JOSE’ MOURINHO/ Manchester United news, i sogni di calciomercato dello Special One: da Stones a Higuain (oggi 24 maggio 2016)

- La Redazione

José Mourinho, Manchester United news: i sogni di calciomercato dello Special One, che a giorni diventerà ufficialmente il nuovo allenatore dei Red Devils sostituendo Louis Van Gaal

jose_mourinho_real_r400
José Mourinho (Infophoto)

Torna in pista. Dopo il licenziamento dal Chelsea, arrivato dopo 16 partite in Premier League (15 punti conquistati), lo Special One ottiene finalmente la panchina che maggiormente desiderava: quella del Manchester United.

Da quando Sir Alex Ferguson ha lasciato Old Trafford, la successione con Mourinho è stata all’ordine del giorno come ipotesi; finalmente ci si arriva, anche se al momento manca l’ufficialità. Louis Van Gaal è stato esonerato: non gli è servito nemmeno vincere la FA Cup, anzi il manager olandese è durato anche più del previsto, poichè già dallo scorso dicembre le voci di un esonero (o delle dimissioni) erano nell’aria.

Il Manchester United riparte dunque da Mourinho: sarà il portoghese a provare a riportare in alto una squadra che ha smarrito la via, nonostante gli investimenti delle ultime due stagioni e la presenza di un grande allenatore come Van Gaal. In Inghilterra (e non solo) si è già scatenato il toto-nomi: la presenza dello Special One apre a una serie di possibilità di calciomercato che potrebbero rivoluzionare la rosa dei Red Devils.

Partiamo dalla difesa, il reparto più traballante da quando Vidic e Ferdinand hanno lasciato: qui, Mourinho vuole puntare su un vecchio pallino come Ezequiel Garay (Mourinho lo ha avuto nel suo primo anno al Real Madrid) e sul giovane John Stones, che aveva già provato a prendere quando allenava il Chelsea, senza successo.

A centrocampo c’è ancora incertezza sui desideri del portoghese, ma appare certo che a dare l’addio al Manchester United saranno Marouane Fellaini e il veterano Michael Carrick (dieci stagioni e 421 partite nel club). Ancora incerto il futuro di Bastian Schweinsteiger, che sarebbe dovuto essere l’uomo della rinascita ma ha passato più tempo in infermeria che in campo. Il tedesco è uno di quei giocatori che potrebbero essere rilanciati, da mezzala o anche regista davanti alla difesa.

Per quanto riguarda l’attacco, si ripartirà dai due giovani di lusso: Anthony Martial, uno dei pochi acquisti azzeccati dell’era Van Gaal, e quel Marcus Rashford che il tecnico olandese ha avuto il merito di lanciare e fare esplodere sulla scena (ha chiuso con 18 presenze e 8 gol la sua prima stagione da professionista, iniziata peraltro a febbraio). Difficile che resti Juan Mata, già “epurato” da Mourinho ai tempi di Stamford Bridge; grande curiosità per la posizione di Wayne Rooney, che Van Gaal ha spostato a centrocampo.

La mossa tattica ha funzionato e, arrivato a quasi 31 anni, il capitano dei Red Devils potrebbe diventare il nuovo faro della squadra, innestando la velocità dei compagni e compiendo quel processo di arretramento che, restando al Manchester United, era toccato anche a Dwight Yorke (giocava da playmaker basso nella sua nazionale di Trinidad e Tobago).

Ci sono anche grandi nomi nelle intenzioni di Mourinho: Gonzalo Higuain è il sogno proibito, Alvaro Morata una realtà possibile (il Real Madrid lo riporterà a casa, ma è pronto a venderlo al miglior offerente), Mauro Icardi un’altra soluzione. Ancora pochi giorni, poi Mourinho prenderà possesso della panchina tanto desiderata e il suo regno a Old Trafford potrà finalmente cominciare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori