DIRETTA / Apoel-Rosenborg (risultato finale 3-0): show cipriota nel recupero (Champions League 2016, oggi 2 agosto)

- La Redazione

Diretta Apoel-Rosenborg, risultato finale 3-0: nei minuti di recupero la formazione di casa, fino a quel momento eliminata, dilaga e supera il terzo turno preliminare di Champions League

Rosenborg2016_testa
Foto LaPresse

Finale clamoroso nella partita valida per il terzo turno preliminare di Champions League. A qualificarsi al playoff è la formazione cipriota: fino al 91 il Rosenborg, che allandata aveva vinto 2-1, mantiene le mani sul passaggio del turno ma a quel punto arriva il gol di Giannis Gianniotas a ribaltare la situazione. Il Rosenborg non ha altra scelta se non quella di ribaltarsi in avanti alla ricerca del pareggio, ma così facendo lascia praterie per le ripartenze dellApoel: la squadra di casa non se lo fa ripetere due volte e con Vander, al 96, arrotonda il risultato. I norvegesi con un gol forzerebbero i tempi supplementari, ma perdono la testa: tre minuti più tardi arriva il tris firmato da Tomas De Vincenti. Apoel che dunque vola al playoff di Champions League, al Rosenborg non rimane che mettersi le mani in testa per la grande occasione sprecata.

Inizia: allandata la formazione norvegese ha vinto 2-1 e dunque adesso è in vantaggio per quanto riguarda la qualificazione al playoff di Champions League. Attenzione però: nel ritorno del terzo turno preliminare lApoel Limassol può permettersi di vincere anche solo 1-0 per passare il turno e fare un passo in più verso la fase a gironi del torneo. Vediamo quali sono le formazioni ufficiali della partita, il calcio dinizio è alle ore 19. 99 Waterman; 21 Milanov, 23 Inaki Astiz, 5 Carlao, 11 Alexandrou; 10 De Vincenti, 26 Nuno Morais, 16 Vinicius; 7 Efrem, 20 Sotiriou, 70 Gianniotas. In panchina: 78 Pardo, 4 Artymatas, 8 Orlandi, 9 De Camargo, 28 Mario Sérgio, 77 Vander, 88 Renan Bressan. Allenatore: Thomas Christiansen 24 Kwarasey; 2 Svensson, 5 Eyjolfsson, 4 Reginiussen, 16 Skjelvik; 7 Jensen, 8 Konradsen, 21 Midtsjo; 23 Helland, 9 Gytkjaer, 11 De Lanlay. In panchina: 30 Londak, 10 Vilhjalmsson, 14 Bjordal, 15 Rashani, 20 Gersbach, 27 Bakenga, 28 Thorarinsson. Allenatore: Kare Ingebrigtsen

Come abbiamo detto si riparte dal 2-1 con cui i norvegesi hanno vinto la partita dandata. Una partita che, giocata al Lerkendal Stadion di Trondheim, è stata dominata dai padroni di casa: al termine dei 90 minuti si sono registrate 13 conclusioni totali per il Rosenborg, che è stato anche piuttosto preciso (6 nello specchio), contro le appena tre dellApoel, che ha anche collezionato meno calci dangolo (2 contro 5) ed è uscito sconfitto senza discussioni. Tuttavia uno di quei tre tiri effettuati dagli ospiti è finito nello specchio della porta: quello di George Efrem, ventisettenne centrocampista che ora potrebbe essere decisivo in termini di qualificazione ai playoff. Efrem ha segnato quando nessuno se lo aspettava più: il Rosenborg, forte di un primo tempo chiuso sul 2-0 con le reti di Christian Gytkjaer e Jorgen Skjelvik, stava agevolmente controllando ma, avendo mancato il tris, adesso potrebbe pagare dazio (allApoel basta un semplice 1-0 per passare il turno e fare un altro passo avanti verso la fase a gironi di Champions League).

Apoel-Rosenborgdiretta dall’arbitro polacco Pawel Raczkowski, si gioca alle ore 19 di questa sera ed è valida per il ritorno del terzo turno preliminare di Champions League 2016-2017. Il match di ritorno si presenta molto interessante, perchè i padroni di casa saranno chiamati a dover ribaltare il 2 a 1 subito all’andata. Tuttavia, il fatto di aver segnato con un solo tiro in porta fa ben sperare i tifosi dell’Apoel, che mira a vincere in casa per centrare la qualificazione.

Il Rosenborg dal canto suo sa perfettamente di non potersi permettere le barricate e quindi giocherà per segnare almeno quel goal che farebbe decisamente molto in ottica qualificazione e che se si concretizzasse già nella prima parte del match renderebbe il quadro tattico nettamente favorevole alla formazione scandinava, che vuole fortemente tornare nell’Europa che conta. 

L’Apoel visto all’andata è apparso abbastanza imballato e il fatto che il campionato cipriota inizi tra 20 giorni ha sicuramente inciso sulla freschezza atletica e sulla tenuta fisica della squadra, che comunque è riuscita a segnare quel classico goal in trasferta che tiene in vita le speranze di qualificazione.

Nel match contro la formazione scandinava il modulo tattico dovrebbe essere il 3-4-3 e la formazione quella già vista all’andata. L’unico dubbio riguarda la presenza o meno di Artymatas. Il centrocampista è uscito poco prima dello scoccare dell’ora di gioco per un infortunio e anche se le ultime notizie lo danno sulla via del recupero, non è ancora certa la sua presenza nell’undici iniziale.

Per quanto riguarda il Rosenborg, che in campionato sta facendo molto bene, come testimoniato dalle 12 vittorie, dai 4 pareggi e dall’unica sconfitta messa finora a referto, l’incognita è rappresentata dalla sua tenuta al di fuori delle mura amiche, perchè le statistiche mettono in luce come i norvegesi, anche in patria, fatichino un po’. Riguardo alla formazione che scenderà in campo c’è da registrare ancora una volta l’assenza del portiere titolare e del suo primo rincalzo, motivo per cui a difendere i pali dovrebbe essere chiamato l’esperto Londak.

Non ci sarà possibilità, nel nostro Paese, di assistere alla diretta di Apoel-Rosenborg; non essendoci nemmeno una diretta streaming video per questa partita, le informazioni utili arriveranno dal sito ufficiale della UEFA (www.uefa.com) accedendo alla sezione che riguarda direttamente la Champions League, dove trovate i tabellini e i dettagli delle altre partite che si giocano questa sera.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori