De Boer allenatore Inter / News, dimissioni Mancini, le prime parole del tecnico: Presentazione domani (Ultime Notizie live, oggi 8 agosto 2016)

- La Redazione

Mancini dimissioni: calciomercato Inter news. Le ultime notizie sul futuro dell’allenatore, che sta per separarsi dal club nerazzurro. Gli aggiornamenti in diretta (oggi, 8 agosto 2016).

mancini_panchina
Roberto Mancini (Foto: LaPresse)

il nuovo tecnico dell’Inter ed è sbarcato a Milano Linate alle ore 18.37 come racconta FcInterNews che racconta anche le sue prime parole. Appena atterrato il tecnico ha sottolineato: “Ci vediamo domani per la prima conferenza stampa di presentazione. Per questa stagione mi auguro di festeggiare tanti successi insieme. Sono molto felice di essere qui”. Frank de Boer è un classe 1970 che ha fatto una grandissima carriera da difensore passando dall’Ajax al Barcellona e giocando anche con Galatasaray e Rangers. Da allenatore poi ha guidato prima la squadra A1 proprio dei lancieri per fare il vice dell’Olanda e poi passare all’Ajax da primo allenatore dove è stato dal 2010 al 2016. Con questa maglia ha vinto quattro campionati d’Olanda e una Supercoppa.

Erick Thohir ha ufficializzato l’arrivo di Frank De Boer sulla panchina dell’Inter. Sarà, dunque, il tecnico olandese a sostituire Roberto Mancini. Il presidente nerazzurro ha confermato ai microfoni di Goal Indonesia l’imminente arrivo di De Boer: «Confermare il suo nome? Piuttosto, speriamo che arrivi presto…, ha dichiarato Thohir, che finalmente vedrà il suo “pupillo” sulla panchina nerazzurra. La decisione è ormai presa: sarà De Boer a prendere il posto di Mancini. Dubbi ormai non ce ne sono più, anzi emergono sempre più indiscrezioni: l’ex allenatore dell’Ajax è già in viaggio per Milano. Lo ha svelato Aldo Serena, ex attaccante dell’Inter, che ha incrociato De Boer in aeroporto: «Chi ti incontro all’aeroporto di Amsterdam in transito (lui) per Milano io per Trondheim, ha scritto l’attuale commentatore sportivo di Mediaset su Twitter, allegando la foto dell’olandese (clicca qui per il tweet).

L’Inter sta per annunciare ufficialmente l’arrivo di Frank De Boer. Ora che il contratto di Roberto Mancini è stato risolto, l’allenatore olandese può cominciare la sua nuova avventura italiana. Presto l’ex tecnico dell’Ajax sarà a Milano, ma intanto si va già componendo lo staff che lavorerà con lui in questo nuovo progetto. Il vice allenatore di De Boer, dunque, secondo SkySport, sarà Orlando Trustfull: è un ex centrocampista classe 1970 che ha già lavorato con De Boer in Olanda. Nel gruppo tecnico dell’olandese ci sarà anche Michael Kreek, che ha allenato le giovanili dell’Almere City e ha un passato nell’Ajax, oltre ad aver giocato con Padova e Perugia. Lo staff comunque verrà definitivo meglio nelle prossime ore, ma questi rappresentano i primi uomini a cui si affiderà. Con loro partirà stasera per l’Italia. C’è un contratto da firmare e una nuova avventura da cominciare. I tifosi dell’Inter aspettano.

Roberto Mancini è pronto a tornare in panchina dopo la separazione dall’Inter. Dopo aver trascorso un anno e mezzo a Milano e aver incassato una buonuscita di 2 milioni di euro in accordo con il club nerazzurro, il tecnico di Jesi potrebbe volare in Cina. Mancini, come riportato da SkySport, è infatti seguito da un paio di club della Chinese Super League, che starebbero pensando a lui per rilanciare le loro ambizioni. Gli intermediari sono già al lavoro per presentargli una proposta. Dopo un’esperienza in Inghilterra con il Manchester City e in Turchia con il Galatasaray, Mancini potrebbe lavorare nuovamente all’estero. E potrebbe raggiungere Ciro Ferrara e Fabio Cannavaro. Per ora si gode le vacanze in Costa Azzurra, da dove valuterà eventuali proposte. Mancini vorrebbe continuare a calcare palcoscenici importanti, quindi non è importante che il progetto sia importante a livello economico ma che sia ambizioso a livello tecnico. L’opzione cinese comunque verrà valutata nei prossimi giorni.

Roberto Mancini se ne va dallInter in totale serenità. Lo scrive lui stesso su Twitter: un messaggio semplice con il quale lallenatore ha annunciato, dopo la comunicazione ufficiale da parte della società, il termine del rapporto. Oggi termina il mio impegno professionale con lInter ha scritto Mancini: avevamo riportato di come chi avesse visto lo jesino lo avesse trovato deluso per come sono andate le cose, i messaggi che ha affidato al web puntano in unaltra direzione. Mancini ha voluto ringraziare i tifosi che con passione e fedeltà mi hanno sempre sostenuto e i giocatori per latteggiamento splendido e da impeccabili professionisti. Non è poi mancato il saluto a tutte le persone che hanno condiviso con il tecnico questo pezzo di strada, così come la proprietà del Club e i suoi dirigenti. Laugurio, termina Mancini, è per un futuro di vittorie; un futuro che non lo vedrà più alla guida della squadra, adesso è tutto pronto per lavvento di Frank De Boer.

Non sarà una ricca buonuscita quella di Roberto Mancini, la cui avventura con lInter si è ufficialmente conclusa in seguito alle dimissioni. Meglio: sarà una buonuscita inferiore a quello che ci si sarebbe potuti aspettare visto il contratto che il tecnico di Jesi aveva in essere con la società nerazzurra. Stando alle indiscrezioni riportate da Fc Inter News, si parla di una quota che non raggiungerà i 2 milioni di euro; in più Mancini è stato segnalato piuttosto triste e deluso per come si sono chiuse le cose. Mancini sperava che Suning Group alzasse maggiormente la voce circa la sua posizione; così non è stato e pare che il presidente Erick Thohir – che pure ne aveva parlato come di un allenatore a lungo termine per lInter – e lo Chief Executive Officer Michael Bolingbroke abbiano spinto per il cambio tecnico in panchina. Si apre ufficialmente lera Frank De Boer allInter, ora vedremo quale futuro attenderà Mancini.

Le dimissioni di Roberto Mancini sono ufficiali; la panchina dellInter è ora libera, ma tra poche ore dovrebbe arrivare lufficialità della nomina di Frank De Boer. Un allenatore ancora giovane (46 anni) che nella sua carriera da tecnico ha guidato lAjax negli ultimi sei anni, dopo aver fatto da vice nella nazionale olandese (con Bert Van Marwijk è stato secondo al Mondiale 2010). De Boer sarà la scelta giusta per lInter? I risultati dicono che con lAjax ha dominato la Eredivisie: quattro campionati consecutivi tra il 2011 e il 2014. Tuttavia ci sono anche i lati negativi: il fatto per esempio che non sia mai riuscito a fare strada in Europa (non ha mai superato la fase a gironi di Champions League e, quando è stato retrocesso in Europa League, non è andato al di là degli ottavi) e il calo delle ultime due stagioni, sfociato in un campionato perso allultima giornata (lo aveva praticamente in mano) e laddio. Da giocatore De Boer non si discute: 112 presenze in nazionale, 8 trofei nazionali e 4 internazionali, quattro anni e mezzo a Barcellona con 179 apparizioni. Da allenatore i punti di domanda sono maggiori: staremo a vedere, intanto aspettiamo l’ufficialità della sua nomina ad allenatore dell’Inter.

Ora è realtà: Roberto Mancini non è più lallenatore dellInter. Al suo posto arriva lolandese Frank De Boer che firmerà un contratto triennale con i nerazzurri. Laddio di Roberto Mancini che riceverà per la risoluzione del contratto una cifra tra i 2 e i 3 milioni di euro, è una vittoria di Erik Thohir, grande estimatore di Frank De Boer e che con Mancini non ha mai avuto molto feeling. Il divorzio tra il tecnico di Jesi e la società nerazzurra è consensuale. Ad annunciarlo è lo stesso club nerazzurro con una nota ufficiale pubblicata sul proprio sito: “F.C. Internazionale Milano comunica di aver trovato l’accordo per la risoluzione consensuale del contratto con l’allenatore Roberto Mancini. La società desidera ringraziare Roberto per il lavoro svolto da quando ha accettato l’incarico nel novembre 2014. Nella scorsa stagione la squadra è stata in testa alla Serie A fino alla sosta invernale, terminando il campionato al quarto posto e qualificandosi direttamente alla fase a gironi della Uefa Europa League. Desideriamo ringraziare Roberto per l’impegno e la professionalità dimostrate nei confronti del Club negli ultimi 20 mesi di lavoro. Un addio annunciato, dunque, quello di Roberto Mancini che aveva capito di non essere più gradito nel momento in cui di fronte alle sue richieste di mercato per portare alla Pinetina Reus, Vermaelen e Touré si è sentito dire no!

Roberto Mancini non è più lallenatore dellInter. Nonostante un contratto che lo legava alla squadra nerazzurra fino al 2017, il tecnico di Jesi ha deciso di chiudere in anticipo la sua nuova avventura con lInter lasciando il suo posto a Frank De Boer che, nelle prossime ore, firmerà un contratto triennale da 2 milioni di euro per la prima stagione e 3 milioni per i successivi due anni. Laddio di Mancini allInter, però, non sarà a titolo gratuito. Come riporta Sky Sport, il tecnico riceverà una 2 milioni per chiuderla qui. Per dare inizio allera olandese, però, bisognerà aspettare lannuncio ufficiale della società. Nel frattempo, trapelano nuove indiscrezioni sui motivi che hanno portato alla separazione tra Mancini e lInter. A spingere per il divorzio sarebbe stata proprio la squadra. Secondo quanto riporta ledizione odierna della Gazzetta dello Sport, prima di prendere la decisione finale, sarebbero stati consultati i più importanti uomini dello spogliatoio nerazzurro i quali avrebbero di fatto scaricato il Mancio spiegando che, sia durante il ritiro di Riscone che durante ila tournèe negli Stati Uniti, la preparazione atletica per la prossima stagione sarebbe stata quasi nulla.

Lera bis di Roberto Mancini sulla panchina dellInter è ufficialmente finita. Il tecnico lascia la squadra nerazzurra dopo aver cercato di riportare gioco e vittorie senza mai riuscirci. Dopo i rumors delle ultime ore, la risoluzione del contratto è arrivata durante la notte. Al posto di Mancini arriverà sulla panchina nerazzurra Frank De Boer che potrebbe già essere a Milano e a cui è stato proposto un contratto triennale da 1,5-2 milioni a stagione più bonus: i dirigenti nerazzurri stanno pensando anche di affiancargli Cristian Chivu soprattutto per motivi linguistici. Lapproccio con lolandese risale a due settimane fa quando Piero Ausilio è volato a Londra con il Ceo Michael Bolingbroke per parlare proprio con De Boer e verificare la sua disponibilità. Trapelata la notizia, Mancini ha capito di non avere più appoggi allinterno della società decidendo così di farsi da parte. Da oggi, dunque, dovrebbe cominciare lera olandese in casa nerazzurra. A poche settimane dallinizio del campionato e con un mercato ancora in bilico, la situazione è quanto mai complicata in casa Inter.

Dimissioni Roberto Mancini e Frank De Boer allenatore dell’Inter? La notizia della buonuscita sulla quale l’Inter starebbe lavorando ha lasciato tutti di sasso perchè arrivata in un momento nel quale sembrava che i rapporti tra Mancini e la nuova dirigenza fossero ormai risanati. Mancini si appresta a lasciare lInter come aveva fatto nel 2008, e anche allora si era trattato di una separazione poco ortodossa: ufficialmente si era trattato di un esonero ma era stato lo stesso Mancini, a margine delleliminazione dalla Champions League contro il Liverpool, a sancire di fatto il suo addio rivelando di fatto che le strade sua e dellInter si sarebbero molto probabilmente separate. Cosa che era effettivamente avvenuta, perchè Massimo Moratti non aveva preso bene quelluscita di Mancini non autorizzata in conferenza stampa; ora laddio bis, sempre che le voci di calciomercato siano confermate, probabilmente per divergenze sul progetto tecnico e le scarse rassicurazioni sul futuro ricevute dalla nuova società. Mancini e lInter: un rapporto durato per 303 panchine per un totale di 176 vittorie (il 58,09%), 78 pareggi e 49 sconfitte. Un rapporto che ha portato in dote tre scudetti, due Coppe Italia e una Supercoppa Italiana, e che ha contribuito a creare la prima Inter vincente e dominante del tempo recente; nonostante questo però Mancini non ha mai fatto breccia nel cuore dei tifosi dellInter, e il distacco emotivo dal popolo della Beneamata cè stato ancor più lo scorso anno, quando nonostante una campagna acquisti su misura e secondo i suoi dettami il tecnico jesino non ha condotto la squadra alla qualificazione in Champions League. Il nuovo allenatore dell’Inter sarà Frank De Boer, l’ex Ajax, amante del 4-3-3, ma non itegralista. Attento alla fase difensiva e bravo nella gestione e valorizzazione dei giovani De Boer è il profilo di allenatore che metter d’accordo tutta l’Inter, quella ei dirigenti cinesi e quella dei vecchi propietari italiani e indonesiani. Per De Boer che è già a Milano è pronto un contratto fino al 2019. 

Le dimissioni di Roberto Mancini, raccontate nella notte da FcInterNews.it, e l’arrivo come nuovo allenatore dell’Inter di Frank De Boer, hanno preso un po’ tutti alla sprovvista quando sembrava che il tecnico si fosse riavvicinato in maniera definitiva dalla sua Inter. La spaccatura tra Inter e Mancini è insanabile, il suo contratto in scadenza la prossima estate non è stato rinnovato e senza fiducia nei suoi confronti Mancini non è disposto ad andare avanti. Una separazione tra Inter e Mancini dovuta alla mancanza di prospettive per l’allenatore e di rassicurazioni in tema di calciomercato con la cessione sempre più probabili di Mauro Icardi. Delle dimissioni di Mancini dall’Inter ha parlato anche Andrea Raggi, difensore del Monaco, che ha parlato ai microfoni di Sky Sport: “Sono veramente sorpreso, avevo letto che c’era un po’ di burrasca, ma pensavo fosse davvero tutto chiarito. Dispiace però perchè ritengo Mancini un ottimo allenatore”. Il centrale di difesa del Monaco ha parlato inoltre anche del suo ex compagno di squadra Geoffrey Kondogbia: “E’ un giocatore che può dare ancora tantissimo all’Inter. Ha pagato la pressione iniziale in Italia e il trasferimento dalla Francia. E’ un calcio totalmente diverso, ma è un calciatore completo e qualitativamente al di sopra della media”. 

-E alla fine arrivano le dimissioni di Roberto Mancini e De Boer nuovo allenatore dell’Inter?. Lo scriviamo da settimane e non sono semplici rumors di calciomercato. Sembrava essere tornato il sereno tra Roberto Mancini e l’Inter e, invece, i rispettivi avvocati sono a lavoro in queste ore per arrivare alla separazione. Saranno appunto dimissioni quelle di Mancini. La clamorosa indiscrezione di calciomercato è stata lanciata da SkySport, secondo cui si va verso l’addio dell’allenatore. I legali stanno cercando la migliore soluzione per la separazione e pare che sia quella con una buonuscita. La situazione è difficile da ricomporre e, infatti, il club nerazzurro sta già valutando i candidati per la sostituzione. Il favorito al momento è Frank De Boer, che piace particolarmente ai vertici societari. L’Inter, dunque, potrebbe essere affidata all’ex tecnico dell’Ajax, che al momento è libero. Dopo le tensioni delle scorse settimane si pensava ad un rinnovo di contratto per Roberto Mancini, ma gli scenari sono cambiati. Una parte del Suning ha spinto nella direzione opposta, soprattutto dopo la batosta subita nell’amichevole con il Tottenham. Non mancano i retroscena sugli attriti: si parla anche di un’insofferenza da parte di Mancini nei confronti dell’agente Kia Joorabchian, che riveste anche il ruolo di consulente dei cinesi. Ai tempi del Manchester City non mancarono le incomprensioni tra i due. Il sereno tornato sull’Inter era solo un raggio di sole molto flebile, non sufficiente a spazzare via le nuvole minacciose. Il presidente Erick Thohir sarebbe l’architetto, secondo calciomercato.com, dell’operazione che porterà all’addio di Roberto Mancini. De Boer è stato già allertato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori