Pronostico Italia-Spagna/ Il punto di Claudio Onofri sull’amichevole (esclusiva)

- La Redazione

Pronostico Italia-Spagna, il punto di Claudio Onofri sull’amichevole internazionale: gli Azzurri ospitano mercoledì alla Dacia Arena di Udine la nazionale campione d’Europa in carica

DavidSilva_Spagnagialla
Foto Infophoto

Amichevole di lusso questa sera alla Dacia Arena: Italia-Spagna. Affronteremo i campioni d’Europa in carica nella prima delle due partite che gli Azzurri giocheranno in pochi giorni. L’altra sàrà altrettanto importante, all’Allianz Arena contro la Germania. Insomma: due sfide niente male per un’Italia che dovrà così confrontarsi con due nazionali di primo livello e preparare al meglio la fase finale degli Europei 2016, nella quale dovremo confrontarci con Belgio, Svezia e Irlanda e dove “difenderemo” la finale conquistata quattro anni fa. La vigilia di queste partite è stata ovviamente segnata dalle dimissioni già annunciate da Antonio Conte, che lascerà dopo l’estate; inevitabile che si pensi già al possibile sostituto, ma intanto ci sono queste due amichevoli da giocare. Per un pronostico e un punto su Italia-Spagna, in programma a Udine, IlSussidiario.net ha contattato in esclusiva Claudio Onofri.

Che partita si aspetta? Una partita bella, combattuta contro una grande del calcio mondiale, la Spagna campione europea in carica. Bisognerà affrontarla nel modo giusto con la concentrazione ideale, altrimenti l’Italia rischierà di prendere anche due o tre gol dalla nazionale iberica.

Prima la Spagna, poi la Germania: due test attendibili in vista degli Europei? Direi proprio di sì, perchè l’Italia si misurerà con due grandi squadre. E’ vero che non si tratterà di partite ufficiali, ma anche se saranno soltanto amichevoli saranno test di valore prima degli Europei in Francia.

Non ci saranno Pirlo e De Rossi, una bocciatura definitiva? Pirlo è negli Stati Uniti, De Rossi al momento non gioca nella Roma: Conte ha valutato anche questo. Alla fine deciderà cosa fare; queste partite serviranno a definire alcune scelte e l’organico che andrà in Francia, possiamo dire che Pirlo e De Rossi non abbiano bisogno di farsi conoscere dal CT…

A centrocampo potrebbero esserci Thiago Motta e Jorginho? Thiago Motta nel Paris Saint Germain si trova molto bene con Verratti. Non è mai stato un vero regista, bensì una mezzala sinistra; poi c’è Jorginho che sta disputando una stagione importante. Insieme potranno formare il centrocampo azzurro contro la Spagna.

Potrebbero giocare sia Bernardeschi che El Shaaraawy? Sono due esterni, stanno giocando bene, potrebbero essere utilizzati con la Spagna, bisognerà poi vedere con quale modulo tattico scenderà in campo l’Italia a Udine.

Come pensa che giocherà la Spagna? Nel solito modo di questa nazionale, facendo quindi del possesso palla la solita caratteristica principale. A questo si aggiunge il calcio portato negli ultimi anni da Luis Enrique e Guardiola, caratterizzato da tanta aggressività, quell’aggressività che appunto aumenta quando la Spagna perde il pallone e tenta quindi di recuperarlo.

Cosa va temuoto in particolare dei nostri avversari? Proprio il fatto di non sapere mai come affrontarla, che è una squadra che ti può mettere sempre in crisi. Bisognerà quindi che l’Italia disputi una partita molto accorta.

Il suo pronostico su Italia-Spagna? Dal momento che l’Italia giocherà in casa, mi aspetto una vittoria degli Azzurri o un pareggio.

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori