ATP BARCELLONA 2016 / Diretta Fognini-Nadal (risultato finale 2-6 6-7) streaming video Supertennis.tv. Rafa in semifinale (oggi 22 aprile 2016)

- La Redazione

Atp Barcellona 2016 diretta Fognini-Nadal: risultato finale 2-6 6-7. Lo spagnolo vola in semifinale sulla terra rossa della Catalogna, il sanremese non sfrutta il tie break del secondo set

FogniniDavisKazakhstan
Foto Infophoto

Diretta Fognini-Nadal: risultato finale 2-6 6-7. Niente da fare per il nostro tennista: nel quarto di finale del torneo Atp Barcellona 2016 si qualifica Rafa Nadal, che vince un match comunque interessante in unora e 49 minuti. Fabio Fognini deve però rammaricarsi per landamento del secondo set: salito subito in vantaggio di un break, il sanremese è arrivato a servire per il set sul 5-4 ma qui non ha saputo sfruttare il momento e si è fatto recuperare. Nadal è scappato sul 6-5 e ha avuto a disposizione tre match point; lorgoglio di Fognini si è visto ancora, annullate tutte le possibilità del maiorchino di chiudere e tie break con inerzia a favore. Nadal però ha dimostrato di essere tornato su livelli molto vicini a quelli che gli hanno consentito di vincere tutto, e a ripetizione, sulla terra rossa: è scappato subito sul 4-0 e vinto per 7 punti a 1. In semifinale vola dunque il maiorchino, che ha ancora la possibilità di mettere le mani sul nono titolo a Barcellona; il suo avversario sarà uno tra Andrey Kuznetsov e Philipp Kohlschreiber, impegnati a minuti sul campo centrale.

Dopo 41 minuti è terminato il primo set al torneo Atp Barcellona 2016: il match ha preso decisamente la strada del maiorchino, che grazie a un servizio solidissimo (82% di prime in campo, 60% con le prime di servizio e solo tre seconde battute) è riuscito a contenere i tentativi di Fognini, lasciandogli soltanto una palla break che il sanremese non ha convertito. Fabio invece ha avuto il 61% al servizio; un ace per lui, ma anche 4/12 con le seconde e solo il 59% con le prime (10/19), cosa che ha permesso a Nadal di trovare profondità anche in risposta e costruirsi 8 palle break, tre delle quali convertite per il vantaggio di un set e la possibilità di aprire il secondo parziale con il servizio. Ora si mette davvero male per Fognini, che deve riuscire ad elevare il suo gioco se vuole rientrare in partita e se non altro forzare il terzo set in questo quarto di finale.

Ci siamo: è arrivato il momento di Fognini-Nadal, la sfida tra il nostro tennista e il maiorchino al torneo Atp Barcellona 2016. Di categoria 500, questo appuntamento sulla terra rossa può essere il momento giusto per rilanciare Fabio Fognini, fermato allinizio dellanno da un infortunio e battuto a Montecarlo da Paolo Lorenzi, palesando una condizione ancora lontana dal 100%. I due giocatori sono pronti a scendere in campo per il terzo quarto di finale della giornata: Kei Nishikori, testa di serie numero 2 del tabellone e bicampione in carica, si è infatti appena sbarazzato di Alexandr Dolgopolov in unora e 19 minuti, risultato 7-5 6-0 con un primo set combattuto e un secondo nel quale invece non cè stata storia. Il giapponese vola dunque in semifinale dove affronterà Benoit Paire; ora spazio a Fognini e Nadal sul campo centrale di Barcellona.

Arriva il primo qualificato alla semifinale del torneo Atp Barcellona 2016: si tratta di Benoit Paire. Il francese, testa di serie numero 6 e avente una wild card per il torneo, si è liberato non senza problemi di Malek Jaziri: ha anzi dovuto ribaltare un set di svantaggio per vincere, con il risultato di 3-6 7-5 6-1, in due ore nette. Una volta impattato il punteggio, Jaziri si è sciolto lasciando campo libero a un Paire che rappresenta un vero e proprio outsider sulla terra rossa; oggi ha 26 anni ma già a 23, agli Internazionali dItalia 2013, si era messo in mostra raggiungendo la semifinale (poi, paradossalmente, a Roma non è più entrato nel tabellone principale). Avversario di Paire sarà, come abbiamo già detto, uno tra Alexandr Dolgopolov e Kei Nishikori, la testa di serie numero 2 che ha vinto le ultime due edizioni dellAtp di Barcellona.

In attesa del quarto di finale, andiamo a vedere lalbo doro del torneo Atp Barcellona 2016. istituito nel 1953 (vinse Vic Seixas su Enrique Morea, 22-20 al terzo set), il torneo è stato appannaggio degli americani nelle prime cinque edizioni (doppietta di Herbert Flam nel 1955 e 1956) ma poi i giocatori a stelle e strisce hanno dovuto aspettare fino al 1998 per festeggiare nuovamente in Catalogna, quando Todd Martin (due finali Slam) ha battuto il padrone di casa Alberto Berasategui. Barcellona è, come tutti i tornei sulla terra rossa, il regno di Rafa Nadal: il maiorchino ha trionfato qui per otto volte tra il 2005 e il 2013, mancando solo ledizione 2010 quando si è cancellato dal torneo e a vincere è stato Fernando Verdasco, che ha battuto in finale quel Robin Soderling che in quegli anni era tra i primi tre-quattro giocatori al mondo. Le ultime due edizioni sono state appannaggio di Kei Nishikori; nessun italiano ha mai vinto a Barcellona, in finale sono arrivati Giuseppe Merlo nel 1960 (sconfitto da Andrés Gimeno) e Adriano Panatta nel 1975, quando perse contro Bjorn Borg dopo aver stravinto il primo set.

Tra i campioni del passato spiccano le tre vittorie consecutive di Mars Wilander (1982-1983-1984) ma anche le quattro finali perse, una dietro laltra, da Guillermo Vilas che tra il 1980 e il 1983 si arrese a Lendl (le prime due volte) e appunto Wilander (le ultime due). Inoltre, fino al 2006 la finale si è giocata sulla distanza dei cinque set: Nadal sconfisse Robredo 6-4 6-4 6-0, lultima finale chiusa al quinto è stata quella del 2004 con lo stesso Robredo che sconfisse Gaston Gaudio 6-3 4-6 6-2 3-6 6-3. 

Sono 9, come abbiamo detto, i precedenti tra i due giocatori che si incrociano nei quarti del torneo Atp Barcellona 2016. Nadal ha vinto i primi quattro, a cominciare da Roma 2013 (6-1 6-3) e proseguendo con il terzo turno del Roland Garros, i quarti di Pechino e gli ottavi di Miami. In questi quattro incroci Fognini ha vinto un solo set (a Pechino, quando è finita 2-6 6-4 6-1) ma poi improvvisamente è arrivato il 2015, il calo vertiginoso di Rafa e il riscatto di Fabio: vittoria nella semifinale di Rio De Janeiro (1-6 6-2 7-5) e negli ottavi di Barcellona (6-4 7-6) prima che Nadal riuscisse a imporsi nella finale di Amburgo (7-5 7-5), un torneo che Fognini aveva vinto nel 2013. Il match sicuramente più epico per Fabio è però quello degli Us Open: nel terzo turno dello Slam di Flushing Meadows, Fognini è partito sotto di due set ma con una grande rimonta si è imposto per 3-6 4-6 6-4 6-3 6-4, anche se poi non è riuscito a dare continuità alla splendida vittoria ed è stato eliminato (da Feliciano Lopez). Lultimo precedente se lo è aggiudicato Nadal: 7-5 6-3 a Pechino, in semifinale, sempre lanno scorso. 

Oggi al torneo di tennis ATP Barcellona 2016 si gioca il match dei quarti di finale tra Rafa Nadal e Fabio Fognini. Diciamo subito che gli altri quarti di finale, che si giocano tutti oggi, sono Kuznetsov-Kohlschreiber (incrocia quello di Fabio nel tabellone), Paire-Jaziri (il tunisino ha superato a sorpresa il giovane Zverev) e Dolgopolov-Nishikori – il giapponese è campione in carica e ha vinto le ultime due edizioni del torneo.

Incrocio numero 9 tra Nadal e Fognini (6-3 in favore dello spagnolo): già nel 2015 Fabio aveva superato la cabala Rafa e i numeri dicono che ha portato a casa tre degli ultimi precedenti. Oggi però sarà molto dura, perchè il Nadal che si è presentato al Torneo Godò è un Nadal molto vicino al suo top, ovvero quello che gli ha permesso di diventare il numero 1 del mondo, vincere 14 Slam e 28 Master 1000 e dominare sula terra rossa come nessun altro nella storia. 

A Barcellona ha battuto due spagnoli come Marcel Granollers e Albert Montanes, concedendo loro appena 12 game totali; non è tanto questo, quanto il ritorno alla vittoria importante a Montecarlo. Il Nadal versione 2014-2015 non avrebbe trionfato nel Principato; questo sta ritrovando non solo la faccia cattiva di un tempo – quella laveva già salutata tempo fa – ma anche la profondità dei colpi, la capacità di martellare dal fondo e la costanza lungo tutto larco del match.

Da vedere cosa succederà oggi, ma di sicuro il pronostico tira dalla parte di Rafa; dallaltra parte però cè un Fognini che sta pian piano ritrovando smalto dopo il lungo stop per infortunio. A Montecarlo il sanremese era crollato al primo turno, rimontato da Paolo Lorenzi che gli aveva concesso un solo game nei due set finali; a Barcellona ha battuto Mikhail Youzhny e Viktor Troicki, dovendo rimontare da un set sotto nel primo match ma poi, salvo quel passaggio a vuoto, perdendo un totale di sei giochi.

Sulla terra Fognini è sempre stato uno dei migliori giocatori del circuito, come dimostra la semifinale giocata nel Principato; resta però quel suo carattere non sempre concentrato (per usare un eufemismo) che in carriera gli ha già fatto perdere più di unoccasione, per esempio quella di entrare in una Top Ten che era piuttosto vicina. 

La diretta tv di Fognini-Nadal sarà garantita da SuperTennis; si parte a giocare alle ore 11 sul campo centrale, questo sarà il terzo match del giorno e dunque è probabile che i due non siano in campo prima delle ore 15. Appuntamento in ogni caso sul canale 64 del televisore oppure sul 224 del pacchetto Sky; ci sarà anche la possibilità di assistere alla diretta streaming video, semplicemente visitando il sito www.supertennis.tv. Altri aggiornamenti arriveranno attraverso il sito ufficiale del torneo, allindirizzo www.barcelonaopensabadell.com.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori