Diretta/ Konyaspor-Gent (risultato finale 0-1): Coulibaly al 94′ firma il gol della qualificazione (oggi, Europa League 2016)

- La Redazione

Diretta Konyaspor-Gent: risultato finale 0-1. Eliminato fino al 94′ minuto, il club belga trova il gol che lo porta ai sedicesimi di Europa League con una magia in pieno recupero

europaleague_pallone_prato
Risultati Europa League (Foto LaPresse)

Il Konyaspor nel Gruppo H occupa il quarto ed ultimo posto con 1 solo punto allattivo mentre il Gent è terzo con 5 punti ad 1 punto di distanza dal secondo posto. Il Konyaspor ha messo a segno 2 reti incassandone 11, è andato al tiro complessivamente 39 volte per una media di 7,8 ad incontro, in 13 occasioni ha centrato lo specchio di porta colpendo 1 palo. Il Gent ha messo a segno 8 gol subendone 13, ha espresso un volume di gioco che gli ha permesso di tirare 61 volte per una media di 12,2 a gara trovando il bersaglio grosso in 19 occasioni centrando anche 1 palo. In media i padroni di casa hanno avuto un possesso palla del 42%, hanno effettuato 1590 passaggi di cui l86% è andato a buon fine. Il Gent ha un possesso di palla medio nettamente superiore (59%) che gli ha permesso di sviluppare un maggiore volume di gioco con 2224 passaggi effettuati di cui il 91% riusciti. Infine, il Konyaspor si è procurato 13 calci dangolo finendo in fuorigioco in 19 occasioni mentre il Gent ne ha battuti 28 ed ha palesato una minor attenzione nella fase offensiva giacché i propri attaccanti sono finiti in offside in 21 situazioni.

Come erano andate le cose in Konyaspor-Gent allandata? Le due squadre si erano trovate una di fronte allaltra il 29 settembre, per la seconda giornata del girone H; eravamo alla Ghelamco Arena e larbitro era lungherese Istvan Vad. Una partita che si era risolta praticamente subito: al 33 minuto infatti il Gent era già in vantaggio per 2-0. Prima unazione personale di Kenny Saief, poi il colpo di testa di Renato Neto sul cross di Milicevic. Kirintili non aveva potuto nulla, il Konyaspor si era trovato sotto di due gol appena dopo la mezzora e al 40 minuto aveva anche perso per infortunio uno dei due mediani davanti alla difesa, il danese Jens Jonsson che era stato sostituito da Findikli. Il risultato non era più cambiato: il Gent era riuscito agevolmente a controllare la partita e si era così preso una vittoria molto importante per il suo cammino europeo. Il Konyaspor invece era alla seconda sconfitta consecutiva, e avrebbe mantenuto il trend negativo, come abbiamo già visto, fino al termine di questo girone europeo.

, che sarà diretta dall’arbitro danese Jakob Kehlet, si gioca alle ore 17 di giovedì 8 dicembre ed è valida per la sesta e ultima giornata del girone H di Europa League 2016-2017. Il testa a testa per il passaggio del turno del Gent è con i portoghesi dello Sporting Braga, che al momento sopravanzano la compagine belga di un punto. Dunque la situazione favorisce ampiamente il Braga, che vincendo l’ultima partita contro lo Shakhtar Donetsk, già certo del primo posto, si qualificherebbe per il turno successivo indipendentemente dal risultato che otterrà il Gent.

La squadra biancazzurra però non vuole pensarci, e cercherà di fare la propria gara senza pensare al risultato che starà maturando sull’altro campo del girone. Il Konyaspor invece non ha più alcuna velleità di qualificazione. I turchi hanno racimolato solo un punto nelle precedenti cinque giornate, pertanto si trovano a cinque lunghezze di distanza dal secondo posto con soli tre punti a disposizione. 

La squadra di casa però cercherà di fare bella figura davanti al proprio pubblico, e di chiudere in maniera quanto meno dignitoso questa sfortunata edizione dell’Europa League, con la speranza di riprovarci nuovamente nella prossima stagione. La sfida si terrà giovedì 8 dicembre alle ore 17 allo stadio Yeni Konyaspor Stadi. Gli spalti saranno gremiti e il tecnico dei turchi Aykut Kocaman si affiderà alla miglior formazione possibile per far esultare il caloroso pubblico. Il modulo utilizzato sarà il 4-2-3-1, uno schieramento molto offensivo che ha dimostrato di adattarsi alle caratteristiche dei calciatori presenti nella rosa.

Fra i pali assisteremo alla prestazione dell’estremo difensore Serkan Kirintili, mentre dinanzi a lui giocheranno i quattro difensori: il terzino destro Nejc Skubic, il primo difensore centrale Jens Jonsson, il secondo difensore centrale Jagos Vukovic e il terzino sinistro Barry Douglas. A centrocampo le due caselle da mediani verranno occupate da Volkan Findikli e dal capitano e leader carismatico Ali Camdali. Più avanti giocheranno da trequartisti mer Ali Sahiner sulla fascia destra, Deni Milosevic al centro e Amir Hadziahmetovic sulla fascia sinistra. Per concludere il ruolo di unica punta centrale vedrà disimpegnarsi il possente centravanti bosniaco Riad Bajic.

Invece il Gent, allenato dal manager Hein Vanhaezebrouck, scenderà sul terreno di gioco con il modulo 3-4-2-1, uno schieramento molto particolare che spesso e volentieri riesce a mettere in confusione gli avversari. Fra i pali vedremo giocare Yannick Thoelen, che coordinerà i movimenti della difesa composta dal centrale destro Jeremy Taravel, dal centrale sinistro Lasse Nielsen e dal difensore centrale Stefan Mitrovic. Sulle fasce a centrocampo vedremo correre sull’out destro Thomas Foket e sull’out sinistro Kenny Saief.

I due mediani invece saranno Hannes Van der Bruggen e il capitano Renato Neto, e avranno il compito di dettare i ritmi di gioco e fare da collante fra i reparti. Il trio di calciatori offensivi verrà composto da due trequartisti, vale a dire Thomas Matton e Danijel Milicevic, e dalla punta centrale maliana Kalifa Coulibaly.

Il Gent dovrà fare la partita per sbloccarla quanto prima. Tenere il possesso palla a lungo potrebbe rappresentare una soluzione troppo elaborata, quindi il tecnico cercherà spesso di verticalizzare per i tagli in profondità di Coulibaly, calciatore molto veloce e che ama aggredire gli avversari alle spalle. Il Konyaspor dal canto suo dovrà difendersi con le unghie e con i denti, raddoppiando sulle sovrapposizioni degli esterni e cercando di ripartire in contropiede non appena avrà conquistato il possesso della sfera. Sui calci piazzati il Gent ha dimostrato di possedere diversi schemi, e la chiave di volta del match potrebbe trovarsi proprio in una di queste situazioni.

Per quanto riguarda le quote stilate per questa partita di Europa League, i bookmakers premiano il Gent. Intralot valuta la vittoria dei belgi 1.95 volte l’importo giocato, il pareggio 3.40 volte e la vittoria casalinga del Konyaspor 3.90 volte.

Non sarà possibile assistere a Konyaspor-Gent in diretta tv; la partita non sarà trasmessa nel nostro Paese, ma su Sky Super Calcio sarà a disposizione il programma Diretta Gol Europa League con la trasmissione di highlights e gol in tempo reale da tutti i campi, con anche la diretta streaming video disponibile grazie all’applicazione Sky Go, che si può attivare senza costi aggiuntivi su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori