da Capezzi e Lapagol è il più lesto di tutti a insaccare il 2-1. Analizzando le statistiche notiamo come il Milan abbia collezionato un possesso palla del 70,2% a fronte del 29,8% avversario: niente di nuovo sotto il sole, visto che il Crotone è una delle squadre che fin qui in Serie A ha sempre avuto poco feeling con questa statistica. Per quanto riguarda i cartellini gialli sono otto i gialli estratti dall’arbitro Di Bello, quattro per parte.

Al termine del match contro il Crotone, ecco le dichiarazioni di Gianluca Lapadula a Sky Sport: “San Siro è lo stadio più importante d’Italia. Ci tenevo molto a far bene e sono molto contento della nostra vittoria. Per me è una bella rivincita ma non ho ancora fatto niente. Voglio dedicare la mia rete alla Chapecoense. Quei ragazzi resteranno nei nostri cuori per sempre”. (Federico Giuliani)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori