Video / Chievo-Genoa (0-0): highlights della partita (Serie A 2016-2017, 15^ giornata)

- La Redazione

Video Chievo-Genoa (risultato finale 0-0): highlights della partita che si è giocata lunedì 5 dicembre al Bentegodi, valida per la quindicesima giornata del campionato di Serie A

Lazovic_ChievoGenoa
Foto LaPresse

Chievo-Genoa finisce sul risultato di 0-0 allo stadio Marcantonio Bentegodi di Verona in questo primo posticipo del Monday Ninght valido per il quindicesimo turno della nostra Serie A. Partita in parte condizionata anche dal rigore sbagliato al trentasettesimo da Birsa. Un pareggio che non muove la classifica e non permette a nessuna delle due formazioni di smuovere la situazione. Per quanto concerne la partita, il possesso palla premia gli ospiti per un totale di 43 a 57. I grifoni hanno calciato anche più volte verso la porta (5-9) centrandola poche volte (3), stessa statistica anche per i padroni di casa. Il conto dei corner (5-8) premia ancora il Genoa mentre non c’è stato nemmeno un fuorigioco in tutto l’arco della partita. I padroni di casa hanno subito 19 falli mentre gli ospiti la metà (8). I veronesi hanno perso 25 palloni e ne hanno riconquistati 19, mentre i liguri ne hanno persi 35 e recuperati 22. Il Chievo ha preferito attaccare centralmente e da destra in ben 3 occasioni mentre il Genoa ha preferito la fascia sinistra (6). Guardiamo ora i singoli protagonisti. Nessuno ha calciato più di una volta verso la porta. Meggiorini è stato il più pericoloso con due occasioni create. Munoz ha recuperato ben 7 palloni, il più vicino a lui è Radovanovic con 4. Pandev e Birsa hanno perso più palloni (9-5). I più fallosi sono stati Munoz, 5 falli, e Meggiorini con 3.

Raggiunto da Sky Sport 24 a margine del pareggio a reti bianche contro il Genoa, l’allenatore del Chievo Rolando Maran ha commentato il risultato: “Incontravamo un buon Genoa, però per alcuni tratti della partita siamo stati pericolosi. Abbiamo avuto, rigore compreso, le occasioni più grosse. Abbiamo sofferto nella parte centrale del secondo tempo, però c’è stato un solo tiro vero del Genoa. Dispiace, la squadra ha interpretato la partita come richiesto. Il Genoa non è facile da incontrare, è mancato solo il gol. Se oggi qualcuno doveva vincere, era il Chievo. Oggi abbiamo avuto pali, rigore sbagliato: non sono soluzioni sbagliate, gira un po’ così. I miei attaccanti si stanno facendo valere sotto tutti i punti di vista. Hanno creato occasioni per vincere, purtroppo non è andata bene. Non ho mai visto Birsa battere così, oggi ha cambiato e forse bisognerebbe chiedere a lui. Al di là del rigore sbagliato, non gli ho mai visto scegliere quella soluzione. Purtroppo capita ai più bravi. Bisogna andare avanti, non dobbiamo recriminare su questo nell’analisi. Secondo me la nostra classifica dovrebbe essere diversa. Però se abbiamo questa forse ci meritiamo queste. Io penso che un allenatore debba concentrarsi sugli attaccanti che ha. Peraltro quelli che ho fanno un lavoro incredibile. Sono convinto che è un momento che passerà”.

Raggiunto da Sky Sport 24 a margine del pareggio a reti bianche contro il Chievo, l’allenatore del Genoa Ivan Juric ha analizzato il risultato: “Lo vedo bene, è un campo difficile. Abbiamo fatto bene il primo quarto d’ora, poi abbiamo perso un po’ troppo sulle seconde palle. Però nel secondo tempo abbiamo creato tante situazioni senza rischiare niente. La prestazione del secondo tempo mi soddisfa molto. Io vorrei vedere anche i punti delle altre squadre. Penso sia normale fare più punti in casa che fuori. Sette punti in trasferta non sono proprio pochi. Oggi siamo partiti molto bene, poi abbiamo sofferto. Però abbiamo portato noi la palla, creato tanto. La prestazione mi soddisfa. Sì, incontreremo lInter. Però li troveremo arrabbiati, hanno grandissimi giocatori, sono capaci di tutto. Fanno tre gol in mezz’ora alla Fiorentina e poi soffrono. Laxalt ha preso una botta sul ginocchio che non gli permetteva di correre bene. Niente di particolare, però non volevo si facesse male. Penso che Fiamozzi abbia fatto bene”. (Francesco Gallo)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori