Video/ Ungheria-Belgio (0-4): highlights e gol della partita, il gol di Hazard (Euro 2016 ottavi di finale, 26 giugno)

- La Redazione

Video Ungheria-Belgio (0-4): highlights e gol della partita degli Europei 2016 disputata domenica 26 giugno al Municipal Stadium di Tolosa, valida per gli ottavi di finale

hazard_sandro
Eder Hazard (Infophoto)
Pubblicità

Ungheria-Belgio, ottavo di finale a questi Euro 2016 si è conclusa con un poker di reti imprendibili da parte della formazione belga di Wilmots. Una delle reti più emozionanti è stata sicuramente quelli del capitano Eden Hazard, letteralmente scatenato nella partita di ieri sera. Ad Hazard bastano due minuti per regalare ai suoi un finale davvero severo per la nazionale ungherese: partito da centrocampo con la palla Hazard risulta immarcabile dalla difesa ungherese che si arrenda di fronte al capitano belga e il gol arriva proprio al 34′ del secondo tempo. Un gol davvero da top 5 di questi Euro 2016 per velocità d’esecuzione, abilità nel dribbling e precisione. Sarà poi Carrasco all’89 siglare il 4 a 0, che manda a casa l’Ungheria dopo un Europeo ddavvero entusiasmante per la formazione di Bernard Storck, e che fa continuare il sogno dei diavoli rossi, che sembrano davvero scatenati. 

Pubblicità

Una vittoria strepitosa della formazione belga ieri: Ungheria-Belgio si è infatti conclusa ben 4 a 0 per i ragazzi di Wilmots, che hanno in questo modo avuto accesso ai quarti di finale di Euro 2016. Il primo a demolire le speranze dei tifosi ungheresi è Toby Alderweireld, che ad appena 9 minuti dal fischio d’inizio insacca la difesa avversaria con un potente e preciso colpo di testa. Il difensore centrale del Tottenham riceve infatti la punizione di De Bruyne e con un leggero colpo di testa sorprende Kiraly: sulla palla c’era anche Lukaku, ma Alderweireld è riuscito a intercettare la traiettoria della punizione in maniera magistrale. Totalmente assenta la difesa ungherese, che ha praticamente lasciato smarcati i due giocatori belgi, dandogli lo spazio necessario per beffare il portiere ungherese. La fantastica rete di Alderweireld ha dato una particolare entusiasmo sia a numerosi tifosi accorsi a Tolosa che alla sua stessa squadra, che galvanizzata ha completato il poker di gol, che ha permesso al Belgio di andare ai quarti e che ha mandato a casa l’Ungheria di Bernd Storck.

Pubblicità

Il Belgio mostra i muscoli e agli ottavi elimina l’Ungheria con un sonoro 4 a 0 che non ammette alcuna replica, anche se il risultato è rimasto in bilico fino a poco più di 10 minuti dal novantesimo e solamente nelle fasi conclusive del match gli uomini di Wilmots hanno chiuso la pratica arrotondando il punteggio e legittimando il successo. Il Belgio accede così ai quarti di finale, dove affronterà il Galles il Bale, mentre la nazionale di Storck saluta il torneo dopo aver fatto comunque bella figura dimostrando di non essersi qualificata alla fase finale per caso (vedi match contro Austria e Portogallo). Le statistiche confermano che è stata una bella partita, dove entrambe le formazioni non hanno rinunciato a giocare. Tiri totali: 16 Ungheria, 25 Belgio; tanti capovolgimenti di fronte con le squadre molto allungate in mezzo al campo. Tiri in porta: 6 Ungheria, 14 Belgio; i portieri Courtois e Kiraly sono stati costretti a fare gli straordinari, in particolare l’estremo difensore magiaro ha evitato che il passivo per i suoi diventasse ancora più pesante, mentre quello belga è riuscito a mantenere blindata la propria porta non concedendo neppure il gol della bandiera agli avversari. Un palo colpito dal Belgio con De Bruyne su calcio di punizione nella prima frazione di gioco. Possesso palla: 54% Ungheria, 46% Belgio; una superiorità inutile per i magiari, mentre in contropiede e di rimessa i belgi hanno saputo lasciare il segno per ben quattro volte.

Il capitano del Belgio, Eden Hazard, è stato di gran lunga il miglioer in campo stasera trascinando la nazionale ai quarti con due assist e un grandissimo gol: “Meritiamo il passaggio del turno, abbiamo giocato meglio e soprattutto abbiamo dimostrato di essere una grande squadra e di poter arrivare fino in fondo. Se abbiamo segnato solamente quattro volte è stato soltanto grazie agli interventi del portiere avversario che con una serie di parate spettacolari ci ha negato il gol in più occasione. Pensiamo a una partita per volta, non abbiamo ancora fatto niente e la finale è ancora lontana. Congratulazioni all’Ungheria che ha dato il 100% e ci ha messo in difficoltà”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori