Infortunio Bertolacci / Il centrocampista del Milan esce in barella, nessun commento di Montella dopo la gara (Serie A, oggi 21 agosto)

- La Redazione

Infortunio Bertolacci, il centrocampista del Milan esce in barella contro il Torino  (Serie A, oggi 21 agosto) . Altro infortunio durante la partita Milan-Torino.

Vincenzo_Montella
Video Fiorentina Milan: il grande ex Montella (LaPresse)

L’infortunio di Bertolacci è arrivato sicuramente in un’occasione veramente sfortunata. Il calciatore era entrato in campo da pochissimi minuti e dopo uno scontro molto violento, anche se fortuito, con Boyè è stato costretto a lasciare il rettangolo verde di gioco in barella. Pensare che dopo essere entrato in campo al minuto settantatré Andrea Bertolacci è dovuto usccire sei minuti più tardi facendo spazio ad Andrea Poli. La speranza in casa Milan è che sia stato vittima di solo una forte contusione. Il silenzio di Vincenzo Montella dopo la partita, al quale non hanno comunque fatto domande sul ragazzo, può voler dire due cose. La prima sensazione è che sia sereno e che sia stata solo una botta, mentre la seconda che non ci sia vera coscienza dell’entità del problema e allora si sarebbe deciso al momento di non parlarne. Domani dovrebbero arrivare delle notizie più certe.

Altro infortunio durante la partita Milan-Torino, valida per la prima giornata del campionato di Serie A Tim. Dopo il problema al ginocchio sinistro accusato da Adem Ljajic per i granata nel primo tempo, questa volta è Andrea Bertolacci ad abbandonare il rettangolo verde a causa di un contrasto violentissimo con Boyè. Inizialmente si è pensato ad uno strappo muscolare, il calciatore è caduto a terra dolorante con le mani sul volto. L’ex Genoa è stato poi portato fuori dal campo in barella, non riuscendo nemmeno a rialzarsi con le proprie gambe. Nelle prossime ore sono attesi sviluppi riguardo le condizioni di salute del rossonero, serviranno accertamenti strumentali per comprendere l’entità del problema. Al suo posto il tecnico Vincenzo Montella ha inserito Poli. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori