PROBABILI FORMAZIONI / Spezia-Trapani: i jolly. Quote e ultime notizie live (playoff Serie B semifinale andata oggi 28 maggio 2016)

- La Redazione

Probabili formazioni Spezia-Trapani: quote e ultime notizie live. Partita valida per l’andata delle semifinali playoff di Serie B, in programma sabato 28 maggio 2016

spezia_reggina_granillo
(INFOPHOTO)

Spezia-Trapani: vediamo qualche possibile jolly per le due formazioni, ovvero quei giocatori che potrebbero dare una scossa alla partita entrando dalla panchina. Se il titolare in attacco sarà Calaiò, lo Spezia potrà disporre di due ‘zavorre’ di non poco conto per rinforzare la prima linea in caso di necessità. Stiamo parlando di due attaccanti anagraficamente all’opposto e differenti anche tecnicamente: l’esperto Nené e il giovane David Okereke. Il brasiliano Nené ha realizzato 11 gol in questo campionato toccando per la prima volta in doppia cifra in Italia, e conosce ormai bene il nostro calcio in cui gioca dal 2009: classica punta centrale abile nel gioco aereo, rappresenta un’ottima alternativa a Calaiò ma più difficilmente può giocarvi al fianco. David Okereke è invece un talento della formazione Primavera, aggregato già più volte alla prima squadra: classe 1997, può essere impiegato anche più largo in un tridente. Quanto ai possibili jolly a disposizione del Trapani, una citazione d’obbligo la merita Igor Coronado: trequartista brasiliano di buon estro, può essere il giocatore giusto per spettinare gli equilibri; con lui mister Serse Cosmi può passare ad un modulo più spregiudicato come il 4-3-1-2, già impiegato peraltro nella parte iniziale della stagione.

Chissà che per Francesco Migliore non sia arrivata l’ora di respirare l’aria della Serie A. Il terzino sinistro dello Spezia non è più giovanissimo (28 anni) e rappresenta ormai una sicurezza per il campionato cadetto. Allo Spezia dal 2013 dopo un triennio a Crotone, Migliore in questo campionato è stato il secondo produttore di assist della sua squadra con un totale di 39, dei quali 4 tramutati in gol dai compagni. Migliore si può quindi considerare uno dei protagonisti attesi per la semifinale dei playoff contro il Trapani: il suo compito sarà quello di costringere il dirimpettaio Fazio ad abbassarsi e scodellare cross invitanti per la testa del centravanti. Atteso anche Calaiò che insegue il suo gol numero 10 in questa stagione. Dall’altra parte tutti gli occhi saranno puntati su Bruno Petkovic, che negli ultimi mesi ha mostrato numeri davvero interessanti; portato in Italia dal Catania nel 2012, aveva cominciato la stagione con la Virtus Entella (13 presenze e 1 gol). A gennaio il trasferimento in Sicilia dove il ventunenne si è imposto, limando anche qualche atteggiamento un pò rischioso. Attenzione anche a Mirko Eramo, un altro giocatore che a Trapani ha trovato un’elevata continuità di rendimento: utile in entrambe le fasi, rappresenta il motorino del centrocampo granata che può contare anche sulle geometrie di Scozzarella e gli inserimento in avanti di Nizzetto.

Il primo dubbio di formazione per Serse Cosmi riguarda il modulo. Nel girone d’andata l’allenatore del Trapani ha proposto il più delle volte un 4-3-1-2 con Coronado a sostegno di due punte, nel ritorno invece è passato ad 3-5-2 difensivamente più solido che ha prodotto la grande cavalcata fino al terzo posto. Questo secondo sistema di gioco dovrebbe essere riproposto allo stadio Alberto Picco: in difesa i ballottaggi sono ridotti a zero, Cosmi si fida ciecamente del terzetto composto da Scognamiglio, Pagliarulo e Perticone. Qualche dubbio in più a centrocampo: Coronado potrebbe anche scalare nel trio di mezzo relegando in panchina uno tra Eramo e Nizzetto, e mantenendo comunque la licenza di sganciarsi in avanti per dar fastidio tra le linee avversarie. Intoccabili Fazio e Rizzato sulle due corsie laterali, l’attacco invece ha trovato la giusta alchimia nell’integrazione tra Nicola Citro e il croato Bruno Petkovic, quest’ultimo autentica rivelazione del girone di ritorno. La coppia titolare designata ad inizio stagione, quella composta da Adriano Montalto ed Ernesto Torregrossa, parte ora in seconda fila: entrambi rappresentano comunque buone alternative per il reparto offensivo.

Per il ruolo di terzino destro nella formazione titolare bianconera De Col è ancora in vantaggio sul croato Martic. Scelte obbligate per la coppia centrale, a centrocampo invece le gerarchie paiono definite: il terzetto Pulzetti-Errasti-Sciaudone si può definire quello titolare mentre i vari Acampora, Juande e Canadjija partono in seconda fila. Ballottaggi più vivi in attacco: detto del rientro di Calaiò, attenzione anche alla candidatura di Nené che martedì a Cesena è rimasto in panchina, ma che ormai si può considerare recuperato dopo il recente infortunio. Durante il campionato mister Di Carlo ha alternato il titolare nella posizione di centravanti: 29 volte è stato Calaiò, 14 Nenè. Altro dubbio riguarda Mario Situm: in linea teorica il croato sarebbe uno degli inamovibili, martedì al Manuzzi però l’allenatore gli ha preferito il connazionale Zoran Kvrzic elogiandone lo stato di forma. Vedremo quale dei due croati sarà schierato dall’inizio contro il Trapani, l’impressione è che Situm sia leggermente favorito.

Come detto la formazione ligure ha perso Nahuel Valentini per il resto della stagione. Il ventisettenne argentino è dovuto uscire al 56′ minuto di Cesena-Spezia, match disputato martedì e valido per il turno preliminare dei playoff: gli esami strumentali effettuati nelle ore successive hanno evidenziato una lesione del menisco laterale destro; nella giornata di giovedì Valentini è stato sottoposto ad intervento chirurgico in artroscopia, le speranze di rivederlo in campo in questa stagione sono davvero pochissime. Se non altro è tornato a disposizione lo spagnolo Sergio Postigo, che può così ricomporre la coppia difensiva titolare assieme a Terzi; l’unica alternativa di ruolo per mister Di Carlo diventa ora Marco Crocchianti, classe 1996. Gli altri giocatori assenti tra le fila dello Spezia sono il difensore ungherese Krisztian Tamas e il centrocampista Luca Vignali, rispettivamente classe 1995 e 1996. Anche il Trapani non può schierare un difensore ed è il ventenne Andrea Accardi, in prestito dal Palermo: a tenerlo fuori causa è una distorsione alla caviglia sinistra da cui sta recuperando. Non al meglio anche il centrocampista centrale Davide Raffaello, che come il compagno sta svolgendo terapie dopo la distensione al collaterale mediale del ginocchio sinistro.

Sabato 28 maggio 2016 si gioca la prima semifinale di andata dei playoff di Serie B. Allo stadio Alberto Picco di La Spezia gli Aquilotti padroni di casa, reduci dal successo nel turno preliminare contro il Cesena (1-2), ricevono i siciliani che invece si sono qualificati direttamente alle semifinali playoff, grazie al terzo posto ottenuto in stagione regolare. Calcio d’inizio alle ore 18:30: la gara di ritorno si giocherà martedì 31 maggio allo stadio Polisportivo Provinciale di Erice. In caso di parità complessiva al termine del return match Spezia e Trapani disputeranno due tempi supplementari da 15′ ciascuno, se la parità dovesse protrarsi niente calci di rigore ma qualificazione alle finali per il Trapani, in virtù del miglior piazzamento in campionato. Di seguito le probabili formazioni di Spezia-Trapani e le quote per il pronostico della partita.

Le quote SNAI favoriscono lo Spezia per il successo in questa semifinale di andata: il segno 1 è valutato 2,40 mentre il 2 per la vittoria esterna del Trapani corrisponde a quota 3,20. Il segno X per l’eventuale pareggio tra le due formazioni moltiplica invece per 3,10 la posta in gioco.

Calaiò rientra dopo il turno di squalifica e dovrebbe tornare titolare al centro del tridente offensivo (a Cesena ha giocato Catellani al suo posto). Tegola sulla difesa: il centrale argentino Nahuel Valentini, uscito dolorante nel corso dell’ultimo match, ha riportato una lesione del menisco laterale destro; per lui stagione finita, al suo posto si rivedrà dall’inizio lo spagnolo Postigo, match winner martedì al Manuzzi. La retroguardia sarà completata dai terzini De Col (destra) e Migliore e dall’altro centrale Terzi. Probabile la conferma del pacchetto centrale con Errasti perno e Pulzetti-Sciaudone mezzali; gli esterni d’attacco invece dovrebbero essere Antonio Piccolo e Situm, anche se quest’ultimo è partito dalla panchina al Manuzzi. In porta l’argentino Chichizola.

Mister Serse Cosmi dovrebbe proporre il modulo più impiegato nel girone di ritorno ovvero il 3-5-2. Salvo imprevisti ciò significherà panchina per il brasiliano Igor Coronado e cerniera centrale composta da Eramo, Scozzarella in cabina di regia e Nizzetto, con Fazio e Rizzato larghi sulle fasce. In difesa quindi confermato Perticone assieme a Pagliarulo e Scognamiglio, a completare il pacchetto arretrato sarà il brasiliano Nicolas tra i pali. In attacco il croato Bruno Petkovic, autore di 7 gol nelle ultime 8 giornate di campionato, e Nicola Citro che invece risulta il top scorer del Trapani con 12 reti in 37 presenze.

Spezia (4-3-3): 1 Chichizola; 2 De Col, 5 Postigo, 19 Terzi, 17 Migliore; 32 Pulzetti, 15 Errasti, 7 Sciaudone; 23 A.Piccolo, 11 Calaiò, 18 Situm

Allenatore: Domenico Di Carlo

Squalificati: nessuno

Diffidati: Terzi, De Col, A.Piccolo, Catellani

Indisponibili: Valentini, Tamas, Vignali

Trapani (3-5-2): 1 Nicolas; 2 Perticone, 4 Pagliarulo, 6 Scognamiglio; 13 Fazio, 27 Eramo, 5 Scozzarella, 21 Nizzetto, 29 Rizzato; 18 Citro, 10 Petkovic

Allenatore: Serse Cosmi

Squalificati: nessuno

Diffidati: nessuno

Indisponibili: Accardi, Raffaello

 

 

Arbitro: Federico La Penna (sezione di Roma)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori