PROBABILI FORMAZIONI/ Bologna-Verona: quote, gli ex. Le ultime novità live (Serie A 31^ giornata, oggi 4 aprile 2016)

- La Redazione

Probabili formazioni Bologna-Verona: le quote e le ultime novità live sulla partita che si gioca allo stadio Dall’Ara ed è valida per la trentunesima giornata del campionato di Serie A

RizzoSouprayen
Foto Infophoto

Si avvicina Bologna-Verona; nelle probabili formazioni della partita del Dall’Ara scopriamo in particolare due ex. Uno per parte: nel Bologna gioca Godfrey Donsah, ghanese di 19 anni che è una delle più belle realtà del nostro campionato. Il Bologna lo ha acquistato in prestito con obbligo di riscatto lo scorso agosto; Donsah però era già stato nel mirino di grandi squadre come Juventus e Napoli. In Italia da quando aveva 15 anni, a Verona è passato nel 2013 dopo una parentesi con rientro in Ghana; con gli scaligeri ha partecipato al campionato Primavera ma a fine stagione ha esordito in Serie A (contro l’Atalanta) guadagnandosi la chiamata del Cagliari. Quattro stagioni a Bologna invece per Vangelis Moras, il difensore greco di 34 anni: ormai un veterano del nostro calcio, Moras era stato acquistato dal Bologna nel 2007, ottenendo subito la promozione in Serie A e chiudendo la sua esperienza con 101 partite e 4 gol.

Dopo sei mesi (negativi) allo Swansea, giocando pochissimo, il rientro in Italia per giocare nel Cesena e, dal gennaio 2013, il Verona con altra promozione nella massima serie conquistata subito. Al momento con la formazione scaligera ci sono 136 presenze e 5 gol. 

In Bologna-Verona vivremo anche la sfida tra due portieri che fanno parte di diverse generazioni. Antonio Mirante ha 32 anni e da quest’anno gioca a Bologna, dopo sei anni con il Parma che ha lasciato in seguito al fallimento della società; tanta esperienza per un portiere cresciuto nella Juventus, che ha accompagnato l’avventura bianconera in Serie B giocando 7 partite e che poi ha riconquistato la Serie A – già vissuta a Siena – con la maglia della Sampdoria, per due stagioni senza troppa continuità. Che ha trovato appunto a Parma: 208 partite e uno storico esordio in Nazionale, 8 giugno 2014 nell’amichevole persa 5-3 contro la Fluminense. Pierluigi Gollini, 21 anni, è il portiere del Verona dalla scorsa stagione; per lui giovanili con Spal e Atalanta, e anche un’esperienza nel Manchester United con cui però non si era mai avvicinato alla prima squadra. Ci ha creduto il Verona, che lo ha preso per fare la riserva di Rafael Andrade; quest’anno le difficoltà della squadra e del brasiliano gli hanno spalancato le porte della formazione titolare. A questa data ha messo insieme 19 presenze in stagione, 22 in totale con il Verona.

Quali sono i bomber di Bologna-Verona? Si tratta di due squadre che non hanno grandissimi numeri offensivi; entrambe però avrebbero in rosa almeno un giocatore capace di fare tanti gol. Mattia Destro ne ha realizzati 8 in 27 partite; nessuno nelle prime 10 e poi 8 in 13 partite giocate, prima dell’infortunio che lo terrà fuori ancora a lungo. Il Bologna dunque si affida a Emanuele Giaccherini, che non è un attaccante ma ha comunque garantito 6 gol nelle 21 partite giocate in questo campionato. Luca Toni in carriera ha segnato 321 gol; è stato il capocannoniere della scorsa Serie A con 22 gol in 38 partite e a Verona ha garantito 50 reti, ma quest’anno è stato infortunato a lungo e non ha mai trovato la giusta continuità. Sono 5 i suoi gol (in 19 partite); come lui Giampaolo Pazzini, che ha iniziato a rilento ma poi ha avuto statistiche migliori. Numeri che però non dovrebbero bastare a garantire la salvezza al Verona.

Si gioca questa sera; nelle probabili formazioni della partita del Dall’Ara ci sono sei calciatori diffidati, che dunque sono a rischio squalifica. Nel Bologna sono in quattro, ma Mattia Destro come sappiamo non sarà della partita; rischiano però Saphir Taider, Amadou Diawara e Emanuele Giaccherini che sono colonne portanti della formazione felsinea e con un’ammonizione questa sera dovranno saltare la trasferta dello stadio Olimpico contro la Roma, un altro monday night (in programma lunedì 11 aprile). Nel Verona invece sono diffidati Vangelis Moras e Samuel Souprayen; il terzino sinistro francese è appena rientrato da un lungo infortunio e non è ancora certa la sua presenza tra i titolari. Il Verona giocherà la prossima partita sul campo del Napoli, domenica 10 aprile alle ore 15. 

Bologna-Verona è una partita tra due squadre storiche, ma con obiettivi diversi; si gioca questa sera allo stadio Dall’Ara e chiude la trentunesima giornata della Serie A 2015-2016. I padroni di casa vogliono vincere davanti al proprio pubblico per migliorare la classifica, mentre i veneti cercano di allontanare il più possibile l’aritmetica retrocessione in Serie B.  Osservando le probabili formazioni ci chiediamo su chi le due squadre potranno contare come punti di forza e protagonisti per questa trentunesima giornata di Serie A.  Per quanto riguarda la compagine felsinea scegliamo Giaccherini e Floccari, entrambi in un buon momento di forma. La difesa dell’Hellas dovrà prestare molta attenzione e limitare al massimo gli errori. Per la truppa di Del Neri, invece, puntiamo sul fiuto del gol di bomber Luca Toni, centravanti esperto e sempre temibile. Retroguardia bolognese avvisata.

In vista del match tra Bologna e Verona, il tecnico rossoblù Donadoni dovrà fare a meno dell’attaccante Mattia Destro a causa dell’infortunio. In difesa, invece, ci sarà il solito Rossettini autore di due reti su otto tiri in porta e dieci attacchi totali. A centrocampo spazio a Giaccherini, autore di sei gol e ventisette tiri in porta, con ben settantatré attacchi totali. Passiamo invece al Verona, con il tecnico Del Neri che avrà a disposizione i suoi migliori giocatori. In difesa ci sarà Pisano, autore di quattro gol in stagione con quarantasei attacchi complessivi, quindici tiri e dodici occasioni da gol. A centrocampo spazio a Ionita, con quattro gol in campionato, ventidue tiri in porta e ventisette attacchi totali. Il solito Toni, invece, in attacco: cinque i suol gol in stagione, quarantuno tiri in porta e cinquantadue attacchi.

Chiude la trentunesima giornata di Serie A: nelle probabili formazioni del match del Dall’Ara diamo uno sguardo ai dubbi che ancora affliggono i due allenatori. Per quanto riguarda Roberto Donadoni ci sono due dubbi, entrambi in difesa: Zuniga oppure Ferrari come terzino destro, mentre Rossettini ed Oikonomou si giocano la seconda maglia da centrale a disposizione al fianco di Maietta. Il terzino sinistro è un problema comune anche al Verona: dipenderà dalle condizioni di Souprayen, ci sono anche Albertazzi ed Emanuelson. Davanti invece tutto dipenderà dal modulo: se 4-4-2 ecco Pazzini al fianco di Toni, altrimenti sono possibili altre situazioni, con Greco che potrebbe giocare e Ionita che deve ancora capire la sua posizione, se in mediana oppure sulla trequarti.

Bologna-Verona: questa sera alle ore 20.45, Bologna e Verona scenderanno in campo al Dall’Ara per chiudere il programma della trentunesima giornata del campionato di Serie A Tim. I rossoblu allenati da Roberto Donadoni vogliono vincere per consolidare la parte sinistra della classifica, i gialloblu però non hanno alcuna intenzione di partire sconfitti, nonostante la situazione in graduatora lasci pochissime speranze per la salvezza. Dando uno sguardo alle probabili formazioni di Bologna-Hellas Verona, ci siamo soffermati sui giocatori che sicuramente non faranno parte della partita e che quindi non potranno incidere sul risultato finale del match. In casa della compagine rossoblu mancano all’appello Gastladello, Mbaye, Destro e Morleo mentre mister Luigi Delneri dovrà rinunciare a Souprayen, Romulo e Fares. Non convocato invece Luca Toni: l’attaccante titolare sarà Pazzini.

È il posticipo del lunedì nella trentunesima giornata del campionato di Serie A 2015-2016; le due squadre giocano al Dall’Ara alle ore 20:45, una partita delicata per il Verona che ormai è alle ultimissime speranze di una salvezza sempre più complicata. Salvezza che il Bologna dovrebbe aver condotto in porto; una vittoria questa sera la certificherebbe. Arbitra la partita il signor Davide Ghersini della sezione di Genova; possiamo dunque andare a dare uno sguardo più approfondito a quelle che sono le probabili formazioni di Bologna-Verona.

Queste le quote proposte dalla Snai per Bologna-Verona, trentunesima giornata della Serie A 2015-2015: la vittoria del Bologna (segno 1) vale 1,87; il pareggio (segno X) vale 3,50 mentre la vittoria del Verona (segno 2) vi permetterà di vincere 4,25 volte la somma giocata.

Brutte notizie per Donadoni, che oltre a Mbaye e Gastaldello ha perso anche Morleo: difesa dunque decimata e nella quale giocheranno come titolari Zuniga, arrivato a gennaio, e Rossettini che è stato il terzino destro nella prima parte di stagione e poi è stato scavalcato dal ritorno di Mbaye. Maietta naturalmente mantiene la posizione di leader del reparto, mentre a questo punto a sinistra non dovrebbero più esserci dubbi con Masina stabilmente sulla corsia (Constant parte in netto svantaggio). A centrocampo dovrebbero giocare i soliti noti, anche se stuzzica l’idea di inserire Brienza da mezzala, un ruolo che in questo scorcio di stagione ha già ricoperto e che gli permette di effettuare meno chilometri di corsa ma di essere ugualmente utile con la sua qualità. Taider porta legna, Diawara è la mente in azione della squadra; servirà il tridente offensivo nel quale sale forte la candidatura di Rizzo, specialmente se Giaccherini dovesse essere ancora affaticato per le partite con la Nazionale. Floccari sostituisce Destro sempre ai box, Mounier si gioca il posto con il già citato Rizzo e con lo stesso Giaccherini, sono in tre per due maglie.

Anche il Verona deve rinunciare al suo terzino sinistro: si tratta di Fares, che si è lesionato l’adduttore. Se non altro però Delneri ritrova Souprayen: dovrebbe quindi essere lui il laterale mancino nell’undici di partenza, ma se non dovesse essere al meglio è pronto Albertazzi che può prenderne il posto, con l’alternativa di Eros Pisano che cambia corsia favorendo l’ingresso di Gilberto a destra. Moras e Helander formano invece la coppia centrale a protezione di Gollini; a centrocampo doppio playmaker con Marrone che viene affiancato da Viviani, ormai totalmente recuperato. Dubbi sul modulo: potrebbe essere 4-4-2 con Toni e Pazzini in campo insieme, e dunque Wszolek e Ionita che giocano sulla linea dei centrocampisti. Più facilmente sarà il 4-2-3-1: dentro Siligardi a sinistra, Ionita scala da trequartista e i tre giocatori fanno un passo avanti, andando a giocare a supporto di Toni che resterebbe l’unica punta e al quale Delneri si aggrappa per le flebili speranze di salvezza. 

 83 Mirante; 11 Zuniga, 13 Rossettini, 20 Maietta, 25 Masina; 30 Donsah, 21 A. Diawara, 8 Taider; 17 Giaccherini, 99 Floccari, 26 Mounier

A disposizione: 1 A. Da Costa, 32 Stojanovic, 24 A. Ferrari, 2 Oikonomou, 19 Constant, 14 F. Zuculini, 5 Pulgar, 6 Crisetig, 33 Brighi, 22 L. Rizzo, 18 Acquafresca, 23 Brienza

Allenatore: Roberto Donadoni

Squalificati: I. Mbaye, Gastaldello

Indisponibili: Morleo, Destro

 95 Gollini; 3 E. Pisano, 18 Moras, 5 Helander, 69 Souprayen; 24 Viviani, 8 Marrone; 13 Wszolek, 23 Ionita, 16 Siligardi; 11 Pazzini

A disposizione: 37 F. Coppola, 88 Marcone, 12 Gilberto, 22 Bianchetti, 6 Albertazzi, 2 Romulo, 14 Furman, 19 L. Greco, 28 Emanuelson, 7 Jankovic, 21 Juanito Gomez

Allenatore: Luigi Delneri

Squalificati: Rebic

Indisponibili: Fares

 

Arbitro: Davide Ghersini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori