CLASSIFICA VUELTA 2016/ Generale (maglia rossa) e le altre graduatorie: Quintana resiste, ma Froome si avvicina (19a tappa, oggi venerdì 9 settembre)

- La Redazione

Classifica Vuelta 2016: la generale con Nairo Quintana ancora maglia rossa e le altre graduatorie in vista della 19a tappa, una fondamentale cronometro (oggi venerdì 9 settembre)

froome_quintana_valverde
LaPresse

La classifica generale della Vuelta 2016 si riapre: giornata dura per Nairo Quintana che vede la sua leadership a rischio per il grande assalto di Chris Froome. Il britannico vince la diciannovesima tappa con 44 secondi di vantaggio su Jonathan Castroviejo; soprattutto, il leader del Team Sky mette 216 tra sè e Quintana e, per non lasciare nulla di intentato, ottiene anche 157 su Alberto Contador che pure ha provato a resistere ma si è dovuto accontentare di guadagnare 19 secondi sul colombiano. Il quale rimane in ogni caso in maglia rossa, ma il suo vantaggio è ridotto: su Froome che domani, nel tappone di montagna che deciderà la Vuelta 2016, avrà la grande possibilità di mettere le mani sulla vittoria della corsa a tappe. In terza posizione cè Alberto Contador: lo spagnolo non molla, ma oggi come detto il suo guadagno non è stato sostanziale e il ritardo di 343 da Quintana lo lascia in una posizione difficile. Crolla Johan Esteban Chaves: lo spagnolo della Orica BikeExchange arriva a 313 da Froome, limita i danni perdendo 57 secondi da Quintana ed è quarto a 454, vedendo sfumare un possibile podio. Per quanto riguarda gli italiani, Michele Scarponi è settimo con un ritardo di 1001; resiste nei primi dieci anche Davide Formolo, +1114 dalla maglia rossa e con 50 secondi di vantaggio su George Bennett che occupa lundicesima posizione della classifica.

Siamo ormai entrati nel pieno della diciannovesima tappa della Vuelta di Spagna 2016: il percorso di oggi apporterà sostanziali cambiamenti nella classifica generale che assegna al termine di ogni giornata la maglia rossa e già si vedono alcune modifiche almeno per quanto riguarda la classifica provvisoria individuale. La tappa in programma oggi infatti è una prova cronometro e solo al passaggio dell’ultimo corridore in lista si conoscerà la nuova maglia rossa. Al momento in testa rimane saldamente il belga Yves Lampaert della Etixx Quick Step, seguito a poca distanza dal connazionale Campenaerts. Il terzo tempo al momento appartiene a De Gendt distante appena un minuto dalla testa della classifica provvisoria, mentre il quarto e quinto posto sono riservati a Dillier e Haga. Al momento soltanto 93 corridori hanno finalmente tagliato il traguardo di Calpe dove termina questa cronotappa della Vuelta e tutto quindi è ancora in gioco per la conquista della maglia rossa.

E’ iniziata da pochi minuti la diciannovesima tappa della Vuelta di Spagna 2016: la crono tappa di oggi sarà risulterà molto significa per quanto riguarda la classifica generale nel quale il primo in classifica ha il privilegio di indossare la maglia rossa. In attesa di conoscere i cronometri dei vari ciclisti impegnati oggi alla vuelta andiamo a riepilogare quanto è successo al termine della diciottesima tappa della Vuelta nella classifica generale, che come sappiamo è data dalla somma delle altre classifiche del giro spagnolo e che è caratterizzata dalla maglia bianca. Al momento in testa rimane saldamente al comando il colombiano della Movistar Nairo Quintana a quota 8 punti e distanziato di dieci lunghezze dal secondo nella classifica combinata Chris Froome. al terzo gradino nella lotta per la maglia bianca troviamo il francese Kenny Elissonde, della FDJ a quota a 32 punti. seguito a pochissima distanza dallo spagnolo De La Cruz della Etixx Quick Step. Il primo italiano nella classifica combinata è il ciclista della Etixx Gianluca Brambilla fermo al momento a quota 46 punti al settimo posto, seguito ad appena due lunghezze dal russo del team Katusha Egor Silin.

La cronotappa in programma per oggi alla Vuelta di Spagna 2016 non dovrebbe eccessivamente modificare la situazione nella classifica degli scalatori, in attesa della tappa montuosa di domani. Mentre il percorso cronometrato tra Xabia a Calpe cambierà non poco le carte in tavola per quanto riguarda al classifica generale e l’assegnazione della maglia rossa, per quanto riguarda la maglia a pois la situazione al momento sembra essersi stabilizzata con il francese Kenny Elissonde in prima posizione a quota 56+ punti, seguito a pochissima distanza dallo spagnolo Omar Fraile della Dimension Data, fermo a quota 53 punti. Il titolo degli scalatori della Vuelta 2016 al momento sembra una lotta privata tra i primi due ciclisti: il terzo gradino del podio al momento è infatti occupato da Robert Gensink, fermo però a 34 punti, quindi a circa 22 lunghezze di distanza. Per quanto riguarda gli italiani nella classifica scalatori il primo ciclista azzurro è Gianluca Brambilla, nono nella classifica per la maglia a pois a quota 18 punti assieme a Mate Mardones della Cofidis.

La cronotappa della Vuelta di oggi si annuncia decisiva per la classifica generale, ma in attesa di scoprire a chi verrà assegnata nuovamente la maglia rossa all’arrivo cronometrato di Calpe andiamo a dare un occhio a quanto accade nelle altre classifiche. Per la classifica a punti della Vuelta 2016, che come da tradizione assegna la classica maglia verde ricordiamo che in testa a quota 93 punti al momento c’è Alejandro Valverde,seguito a poca distanza da compagno di squadra alla Movistar Nairo Quintana. Terza prestazione a quota 76 punti per il nostro Fabio Felline, che potrà approfittare dell’ultimo tappone in programma per oggi e domani per insidiare da vicino i due ciclisti della Movistar. Ad un passo dal terzetto a podio ritroviamo ancora Luis-Leon Sanchez Gil (a quota 65 punti) e distante appena tre lunghezze anche Chris Froome, sesto nella classifica a punti. Per quanto riguarda gli altri italiani in lotta per la maglia verde segnaliamo la presenza di Gianluca Brambilla in dodicesima posizione e di Daniele Bennati della Tinkoff in quindicesima posizione a quota 34 punti.

La Vuelta 2016 si appresta a vivere oggi una giornata fondamentale per la classifica generale. Infatti oggi si disputa l’unica cronometro individuale di questa edizione della Vuelta e i 37 km da Xabia a Calpe sono molto attesi per i distacchi che potranno andare ad incidere appunto sulla classifica. Intanto ricordiamo che, al termine della frazione di ieri, in maglia rossa c’è sempre il colombiano Nairo Quintana della Movistar, che precede il britannico Chris Froome di 3’37” e l’altro colombiano Esteban Chaves che è terzo a 3’57”. Appena fuori dal podio abbiamo al quarto posto Alberto Contador, a 4’02” da Quintana e quindi a soli 5″ da Chaves e 25″ da Froome. Tra oggi e domani, quando si svolgerà l’ultimo tappone di alta montagna, la classifica della Vuelta assumerà il suo volto definitivo: ci attendono dunque due giorni di grandi emozioni.

Oggi capiremo se Froome può ancora insidiare Quintana per la vittoria finale: parliamo del britannico non tanto per i pochi secondi di vantaggio che ha su Chaves e Contador quanto perché è sicuramente il più forte a cronometro. Di conseguenza è proprio il vincitore degli ultimi due Tour de France il pericolo più grande per Quintana, però dovrà riuscire ad essere più forte del colombiano sia contro il tempo sia domani in salita. Infatti – salvo imprevisti – è impossibile che Froome possa recuperare oggi in un sol colpo i 3’37” che lo separano da Quintana, perché vorrebbe dire guadagnargli quasi sei secondi al chilometro. Ragionevolmente potremmo stimare attorno ai due minuti il distacco che Froome potrebbe infliggere a Quintana e questo vorrebbe dire un margine per Nairo ancora di circa un minuto e mezzo al via della tappa di domani. Tutto questo naturalmente sulla carta: siamo al diciannovesimo giorno di una Vuelta molto faticosa, che per entrambi arriva dopo avere già disputato il Tour, quindi è pericoloso fare calcoli. Diciamo che lo scenario che vi abbiamo descritto sopra è quello che potrebbe essere il più credibile se tutto andrà come sulla carta i valori suggerirebbero.

Per Froome fare una ottima cronometro sarebbe importante anche per blindare una posizione sul podio dagli attacchi di Chaves e Contador, che lo seguono a pochissimi secondi di distanza: si annuncia in effetti una bella battaglia per entrare fra i primi tre, un risultato che sarebbe assai prezioso sia per il colombiano sia per lo spagnolo. Chaves quest’anno ha già vissuto da grande protagonista il Giro d’Italia, chiuso al secondo posto alle spalle solamente di Vincenzo Nibali: salire sul podio anche alla Vuelta sancirebbe definitivamente la sua consacrazione come uno degli uomini più forti per le grandi corse a tappe. Contador invece ha vissuto un 2016 decisamente difficile e riuscire a salire sul podio nel Giro di casa sarebbe un modo per dare dignità ad un intero anno nel quale purtroppo Contador ha fatto notizia più per le cadute che per i successi.

In conclusione, ecco una breve panoramica sulle altre classifiche. Per quanto riguarda la maglia a pois dei Gran Premi della montagna, è sulle spalle del francese Kenny Elissonde della Fdj, uno dei migliori protagonisti di questa edizione della Vuelta, che dovrebbe lottare per il successo finale con lo spagnolo Omar Fraile – l’altro cacciatore di punti ad ogni Gpm che ieri si è rifatto sotto al francese. Il loro duello si deciderà nel tappone di sabato. Per il resto, nella classifica a punti troviamo ancora al primo posto Alejandro Valverde, che difende una buona leadership per coronare un 2016 che l’ha visto protagonista in tutti i grandi giri, mentre nella classifica combinata (una sommatoria delle tre precedenti) è primo Quintana e di conseguenza in questo caso la maglia dovrà essere indossata dal secondo nella graduatoria, che è il suo grande rivale Chrias Froome – dal momento che Nairo ovviamente indossa la maglia rossa. In piccolo, lo stesso duello della classifica generale…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori