PAGELLE/ Sassuolo-Roma (0-2): Fantacalcio, ecco i voti della partita (Serie A, 2015-2016, 23^ giornata)

- La Redazione

Pagelle Sassuolo-Roma 0-2, i voti della partita per il Fantacalcio: i migliori e i peggiori della partita che si è giocata al Mapei Stadium di Reggio Emilia, 23^ giornata della Serie A

salah_nainggolan
Foto Infophoto

Sassuolo-Roma 0-2, a segno Mohamed Salah nel primo tempo e Stephan El Shaarawy nel recupero del secondo. Nel primo tempo molti capovolgimenti di fronte che hanno reso il match davvero avvincente, con la Roma che attaccava a pieno organico, nella ripresa i giallorossi riprendono fiato e ad attaccare sono i neroverdi che però non trovano la via del gol. Partita comunque godibile che ha regalato le emozioni più intense nel finale con il rigore fallito da Berardi e il 2 a 0 di El Shaaraway a tempo praticamente scaduto.

Nel primo tempo la formazione di Di Francesco subisce fin troppo il gioco degli avversari, nella ripresa il calo della Roma coincide con la crescita dei padroni di casa che sfiorano il pari e poi alzano bandiera bianca sul gol di El Shaarawy.

I giallorossi vincono soffrendo e si rilanciano per la lotta al terzo posto, ma non va trascurato il calo di rendimento della ripresa che poteva costare caro alla formazione di Spalletti.

Nel primo tempo non concede un rigore alla Roma, nella ripresa fischia un fuorigioco inesistente a Sansone e non si accorge di quando Consigli si trascina il pallone fuori dall’area di rigore con il braccio. Direzione di gara insufficiente.

Il primo tempo di Sassuolo-Roma si è chiuso sul punteggio di 1 a 0 in favore della formazione allenata da Spalletti; uno sguardo alle pagelle di questa prima frazione, con i migliori e i peggiori al Mapei Stadium. A sbloccare il match ci ha pensato Salah (7,5) che è tornato al gol dopo un periodo di digiuno: il centravanti egiziano con un gran sinistro a giro ha messo il pallone alle spalle di Consigli (6), portando così in vantaggio la Roma che nei minuti successivi ha avuto l’opportunità di raddoppiare prima con Maicon (7) che dopo uno scambio con Salah si è trovato davanti alla port a ma ha spedito il pallone sul fondo, poco più tardi è stato El Shaarawy (6), disturbato da Cannavaro (6), a mancare lo specchio della porta da pochi passi. L’occasione più nitida per i padroni di casa è di Berardi (6) che dalla distanza ha provato a sorprendere Szczesny (6) con una conclusione che si è però spenta sul fondo. Da segnalare l’infortunio di De Rossi (6,5) che ha dovuto lasciare il campo per un guaio muscolare.

Poco pericoloso in attacco, In velocità prende quasi sempre il tempo a Keita e corre tanto, ma finora non ha trovato l’occasione buona per mettersi in evidenza. Rischia di provocare un rigore quando atterra El Shaarawy in area, l’arbitro lo grazia.

Decisamente la miglior Roma dal ritorno di Spalletti, grazie ad alcuni interpreti in giornata di grazia (Salah e Maicon su tutti). Torna al gol con un gran sinistro a giro, e nelle azioni offensive c’è sempre lui a proporsi. Lascia fin troppo spazio ai giocatori avversari che in qualche occasione hanno anche provato il tiro in porta. (Stefano Belli)

Sassuolo

Viene ingannato dalla traiettoria del pallone sul gol di Salah, nella ripresa si prende un grosso rischio uscendo male (trascinandosi il pallone fuori dall’area di rigore col braccio) sul pressing di Salah.

Se la cava sul contatto in area con El Shaarawy che poteva costare il rigore contro al Sassuolo, ma più di qualche volta appare impacciato negli interventi

Bravissimo a chiudere su El Shaarawy con Consigli fuori causa, evitando al Sassuolo lo 0-2, nella ripresa ferma Nainggolan dentro l’area piccola ma poi si fa sovrastare da Perotti sul gol di El Shaarawy.

Interviene quasi sempre con una buona scelta di tempo, rimonta più volte su Salah impedendogli di arrivare al tiro con facilità.

Stasera è l’uomo dei cross per il Sassuolo, quasi tutti i traversoni partono da lui.

Lotta come un leone con Maicon in mezzo al campo, ricevendo e dando parecchie botte. ()

Oggi non lo si è visto molto nel vivo del gioco, ma il suo dovere in campo comunque lo fa, anche se si fa fatica a notarlo non vuol dire che stia lì a girarsi i pollici.

Anche stasera ha speso tante energie sacrificandosi per la squadra, ma spesso ha corso a vuoto e quasi mai ha avuto il pallone tra i piedi.  ( Ha un ottimo impatto sul match, si procura il rigore – causando le due ammonizioni che costeranno l’espulsione a Nainggolan)

Il rigore sbagliato da lui a pochi minuti dal novantesimo peserà come un macigno sul risultato finale, con l’uomo in più e sull’1-1 il Sassuolo avrebbe provato addirittura a vincerla.

Esordio non proprio indimenticabile, anche se in un paio di frangenti prova a trovare la porta, senza però essere fortunato ( Oltre 20 minuti di partita per lui, dove però non combina nulla di positivo)

Impegna più volte Szczesny con tiri insidiosi e potenti, ma si fa spesso pescare in fuorigioco, non prestando la dovuta attenzione a rimanere dietro la linea difensiva avversaria.

Oggi il Sassuolo ha perso la partita a centrocampo (continua a farsi sentire tantissimo l’assenza di Missiroli), con un primo tempo sterile e un secondo tempo migliore ma senza trovare il guizzo vincente.

Roma

Sansone gli scalda subito le mani, poi rischia di rovinare tutto scivolando sul pallone al momento di un rinvio, decisive alcune parate su Berardi e Sansone.

Stasera il ginocchio gli dà tregua e gioca una partita più che buona: corre tantissimo e si muove bene in mezzo al campo servendo palloni, anche se si divora un gol già fatto. Tuttavia i 90 minuti nelle gambe non ce li ha proprio. ( Anche lui nel finale dà il suo contributo al successo dei giallorossi)

A volte non marca con la giusta cattiveria e lascia troppo spazio agli avversari, ma stasera non si può rimproverargli più di tanto.

Viene messo KO da un problema muscolare, sentendosi pizzicare preferisce fermarsi per limitare i danni fisici. ( Gioca senza mai rischiare nulla, pensando esclusivamente ad allontanare il più possibile il pallone dall’area di rigore)

Nella ripresa salva quasi sulla linea respingendo di testa la conclusione di Berardi, un’altra buona prestazione dopo quella contro il Frosinone.

Stasera è apparso in ripresa rispetto alle ultime uscite, ma non è ancora quello che avevamo iniziato nella prima parte di stagione. ( Spalletti lo fa entrare per difendere il risultato, e in campo non fa nulla che lo comprometta)

Soffre lo scatto di Sansone, la differenza di età tra i due si fa sentire e pesa non poco al giocatore della Roma, ma continua a far valere la sua esperienza in mezzo al campo.

Sblocca il match con un gran sinistro a giro, interrompendo così il suo digiuno personale. Soprattutto nel primo tempo corre tantissimo seminando il panico tra gli avversari, nel secondo tempo è meno pimpante anche per via della stanchezza.

Rovina una gara più che sufficiente con l’intervento da dietro in area su Pellegrini che poteva costare i tre punti alla Roma, lasciandola in dieci nel momento più delicato.

I suoi compagni lo mettono spesso nelle condizioni di tirare, e lui non li tradisce facendo centro per la seconda volta in altrettante gare. Al Faraone il ritorno in Italia sta facendo benissimo.

Esordio decisamente positivo, va sempre a caccia del pallone e fa un ottimo lavoro in fase di non possesso. La ciliegina sulla torta l’assist con il quale confeziona il gol di El Shaarawy.

C’è ancora molto da migliorare, ma stasera la Roma ha dimostrato di essere uscita dall’empasse nella quale era entrata con Rudi Garcia. Da notare che il secondo gol l’hanno confezionato due nuovi acquisti, Perotti ed El Shaarawy.

 

(Stefano Belli)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori