Consigli Fantacalcio/ Formazioni Serie A, il borsino prima dellasta: chi sale e chi scende (oggi 16 agosto 2016)

- La Redazione

Consigli Fantacalcio 2017: prima dell’asta vediamo il borsino di chi sale e chi scende a pochi giorni dal via della serie A. Le formazioni consigliate a oggi, martedì 16 agosto 2016.

Manolo_Gabbiadini_Juan_Jesus_inter_napoli
Il centravanti del Napoli, Manolo Gabbiadini (Lapresse)

Fantacalcio 2016/2017: servirebbe un patentino da agente Fifa per essere preparati al via della stagione di Serie A ormai alle porte. Troppo complicato restare al passo delle trattative che infiammano il calciomercato: acquisti, cessioni, prestiti, opzioni. Ma alla fine è sempre il campo a parlare e gli allenatori (quelli veri) a decidere quali saranno i titolari e le riserve, gli uomini che ci consentiranno di strappare, nella lega con amici e colleghi, i fatidici 3 punti e quelli che malediremo fino alla fine o, se avremo la fortuna di individuarli per tempo, quanto meno fino all’asta di gennaio. Per cercare di aiutare i fantallenatori più pigri, quelli che almeno sotto l’ombrellone hanno rinunciato a Gianluca Di Marzio e i suoi fratelli, ecco un borsino studiato per l’occasione. Chi sale e chi scende: i casi più clamorosi, mentre il valzer delle trattative prosegue, a due settimane dalla fine del mercato, ma soprattutto a pochi giorni dal fischio d’inizio del primo turno di campionato.

Difficile che ad inizio torneo vi siano grosse sorprese tra i pali: di solito gli allenatori aspettano le prime papere per promuovere il dodicesimo a nuovo numero 1. La trattativa fiume con l’Arsenal per riportare a Roma il polacco Szczesny, però, ha favorito il portiere brasiliano ex Internacional, che ha così avuto modo di mettersi in mostra davanti ad un Luciano Spalletti ben attento, che non ha fatto mistero di apprezzarne le qualità. Prestanza fisica, reattività tra i pali, miglioramento nel gioco coi piedi: Alisson ha dimostrato di poter essere non soltanto il futuro, ma anche il presente della Roma. Al netto delle dichiarazioni di Szczesny, che si è già proposto per il ruolo di chioccia. L’allievo però non ha intenzione di aspettare, corre per bruciare le tappe e potrebbe superare fin da subito il maestro. Spalletti infatti potrebbe lanciare l’estremo difensore verdeoro da titolare nella prima di campionato contro l’Udinese. Per 2 fantamilioni ci faremmo più di un pensierino, per buona pace di Szczesny e dei 14 crediti che sarebbe venuto a costarci.

Nessun pregiudizio su Gustavo Gomez: impegno e voglia di sorprendere non difettano al neo-difensore paraguayano del Milan. Ma che sia chiaro: per il sudamericano tutto fisico e grinta, non sarà una passeggiata abituarsi in fretta al tatticismo esasperato del calcio italiano. Per questo, contro il Torino, al fianco dell’inamovibile Alessio Romagnoli, a trovare spazio dovrebbe essere Gabriel Paletta. Reduce da un’ottima stagione all’Atalanta, l’argentino naturalizzato italiano (costo 5 fantamilioni) nel precampionato ha messo più di una pezza nella difesa rossonera, restando spesso l’unico centrale disponibile per Vincenzo Montella. L’ex Parma ha dimostrato nelle amichevoli estive di poter essere un titolare di questa squadra, facendosi notare per attenzione e buone capacità di leadership al centro della difesa. Gustavo Gomez è avvisato: per scalzare Gabriel Paletta, dovrà mettere in mostra qualcosa in più della sola grinta.

Fortemente voluto dal Napoli, adesso Piotr Zielinski deve conquistare un posto nella sua mediana. Non è affatto scontato, infatti, che mister Sarri scelga di ricorrere a lui fin dalla gara d’esordio contro il Pescara. Al suo posto dovrebbe avere un posto assicurato il brasiliano Allan, un giocatore certamente meno elegante dell’ex Empoli, ma che della squadra partenopea, durante lo scorso campionato, ha fatto per diversi mesi le fortune rivelandosi un recupera-palloni imprescindibile. Starà a Sarri, dunque, cercare di trovare con grande rapidità l’equilibrio giusto che consenta al gioiellino polacco di inserirsi negli schemi del suo Napoli senza che la squadra ne risenta. In ottica fantacalcio conviene probabilmente non rischiare cercando di accaparrarseli entrambi: Allan costa 15 fantamilioni, Zielinski 13, a dimostrazione del fatto che Sarri potrebbe decidere di impiegare l’uno o l’altro a seconda delle circostanze. Il brasiliano quando c’è da soffrire e difendere, il suo ex allievo ai tempi di Empoli quando si tratterà di sbloccare i risultati. Dovendo scegliere uno dei due forse consiglieremmo Allan: il suo rendimento nel tempo è assicurato, averne di certezze così.

Restiamo a Napoli anche per quanto riguarda il borsino degli attaccanti. Sarà pure un azzardo scegliere come componente della propria squadra di Fantacalcio un attaccante chiamato a raccogliere l’eredità del capocannoniere dello scorso anno Gonzalo Higuain, ma per tutta la gavetta fatta fin qui sentiamo che Manolo Gabbiadini merita la nostra fiducia. Dopo un anno di apprendistato alla corte del Pipita, Gabbiadini sa bene che questa stagione, ma in particolare le prime giornate di campionato, potrebbero costituire il crocevia fondamentale della sua intera carriera. Sarri, la chance di diventare l’attaccante titolare di una contendente allo Scudetto, gliela concederà. Sarà Gabbiadini a partire dall’inizio contro il Pescara. Al neo-acquisto proveniente dall’Ajax, Arkadiusz Milik, toccherà restare a guardare la prova del suo compagno di reparto dalla panchina, in attesa magari di un suo passo falso. La valutazione che La Gazzetta dello Sport fa di Gabbiadini è di 16 fantamilioni, otto in meno rispetto a quella di Milik. Che giocherà, certo che lo farà, magari insieme allo stesso Manolo. Ma almeno ad inizio campionato, sarà Gabbiadini ad avere la chance della vita e farà di tutto per non perderla. Noi ci crediamo, ma solo il tempo (poco però) ci dirà se avremo avuto ragione. (Dario D’Angelo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori