Brocchi esonerato? / Milan news, Se Berlusconi dovesse rimanere terrà il giovane tecnico (Oggi 4 maggio 2016)

- La Redazione

Brocchi esonerato? Milan news, l’addio a fine stagione non è ancora sicuro ma serviranno l’Europa League e magari il successo in Coppa Italia, oltre a Berlusconi (Oggi 4 maggio 2016)

berlusconi_alteroR439
Silvio Berlusconi (Infophoto)

Peppe Di Stefano ha parlato a Sky Sport 24 sottolineando che se dovesse rimanere Silvio Berlusconi al Milan allora potrebbe continuare con Cristian Brocchi, soprattutto se questo dovesse vincere la Coppa Italia. Pare che ci sia la forte mano del presidente sul giovane tecnico che ha preso il posto di Sinisa Mihajlovic e che per ora non ha ancora raccolto buoni risultati. Brocchi aveva fatto molto bene con la Primavera del club meneghino, ma si pensa che potrebbe essergli dato tempo per migliorare ancora. Staremo a vedere cosa accadrà anche legato al possibile addio di Silvio Berlusconi dalla presidenza del club.

La situazione in casa Milan al momento si attacca a una finale di Coppa Italia che potrebbe trasforare una stagione da disastrosa in accettabile. Da questo dipende in parte anche il futuro di Christian Brocchi che potrebbe anche essere clamorosamente esonerato. Secondo quanto riportato da Sky Sport 24, dove parla Peppe Di Stefano, pare che Adriano Galliani sia volato a Madrid per seguire la semifinale di Champions League Real Madrid-Manchester City. Alcuni hanno parlato della possibilità di un contatto con il tecnico dei Citizens Mauricio Pellegrini anche se la televisione satellitare non è così convinta di questa ipotesi e caldeggia la candidatura di Vincenzo Montella.

È senza dubbio in bilico nel suo nuovo ruolo di allenatore del Milan, visto che le prime partite sotto la guida dell’ex tecnico della Primavera rossonera non sono certamente andate come ci si attendeva. Detto che la scelta dell’allenatore per la prossima stagione sarà complessa e dovuta a molti fattori, è chiaro che la finale di Coppa Italia in programma sabato 21 maggio contro la Juventus avrà un peso molto importante per determinare il futuro. Ecco perché Brocchi sta già lavorando per preparare quella partita: molto importante sarà il recupero di Giacomo Bonaventura, mentre è ancora presto per capire cosa sarà di Luca Antonelli e M’Baye Niang. Fondamentale sarà poi Carlos Bacca e l’auspicio è che il gol contro il Frosinone possa avergli restituito un po’ di fiducia, fermo restando che il colombiano – avendo segnato 16 gol in campionato – è una delle poche note positive della stagione milanista. Anche in base a quali giocatori avrà a disposizione Brocchi deciderà poi con quale modulo schierare la sua squadra contro i bianconeri.

In questo mese di maggio si giocherà le poche possibilità di rimanere sulla panchina del Milan. La posizione dell’allenatore rossonero si è certamente indebolita con i brutti risultati ottenuti contro le piccole nelle ultime tre giornate e sa che ora dovrà dare il massimo negli ultimi due turni di campionato per agguantare almeno il sesto posto e poi nell’attesissima finale di Coppa Italia contro la Juventus. Dunque per la squadra sarà necessario tenere alta la concentrazione: il Corriere della Sera in edicola oggi riferisce che ieri Brocchi ha parlato per ben mezz’ora alla squadra, riunita nello spogliatoio. Un discorso sicuramente incentrato sulla necessità di finire bene una stagione decisamente difficile per i rossoneri.

L’addio di Christian Brocchi a fine stagione non sarebbe ancora certo: infatti, secondo quanto ha riportato nelle scorse ore Sky Sport 24, ci sarebbe qualche chance per la permanenza dell’attuale allenatore del Milan sulla panchina rossonera. Certo, l’esonero resta l’ipotesi più probabile perché due soli punti nelle tre partite contro Carpi, Verona e Frosinone erano davvero difficili da immaginare e in almeno due di queste partite il Milan non è piaciuto nemmeno dal punto di vista del gioco, però con lui è stata fatta una scelta chiara e il presidente Silvio Berlusconi potrebbe decidere di andare avanti così. Il requisito fondamentale è però la qualificazione alla prossima Europa League, magari tramite la vittoria in Coppa Italia, che assumerebbe un significato ancora più speciale visto che di fronte ci sarà la Juventus. Tutto questo tenendo conto di un’altra variabile: le vicende societarie che potrebbero portare ad un cambio di proprietà, ipotesi nella quale la permanenza dell’ex tecnico della Primavera sarebbe di fatto impossibile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori