Diretta/ Messina-Lecce (risultato finale 0-3): Caturano e Persano fanno volare i salentini (oggi, Lega Pro 2016)

- La Redazione

Diretta Messina-Lecce: risultato finale 0-3. I salentini dominano al San Filippo: segnano Caturano (doppietta) e Persano, la squadra di Pasquale Padalino resta prima nel girone C

messina_formazione_sole
Il Messina milita nel girone C di Lega Pro (Lapresse)

Il Lecce espugna lo stadio San Filippo con uno splendido 3-0 al Messina, e vola ancora in solitaria al primo posto nel girone C. Per i salentini un pronto riscatto dopo la sconfitta interna contro il Matera: 3-0 aveva perso e 3-0 vince oggi. La squadra di Pasquale Padalino mostra tutta la sua forza ma espone anche i limiti di un Messina che tornerà a giocare per la salvezza; il primo squillo è di Salvatore Caturano, nel recupero del primo tempo quando il Messina sembra poter andare al riposo con un solo gol di svantaggio arriva il raddoppio di Mattia Persano, ed è una mazzata tremenda sulle ambizioni dei siciliani. Nella ripresa non succede tantissimo, poi al 78 minuto il Lecce cala il tris: Caturano realizza la sua doppietta personale salendo a 11 gol in campionato (in 16 partite giocate, una delle quali per soli 35 minuti) e fa sognare un Lecce che forse, per la prima volta da quando è precipitato in Lega Pro, ha la squadra giusta per arrivare alla promozione diretta tornando in Serie B. 

Sfida di cartello nella 17^ giornata del girone C di Lega Pro tra Messina e Lecce con i pugliesi che all’intervallo conducono con il punteggio di 2 reti a zero. A sbloccare il risultato su calcio di rigore è stato al minuto 19 Salvatore Caturano, bravo a trasformare l’occasione dal dischetto scaturita dal tocco di mano in area da parte del difensore siciliano Musacci. A complicare ulteriormente i piani di rimonta dei padroni di casa si c’è messo poi Mattia Persano, che in pieno recupero ha trovato il gol del momentaneo 2 a 0 trafiggendo il portiere Berardi con un destro preciso. A questo punto, con 45 minuti di gioco a disposizione, si mette male per il Messina: neanche l’ottima tradizione fra le mura amiche in questo campionato sta facendo sì che la corazzata pugliese arresti una marcia che finora l’ha portata in vetta al girone C di Lega Pro! 

Il Messina sfida davanti ai propri sostenitori per la 17^ giornata del campionato di Lega Pro girone C il forte Lecce che questo momento occupa il primo posto della classifica generale con 32 punti ed un bilancio realizzativo di 27 gol fatti e 15 incassati. Invece i siciliani sono al sedicesimo posto con soli 15 punti messi da parte per 14 gol messi  a segno e ben 22 incassati. Cè da segnalare che il Messina non perde in casa dallo scorso 2 ottobre (Messina Paganese 0-2) mentre il Lecce è una squadra che in trasferta sa essere piuttosto efficace avendo raccolto 15 punti sui 24 messi in palio (4 vittorie, 3 pareggi ed 1 sola sconfitta). Tra il Messina ed il Lecce ci sono ben 12 precedenti con un bilancio che pende decisamente dalla parte dei pugliesi che si sono imposti in 6 occasioni a fronte di 3 pareggi ed altrettante vittorie da parte del Messina. Lultima sfida si è disputata lo scorso 17 aprile al San Filippo di Messina con risultato finale di 1-1. 

Nei giorni precedenti si sono registrati diversi cambiamenti di data e orario per questa 17^ giornata di campionato e il match Messina-Lecce non ha fatto eccezione: la partita infatti era stata messa in calendario della Lega Pro inizialmente alle ore 20.45 nella giornata, odierna, per poi essere anticipata a sorpresa solo pochi giorni fa alle ore 14.30. Quali sono stati i motivi di questo insolito anticipo? Il motivo è presto detto, lo stadio Franco Scoglio, dove tra poche ore scenderanno in campo le formazioni di Messina e Lecce, non risulterà agibile per motivi di sicurezza dopo il tramonto. Il Comune di Messina ha infatti segnalato un guasto importante allimpianto di illuminazione esterna: un problema dunque alla cabina elettrica non imputabile alla società dei biancoscudati. Di seguito il Messina Calcio ha pubblicato la seguente nota spiegando il problema e ricordando ai tifosi che saranno allo scoglio oggi che : chi ha già acquistato il biglietto e vorrà ottenere il rimborso per impossibilità di recarsi allo stadio potrà recarsi al punto vendita di acquisto per effettuare lannullo del tagliando. Per motivi amministrativi nel biglietto sarà riportato lorario 20:45. 

Il Lecce vola al Franco Scoglio di Messina per affrontare la squadra siciliana di Cristiano Lucarelli, quartultima nel girone C di Lega Pro con 15 punti insieme alla Vibonese. I giallorossi, ora appaiati in vetta con la Juve Stabia, che ha però una gara in meno, devono riscattare la batosta di sabato contro il Matera, dove gli uomini di Pasquale Padalino sono stati sconfitti con un secco 3-0. A poche ore dal match con il Messina, Padalino intende archiviare la brutta prestazione dei suoi per continuare nel progetto di crescita del club giallorosso. Certo, il Lecce vuol tornare a vincere ma per farlo dovrà evitare di commettere gle incertezze viste nel fine settimana. Riconosciamo alcuni errori ha ammesso il tecnico dei salentini ma non abbiamo compromesso nulla. Alle porte c’è una gara importante che può portarci alle stelle e rilanciarci. Non siamo quelli visti contro il Matera, abbiamo le potenzialità per fare molto meglio. L’impegno ravvicinato crea qualche grattacapo di formazione al Lecce: C’è stato poco tempo di recupero tra una gara e l’altra. Questo ha affermato Padalino mi porterà a una gestione degli uomini oculata. Il Messina? Chi gioca contro di noi trova sempre grandi stimoli. Ci darà filo da torcere.

Un grande classico tra due grandi squadre che in passato hanno dato vita a match davvero molto avvincenti. Sono ben 14 le sfide giocate tra queste due formazione: il Messina ha vinto in 5 occasioni così come il Lecce, mentre nelle restanti 4 sono finite in parità. Due squadre che vogliono essere protagoniste con i peloritani a caccia della salvezza ed un Lecce che sogna la serie B. Nell’ultima sfida giocata al San Filippo il 17 aprile 2016 la sfida terminò sull’1-1 grazie alle reti di Diogo Tavares e di Lepore. Tra Messina e Lecce si registrano anche precedenti recenti nella massima serie: lultimo risale alla stagione 2005-2006 e per la precisione al 12 marzo 2006; Gaetano DAgostino (oggi allenatore dellAnzio Calcio, in Serie D, a soli 34 anni) portò in vantaggio i siciliani al 27 minuto, ma sempre nel primo tempo arrivò il pareggio pugliese ad opera del brasiliano Babù. Nella ripresa fu una delle meteore di quegli anni, lattaccante argentino Roberto Nanni, a risolvere la contesa a favore del Messina con la sua unica rete in Serie A. 2-1 quindi il risultato finale, nel match dandata invece il Messina si era imposto allo stadio Via del Mare di Lecce per 0-2, con una doppietta di un DAgostino particolarmente ispirato. Nella stagione precedente, quella targata 2004-2005, era stato il Lecce di Zdenek Zeman a prevalere in ambedue le partite: addirittura 1-4 nellandata al San Filippo e 1-0 in Puglia al ritorno. 

Sarà diretta dallarbitro Giosuè Mauro DApice della sezione di Arezzo, assistito dai guardalinee Riccardo Fabbro di Roma 2 e Tommaso Diomaiuta di Albano Laziale. Messina-Lecce, martedì 6 dicembre 2016 alle ore 14.30, sarà una sfida con tutti i fari degli osservatori del girone C di Lega Pro puntati addosso, nel programma della diciassettesima giornata di campionato che si svolgerà in turno infrasettimanale. Si troveranno infatti di fronte due formazioni reduci da brucianti sconfitte col medesimo punteggio, che hanno spezzato i rispettivi momenti positivi. I siciliani sono stati costretti ad incassare sul campo del Melfi quella che è stata la prima sconfitta della gestione tecnica di Cristiano Lucarelli.

Un ko bruciante contro una formazione sulla carta diretta concorrente dei peloritani nella lotta per la salvezza, ma che ha dimostrato di saper correre ed esprimersi a velocità doppia rispetto a quella degli avversari. Ancor più clamorosa è stata la battuta d’arresto del Lecce capolista della classifica, travolto da un Matera che ha dimostrato una volta di più di essere, seppur a tratti imprevedibile, credibile candidato per il salto diretto in Serie B.

Zero a tre allo stadio Via del Mare, con l’attacco dei salentini silenziato e la formazione giallorossa raggiunta in testa alla classifica del girone C, a quota trentadue punti, da una Juve Stabia che ha però disputato una partita in meno e può dunque considerarsi virtualmente capolista solitaria del raggruppamento.

Queste saranno le probabili formazioni dell’incontro che andrà in scena allo stadio San Filippo. I padroni di casa del Messina giocheranno con Giovanni Russo in porta, mentre al centro della difesa ci sarà Ricozzi al fianco di Cirillo, vista la squalifica di Maccarone. Grifoni si muoverà sull’out difensivo di destra e De Vito sull’out difensivo di sinistra, mentre a centrocampo, dove mancherà Akrapovic a sua volta fermato dal giudice sportivo, ci sarà spazio per Foresta, Mancini e Saitta.

In attacco assieme a Ferri giocheranno il serbo Milinkovic e Pozzebon nel tridente offensivo. Il Lecce affronterà la trasferta oltre lo Stretto con il senegalese Gomis tra i pali, Vitofrancesco in posizione di terzino destro e Contessa in posizione di terzino sinistro, mentre Giosa e Drudi saranno i due centrali della retroguardia. A centrocampo il terzetto titolare sarà composto da Mancosu, Lepore e Arrigoni, il tridente offensivo da Caturano, Torromino e Pacilli.

Faccia a faccia tra moduli speculari, col 4-3-3 di Cristiano Lucarelli di stampo più difensivo per il Messina, mentre il Lecce di Padalino non ha mai rinunciato, sin dall’inizio della stagione, ad un gioco offensivo e spregiudicato. Anche troppo, ed il grande rischio corso e poi sventato con una rimonta epica dai salentini nello scontro diretto contro la Juve Stabia, si è concretizzato poi al cospetto di un Matera perfetto nello sfruttare gli spazi lasciati a disposizione dai leccesi.

Il Messina specializzato in pareggi nelle ultime settimane è invece naufragato a Melfi in una partita gestita male sul piano nervoso, compromessa dalle espulsioni di Maccarone ed Akrapovic quando i lucani erano già molto avanti col punteggio, segno di una giornata da dimenticare in fretta: contro il Lecce di certo gli stimoli non mancheranno. Partita molto delicata in termini di classifica, dunque, ma i bookmaker sembrano comunque convinti della maggiore qualità della rosa salentina, con vittoria esterna leccese quotata 2.05 da Betfair, mentre Paddy Power offre a 3.25 la quota per l’eventuale pareggio e Bet365 alza fino a 3.60 la quota per l’affermazione interna dei peloritani.

Come tutte le partite del campionato di Lega Pro e della Coppa Italia di categoria, anche Messina-Lecce si potrà seguire in diretta streaming video sul canale web sportube.tv; da questanno però il servizio di Lega Pro Channel è a pagamento, per seguire le partite dinteresse si può acquistare uno dei pacchetti proposti dal sito. Messina-Lecce sarà trasmessa in diretta tv anche da Rai Sport 1, canale numero 57 del digitale terrestre e 227 dello SkyBox (5557 in alta definizine); diretta in streaming video sul sito internet ufficiale www.raiplay.it.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori