Europei 2016 / Euro news, numeri e curiosità: alti e bassi (oggi 6 Giugno)

- La Redazione

Europei 2016 Euro news, Francia: la promessa di Giroud. I transalpini giocheranno in casa e l’attaccante promette di tingersi la barba tricolore in caso di vittoria (oggi 6 Giugno)

Franciabandiera
Infophoto

Continuiamo la nostra panoramica sulle curiosità statistiche riguardanti i giocatori che parteciperanno ad Euro 2016, la quindicesima edizione degli Europei di calcio che venerdì sera si aprirà in Francia. Per quanto riguarda i giocatori più alti, bisogna sottolineare che i primi quattro, come ci ricorda il sito della Uefa, sono tutti portieri: al primo posto con 203 cm abbiamo il rumeno Costel Pantilimon, seguito dall’inglese Fraser Foster e dal croato Lovre Kalinic, appaiati a quota 201 cm, mentre alto esattamente due metri è lo svedese Andreas Isaksson. Tra i più bassi invece il primo posto è italiano grazie a Lorenzo Insigne, soli 163 cm ma di grande qualità. Sul podio insieme al giocatore del Napoli trovano posto anche l’inglese Jamie Ward, secondo con 165 cm, e lo spagnolo Pedro Rodríguez, terzo con 167 cm. La Spagna poi è la Nazionale con l’altezza media minore (180 cm), mentre al primo posto troviamo la Svezia a quota – in tutti i sensi – 186 cm. Nulla di strano: gli scandinavi alti e i latini bassi. L’Italia è in una posizione intermedia con 183 cm. Uno sguardo anche al peso medio: qui i tedeschi confermano di essere dei panzer perché la Germania è prima con 80,3 kg, ultima la Turchia con 74,3 kg, l’Italia invece ha una media di 77 kg.

A pochi giorni dal fischio d’inizio di Euro 2016, la Uefa ha pubblicato sul proprio sito ufficiale alcune curiosità relative ai giocatori convocati dalle 24 Nazionali che prenderanno parte alla quindicesima edizione degli Europei di calcio. Possiamo così ad esempio osservare che il giocatore più giovane è l’attaccante inglese Marcus Rashford, rivelazione dell’ultima stagione con la maglia del Manchester United e convocato dal c.t. Roy Hodgson, che è nato il 31 ottobre 1997. Sul podio dei più giovani troviamo al secondo posto il portoghese Renato Sanches, centrocampista, che è nato il 18 agosto 1997; terzo posto per l’attaccante della Turchia Emre Mor, nato il 24 luglio 1997. All’estremo opposto, il giocatore più vecchio è Gábor Király, il portiere dell’Ungheria che è nato il 1° aprile 1976; alle sue spalle altri due estremi difensori, l’irlandese Shay Given secondo per un soffio essendo nato il 20 aprile 1976 mentre al terzo posto c’è il nostro Gianluigi Buffon, che è nato il 28 gennaio 1978. A questo punto vi state chiedendo chi è il più vecchio fra i giocatori di movimento? La risposta è Ricardo Carvalho: il difensore del Portogallo è nato il 18 maggio 1978. Tornando ai portieri, bisogna notare che mai nessun giocatore è sceso in campo in una partita della fase finale degli Europei a 40 anni già compiuti: Kiraly e Given potrebbero dunque fissare un nuovo record.

Sempre più vicino l’inizio di Euro 2016, la quindicesima edizione degli Europei di calcio. L’appuntamento con la partita inaugurale è infatti per venerdì sera, intanto le varie Nazionali coinvolte stanno ancora giocando amichevoli in preparazione al grande evento dell’estate calcistica. Questa sera l’attenzione si concentrerà naturalmente su Italia-Finlandia, la partita che gli azzurri giocheranno a Verona (clicca qui per seguirla con noi), ma ci saranno altri due incontri che coinvolgeranno squadre partecipanti alla fase finale degli Europei in Francia. Per l’Islanda, che per la prima volta prenderà parte a un’edizione, ci sarà il non probante test contro il Liechtenstein alle ore 21.30 italiane. Probabilmente più interessante la partita che metterà di fronte alle ore 18.00 la Polonia alla Lituania: test contro i vicini di casa baltici per Lewandowski e compagni.

Ieri si sono giocate alcune amichevoli in vista di Euro 2016, la quindicesima edizione degli Europei di calcio che avrà inizio venerdì sera in Francia. Due di queste partite interessavano da vicino l’Italia, coinvolgendo squadre inserite nello stesso girone degli azzurri: vittoria ma non del tutto convincente per il Belgio per 3-2 contro la Norvegia (clicca qui per leggere di più), ha invece vinto e convinto la Svezia grazie al perentorio 3-0 inflitto al Galles nell’unico confronto fra due squadre entrambe qualificate alla fase finale di questi Europei (clicca qui per leggere di più). Per il resto, sono arrivati risultati altalenanti: sorride la Turchia, che si è imposta per 1-0 in trasferta sul campo della Slovenia grazie al gol segnato da Burak Yilmaz dopo soli cinque minuti di gioco. Pareggio invece per la Russia, che ha fatto 1-1 a Montecarlo contro la Serbia con i gol di Dzyuba al 40′ della ripresa e di Mitrovic per i serbi tre minuti più tardi, in un finale quindi davvero movimentato. Infine ha perso in casa la Repubblica Ceca, che ospitava la Corea del Sud: doppio vantaggio asiatico nel primo tempo con i gol di Yoon al 26′ e di Suk Hyun-Jun al 40′; nella ripresa Suchy ha accorciato le distanze al primo minuto, ma poi i cechi sono rimasti in dieci e il risultato non è più cambiato.

L’inizio di Euro 2016 è sempre più vicino: la quindicesima edizione degli Europei di calcio avrà infatti inizio venerdì 10 giugno con la partita inaugurale che allo Stade de France di Saint Denis metterà di fronte i padroni di casa della Francia alla Romania nel girone A. L’attesa dunque sta crescendo, soprattutto Oltralpe, dove i tifosi sognano perché la Francia ha sicuramente una delle squadre più forti ed in più gli uomini del c.t. Didier Deschamps godranno pure del fattore campo favorevole.

Come spesso succede, la vigilia di un grande torneo internazionale si carica anche di speranze e di promesse, a volte pure bizzarre. Per rimanere in casa Francia, ad esempio, ecco cosa ha dichiarato l’attaccante Olivier Giroud parlando con il giornale ‘Le Dauphiné’: “Devo tenermi la barba per tutti gli Europei e, se vinciamo, la colorerò di rosso, bianco e blu”. Si tratta di una scommessa fra Giroud e Philippe Boixel, osteopata francese dell’Arsenal, la squadra di club nella quale gioca l’attaccante: dunque, se domenica 10 giugno la Francia dovesse trionfare nella finale degli Europei casalinghi (come nel 1984), vedremo Giroud sfoggiare una lunga barba – dopo un mese senza raderla – con i colori del Tricolore transalpino. Se sarà di buon auspicio per i Galletti come il bacio di Laurent Blanc sulla pelata di Fabien Barthez ai Mondiali 1998 (altro torneo casalingo poi vinto dalla Francia), lo scopriremo strada facendo…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori