PROBABILI FORMAZIONI / Inter-Sparta Praga: attesa per Pinamonti. Quote, le ultime novità live (Europa League girone K, oggi 8 dicembre 2016)

- La Redazione

Probabili formazioni Inter-Sparta Praga: quote, le ultime novità live su moduli e titolari per la partita di Europa League, sesta giornata del girone K (oggi 8 dicembre 2016)

palacio_cancello
LaPresse

In Inter-Sparta Praga, Stefano Pioli potrebbe anche sperimentare qualche novità di formazione in vista del prossimo match di campionato contro il Genoa. Come ad esempio la difesa a tre uomini: in questo caso Cristian Ansaldi o il giovane belga Senna Miangue tornerebbero utili, per la possibilità di adattarsi sul centro-sinistra. Entrambi possono considerarsi dei jolly difensivi per Pioli, così come gli esterni dattacco quali Jonathan Biabiany e Rodrigo Palacio: con loro lInter potrà disporsi con il modulo 4-2-3-1, ma anche con un 4-3-3 più classico riportando a centrocampo Brozovic. Si possono considerare dei jolly anche i diversi giovani convocati da Pioli per lultimo match di Europa League: oltre al suddetto Miangue citiamo anche il difensore ivoriano Yao Guy, che lanno scorso a Crotone è stato protagonista giocando proprio in una difesa a tre, e gli attaccanti Axel Bakayoko ed Andrea Pinamonti. Ragazzi che con il loro entusiasmo potrebbero cambiare le carte in tavola subentrando a gara in corso. A proposito: un giocatore ancora più giovane potrebbe, ma il condizionale rimane dobbligo, essere inserito nella formazione dello Sparta Praga. Si tratta di Matej Maja, seconda punta di soli 16 anni che poco tempo fa ha visto un suo coetaneo, lo juventino Moise Kean, esordire sia in Serie A che in Champions League. Stavolta toccherà a lui?

Difficile ipotizzare i duelli che potrebbero decidere Inter-Sparta Praga, soprattutto perché la situazione già definita per entrambe le formazioni (già eliminata lInter, qualificato ed aritmeticamente primo lo Sparta Praga). I due allenatori dovrebbero mischiare le carte inserendo, dallinizio oppure a gara in corso, diversi giocatori più giovani; tra le fila dello Sprta Praga un nome caldo in tal senso è quello del giovane Andrej Novotny, punta classe 1998 (18 anni) che potrebbe anche partire dal 1. Altrimenti spazio al grande vecchio David Lafata: per il difensore centrale dellInter Marco Andreolli, in odore di maglia da titolare, sarebbe forse meglio fronteggiare un avversario meno fisico ed esperto, mentre Lafata ha le qualità e la scaltrezza per mettere più in difficoltà la retroguardia dellInter. Attenzione anche al ventunenne Daniel Holzer, che dovrebbe muoversi sullout di destra: da quella parte Pioli valuta limpiego del belga Senna Miangue, che dovrà nel caso stare attento a non lasciarsi sorprendere dalla velocità e dallaggressività dei cechi. Possibile anche un bel duello in mezzo al campo tra due giovanissimi già abituati a respirare laria della prima squadra: livoriano Assane Gnoukouri (classe 1997) da una parte e il ceco Filip Havelka, di un anno più giovane, dallaltra.

Sono due i giocatori dellInter che salteranno per infortunio la sfida di Europa League contro lo Sparta Praga. Il primo è Gary Medel, che nel recente derby di Milano si è fatto male al ginocchio sinistro procurandosi una lesione al menisco; il centrocampista cileno ha già saltato gli ultimi match di campionato contro Fiorentina e Napoli, il suo rientro in campo è previsto per dopo la sosta natalizia (il primo impegno in calendario per i nerazzurri sarà la trasferta di Udine, in programma domenica 8 gennaio). Assente per Inter-Sparta Praga anche il quarto portiere Ionut Radu: il giovane (classe 1997) rumeno è stato operato ad una spalla e per lui i tempi di recupero si prospettano più lunghi, ma peserà naturalmente di più l’assenza del titolare Handanovic, squalificato. Passando alla formazione ceca si registrano alcune assenze di rilievo tra centrocampo ed attacco. Un ginocchio dolorante tiene fuori causa il centrale Lukas Vacha, mentre lesterno Martin Frydek si rivedrà solo in primavera dopo essersi rotto il legamento crociato proprio dopo la sfida dandata. Out anche il veterano Tomas Rosicky, alle prese con i problemi muscolari che lo hanno tormentato nel corso di tutta la carriera; in dubbio infine gli attaccanti Josef Sural e Vaclav Kadlec, entrambi assenti già nellultimo match di campionato contro il Teplice (vittoria 2-1).

Avendo perso 4 partite su 5 in questa edizione di Europa League, lInter è chiamata a battere lo Sparta Praga quantomeno per salutare dignitosamente la manifestazione. Lunico successo è quello della 3^giornata contro il Southampton, firmato da Antonio Candreva che però non sarà probabilmente in campo contro lo Sparta Praga, per ragioni di turnover. Ci aspettiamo segnali positivi dal suo probabile sostituto ovvero Jonathan Biabiany, che salvo imprevisti dovrebbe partire titolare per la prima volta in stagione; in tal caso vedremo quanto impiegherà lesterno francese a scrollarsi la ruggine di dosso. Occhi puntati anche su Marcelo Brozovic, fresco di rinnovo con lInter fino al 2021 e quindi definitivamente confermato dalla società, dopo la temporanea sospensione subita nella gestione De Boer. Ad assaggiare lerba di San Siro saranno probabilmente anche alcuni giovani provenienti dalla squadra Primavera: tra questi in particolare Andrea Pinamonti, giovane centravanti classe 1999, si candida per lingresso in campo nel corso della partita; per lui questanno 13 reti in 12 presenze con la formazione giovanile, tra campionato e coppe nazionali.

Nel match di Europa League tra Inter e Sparta Praga, lallenatore nerazzurro Stefano Pioli potrà sperimentare anche scelte di formazione più ardite o inusuali, poiché il risultato non cambierà la sostanza delleliminazione dalla coppa. In porta giocherà largentino Carrizo che farà tirare il fiato ad Handanovic, d’altronde squalificato, in difesa invece dovrebbe rivedersi Andreolli mentre un ballottaggio riguarda la corsia di sinistra: se la giocano il giovane belga Senna Miangue, classe 1997, e Cristian Ansaldi che non potrà scendere in campo nella prossima giornata di campionato (contro il Genoa, sarebbe stato un ex), perché squalificato. Le scelte a centrocampo invece sembrano designate: Pioli dovrebbe dare spazio allivoriano Gnoukouri e a Felipe Melo, facendo riposare i titolari. Un nome a sorpresa nellundici titolare può essere quello di Jonathan Biabiany, che parte in vantaggio sul giovane connazionale Axel Bakayoko; per lex Parma, emarginato dal precedente mister Frank De Boer, solo 59 minuti di gioco questanno. In attacco infine si prospetta la staffetta tra lesperto Rodrigo Palacio e il baby Andrea Pinamonti, classe 1999: questultimo potrebbe esordire a 17 anni e 5 mesi.

valida per la sesta giornata del girone K di Europa League 2016-2017; allo stadio Giuseppe Meazza di San Siro in Milano si gioca alle ore 21:05 di oggi, giovedì 8 dicembre, una partita che a dire il vero sarà purtroppo di fatto unamichevole. Per lInter infatti si chiuderà stasera una delle più disgraziate avventure europee nella lunga e gloriosa storia del club nerazzurro, già matematicamente eliminato. Dallaltra parte ecco invece uno Sparta Praga che ha fatto grandi cose ed è già non solo qualificato, ma persino certo del primo posto: di certo però i cechi proveranno a completare lopera con un risultato di prestigio alla Scala del calcio. Arbitra la sfida il belga Bart Vertenten; andiamo dunque a dare uno sguardo più approfondito alle probabili formazioni di Inter-Sparta Praga.

Per Inter-Sparta Praga, partita valida per la sesta e ultima giornata del girone K di Europa League 2016-2017, abbiamo le quote fornite dallagenzia di scommesse Snai: ci dicono che la vittoria dellInter (segno 1) vale 1,80, il pareggio (segno X) è quotato 3,75 mentre la vittoria dello Sparta Praga (segno 2) vi farà guadagnare 4,25 volte la somma che avrete deciso di mettere sul piatto.

Sarà ovviamente turnover per Stefano Pioli, che darà campo soprattutto a chi ha giocato meno in questo periodo considerata linutilità della partita, anche se naturalmente non si potrà contare su chi è stato escluso dalla lista Uefa. In porta dovrebbe giocherà Carrizo, anche per la squalifica di Handanovic; tornerà Murillo al centro della difesa, da valutare il secondo centrale che potrebbe essere uno tra Andreolli e il giovane Yao, mentre sulle corsie laterali ci saranno Nagatomo a destra e probabilmente sullaltra fascia il giovane Senna Miangue, che negli ultimi tempi ha trovato sempre meno spazio dopo essere stato schierato da De Boer in alcune occasioni. A centrocampo le scelte sono minori: Banega è infortunato, Joao Mario e Kondogbia sono fuori dalla lista Uefa. Dunque ecco la coppia Felipe Melo-Gnoukouri davanti alla difesa, mentre Brozovic sarà dirottato nella posizione di trequartista; sulle corsie laterali come esterni offensivi andranno invece in campo, con tutta probabilità, Biabiany ed Eder con Palacio prima punta. Icardi potrebbe non andare nemmeno in panchina, dove invece potrebbero trovare spazio giovani come Loris Zonta e Andrea Pinamonti, che probabilmente troveranno anche spazio a partita in corso.

Anche lo Sparta Praga non ha lurgenza di presentarsi a San Siro con la formazione titolare; possibile turnover quindi per David Holoubek che si prepara a mandare in porta Miroslav Miller, mentre in difesa Kadlec potrebbe giocare a destra con il giovanissimo Dudl impiegato da terzino sinistro, in mezzo Mazuch e Michal Kadlec vanno verso la conferma. A centrocampo cambierà il duo che solitamente gioca a protezione della difesa: ci saranno Havelka e Kostl in campo contemporaneamente, mentre sulle corsie laterali si riposerà sicuramente Julis (dentro Majka) con Holzer che potrebbe comunque essere in campo. Davanti a tutti, capitan Lafata partirà dalla panchina: titolare sarà Novotny. Scelte che in ogni caso lallenatore dello Sparta Praga confermerà allultimo; la rosa a disposizione di Holoubek è ampia e qualche sorpresa in più nello schieramento dei cechi non è affatto da escludere.

 

 30 Carrizo; 55 Nagatomo, 2 Andreolli, 24 Murillo, 95 Miangue; 27 Gonoukouri, 5 Felipe Melo; 11 Biabiany, 77 Brozovic, 23 Eder; 8 Palacio. All. Pioli.

A disposizione: 46 Berni, 15 Ansaldi, 13 Ranocchia, 91 Zonta, 98 Carraro, 93 A. Bakayoko, 99 Pinamonti.

Squalificati: Handanovic.

Indisponibili: Santon, Banega, Candreva.

 27 M. Miller; 46 Mil. Kadlec, 2 Mazuch, 3 Mic. Kadlec, 43 Dudl; 47 Kostl, 45 Havelka; 22 Holzer, 9 Dockal, 48 Majka; 42 Novotny. All. Holoubek.

A disposizione: 33 Koubek, 4 Karavaev, 26 Nhamoinesu, 25 Holek, 11 Marecek, 30 Julis, 21 Lafata

Squalificati: –

Indisponibili: –

 

Arbitro: Bart Vertenten (Belgio).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori