Diretta/ Manchester City-Celtic (risultato finale 1-1): Roberts-Iheanacho, tutto in due minuti (oggi, Champions League 2016)

- La Redazione

Diretta Manchester City-Celtic, risultato finale 1-1: termina con un pareggio il girone C di Champions League per le due squadre, gli inglesi proseguiranno con gli ottavi di finale

City_festaderby
(LaPresse)

Via a Manchester City-Celtic: la partita dellEtihad ormai non ha più interessi di classifica, visto che gli inglesi sono certi della qualificazione con il secondo posto nel girone C mentre gli scozzesi sono ultimi nel girone. Una sfida comunque utile, per Pep Guardiola e i suoi ragazzi, per risollevarsi dopo aver perso il big match di Premier League contro il Chelsea. Andiamo allora a vedere quali sono le formazioni ufficiali della partita, il calcio dinizio è previsto per le ore 20:45. 13 Caballero; 3 Sagna, 50 Maffeo, 53 Adarabioyo, 22 Clichy; 5 Zabaleta, 6 Fernando, 8 Gundogan; 9 Nolito, 72 Iheanacho, 19 L. Sané. A disposizione: 54 Gunn, 10 Aguero, 15 Jesus Navas, 24 Stones, 30 Otamendi, 69 Tasende, 80 Foden. Allenatore: Josep Guardiola 1 Gordon; 23 Lustig, 5 Simunovic, 28 Sviatchenko, 3 Izaguirre; 27 Roberts, 8 S. Brown, 14 S. Armstrong, 49 Forrest; 18 Rogic; 10 M. Dembélé. A disposizione: 24 De Vries, 2 Kolo Touré, 6 Bitton, 9 Griffiths, 12 Gamboa, 16 Mackay-Steven, 42 McGregor. Allenatore: Brendan Rodgers

I precedenti ufficiali tra Manchester City e Celtic in realtà comprendono solo il match di andata di questa fase a gironi della Champions League 2016: lo scorso settembre ha avuto luogo dunque il primo testa a testa tra le due formazioni C, terminato poi con il pareggio per 3 a 3 con la doppietta di Dembele per la formazione scozzese e Fernandinho, Sterling e Nolito per il City (con autogol dello stesso Sterling). Nel fare un bilancio complessivo però non possiamo dimenticare un testa a testa recente ma non ufficiale: il riferimento è allamichevole che si è giocata nell agosto 2009 dove fu la formazione celeste ad avere la meglio per 2 a 1. Prima di queste occasioni uniche il Manchester city non aveva mai acuto occasioni di incontrare in competizioni ufficiali una squadra scozzese, mentre il Celtic aveva già messo nello storico diversi incontri anche di coppa europea contro club inglesi. Il testa a testa più recente risale allo spareggio di Champions League nella stagione 2009-2010, dove il Celtic venne battuto sia allandata che al ritorno dallArsenal.

, partita che sarà diretta dall’arbitro sloveno Slavko Vincic, si gioca alle ore 20:45 di martedì 6 dicembre presso il City of Manchester Stadium, meglio noto come Etihad per ragioni di sponsorizzazione; è valida per la sesta e ultima giornata del girone A di Champions League 2016-2017. Un match che per entrambe le formazioni non ha nessuna importanza: il City è già sicuro della qualificazione e contemporaneamente ha la consapevolezza di non poter aspirare al primo posto, essendo il Barcellona lontano 4 punti.

Il Celtic è invece fuori da tutto, avendo tre punti in meno del Borussia Moenchenglabach, ma avendo contro gli scontri diretti: gli scozzesi quindi giocheranno contro il City quella che sarà la loro ultima partita europea per questa stagione, a riprova di un fallimento di Rodgers, che non è riuscito ad arrivare all’obiettivo di centrare almeno il ripescaggio in Europa League. 

Il City di Guardiola vorrà sicuramente vincere per scacciare via il pensiero della brutta sconfitta patita in campionato contro il Chelsea di Conte. Al City Pep Guardiola sta facendo un ottimo lavoro, ma è innegabile che essendo con lui le aspettative sempre altissime, il giudizio per ora non è troppo positivo, essendo secondo in campionato e non essendo riuscito a tenere testa al Barcellona per la corsa al primo posto nel girone. Eppure la Champions degli inglesi era partita molto bene, con un 4 a 0 casalingo al Gladbach e un Aguero strepitoso, in un match che era stato subito una risposta al 7 a 0 che il Barca aveva a sua volta inflitto al Celtic.

Nella seconda giornata è però arrivato il pareggio che, numeri successivi alla mano, ha compromesso le speranze City di lottare per la testa del girone: in casa degli scozzesi è arrivato un 3 a 3 che è stata la prima avvisaglia del momento di flessione che la truppa Guardiola ha accusato, arrivando a sei partite senza vittorie, cosa mai accaduta al tecnico spagnolo con nessuna delle squadre che ha allenato in precedenza. Nella giornata successiva è arrivato il tracollo del Camp Nou, dove Messi ha “omaggiato” il suo ex tecnico con una tripletta che ha spianato al Barca la strada non solo verso la vittoria del match (4 a 0), ma anche verso quella del girone C.

Al ritorno Guardiola si è preso la sua rivincita, con il City capace di rimontare e battere 3 a 1 i blaugrana: a quel punto era fondamentale vincere in Germania, ma Pep si visto tradito dai suoi, che contro il Gladbach, in trasferta, non sono andati oltre l’1 a 1, ovvero il minimo sindacale per la qualificazione. Ora il match contro un Celtic che come detto è fuori da tutto, avendo racimolato solo 2 punti, frutto del pareggio contro il City alla seconda giornata e di un pareggio in terra tedesca.

Per il resto la squadra scozzese si è confermata squadra dalla tenuta difensiva assai rivedibile, avendo preso 15 goal, di cui 9 dal Barcellona tra andata e ritorno. Per il Celtic, reduce da una rocambolesca vittoria esterna per 4 a 3 in campionato, questo match serve solo per cercare di salvare l’onore in una competizione in cui le aspettative erano decisamente altre.

Per quanto riguarda le formazioni che scenderanno in campo è assai probabile che Guardiola faccia comunque un po’di turnover, con Aguero e Fernandinho gli unici ad essere sicuri del posto, considerando che nel match di Premier League contro il Chelsea sono stati espulsi e che quindi non saranno a disposizione del tecnico spagnolo per ia prossima partita di campionato.

Dovrebbe esserci anche Gundogan, che proprio con il brasiliano andrà a costituire la diga di centrocampo nel probabile 3-2-4-1 che Guardiola metterà in campo, sua ultima invenzione che si è vista contro il Chelsea per i primi 45 minuti di gioco. Rodgers potrebbe invece decidere di far scendere in campo le seconde linee, considerando che questi di Manchester saranno, per questa stagione, gli ultimi 90 minuti a livello europeo della squadra scozzese. Probabilmente vedremo il Celtic giocare con il solito 4-3-3, ma con interpreti tutti diversi rispetto a quelli che l’ex tecnico del Liverpool considera i propri titolari: la speranza è che le seconde linee gli diano risposte confortanti in vista del campionato, che al momento è dominato, ma che è ancora lungo e senza dubbio tutto da conquistare.

La diretta tv di Manchester City-Celtic avverrà su Mediaset Premium, in particolare sul canale Premium Calcio 3; tutti gli abbonati, come al solito, avranno la possibilità di assistere al match anche in diretta streaming video, grazie al servizio Premium Play che, senza costi aggiuntivi, si può attivare su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori