DIRETTA/ Manchester United-Manchester City (risultato finale 1-2) info streaming video e tv: Vince Guardiola! (Premier League, oggi 10 settembre)

- La Redazione

Diretta Manchester United-Manchester City: info streaming video, probabili formazioni, risultato live e cronaca della partita di Premier League di oggi 10 settembre 2016.

mourinho_felpa_manutd
Mourinho (Lapresse)

Finisce così sul risultato di 1-2 il derby numero 172 della storia di Manchester. Lo vince il City di Guardiola che domina la partita nel primo tempo e poi si limita a tenere palla nel corso del secondo. Decidono la partita De Bruyne, dopo quindici minuti, e Ihneanacho, al trentaseiesimo. Inutile il gol che ha riaperto la partita a fine primo tempo di Zlatan Ibrahimovic. Ha sbagliato totalmente l’atteggiamento nel primo tempo la squadra di Mourinho, i due incolpati principali sono Lingard e Mkhitaryan sostituiti subito a inizio secondo tempo, ma anche gli altri non hanno convinto come Ibra, Pogba, Rooney e anche gli altri. Ottima prestazione invece per De Bruyne, Fernandinho e Otamendi in una buona prestazione complessiva dei cityzens. Al terzo minuto di recupero vicino al pareggio Ibrahimovic ma la palla esce di poco.

Sta per terminare il match e il risultato nel derby di Manchester è di 1-2 per i cityzens. Guardiola corre ai ripari nel corso del secondo tempo sostituendo Ihneanacho con Fernando e abbassando il baricentro. Nell’ultima mezz’ora Mourinho avanza Pogba e Fellaini nel tentativo di ricevere le palle lunghe. Al settantesimo gol annullato allo United: Rashford scatta sulla fascia poi si accentra e prova il tiro, Ibra lo devia e la palla entra in porta, peccato che lo svedese era in fuorigioco. Due minuti dopo risponde il City: schema su angolo che libera in area Fernandinho che trova un pronto De Gea e poi Otamendi non riesce nel tap-in. Sempre su angolo un minuto dopo sempre Fernandinho colpisce di testa ma ancora una volta De Gea dice no. Ad un quarto d’ora dalla fine contropiede del City guidato da Sanè che serve in area De Bruyne che senza pensarci due volte calcia in porta ma colpisce il secondo palo della sua partita e la palla esce inspiegabilmente. Un minuto dopo ancora in contropiede il City, questa volta conclude Silva di un soffio sopra la traversa. 

Inizia un secondo tempo infuocato tra Manchester United e Manchester City e il risultato è ancora di 1-2 per gli uomini di Guardiola che hanno dominato il primo tempo ma sono entrati delusi negli spogliatoi dopo il gol di Ibra. Mourinho cambia le sue carte, toglie i suoi due uomini peggiori, Lingard e Mkhitaryan, e inserisce Rashford e Herrera. Rashford subito protagonista dopo un minuto, grande giocata sull’out di sinistra e poi gran palla al centro di Ibra che non impatta benissimo e spara alto. Ora si gioca in una bolgia dato che lo United prende sempre più coraggio e personalità. Sta rischiando qualcosina Bravo con giocate un po’ troppo rischiose. 

Termina il primo tempo sul risultato di 1-2 per il City, il derby di Manchester. Firma al quindicesimo minuto di De Bruyne su dormita generale dei due centrali dello United: Bailly e, soprattutto, Blind. Poi ci pensa Ihneanacho a siglare il raddoppio su tap-in dopo un palo clamoroso colpito da De Bruyne. Nel finale di primo tempo prova a risvegliarsi lo United con un grandissimo gol di Ibrahimovic su una papera di Bravo. Primo tempo dominato dal gioco di Guardiola che non ha mai permesso a Ibra & compagnia di rendersi pericoloso fino al quarantesimo. Totale dormita dei Red Devils che trovano il miglior giocatore del primo tempo in Valencia (e questo è un problema). Lezione di calcio di Guardiola in questi quarantacinque minuti di gioco. Blind, Mkhitaryan e Lingard nemmeno entrati in campo. Nel finale riesce a riaprire la gara lo United: punizione dai quaranta metri di Rooney che trova una papera colossale di Bravo che non contiene il pallone e Ibra è velocissimo a mettere in rete una palla difficile a mezza altezza. Si risveglia la partita! Nei due minuti di recupero clamorosa occasione per Ibrahimovic che totalmente a porta sguarnita non impatta bene il pallone e Otamendi salva sulla linea. 

Siamo giunti alla mezz’ora di gioco ed il risultato nel derby di Manchester è di 0-1 per il City grazie alla firma di De Bruyne. Dopo solo un quarto d’ora di gioco si sblocca la partita: dormita generale dei due centrali di difesa dello United che prima lasciano staccare da solo Ihneanacho e poi sono fermi sull’iniziativa di De Bruyne che con un tocco si ritrova davanti tutto solo a De Gea e freddissimo gela Old Trafford. Proprio lui, il belga, il grande escluso del Chelsea di Mourinho. Venti minuti di totale dominio blu data anche la brutta prestazione delle due scelte sugli esterni di Mourinho: Lingard e Mkhitaryan. Nessuna occasione da segnalare dopo il gol della squadra di Guardiola. 

Manchester United e Manchester City aprono la quarta giornata della Premier League al teatro dei sogni: Old Trafford. Un derby stellare se guardiamo il valore delle rose, la qualità dei giocatori, la posizione in classifica e gli allenatori in panchina: Josè Mourinho vs Pep Guardiola, una rivalità storica che va avanti anche dopo i tempi di Real Madrid-Barcellona. Un grande assente della partita è il Kun Aguero, squalificato. Al suo posto a guidare l’attacco del City ci sarà Ihneanacho, accompagnato da Nolito e Sterling. Rispondono i Red Devils con la prima da titolare di Mkhitaryan con Rooney e Lingard dietro il bomber di razza: Zlatan Ibrahimovic, partito con tre gol nelle prime tre giornate. Parte forte la partita con, al terzo minuto, De Bruyne che in area cerca al centro un suo compagno ma nè Ihneanacho nè Silva ci credono e lasciano sfuggire una ghiotta occasione. Al settimo risponde in ripartenza lo United con Mkhitaryan che appoggia la palla a Pogba che calcia di prima intenzione non trovando di poco la porta. 

Nel menù di pranzo oggi c’è il derby più atteso, quello tra Manchester United e Manchester City. E’ la sfida più attesa (e ricca) non solo in Premier League, ma in tutto il panorama calcistico. Non si parla d’altro, anche per via della pausa per le partite internazionali. Gli spunti di discussione non mancano: dalla rivalità tra i due allenatori, alle spese sul fronte calciomercato. Il Manchester United ha speso più di 172 milioni di euro, mentre il City ha investito poco meno di 200 milioni di euro. Ecco comunque le formazioni ufficiali. Mourinho schiera il 4-2-3-1: De Gea; Valencia, Bailly, Blind, Shaw; Pogba, Fellaini; Mkhitaryan, Rooney, Lingard; Ibrahimovic. Guardiola risponde con il 4-1-3-2: Bravo; Sagna, Otamendi, Stones, Kolarov; Fernandinho, De Bruyne, Silva, Sterling; Nolito, Iheanacho. La sfida delle sfide, il derby più acceso, scatterà all’ora di pranzo. La tavola è già apparecchiata.

In attesa che entrambe le formazioni scendano in campo all’Old Trafford per dare inizio al derby di Manchester andiamo a vedere cosa i principali bookmakers hanno stabilito nel loro pronostico della vigilia e le quote associate. Secondo il portale di scommesse online betclic la vittoria potrebbe arridere di misura alla formazione di casa, quotata a 2.25: per il City la quota fissata è di 3.25, la stessa data anche al pareggio.Simile il pronostico stilato dal portale bwin: il Manchester United è stato quotato alla vittoria per 2.20, mentre per il City la quota è stata fissata a 3.20 e il pareggio è stato valutato a 3.25. Sembra inoltre che il primo gol verrà segnato proprio dalla formazione di casa , quotata in questo senso a 1.83: per l’avversaria la quota è stata fissata a 2.25, mentre il nessun gol è stato valutato a 8.50. 

Manchester United-Manchester City: entrambe le squadre schiereranno in campo lo stesso modulo: 4-2-3-1 sia per Mourinho sia per Guardiola, ma sono le filosofie dei due allenatori ad essere diverse. Sempre utilitarista il portoghese, capace di adattarsi in maniera camaleontica all’avversario, ma da quanto visto nelle prime partite stagionali deciso a presentare un Manchester United capace di far valere la sua legge e desideroso sempre di provare a dominare l’avversario. Guardiola invece sta lavorando per portare anche al City le sue caratteristiche di gioco già viste ai tempi delle sue esperienze ai tempi del Barcellona e del Bayern Monaco: possesso palla insistito e pallino del gioco sempre in mano alla squadra, che è già riuscito a produrre prestazioni estremamente spettacolari come quella di Bucarest in Champions League. Dunque sarà anche una grande sfida tra due fra i tecnici più titolati d’Europa, con gli occhi degli sportivi del continente puntati sul match.

Sarà diretta dallarbitro Mark Clattenburg, che in questa speciale occasione sarà assistito da Jake Collins e Simon Bennet, mentre il quarto uomo designato sarà Mike Dean. Il match, atteso per la 4 giornata della Premier League è in programma per oggi sabato 10 settembre alle ore 13.30 allOld Trafford, casa dei Red Devils di Jose Mourihno. Quello di questo pomeriggio si annuncia come un inizio di weekend calciostico davvero stellare con un derby sempre sentitissimo che metterà stavolta di fronte due rose stellari, per giunta contrapposte già in testa alla classifica a punteggio pieno. Lo United dopo due stagioni ricche di delusioni quest’anno ha deciso di ricominciare da zero con il tecnico portoghese, fuori dalla luce dei riflettori della Champions ma con la voglia di far bene comunque sul palcoscenico continentale in Europa League, per poi giocarsi il tutto per tutto per tornare sul trono d’Inghilterra.

Bournnemouth, Southampton e Hull City sono state le formazioni messe in riga dai Red Devils nelle prime tre giornate di campionato, risultati fondamentali in un calendario che ha offerto subito una buona occasione alla squadra di Mourinho per prendere il largo in partenza. Il City di Guardiola ha invece battuto soffrendo il Sunderland per poi dilagare contro lo Stoke City e il West Ham. Nel mezzo, gli Sky Blues hanno dovuto anche affrontare il preliminare di Champions, superato spazzando via la Steaua Bucarest con un perentorio cinque a zero nella sfida d’andata, gestendo poi il match al ritorno in una sfida che ha rappresentato anche il saluto al portiere Hart, passato dopo anni di militanza al City a giocare in Italia, al Torino. Dunque, un derby che potrà già dire molto sulle ambizioni di conquista del titolo di due squadre che possono vantare rose invidiate in tutta Europa: un vero scontro fra titani.

Le probabili formazioni che si scontreranno all’Old Trafford: Manchester United in campo con lo spagnolo De Gea tra i pali, l’ecuadoriano Valencia sull’out difensivo di destra e Shaw sull’out difensivo di sinistra, mentre l’olandese Blind e l’irlandese Bailly saranno i difensori centrali. A centrocampo, il belga Fellaini farà coppia con il francese Pogba, con l’ex juventino impiegato nel nuovo ruolo di playmaker arretrato. In avanti l’altro francese Martial, l’armeno Mkhitaryan e il capitano Wayne Rooney sosterranno l’azione offensiva della stella svedese Zlatan Ibrahimovic. Risponderà il Manchester City con l’argentino Caballero in porta alle spalle dei connazionali Zabaleta e Otamendi, impiegati in difesa rispettivamente come terzino destro e centrale di difesa, quest’ultimo al fianco di Stones. L’esterno destro difensivo sarà il francese Clichy, a centrocampo lo spagnolo David Silva e il brasiliano Fernandinho copriranno le spalle all’altro talento iberico Nolito, al belga De Bruyne e a Sterling, mentre il bomber argentino Aguero sarà impiegato come unica punta.

Ricordiamo che la partita di Premier League tra Manchester United e Manchester City sarà visibile in diretta tv sulla piattaforma satellitare di Sky, che ha riservato a questa occasione il canale SkySport3 HD 8numero 203 del telecomando) del proprio bouquet. Sarà dunque possibile per tutti gli abbonati al servizio seguire anche lo streaming video del derby di Manchester, grazie allapplicazione Sky Go, disponibile per Pc, tablet e smartphone. 







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori