Neymar/ Video Brasile-Honduras (6-0): il gol più veloce nella storia delle Olimpiadi (Rio 2016, semifinale)

- La Redazione

Video Neymar, Brasile-Honduras (6-0): il gol più veloce nella storia delle Olimpiadi a Rio 2016, nella semifinale olimpica dominata dai verdeoro al Maracana (17 agosto)

Gabigol_Neymar
(LaPresse)

Neymar nella semifinale Brasile-Honduras (6-0) del calcio alle Olimpiadi Rio 2016 ha segnato il gol più veloce nella storia del torneo olimpico: dopo soli 15 secondi infatti il Maracanà ha potuto esultare per il gol dellasso del Barcellona, stella del Brasile olimpico che, approfittando anche del fattore campo, vuole fortemente conquistare loro a cinque cerchi che non ha mai conquistato nella storia. Finora tutto è andato per il meglio e la semifinale praticamente non ha avuto storia: troppo forte il Brasile per lHonduras, a maggior ragione se dopo soli 15 secondi la partita è già indirizzata a favore dei padroni di casa, spinti pure dal tifo di ben 65.000 spettatori. Ci ha pensato poi Gabriel Jesus con una doppietta a portare i verdeoro sul 3-0 già al 35 minuto del primo tempo; a quel punto, il resto della partita è stato poco più di un allenamento. Nella ripresa sono arrivati altri tre gol per il Brasile grazie a Marquinhos, Luan e di nuovo Neymar, che ha messo il sigillo del definitivo 6-0 su calcio di rigore al 91. Insomma, Neymar ha aperto e chiuso: nella storia però rimarrà il gol più veloce delle Olimpiadi. Calcio dinizio battuto dallHonduras, palla per il difensore centrale Palacios che però viene pressato da Neymar. Forse emozionato e non ancora in ritmo partita, londuregno perde palla nel contrasto con il giocatore del Barcellona, che si invola verso la porta e supera il portiere Lopez anche con un po di fortuna, visto che il pallone finisce in rete dopo un rimpallo favorevole a Neymar fra lui e il portiere. Nel sale così a quota 3 gol nel torneo, 6 in carriera alle Olimpiadi considerando che aveva già giocato a Londra 2012. Allora fu argento, adesso vuole salire lultimo gradino del podio



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori