Diretta / Frosinone-Palermo (risultato finale 0-2) info streaming video e tv: tre punti d’oro per i rosanero (Serie A 2016, oggi 24 aprile)

- La Redazione

Diretta Frosinone-Palermo, info streaming video e tv: risultato live e cronaca della partita che si gioca allo stadio Matusa, valida per la trentacinquesima giornata della Serie A 2015-2016

ballardini_quattro
Davide Ballardini (Infophoto)

Il Palermo torna a vincere, lo fa in una delle gare più importanti della stagione contro il Frosinone, diretta concorrente salvezza. Nel primo tempo abbiamo assistito ad un incontro privo di grandi emozioni ed occasioni da rete. Nella ripresa si accende la partita con il gol del vantaggio siglato da Alberto Gilardino, bravo ad insaccare di testa su uno splendido cross di Rispoli. La squadra di Stellone prova a scuotersi e si riversa completamente in attacco, lasciando molti spazi liberi alla truppa siciliana. Nel finale del mtach, infatti, il Palermo sfrutta un contropiede per chiudere definitivamente la partita: Trajkovski riceve in buona posizione e a tu per tu con Leali non fallisce. Frosinone vicino al ritorno in B, i rosanero possono ancora sperare per la permanenza in A.

Quando siamo giunti oltre l’ottantesimo minuto della partita, il risultato tra Frosinone e Palermo è fermo sull’uno a zero in favore della formazione siciliana. I rosanero sono passati in vantaggio dopo dieci minuti dall’inizio della ripresa, grazie ad una marcatura messa a segno dal solito Alberto Gilardino. La formazione ciociara risponde attorno al settantesimo con Dionisi che pesca Ciofani dentro l’area da rigore, il calciatore gialloblu si gira e va alla conclusione ma Sorrentino respinge prontamente. I ragazzi di Ballardini, dopo aver trovato la via del gol, cercano di guadagnare secondi preziosi ma il direttore di gara invita a non perdere tempo. Minuti di gioco finali al Matusa, il Frosinone è completamente riversato in avanti con il Palermo costretto a difendersi. Appassinante quest’ultima fase di partita, si preannuncia un corposo recupero.

E’ ricominciato da circa dieci minuti di gioco il secondo tempo del Matusa tra Frosinone e Palermo, con il risultato fermo sull’uno a zero in favore degli ospiti. Durante l’intervallo nessuno dei due allenatori ha effettuato cambi, si riparte quindi con gli stessi ventidue giocatori della prima frazione. I padroni di casa si rendono pericolosissimi dopo appena quattro minuti: Kragl va via sulla corsia laterale sinistra, lascia partire un cross sul secondo palo su cui si inserisce Paganini, il quale colpisce di testa e manda fuori di poco. Rosanero abbastanza in difficoltà dopo l’intervallo, la formazione di Davide Ballardini sembra aver perso un pò di sicurezza e il Frosinone sta cercando di approfittarne. A sorpresa però, attorno al cinquantacinquesimo, passa proprio il Palermo: Rispoli confeziona un cross perfetto dalla destra per Gilardino. L’attaccante di Biella salta più in alto di tutti ed insacca alle spalle di Leali con una conclusione aerea ben calibrata.

E’ terminato sul risultato di zero a zero il primo tempo del Matusa tra Frosinone e Palermo. Quarantacinque minuti di gioco piuttosto noiosi, con tanta intensità a centrocampo ma pochissime occasioni per sbloccarla. Il Palermo sembra più autoritario dal punto di vista del fraseggio ma soffre le avanzate dei padroni di casa sulle corsie laterali.  I siciliani si sono fatti vedere in avanti attorno al ventiseiesimo minuto con una conclusione da fuori area da parte di Vazquez, il tiro dell’argentino però è finito sul fondo. Al trentottesimo i ciociari rispondono con Rosi, il cui colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo gialloazzurro finisce fuori di poco alla sinistra di Sorrentino. Nel finale di frazione il Frosinone guadagna una punizione interessante, ma il Palermo fa buona guardia e non corre pericolo. Squadre ora negli spogliatoi per l’intervallo, vedremo se nella ripresa una delle due squadre riuscirà a spezzare l’equilibrio. 

Quando siamo giunti oltre la prima mezzora della partita, il risultato tra Frosinone e Palermo è fermo sullo zero a zero. Al tredicesimo chance per la compagine siciliana con un tentativo da parte di Vazquez su calcio di punizione, il suo tiro però finisce sulla barriera dei ciociari. Mister Ballardini sembra abbastanza soddisfatto della disposizione in campo da parte dei suoi ragazzi. Dall’altra parte c’è il tecnico dei gialloblu Stellone che continua a incoraggiare la squadra. AL ventunesimo bella discesa personale di Vazquez, il quale viene chiuso tempestivamente da un intervento in chiusura da parte di Soddimo. Attorno al ventiseisimo ancora Palermo in avanti, sempre con Vazquez. Questa volta la conclusione dell’argentino è sbilenca e finisce ampiamente fuori dallo specchio della porta. Pareggio fin qui giusto, forse meglio la formazione siciliana che sta crescendo soprattutto dal punto di vista del fraseggio. 

E’ cominciata da oltre dieci minuti di gioco la partita del Matusa tra Frosinone e Palermo, col risultato fermo sullo zero a zero. Avvio intenso, con le due squadre che sembrano volersi affrontare a viso aperto. Questa partita d’altra parte vale davvero moltissimo per la classifica delle due formazioni, alla ricerca disperata di punti salvezza. I padroni di casa si rendono pericolosi dopo appena due minuti di gioco con un colpo di testa da parte di Ciofani che manda fuori di pochissimo. Poco più tardi i siciliano costruiscono una potenziale occasione da rete sugli sviluppi di una punizione, con un cross a cercare Andelkovic dentro l’area da rigore avversaria, il colpo di testa del rosanero è perfetto ma l’arbitro ferma tutto per posizione di offside. Grande entusiasmo sugli spalti, dove i tifosi ciociari fanno sentire il proprio sostegno a gran voce.  

Frosinone-Palermo comincia: andiamo subito a vedere le formazioni ufficiali di una partita davvero importantissima per la corsa alla salvezza. Stellone se la gioca con un 4-3-3 nel quale Paganini e Soddimo sono a supporto di Daniel Ciofani, con Kragl che fa un passo indietro e gioca invece come interno di centrocampo; nel Palermo di Davide Ballardini, schierato con il 3-5-2, Gilardino torna titolare per affiancare Franco Vazquez, scelto Thiago Cionek come terzo centrale di difesa. Calcio dinizio alle ore 12:30. FROSINONE (4-3-3): Leali; Rosi, A. Russo, Blanchard, Pavlovic; Gori, Gucher, Kragl; Paganini, D. Ciofani, Soddimo. In panchina: Zappino, Bardi, Crivello, Frara, Longo, M. Ciofani, Dionisi, Tonev, Sammarco, Carlini, Pryyma. Allenatore: Roberto Stellone. PALERMO (3-5-2): Sorrentino,; Andelkovic, G. Gonzalez, Thiago Cionek; Morganella, Quaison, Maresca, Hiljemark, Rispoli; Vazquez, Gilardino. In panchina: Posavec, Alastra, Goldaniga, Lazaar, A. Trajkovski, Bentivegna, Chochev, Balogh, Cristante, Jajalo, Pezzella, Djurdjevic. Allenatore: Davide Ballardini. Arbitro: Gianluca Rocchi 

Analizziamo la chiave tattica del match Frosinone-Palermo. Il tecnico Stellone schiererà in campo un 4-3-3, modulo offensivo che si avvale del tridente per cercare di “bucare” la difesa del Palermo. Un vero e proprio match in chiave salvezza, con il Frosinone che scenderà in campo con tre uomini a centrocampo, molto compatto per cercare di fare il giusto pressing agli avversari. Importante anche il ruolo degli esterni che andranno ad aiutare la difesa. Passiamo al Palermo, con Ballardini che schiererà invece un 3-5-2, modulo che si avvale di due attaccanti in area supportati dagli esterni che avranno il ruolo di regalare quanti più palloni possibili per andare in gol. Difesa molto compatta, a tre, per evitare ogni tipo di incursione da parte dei ciociari, sempre molto pericolosi davanti. 

E’ un vero e proprio spareggio-salvezza quello del ‘Matusa’, Frosinone-Palermo. All’andata furono i rosanero ad imporsi per 4-1, poi sulla formazione siciliana è calata la notte. Il rendimento interno del Frosinone, leggendo le statistiche, è migliorato di gara in gara, con i ciociari che sul terreno amico hanno colto 6 successi, perdendo in 7 occasioni, mentre sono 18 le reti realizzate al Matusa contro le 23 subite. E’ basso il minutaggio del possesso palla complessivo della squadra di Stellone, con soli 18 minuti di media a partita. E’ disastroso il bilancio del Palermo in trasferta, con 10 sconfitte in 17 gare e il misero bottino di 12 reti realizzate contro le 35 subite. Solo 291 tiri in porta per la squadra di Ballardini con 138 conclusioni tra i pali, mentre è pessimo il rendimento difensivo con 63 reti al passivo in totale, che fanno dei rosanero una delle squadre più perforate del campionato.

Frosinone-Palermo, lunch match delle ore 12:30, sarà diretta dall’arbitro Gianluca Rocchi della sezione di Firenze. Il direttore di gara ha arbitrato sedici partite in questa stagione estraendo ottantuno cartellini gialli, un doppio giallo e quattro cartellini gialli. Nell’attuale campionato 2015/2016 di Serie A Rocchi ha già diretto un match del Frosinone contro il Chievo perso per 2-0 dai ciociari ed ha diretto anche un match del Palermo contro il Napoli perso per 1-0 dai rosanero. Nelle scorse stagioni, invece, Rocchi ha diretto una gara del Frosinone in casa estraendo tre cartellini gialli e nessun rosso ai ciociari, mentre ha arbitrato tre gare del Palermo lontano dal Barbera estraendo qui sei cartellini gialli e nessun rosso ai rosanero. I suoi assistenti saranno Vuoto e Marzaloni, il quarto uomo sarà Longo. 

Frosinone-Palermo, domenica 24 aprile 2016 alle ore 12.30 e diretta dall’arbitro Gianluca Rocchi, sarà un vero e proprio spareggio salvezza nel programma della quartultima giornata di ritorno del campionato di Serie A 2015-2016. Al momento i ciociari occupano il terzultimo posto in classifica, mentre i siciliani sono penultimi. Solamente una lunghezza divide le due formazioni, ed il momento è tutt’altro che esaltante. La permanenza nel massimo campionato sembra essere nelle mani del Carpi, anche per un calendario più favorevole. Sulla pelle del Frosinone brucia più che la sconfitta contro il Chievo l’arbitraggio del signor Russo di Nola, che ha lasciato in nove i canarini per falli piuttosto veniali, con il difensore centrale Ajeti e il centrocampista Chibsah che non potranno affrontare la fondamentale sfida contro il Palermo. 

I rosanero dopo la partita a porte chiuse contro l’Atalanta continuano a vivere una situazione ad alta tensione. Il ritorno di Ballardini ha portato solamente un punto, ed i rosanero non vincono in campionato dallo scorso gennaio. Una situazione che potrebbe portare alla seconda retrocessione in B nelle ultime quattro stagioni.

Nelle ultime tre partite il Frosinone ha ottenuto una sola vittoria. Dopo la sfortunata sconfitta interna contro l’Inter, con i ciociari che hanno colpito tre legni subendo poi il gol vittoria dei nerazzurri di Icardi, è arrivata la fondamentale vittoria sul campo dell’Hellas Verona, con la rete di Frara che ha permesso al 92′ di compiere un passo in avanti per la salvezza.

Non è andata altrettanto bene al Bentegodi contro il Chievo: il gol di Ciofani ha illuso, poi i padroni di casa hanno potuto dilagare anche grazie alla doppia superiorità numerica. Il Palermo dopo il ko contro la Lazio costato l’esonero per Novellino ha perso contro la Juventus in una partita che sembrava impari considerando la differenza tra le due squadre. A porte chiuse contro l’Atalanta, dopo i disordini fra tifosi contro la Lazio, è arrivato un sofferto pareggio senza l’auspicata svolta: e quella del lunch match del Matusa diventa una partita da dentro o fuori.

Il passato non è ricco di precedenti ufficiali tra Palermo e Frosinone, con i ciociari che stanno vivendo da esordienti assoluti quella loro prima stagione nella massima serie. L’unico precedente in Serie A è quello dell’andata allo stadio Barbera, con il poker rosanero (c’era Ballardini in panchina anche in quell’occasione, particolare tutt’altro che scontato visto il turbinio di tecnici che si sono succeduti sulla panchina dei siciliani) firmato da Goldaniga, Vazquez, Trajkovski e Gilardino.

Un risultato che potrebbe avere un grande peso se le due squadre dovessero terminare a pari punti il loro campionato, visto che difficilmente il Frosinone riuscirà a rivoltare a sua favore l’esito dello scontro diretto fra andata e ritorno.

Analizzando le quote delle principali agenzie di scommesse, lo scontro appare in grande equilibrio con il Frosinone falcidiato anche dalle squalifiche e il Palermo a sua volta a secco di vittorie dall’inizio dell’anno. Il successo interno dei ciociari viene quotato 2.63 da Bet365, con l’eventuale pareggio che viene proposto invece ad una quota di 3.50 da Snai e Sisal Matchpoint che offre a 3.90 l’eventuale affermazione esterna dei rosanero.

Frosinone-Palermo, domenica 24 aprile 2016 alle ore 12.30, potrà essere seguita in diretta tv e in esclusiva da tutti gli abbonati Sky, sul canale 206 del boquet satellitare (Sky Super Calcio HD) e in diretta streaming video sul sito skygo.sky.it, attivando l’applicazione Sky Go su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori