Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti / Diretta Finale 1500m stile libero, l’analisi della gara (Rai 14 agosto, Olimpiadi Rio 2016)

- La Redazione

Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti, 1500 stile alle Olimpiadi Rio 2016: è medaglia d’oro e bronzo per la coppia del nuoto italiana ai giochi brasiliani.

riodejaneiro_panoramica
(LaPresse)

 Paltrinieri-Detti: la finale dei 1500 metri stile libero di questa notte a Rio de Janeiro, dove è stata organizzata la 31 edizione dei Giochi Olimpici, sicuramente sarà stata il pensiero fisso dei due azzurri, che ci hanno regalato così grandi emozioni, Paltrinieri medaglia d’oro e bronzo per Detti: un risultato davvero storico per il nuoto italiano, che oggi celebra un grande successo tricolore. In tanti sono rimaste svegli a seguire le avventure dei due nuotatori azzurri col fiato sospeso per poi prorompere nella gioia per le due medaglie. Una gara davvero unica la cui analisi più commossa è sicuramente quella dello stesso Gregorio Paltrinieri, il quale ha affermato, quando gli venne chiesto: “Ma quandè che hai capito, che ti sei detto in acqua ho vinto, ormai non mi prendono più? Mai”. Partito velocissimi fin da subito non sono mancate le forze neanche nella durissima fase finale, dove ormai il distacco era tale da non poter essere più recuperato. 

 Paltrinieri-Detti: chiaramente oggi non si non parlare dell’impresa realizzata da questi due ragazzi nella finale del nuoto maschile di questa notte dei 1500 m stile libero alle Olimpiadi di Rio 2016:” Medaglia d’oro per Paltrinieri e di bronzo per Detti, già medagliato in questa edizione brasiliana dei giochi: due risultati che hanno scritto la storia del nuoto azzurro a cinque cerchi. L’impresa dei due nuotatori chiaramente è stata commentata da molti ma una elle analisi più entusiaste è quella di Ganmarco Tamberi, atleta del salto in alto confinato alle tribune per un improvvido infortunio subito proprio qualche giorno prima di partire per Rio. Il saltatore ha infatti dichiarato: “Mi ha regalato una gioia infinita, per me è stato come viverla in prima persona. No, ma lui era venuto qui per vincere l’oro, si è tuffato per l’oro e l’ha vinto. E nella differenza fra il potere e il realizzare l’impresa c’è il campione. Invidia zero, piacere infinito per lui, seguivo quella linea del record del mondo con cui combatteva. Bellissimo!“. 

 Paltrinieri-Detti: ecco la nuova coppia d’oro del nuoto italiano, che nella notte hanno trionfato nella finale dei 1500 stile libero maschile vincendo la medaglia d’oro e di bronzo alle Olimpiadi di Rio 2016. Il loro sterminato palmares aumenta di una pesantissima medaglia olimpica, ottenuta dopo molti sacrifici e fatiche. Per Gregorio Paltrinieri sarà difficile fare spazio sulla propria mensola già occupata da : un oro, un argento e un bronzo mondiale in vasca unga e un argento mondiale in vasca corta, 6 medaglie europee in vasca lunga e 2 ori europei in vasca corta e un primo posto nel ranking stagionale mondiale mantenuto per due stagioni. Molto simile il bottino del compagno di squadra e medaglia di bronzo nella notte Gabriele Detti: per Detti dopo un anno nero, questa stagione si è aperta con molti successi tra cui un titolo europeo nei 400 metri e un bronzo olimpico vinto proprio a Rio 2016. Tra gli altri gode pure il Moro, ovvero Stefano Morini il loro allenatore e zio di Detti, che ha spinto questi ragazzi ad ottenere le corona olimpica a Rio 2016.

Paltrinieri-Detti: Alle Olimpiadi di Rio 2016 gli italiani ci stanno facendo davvero sognare e tra questi c’è la coppia formata da Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti autori di una storica doppietta oro-bronzo. Patrinieri ha voluto sottolineare tutta la sua gioia andando a raccontare anche il percorso che l’hanno portato a questo successo: “Tutto quello che ho vissuto negli ultimi trenta giorni è stato molto più difficile di come tutti gli altri possano immaginare. Sapevo di poter solo perdere e il mio era considerato un successo scontato che doveva arrivare. E’ stata dura scendere in acqua con questo peso addosso per dare il massimo. A un certo punto però sono stato costretto a concentrari e ad escludere le emozioni. Ho sognato questo tempo davvero da moltissimo tempo. Lo so che guardando una gara tutto sembra scontato però non è così. In quest’ultima fase di preparazione mi sono chiesto se stavo facendo le cose giuste o no. Devo ringraziare i miei genitori che hanno capito come era delicata la fase che stavo affrontando e perchè mi hanno sempre sostenuto”. E’ stata una vittoria di cuore e che ha portato l’atleta al traguardo più col cuore che con la testa: “Appena arrivato in Brasile a Rio qualcosa è scattato subito. La voglia di dare il massimo e il bisogno di portare a termine il lavoro hanno fatto il resto”.

Paltrinieri-Detti: Una finale davvero davvero emozionante quella di questa notte dei 1500 m stile libero alle Olimpiadi di Rio 2016, che ha visto salire sul gradino più alto del podio proprio il nostro Gregorio Paltrinieri, assieme al compagno Gabriele Detti, medaglia di bronzo.  Parole emozionati quelle affermate dal nostro Paltrinieri, medaglia d’oro, che ha voluto raccontare la sua gara, condotta senza tattiche e prudenze ma spingendo al massimo fin dalle prime bracciate: “Morini, il mio allenatore, tenta a volte di consigliarmi una gara meno forte allinizio, lo so, lo capisco, ma stavolta me ne sono fregato. A me piace stare in testa, mi fa sentire bene, così lho fatto, ho cercato di mettere più distanza possibile fra me e gli avversari. E al record del mondo non ho minimamente pensato, non so neanche i passaggi, è stata una cosa che non mi interessava. Forse con tutto lallenamento che ho fatto, penso di valerlo questo primato. Ma arriverà, arriverà magari la prossima volta.Sul podio ho pensato alla mia ragazza, alla mia famiglia, agli amici che erano qui. Ma voglio dedicare questa medaglia doro a me stesso. Ci ho messo tutto il cuore possibile.

Paltrinieri-Detti: la fantastica medaglia d’oro vinta da Gregorio Paltrinieri nella finale dei 1500 metri a stile libero di questa notte alle Olimpiadi di Rio 2016, non deve assolutamente oscurare la splendida medaglia di bronzo vinta dal compagno Gabriele Detti: dopo il bronzo vinto nei 400 metri, per Detti questa medaglia vuol dire la consacrazione nell’eccellenza mondiale del nuoto. Partito in maniera meno brillante del connazionale Paltrinieri Gabriele Detti arrivato 4 nella frazione due 400 metri toccando il cronometro sui 4:53.29. Da quel momento Detti però ingrana la marcia giusta e recupera per tenere il passo allo stesso Paltrinieri, mangiando centesimi su centesimi ad ogni frazione disponibile, scattando soprattutto dai 900 metri in poi e chiudendo con il tempo di 14:40.86. Commosse le sue parole al termine della gara: “Ci alleniamo insieme da cinque anni, è stato fantastico arrivare a medaglia insieme. Largento? Forse lavrei potuto prendere, non lo so. Ma la verità è che ero morto alla fine. Diciamo che una medaglia lho presa per un verso, laltra per un altro.

Paltrinieri-Detti: è una doppietta storica per l’italia del nuoto! Nella notte nella finale dei 1500 metri stile libero alle Olimpiadi di Rio 2016 Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti salgono sul podio dei giochi olimpici brasiliani: medaglia d’oro per Paltrinieri e medaglia di bronzo per il compagno Detti. In mezzo alla coppia azzurra il vice campione del mondo, lo statunitense Connor Jager, medaglia d’argento. Una doppietta che segna la storia del nuoto italiano ai Giochi Olimpici, che fa andare la memoria senza dubbio all’unico precedente presente, ovvero la doppietta Fioravanti-Rummolo alle Olimpiadi di Sidney 2000. Eccezionale la prestazione dello stesso Paltrinieri, medaglia d’oro, quarto nuotatore italiano campione a cinque cerchi, dopo Pellegrini, Fioravanti e Rosolino. Per Gregorio l’obbiettivo di ieri sera alla finale dei 1500 stile libero maschili era quello di scendere in vasca e dominare dalla prima all’ultima bracciata e così ha fatto: dai 100 metri in poi è rimasto sempre in testa con tempi eccezionali e a meno di 100 metri dalla fine aveva ancora 74 centesimi di margine. Sul finale Paltrinieri ferma in cronometro sui 14:34.57: il nuotatore azzurri non ha avuto bisohno di superare il record europeo di 14:34.04 per diventare campione olimpico, ma come aveva affermato lui stesso, non conta il tempo se stai per entrare nella storia delle Olimpiadi. 

Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti, finalmente ci siamo: è la finale dei 1.500 stile libero. E’ arrivata la notte che tutti gli appassionati italiani di nuoto attendono dall’inizio delle Olimpiadi di Rio 2016, quella che – scaramanzie a parte – tutti sperano possa portare un’altra medaglia agli azzurri. In primissimo piano naturalmente Gregorio Paltrinieri ed è facile capire perché: campione mondiale sia in vasca lunga sia in vasca corta, campione europeo nuovamente in entrambe le vasche, detentore del record del Mondo in vasca corta e del record europeo in vasca lunga. Dal 2014 Greg è il dominatore assoluto della distanza più lunga del nuoto in piscina: a Paltrinieri manca solo l’oro olimpico per il semplice motivo che quattro anni fa a Londra la sua parabola ascendente era ancora agli inizi, comunque fu ottimo quinto a soli 17 anni. Adesso è giunto il momento di entrare definitivamente nella storia: il sogno sarebbe infrangere anche il record del Mondo per detronizzare del tutto il cinese Sun Yang, ma naturalmente in una gara come quella delle Olimpiadi conta vincere, il tempo sarebbe un di più, per quanto graditissimo. Tra i rivali attenzione soprattutto all’americano Connor Jaeger, già argento ai Mondiali di Kazan 2015 dietro a Paltrinieri e capace di restare in scia a Greg anche in batteria qui a Rio de Janeiro, ma anche alla classe dell’australiano Mack Horton, già campione olimpico dei 400, la gara nella quale una settimana fa è stato di bronzo Gabriele Detti. Per il secondo azzurro in gara la grande occasione di salire per la seconda volta sul podio olimpico: la crescita di Detti negli ultimi tempi è stata esponenziale, se ci fossero ai Giochi gli 800 potrebbe addirittura essere uno dei grandi favoriti, sui 1500 deve stringere un attimo i denti ma il podio è alla sua portata e aggiungendolo a quello dei 400 anche lui scriverebbe una pagina di storia. Non ci resta che scendere in acqua e nuotare il più forte possibile

Per Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti si avvicina la finale dei 1500 stile libero di nuoto alle Olimpiadi di Rio 2016. L’appuntamento sarà alle ore 3.11 della notte italiana, appuntamento che potrebbe essere con la storia: inutile nascondersi dietro a un dito, Gregorio Paltrinieri è il grande favorito per la medaglia d’oro, che sarebbe il primo podio di sempre per l’Italia nella distanza più lunga del nuoto in piscina e il quarto oro in tutto per il nuoto maschile italiano. I tre precedenti arrivarono tutti nella trionfale Olimpiade di Sydney 2000, quando Domenica Fioravanti fece una leggendaria doppietta 100-200 rana e Massimiliano Rosolino si impose nei 200 misti, senza dimenticare l’argento nei 400 sl e il bronzo nei 200 sl. Dunque Gregorio Paltrinieri potrebbe davvero entrare nella storia: l’apoteosi sarebbe l’oro con tanto di record del Mondo, che è riuscito solo a Federica Pellegrini a Pechino 2008 alle Olimpiadi – l’unico oro femminile del nuoto italiano ai Giochi. Senza dimenticare che pure Gabriele Detti potrebbe salire sul podio: ci saranno dunque tanti motivi per stare svegli nel cuore della notte… 

Gregorio Paltrinieri si presenta alla finale della 1500 stile libero delle Olimpiadi di Rio con il miglior tempo ottenuto alle qualificazioni ovvero 14’44”51. Dietro di lui si è piazzato l’americano Connor Jaeger, che ha ottenuto un ottimo 14’45”74 e che, dovesse ripetere una prestazione eccellente, potrebbe rappresentare l’unico e vero rivale per il nostro atleta. Gabriele Detti si è classificato quinto in batteria con 14’48”68 ma non è lontano da chi lo ha preceduto ovvero l’altro americano Willymobsky con 14’48”23 e l’australiano Horton con 14’48”47. Fuori dai giochi è invece il primatista mondiale Sun Yang che non è andato oltre il sedicesimo posto, non riuscendo a staccare il pass per la finale.

Cresce l’emozione per la gara più attesa dagli appassionati italiani di nuoto che dovranno mettere la sveglia all’alba per seguire la finale di Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti. Se il nuotatore di Carpi è il grande favorito, forte anche del miglior tempo in batteria, Gabriele Detti potrebbe essere la sorpresa di questa gara, rivitalizzato anche dall’ottimo terzo posto nella finale dei 400 metri stile libero. Sono tantissimi i commenti suoi social network da parte di chi spera di vedere la storica coppia italiana sui due gradini più alti del podio, rendendo unica la giornata centrale delle Olimpiadi di Rio. Il medagliere del nuoto ha bisogno di essere rivitalizzato, considerando che solo Gabriele è riuscito a portare a casa una medaglia fino a questo momento. E chissà che proprio lui non riesca a ripetersi, in compagnia del compagno Gregorio!

Nella tanto attesa notte che vedrà protagonisti Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti, che cercheranno di portare a casa uno storico Oro nei 1500 metri stile libero, in vasca mancherà il campione in carica della specialità, il cinese Sun Yang, che non è riuscito a qualificarsi. Come noto Gregorio Detti è già bronzo nei 400 stile. Assieme a lui, Paltrinieri, alle 3.11 di domani 14 agosto, proverà a portare a casa l’ennesima medaglia per il team Italia, ottenendo il risultato tanto atteso. Proprio Gregorio Paltrinieri è il grande favorito di questa gara, anche perché ha realizzato il miglior tempo in batteria qualificandosi per la finale. Una buona occasione per l’Italia, che nelle prime ore di domani potrà seguire la gara sulle reti Rai con la speranza di assistere a un grande trionfo.

senza dubbio il fiore all’occhiello dello sport italiano in queste Olimpiadi di Rio 2016, nelle quali il nostro nuoto non ha particolarmente brillato, ad esclusione del bronzo vinto dal compagno di squadra Gabriele Detti. Il nuotatore di Carpi è il grandissimo favorito della finale notte, essendo lui il detentore del record mondiale nei 1500 stile libero in vasca corta oltre che di quello europeo in vasca lunga. Nel 2015 Gregorio ha inoltre conquistato la medaglia d’oro proprio nella specialità dei 1500 sl per la prima volta nella storia del nuoto italiano. Con questi presupposti è lui l’uomo da battere e il suo tempo ottenuto in qualificazione conferma come il suo stato di forma sia ottimale. Gregorio manterrà le aspettative riportando un oro nel nostro nuoto che manca alle Olimpiadi da troppo tempo? Gli italiani sono tutti con lui e con il collega Detti, a sua volta presente nella finalissima.

Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti questa notte avranno il difficile compito di riscattare il nuoto azzurro che alle Olimpiadi di Rio 2016 ha ottenuto per il momento una sola medaglia, proprio grazie allo splendido terzo posto dell’atleta livornese nei 400 metri stile libero. Questa notte i due nuotatori potranno dare il meglio di sé nella finalissima dei 1500 stile libero, che gli italiani potranno seguire sulle reti Rai a partire dalle ore 3:11. Paltrinieri, favoritissimo per la vittoria anche grazie al miglior tempo ottenuto in batteria, partirà dalla vasca 4 mentre Gabriele Detti con il suo quinto tempo si troverà in vasca 2. Per entrambi le speranze di medaglia sono concrete, e i primi ad esserne consapevoli sono i diretti interessati. Non a caso lo stesso Paltrinieri qualche ora ha espresso su Instagram l’importanza di questo irripetibile momento: ‘Tutto è ora’. 

Non è considerato favorito dei 1500 stile libero per caso e, infatti, si è qualificato per la finale con il miglior tempo. Ma l’Italia del nuoto può sorridere alle Olimpiadi Rio 2016 anche per la prestazione di Gabriele Detti, che ha strappato un pass per la finale ed è, dunque, in corsa per la medaglia d’oro. Paltrinieri con il suo 14’44”51 si è piazzato davanti all’americano Connor Jaeger, mentre Detti ha chiuso la sua batteria con il terzo tempo (14’48”68), quinto nella classifica generale. Meglio di lui hanno fatto l’americano Wilimovsky (14’48”23) e l’australiano Horton (14’48”47). Ma ha fatto meglio del canadese Ryan Cochrane (14’53″44), andato a medaglia a Londra 2012. Paltrinieri in finale non avrà modo di riproporre la sfida con Sun Yang, che in passato è stato il suo principale avversario: il cinese ha chiuso con il settimo posto (15’01”97) e non si è qualificato in finale. «Sono soddisfatto, ma il bello deve ancora venire. Ho fatto del mio meglio, le sensazioni sono positive: dovevo sbloccarmi e questa gara mi è servita. Ho provato a sfiancare l’americano, ma sono tranquillo e penso a godermela al massimo, il commento a fine batteria di Paltrinieri, che poi ha tracciato un breve bilancio: «E’ stato un anno positivo, solo io so quanto mi sono allenato per raggiungere questi obiettivi. La finale sembra essere, dunque, una questione tra Paltrinieri, Detti, Jaeger e Horton. In quattro per tre posti sul podio. Chi resterà fuori?

E’ stata una giornata emozionante per Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti che nella 1500 stile libero hanno raccolto un vero e proprio successo alle Olimpiadi di Rio 2016. I due infatti si sono qualificati alla finale dove potranno competere per vincere una delle tre medaglie e ovviamente per sognare l’oro. Il campione del mondo Paltrinieri ha segnato un record raggiungendo il primo tempo assoluto, mentre il suo collega si è qualificato quinto. Rimarrà fuori invece il cinese Sun Yang che è arrivato sedicesimo durante la qualificazione in una competizione che ha già vinto e dominato in passato. Staremo a vedere cosa accadrà domani notte quando si disputerà l’ultimo atto di questa disciplina e dove abbiamo la sensazione che i nostri azzurri possano fare davvero molto bene.. 

Inizia l’avventura del nuoto 1500m stile libero per Gabriele Detti e Gregorio Paltrinieri che vanno a caccia di una medaglia in questa specialità. Gregorio è il re indiscusso imbattuto che cerca l’ennesima conferma, non sono poche le pressioni a cui è soggetto. Tutti si aspettano una grande prestazione e Paltrinieri è cosciente delle sue capacità. è molto concentrato e come ha dichiarato nell’intervista alla gazzetta dello sport è molto determinato “Evito ogni tipo di distrazioni, resto solo concentrato sulla gara. Non mi perdo nelle trappole del Villaggio. E non mi faccio contagiare dalle ansie di campioni irraggiungibili o dai risultati degli altri”. Intanto Gabriele Detti è pronto a dare battaglia e fin dalle prime batteria riesce con un buon finale a conquistare la terza posizione dietro a Jordan Wilimovsky e Mack Horton. Pessima prestazione per il tanto temuto Sun Yung che firma la sua eclisse ufficiale.

Affrontano le batterie dei 1500 stile libero alle Olimpiadi Rio 2016. Il livornese ha già vinto una medaglia, come abbiamo detto: il bronzo nei 400 stile libero. Una grande impresa, perché da Sydney 2000 non vincevamo una medaglia olimpica in questa specialità e perché il suo tempo (34349)  è stato il secondo italiano di sempre, alle spalle di quel Massimiliano Rosolino (allora oro) che ha appunto affiancato nellalbo doro. Non ho parole ha raccontato Detti ai microfoni dopo limpresa. Mi trema tutto, mi gira la testa. Il livornese ha confidato come lobiettivo fosse andare a medaglia, ma che nellultima vasca non ho pensato a niente, ma quando ho visto che avevo passato tutti tranne quei due Mack Horton e Sun Yang, ndR ho capito che era fatta. Detti ha dedicato la medaglia di bronzo alla famiglia, rimasta in piedi nella notte per assistere alla gara. Il suo tecnico Stefano Morini ha invece espresso la sua soddisfazione per questa medaglia, affermando di aver visto la cattiveria agonistica di Detti. Adesso però bisogna confermarsi: una botta e via, come diciamo noi a Livorno, può anche essere facile. 

Sono impegnati oggi nelle qualificazioni dei 1500 stile libero alle Olimpiadi Rio 2016. Batterie che inizieranno alle ore 18:40 italiane, e che saranno sei; si va a caccia della finale e dunque ci sono otto posti a disposizione. Diciamo subito che Detti sarà impegnato nella quinta batteria (corsia numero 5) che è la stessa di Sun Yang; Paltrinieri sarà invece in corsia 4 nella sesta e ultima batteria, al fianco dellamericano Connor Jaeger. Finale prevista per la notte di domenica (sempre orario italiano). Finalmente siamo arrivati al momento che aspettavamo: quello dellesordio di Gregorio Paltrinieri, il carpigiano del 1994 che è la nostra grande speranza alle Olimpiadi di nuoto.

Non può essere altrimenti: dopo loro europeo di Berlino 2014, con tanto di bis negli 800, Paltrinieri ha dominato ai Mondiali di Kazan 2015 vincendo ancora loro nei 1500, e ritoccando a il record europeo. Certo: allora Sun Yang diede forfait a causa di un problema fisico accusato appena prima della finale, ma limpresa di Paltrinieri rimane scolpita nella roccia: adesso Gregorio è diventato la punta di diamante del nostro movimento e va a caccia di quella medaglia olimpica che nel 2012 a Londra gli sfuggì (arrivò quinto e staccato di oltre 10 secondi dal podio).

Ci sarà come detto anche Gabriele Detti: livornese di quasi 22 anni (li compirà il 29 agosto) lui a Londra era rimasto fuori dalla finale ma qui a Rio è già riuscito a prendersi una strepitosa medaglia. E stato bronzo nei 400 metri, che sono la sua distanza: qui infatti ha vinto loro agli Europei di Londra pochi mesi fa. Anche nei 1500 però si difende: a livello continentale è stato argento nel Regno Unito, mentre due anni prima a Berlino aveva festeggiato il bronzo. I due italiani dunque vanno a caccia di medaglie: in Europa sono ormai i più forti sulla lunga distanza, qui come sempre bisognerà fare i conti con Sun Yang, che sta facendo parlare di sé per altri motivi ma che in vasca rimane il grande favorito per la medaglia doro.

Paltrinieri però ha già fatto vedere di potersela giocare con lui, di averlo studiato e di poter fare i suoi tempi; adesso arriva il momento della verità. In una gara come questa sarà fondamentale anche dosare le forze tra la batteria e la finale; stiamo parlando di nuotare per quasi un quarto dora. A noi ora non resta che metterci comodi e fare il tifo per i nostri azzurri, con la speranza di trovarli entrambi in finale e che domenica notte possano regalarci la grande soddisfazione di un podio, magari doppio. Intanto stiamo a vedere come andranno le batterie dei 1500 stile libero alle Olimpiadi Rio 2016.

La diretta tv dei 1500 stile libero è come sempre affidata alla televisione di stato: il canale principale è Rai Due, ma ovviamente dovrete stare attenti anche a Rai Sport 1 e Rai Sport 2 che appoggiano con eventi in contemporanea. Per quanto riguarda la possibilità di assistere alle gare delle Olimpiadi Rio 2016 in diretta streaming video, dovete accedere attraverso il sito www.rai.tv. Inoltre, laccount Twitter ufficiale dei Giochi per tutte le informazioni e gli aggiornamenti è @Rio2016.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori