Probabili formazioni / Manchester City-Dinamo Kiev: quote e ultime novità live. I protagonisti (Champions League ritorno ottavi, oggi 15 marzo 2016)

- La Redazione

Probabili formazioni Manchester City-Dinamo Kiev: le quote e le ultime novità live sulla partita che si gioca martedì 15 marzo per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League

Caballero_eroe
Foto Infophoto

Quali saranno i protagonisti nelle formazioni di Manchester City-Dinamo Kiev? Andiamo a vedere i due calciatori, uno per squadra, sui quali è bene porre attenzione. Nel Manchester City, Fernandinho è l’ago della bilancia: un giocatore che detta i tempi in mezzo al campo e che nel corso degli anni ha aumentato la sua pericolosità offensiva (5 gol quest’anno), il brasiliano è ormai esperto e navigato e al fianco di Yaya Tourè dà equilibrio alla squadra, importante oggi nel congelare i ritmi e favorire il possesso palla. La Dinamo Kiev potrebbe salutare questa sera l’ultima partita internazionale di un monumento del calcio ucraino: Oleksandr Shovkovskiy, 41 anni, è alla Dinamo da ben 30 anni e a questo club ha regalato più di 500 partite ufficiali da professionista, giocando anche dieci stagioni con il suo attuale allenatore. Sarà ancora un fattore nella complicata serata degli ospiti?

Partita difficile per la Dinamo Kiev che sul campo del Manchester City dovrà ribaltare l’uno a tre subito in casa. Un’impresa praticamente impossibile anche se il City visto soprattutto in Premier League potrebbe concedere ampi spazi alla formazione ucraina. Sfida importante per il talento della Dinamo Kiev Andriy Yarmolenko, 26enne ucraino autore di 15 gol totali in stagione, 10 in campionato, 2 in Champions League. Yarmolenko è un giocatore che piace a molti club europei e potrebbe fare davvero quel salto di qualità decisivo nella prossima stagione. L’ucraino sfiderà a distanza Sergio Aguero, stella e bomber del City, 21 gol in stagione su 31 partite, 16 in campionato e 2 in Champions League su quattro presenze. Un giocatore che ha voglia di trascinare il City verso obiettivi importanti soprattutto in Europa visto che in Premier League le cose non stanno molto bene.

In Manchester City-Dinamo Kiev siamo andati alla ricerca della possibile sorpresa in una partita che tende decisamente dalla parte della formazione inglese. Giocatore ormai conosciuto al grande pubblico, Kelechi Iheanacho è un classe ’96: ha bruciato le tappe da quando, nel gennaio 2014, il City ha deciso di acquistarlo dalla Taye Academy in Nigeria. In questa stagione Iheanacho, una prima punta che può anche svariare sull’esterno, quest’anno ha realizzato 9 gol in 27 partite; ancora a secco in Champions League – dove ha accumulato una sola presenza – è stato un fattore nelle coppe nazionali, dove ha messo a segno un totale di 6 reti in 5 partite. Tre invece le marcature in Premier League.

Sta per cominciare; uno sguardo alle formazioni per capire quali giocatori potrebbero risultare utili dalla panchina. Entrambe hanno poche alternative credibili: ci sono indisponibilità importanti come abbiamo visto. Tuttavia Manuel Pellegrini potrebbe lanciare Manu Garcia, il giovane spagnolo che è aggregato regolarmente alla prima squadra e che in Coppa di Lega ha già mostrato ottime qualità; un giocatore che nella nuova gestione Guardiola potrà essere importante. La Dinamo Kiev conta in particolar modo su Oleg Gusev: quest’anno il veterano (32 anni) ha avuto poco spazio in Europa ma la sua esperienza potrebbe essere utile per rovesciare un risultato che sembra essere definito in favore del Manchester City. 

Manchester City-Dinamo Kiev si avvicina; ancora qualche ballottaggio aperto nelle formazioni in campo questa sera. Nel Manchester City, Manuel Pellegrini potrebbe rivoluzionare la difesa: non solo Mangala o Demichelis (al posto di Otamendi) ma anche gli esterni potrebbero cambiare con Zabaleta e Kolarov che insidiano il posto dei due francesi Sagna e Clichy. La Dinamo Kiev falcidiata dagli infortuni ha meno soluzioni; Miguel Veloso come abbiamo visto può giocare sulla linea della trequarti al posto di Garmash, ma può anche tornare utile come playmaker davanti alla difesa per mettere ordine al gioco della squadra, e in questo caso sarebbe Rybalka (che per di più non è al 100% fisicamente) a rimanere in panchina per lasciare spazio al playmaker portoghese.

Si gioca alle ore 20:45 di questa sera, per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League 2015-2016; dovrebbe essere una formalità per il City che, dopo il 3-1 centrato nella partita di andata, è ad un passo dalla prima qualificazione ai quarti di finale della massima competizione europea. Arbitra la partita il rumeno Ovidiu Hategan; diamo allora uno sguardo più approfondito alle probabili formazioni di Manchester City-Dinamo Kiev.

Queste le quote Snai per Manchester City-Dinamo Kiev, valida per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League 2015-2016: la vittoria del Manchester City (segno 1) vale 1,52; il pareggio (segno X) vale 4,15 mentre la vittoria della Dinamo Kiev (segno 2) vi permetterà di vincere 6,50 volte la somma giocata.

Il Manchester City si presenta a questa sfida senza De Bruyne e Nasri; ci sono comunque i giocatori giusti per fare fronte a un’emergenza che dura ormai da tempo. Nel 4-2-3-1 disegnato da Manuel Pellegrini non ci sarà bisogno di spostare Yaya Touré sulla linea dei trequartisti, a meno che non sia una decisione tattica; al fianco dell’ivoriano ci sarà Fernandinho, che riprende la sua posizione originaria di mediano lasciando invece a Jesus Navas il compito di agire sulla corsia destra. Dall’altra parte c’è Sterling, mentre in mezzo come sempre andrà a giocare David Silva che è sostanzialmente il vero regista della squadra. In difesa possibile spazio per Otamendi al fianco di capitan Kompany; Sagna e Clichy sulle corsie. Alcune scelte dipenderanno anche dal grado di rischio che Pellegrini assegnerà alla partita: come detto il risultato dell’andata è piuttosto sicuro, dunque qualcuno dei titolari potrebbe riposare. Siccome però la Champions League è l’unico obiettivo rimasto in stagione, la competizione andrà giocata al massimo delle possibilità fino in fondo. 

La Dinamo Kiev ha tanti problemi di infortuni; saltano la partita in sei e questo ovviamente è un problema per Sergiy Rebrov, che dovrà mandare in campo una formazione raffazzonata. Modulo 4-1-4-1: davanti al quarantunenne Shovkovskiy giocheranno Kacheridi e Dragovic a formare il pacchetto centrale, mentre sugli esterni Danilo Silva (anche lui non al meglio) e Vida saranno i terzini. Anche Rybalka non è al meglio; potrebbe essere Miguel Veloso il giocatore destinato ad agire come schermo davanti alla difesa, ma il portoghese tornerebbe utile anche sulla linea della trequarti in sostituzione di Garmash, con Buyalsky che invece sarebbe confermato come altro trequartista. Derlis Gonzalez e Yarmolenko, la stella della squadra, saranno invece gli esterni che accompagneranno il lavoro della prima punta Teodorczyk, praticamente certo del posto vista l’indisponibilità di Junior Moraes (era stata la staffetta dell’intervallo nella partita di andata).

 

 1 Hart; 3 Sagna, 30 Otamendi, 4 Kompany, 22 Clichy; 25 Fernandinho, 42 Yaya Touré; 15 Jesus Navas, 21 David Silva, 7 Sterling; 10 Aguero

A disposizione: 13 Caballero, 5 Zabaleta, 26 Demichelis, 20 Mangala, 11 Kolarov, 6 Fernando, 14 Bony

Allenatore: Manuel Pellegrini

Squalificati:

Indisponibili: Nasri, De Bruyne

 1 Shovkovskiy; 2 Danilo Silva, 34 Kacheridi, 6 Dragovic, 24 Vida; 17 Rybalka; 10 Yarmolenko, 29 Buyalsky, 4 Miguel Veloso, 25 Derlis Gonzalez; 91 Teodorczyk

A disposizione: 72 Rudko, 27 Makarenko, 5 Antunes, 18 Korzun, 19 Garmash, 20 Gusev, 16 Sydorchuk

Allenatore: Sergiy Rebrov

Squalificati: –

Indisponibili: Burda, Morozyuk, Myakushko, R. Petrovic, Rybka, Junior Moraes

 

Arbitro: Ovidiu Hategan (Romania)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori