Probabili formazioni/ Pescara-Inter: subito Joao Mario. Quote, le ultime novità live (Serie A 3^ giornata, oggi 10 settembre 2016)

- La Redazione

Probabili formazioni Pescara-Inter: le quote e le ultime novità live sulla partita che si gioca allo stadio Adriatico domenica 11 settembre, per la terza giornata del campionato di Serie A

Eder_botta
Foto LaPresse
Pubblicità

Si avvicina: nella partita dello stadio Adriatico sarà subito titolare Joao Mario, il centrocampista portoghese che è stato al centro di unestate rovente. Prelevato dallo Sporting Lisbona, Joao Mario era stato protagonista degli Europei Under 21 con la maglia del Portogallo e lanno dopo, promosso nella nazionale maggiore, ha contribuito alla clamorosa vittoria del titolo continentale dei lusitani. Uomo copertina del mercato nerazzurro, al termine di una trattativa estenuante è arrivato a vestire la maglia nerazzurra dietro il pagamento di 45 milioni di euro. Lattesa per il suo arrivo era tanta che la società ha deciso di presentarlo ufficialmente a San Siro, nel corso della partita che lInter ha giocato, appena prima della sosta per le nazionali, contro il Palermo. Lì Joao Mario ha avuto un primo assaggio della sua nuova squadra, questa sera a Pescara sarà titolare nel centrocampo di Frank De Boer: sarà ovviamente presto per giudicare (nel bene e nel male), ma i tifosi si augurano che sia davvero lui il giocatore in grado di dare una sterzata alla stagione dellInter, iniziata con un punto in due partite e un solo gol segnato. 

Pubblicità

Sarà tutt’altro che semplice questa Pescara-Inter per i nerazzurri, visto che la squadra di Massimo Oddo ha dimostrato di essere in grado di fermare le grandi, come avvenuto nel pareggio con il Napoli. La squadra di Frank de Boer dovrà fare attenzione in particolare a quattro giocatori della rosa abruzzese: Albano Bizzarri, Cristiano Biraghi, Ahmad Benali e Gianluca Caprari. Partiamo dal portiere, che nelle prime due giornate si è reso protagonista di 3 parate decisive, mentre il difensore, cresciuto anche nelle giovanili dell’Inter, ha mostrato una propensione offensiva importante con 4 attacchi, 3 tiri e 2 occasioni da gol. Il centrocampista, invece, ha già firmato il tabellino dei marcatori con una rete, ma si è reso pericoloso in questo avvio di stagione con ben 7 attacchi, 1 assist ed una occasione da gol. Decisamente positivo l’avvio di stagione dell’attaccante, che ha segnato un gol, effettuato 6 tiri, 8 attacchi e costruito 4 occasioni da gol. Occhi puntati anche su Rey Manaj, un altro ex nerazzurro: ha già segnato in questa stagione. Per l’Inter, invece, si sono messi in evidenza Samir Handanovic, Joao Miranda, Antonio Candreva e Mauro Icardi. Il portiere ha effettuato 4 parate decisive, il difensore 3 tiri e ha partecipato a 3 occasioni da gol, mentre il centrocampista, che ha tirato 3 volte finora, ha costruito 11 azioni offensive, di cui 1 da gol. Infine, l’attaccante, a cui sono bastati 2 tiri per andare in rete una volta. Icardi, però, ha firmato anche un assist e avuto 2 occasioni da gol. E’ anche tra i cinque che hanno macinato più chilometri: ne ha percorsi 10.126 nelle prime due giornate di campionato. 

Pubblicità

Sfida tra presente e futuro per Gianluca Caprari, uno dei possibili jolly della sfida tra Pescara e Inter. L’attaccante, cresciuto nelle giovanili della Roma, è stato acquistato dai nerazzurri, che lo hanno lasciato in Abruzzo per un’altra stagione. Con le sue prodezze ha trascinato il Pescara in Serie A e con le sue prestazioni sta confermando la sua crescita anche in questo avvio di stagione. Caprari è una pedina fondamentale per Massimo Oddo, che gli ha affidato l’attacco dopo la partenza di Gianluca Lapadula. Decisivo sotto porta e prezioso con i suoi assist, Caprari può essere protagonista del match. La sfida con Mauro Icardi è lanciata. L’attaccante dell’Inter è una “sentenza” in area di rigore: qualsiasi pallone, anche quello più “sporco”, può essere trasformato in gol. Al Pescara poi Icardi ha segnato 4 gol in una sola partita quando indossava la maglia della Sampdoria, per cui è una “bestia nera” per la squadra abruzzese.

Ci sono ballottaggi aperti nelle formazioni che si sfidano allo stadio Adriatico per la terza giornata di Serie A. Nel Pescara, fatta salva la difesa dove le consegne dovrebbero essere rispettate, ci sono due nuovi giocatori che scalpitano: Alberto Aquilani, tornato nel campionato italiano dopo lesperienza con lo Sporting Lisbona, e Bahebeck arrivato dal Psg. Massimo Oddo è stato chiaro: Aquilani per lui è un playmaker, e dunque sarebbe il sostituto naturale del giovane Cristante. Bahebeck è una punta: significa che a fargli spazio sarebbe nel caso uno tra Caprari, che fa lattaccante nel Pescara, o Brugman spostando lex delle giovanili della Roma come trequartista al fianco di Benali. Anche lInter ha ballottaggi in vista: a centrocampo Joao Mario e Kondogbia sono le mezzali titolari, ma Felipe Melo e soprattutto Gary Medel reclamano lo spazio che avevano avuto nella scorsa stagione. Nel tridente offensivo invece si giocheranno il posto Eder e Candreva: al momento Frank De Boer ha preferito litalo-brasiliano, ma lex della Lazio ha cambiato la partita contro il Palermo e dunque il suo utilizzo dal primo minuto non è affatto da escludere.

Ci sono ballottaggi aperti nelle formazioni che si sfidano allo stadio Adriatico per la terza giornata di Serie A. Nel Pescara, fatta salva la difesa dove le consegne dovrebbero essere rispettate, ci sono due nuovi giocatori che scalpitano: Alberto Aquilani, tornato nel campionato italiano dopo lesperienza con lo Sporting Lisbona, e Bahebeck arrivato dal Psg. Massimo Oddo è stato chiaro: Aquilani per lui è un playmaker, e dunque sarebbe il sostituto naturale del giovane Cristante. Bahebeck è una punta: significa che a fargli spazio sarebbe nel caso uno tra Caprari, che fa lattaccante nel Pescara, o Brugman spostando lex delle giovanili della Roma come trequartista al fianco di Benali. Anche lInter ha ballottaggi in vista: a centrocampo Joao Mario e Kondogbia sono le mezzali titolari, ma Felipe Melo e soprattutto Gary Medel reclamano lo spazio che avevano avuto nella scorsa stagione. Nel tridente offensivo invece si giocheranno il posto Eder e Candreva: al momento Frank De Boer ha preferito litalo-brasiliano, ma lex della Lazio ha cambiato la partita contro il Palermo e dunque il suo utilizzo dal primo minuto non è affatto da escludere.

Si gioca una sfida importante allo Stadio Adriatico per la terza giornata di Serie A, Pescara-Inter. Sono diversi i calciatori che partendo dalla panchina potranno fare la differenza cambiando il passo alla squadra nella ripresa. Tra gli abruzzesi di Massimo Oddo attenzione a giocatori di esperienza come Alberto Aquilani e Simone Pepe, giocatori che di partite ne hanno vissute tantissime e sanno come dare un impatto positivo alla gara. Tra le riserve dovrebbe esserci anche l’ex ancora di proprietà Rey Manaj, che si è già sbloccato in questa stagione. Frank de Boer potrebbe poi rispolverare Marcelo Brozovic, a un passo dal partire in estate cercato da diversi club ma in grado di fare la differenza giocando con entrambi i piedi e grande intelligenza. Non dimentichiamo poi Stevan Jovetic che ha talento anche se non sempre l’ha fatto vedere.

Si gioca stasera alle ore 20.45 il posticipo della terza giornata di Serie A, Pescara-Inter. Sarà una gara sicuramente molto interessante che metterà di fronte due compagini attrezzate per fare sicuramente molto bene. Non stupisce il calcio champagne mostrato dalla squadra di Massimo Oddo che potrebbe puntare anche su qualche novità. Davanti per esempio potrebbe esserci Rey Manaj e non Benali con l’albanese che è di proprietà proprio dei nerazzurri e potrebbe mettersi a disposizione con la voglia di mostrare tutta la sua qualità. Dall’altra parte invece il nome a sorpresa potrebbe essere quello di Marcelo Brozovic. Il croato era stato a un passo dalla cessione in estate, ma rimane un calciatore interessante e che potrebbe fare la differenza andando a giocare tra le linee con rapidità e grande tecnica.

, partita valida per la terza giornata del campionato di Serie A 2016-20167, è il posticipo delle ore 20:45 di domenica; allo stadio Adriatico i nerazzurri cercano la prima vittoria in campionato dopo la sconfitta del Bentegodi e il pareggio interno contro il Palermo. Il Pescara ha 4 punti: dopo il pareggio contro il Napoli ha perso a Reggio Emilia, ma si è visto assegnare la vittoria a tavolino per lirregolarità del Sassuolo sulla posizione di Ragusa. Sono dunque gli abruzzesi a guardare gli avversari dallalto al basso, ma ovviamente per questa partita lInter gioca il ruolo della favorita. Andiamo subito a dare uno sguardo più approfondito alle probabili formazioni di Pescara-Inter.

Le quote Snai per Pescara-Inter, valida per la terza giornata del campionato di Serie A 2016-2017, ci danno le seguenti informazioni: la vittoria del Pescara (segno 1) vale 4,50, il pareggio (segno X) vale 3,70 mentre la vittoria dellInter (segno 2) vale 1,78 volte la somma che deciderete di mettere sul piatto. 

Massimo Oddo prosegue sulla linea dellalbero di Natale: Caprari viene impiegato da prima punta, alle sue spalle ci sono Ahmed Benali e Brugman che formano una coppia bene assortita, perchè il primo ha caratteristiche più offensive mentre il secondo si può anche preoccupare di dare una mano al centrocampo. Dove, a proposito, gioca sempre Cristante come playmaker: al suo fianco un altro interessante giovane come Valerio Verre, sul centrosinistra invece Ledian Memushaj che rappresenta, insieme a Bizzarri e Campagnaro, il giocatore di esperienza in una squadra molto giovane ma che sa giocare bene a calcio. Campagnaro gioca contro una delle sue ex squadre: sarà il centrale al fianco di Gyomber, mentre sulle corsie laterali agiranno Francesco Zampano e Biraghi. Qualche dubbio cè: il nuovo arrivato Aquilani potrebbe essere schierato a centrocampo oppure anche alle spalle della punta insieme a Benali, possibilità anche per Rey Manaj, il cui cartellino è di proprietà dellInter, che porterebbe il modulo ad un 4-3-1-2 affiancando Caprari.

Frank De Boer insiste con il 4-3-3, e questa sera dovrebbe far debuttare Joao Mario che due settimane fa è stato presentato a San Siro prima della partita contro il Palermo. Il portoghese gioca largo in nazionale, qui invece sarebbe la mezzala di destra al fianco di Banega, riferimento centrale davanti alla difesa; sul centrosinistra invece fiducia confermata a Kondogbia, che dunque vince il ballottaggio con Medel (che potrebbe togliere il posto allo stesso Joao Mario). In difesa poche sorprese: conferma per la coppia centrale Miranda-Murillo, Handanovic in porta mentre sulle corsie sono DAmbrosio e Santon i favoriti di De Boer (anche perchè Ansaldi e Nagatomo sono sempre ai box). Nel tridente offensivo a giocarsi il posto sulla destra sono i due reduci dalle partite con la Nazionale, ovvero Eder (al momento in vantaggio) e Candreva; a sinistra salvo sorprese dovremmo vedere Perisic, mentre la prima punta sarà Icardi. In panchina non ci sarà Gabigol: la società gli ha dato dei giorni di permesso dopo l’oro olimpico vinto a Rio de Janeiro.

 

 31 Bizzarri; 11 F. Zampano, 14 Campagnaro, 37 Gyomber, 3 Biraghi; 7 Verre, 6 Cristante, 8 L. Memushaj; 16 Brugman, 10 Benali; 17 Caprari

A disposizione: 1 Fiorillo, 13 Zuparic, 44 Fornasier, 35 A. Coda, 2 A. Crescenzi, 5 A. Bruno, 28 Mitrita, 20 Aquilani, 21 Pepe, 30 Muric, 9 Manaj, 15 Bahbeck

Allenatore: Massimo Oddo

Squalificati: –

Indisponibili: –

 1 Handanovic; 33 D’Ambrosio, 25 Miranda, 24 Murillo, 21 Santon; 6 Joao Mario, 19 Banega, 7 Kondogbia; 23 Eder, 9 Icardi, 44 Perisic

A disposizione: 30 Carrizo, 46 Berni, 13 Ranocchia, 95 Miangue, 5 Felipe Melo, 17 Medel, 77 Brozovic, 11 Biabiany, 87 Candreva, 10 Jovetic, 8 Palacio

Allenatore: Frank De Boer

Squalificati: –

Indisponibili: Ansaldi, Andreolli, Nagatomo, Gabigol

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori